RAZZISMO: i bianchi sono esclusi (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
OVEST CONTRO EUROPA (IL CANONE INVERSO)

FILOSOFIA POLITICA
EUROPA


07.04.2021
Italia
Roberto Pecchioli

L'incultura della cancellazione avanza, sintomo della morte cerebrale di una civiltà giunta al capolinea. È una “volontà di impotenza” che pervade l'intera società, un autolesionismo psichiatrico che ogni giorno segna nuovi traguardi negativi.
A Portland, negli Stati Uniti, il municipio esclude i cittadini bianchi poveri dai sussidi municipali. Un incredibile auto-razzismo che taglia il filo culturale iniziato ad Atene: l'isonomia, l'uguaglianza davanti alla legge.
In Francia, culla dei “diritti”, il principale sindacato studentesco, controllato da ciò che resta del Partito socialista, tiene riunioni dalle quali i ragazzi bianchi sono esclusi. L'odio per se stessi, per le proprie origini e radici, è una malattia degenerativa dalla quale l'allora cardinale Ratzinger, prossimo a diventare Papa Benedetto XVI, allertò nel 2004:
" C'è qui un odio di sé verso l'Occidente che è strano e che può essere considerato solo come qualcosa di patologico. L'Occidente cerca, in modo lodevole, di aprirsi pieno di comprensione dei valori esterni, ma non ama più se stesso. Di la sua storia ora vede solo ciò che è deplorevole e distruttivo, mentre non è più in grado di percepire ciò che è grande e puro ".
L'Europa ha bisogno di una nuova accettazione di se stessa se vuole davvero sopravvivere.
Il multiculturalismo, che viene continuamente e con passione incoraggiato e favorito, a volte è soprattutto abbandono e negazione di ciò che è proprio, fuga dalle proprie cose. Tuttavia, il multiculturalismo non può esistere senza basi comuni, senza punti di orientamento offerti dai propri valori.
Negli anni 2000 si sono levate varie voci per analizzare, avvertire e contrastare questo fenomeno.
Si è formata una sorta di letteratura o cultura di crisi , simile a quella che le potenti voci di Oswald Spengler, Paul Valéry, Stefan Zweig e della rivoluzione conservatrice esprimevano un secolo fa, purtroppo senza la coerenza intellettuale di quei profeti. Non mancano però gli elementi da guardare con attenzione per capire cosa succede e rintracciare gli anticorpi per contrastare la pandemia autodistruttiva. Uno è quello di Eugenio Capozzi, studioso napoletano, già autore del fondamentale “Politically correct. Storia di un'ideologia ”[1].
Il titolo dell'ultima fatica di Capozzi, però, ci sembra cadere in un primo malinteso: l'autodistruzione dell'Occidente.
L'equivoco sta nella parola "Ovest". Su questo non siamo d'accordo; la crisi colpisce certamente l'intera sfera di influenza della nostra civiltà, ma l'errore fatale, a nostro avviso, è insistere su un concetto, quello dell'Occidente - cioè l'Europa (occidentale!) più il Nord America - spurio, falso, ingannevole.
La somma algebrica dell'Europa e dell'America non è l'Occidente. Semmai è l'accettazione acritica della dominazione americana, costruita sul doppio intervento in Europa nelle due guerre mondiali, con la conseguente perdita dell'autonomia economica, politica, militare e culturale dell'Europa nei confronti degli Stati Uniti.
La crisi culturale e civile molto profonda , il rifiuto dei principi del "logos" europeo, l'assenza di intenzioni e progetti, sono il risultato di quella sottomissione, di quell'oblio della storia e della fuga dalle responsabilità che l'Europa si è presa dopo il mondo. La prima guerra mondiale ed è diventato un fenomeno di massa alla fine della seconda.
I germi dell'autodistruzione sono europei, ma il virus si è diffuso dall'America. È da questa consapevolezza che bisogna partire, se vogliamo fare un'analisi seria, seminare il seme della rinascita, e “piantare alberi per un'altra generazione”.
La nostra tesi è che l'Occidente sia il canone inverso dell'Europa. Nella musica classica, il canone inverso è una composizione che unisce una o più imitazioni a una melodia che progressivamente si sovrappongono e vanno nella direzione opposta.
Questa è l'America rispetto all'Europa che l'ha generata e che abbandona, rifiutando la cultura d'origine. L'Europa e l'Occidente non coincidono affatto. Lo stesso Benedetto XVI lo ha confermato nello storico discorso di Ratisbona, estremo, inaudito grido d'amore per l'Europa, rivendicando la civiltà nata dall'incontro del Vangelo con la filosofia greca attraverso Roma e il Sacro Romano Impero.
La nozione di "Occidente" è abbastanza recente e aveva intenzioni geopolitiche e strategiche, non culturali o civili. Risale in particolare ad Arnold Toynbee, storico delle civiltà ma soprattutto uomo delle istituzioni dell'Impero britannico, teorico di quella “anglosfera” che non coincide affatto con l'Europa. Scrive Giuliano Marchesini:
“Il fondamento culturale dell'Occidente è diverso da quello dell'Europa. Se l'Europa è la terra del Logos, l'Occidente è la terra che si ribella al Logos: dallo scisma anglicano in poi, questa è la figura caratteristica dell'Anglosfera ".
Lo stesso Oswald Spengler, la cui tesi è che ogni civiltà, come gli esseri viventi, nasce, si sviluppa, decade e infine muore, usa il termine Ovest in un significato specifico tedesco: " abendland", terra della sera, un'endiadi se combinata con il tramonto (untergang). Ha messo davanti agli occhi degli europei - destinatari del suo messaggio - l'idea di decadenza, impensabile un secolo fa. Non avevano creduto ai filosofi (Nietzsche, Schopenhauer), non avrebbero creduto all'ingegnere che divenne il morfologo della storia. È, ha scritto:
“Di seguire il destino di una civiltà, e in particolare dell'unica civiltà il cui compimento è oggi in atto su questo pianeta, la civiltà euroamericana, nelle tappe non ancora intraprese”.
Vedeva ancora in America l'estensione dell'Europa, anche se capiva che l'era dell'Europa era finita e che lo stadio della "civiltà" sarebbe stato l'americanismo. In contrapposizione alla civiltà ( Kultur), fase ascendente in cui predominano i valori spirituali e morali che danno senso all'esistenza e contraddistinguono l'arte, la politica, l'economia, la letteratura è la “civiltà” (Zivilisation). In esso il principio della qualità si sostituisce alla quantità: all'artigianalità, alla tecnica; la standardizzazione dei gusti e dei costumi supera le differenze; alla città e alla campagna organizzate a misura d'uomo sostituiscono megalopoli, forme estreme di indifferentismo, termitai senza umanità; le società sono livellate, l'edonismo e il denaro sono gli unici valori riconosciuti.
Questo è il ritratto fotografico dell'America, la negazione dell'Europa, come dimostra la folle corsa a liberarsi del pensiero, dei costumi, della scienza, dell'intera eredità del Vecchio Continente. Ne ha il diritto, porta i semi sin dal viaggio del primo “pellegrino” nel XVII secolo, fuggito dal Vecchio Continente in odio. Nell'ultimo mezzo secolo l'America è stata colpita da immense ondate migratorie, provenienti dal Sud e dall'Est del mondo, che hanno cambiato per sempre la mappa culturale demografica, etnica e spirituale del grande Paese. La sua pentola in costante ebollizione ( melting pot) mantiene come unico punto di riferimento comune la ricerca del “successo” individuale attraverso il denaro, unita a un'idea molto particolare di uguaglianza-indifferenza che sconcertò Tocqueville nel XIX secolo.
È la loro visione del mondo, il filo che - ancora per un po '- ne impedirà il crollo: lasciateli vivere come meglio credono, ma smettete di imporre all'Europa e al mondo lo stile di vita americano. Ovviamente vale anche il concetto opposto: lasciare che l'Europa smetta di imporre l'agenda, i principi, i valori, le politiche e la vita quotidiana da una civiltà dalla quale è divisa da un oceano. L'Europa e l'Occidente non coincidono, anzi il secondo esiste per negare il primo.
L'Occidente divora l'Europa. L'America sa solo come celebrare se stessa (Walt Whitman, da Leaves of Grass: " Io celebro me stesso e canto me stesso / E quello che presumo tu assumerai, / Per ogni atomo che mi appartiene come buono appartiene a te"). Per l'americano il suo modello è superiore a prescindere, indiscutibile e universale: la complessità gli è estranea, ignora le ragioni degli altri con lo spirito infastidito del bambino che non accetta limiti o correzioni. In questo senso è la negazione speculare dell'Europa, veramente il suo canone inverso. Tutto ciò non può farci ignorare che l'arsenale di veleni che sta collassando su di noi è di origini europee. Da qui è partito lo sciame di termiti che scavavano dall'interno; le cavallette americane lo hanno diffuso desertificando la terra.
Una certa unione tra Stati Uniti ed Europa - una penisola che si estende a ovest del gigante a cui si è ferocemente opposta per tre millenni - aveva senso fino al 1989: il pericolo sovietico era immenso e aveva conquistato mezza Europa. Con il vero comunismo del XX secolo imploso, non c'è più ragione - politicamente e spiritualmente - per il cosiddetto atlantismo, la prigione servile (oltre che la religione politica delle élite) di cui siamo ostaggio. Attraverso l'equivoco atlantista, gli USA mantengono il predominio e ci impediscono di crescere, riflettendo su noi stessi e guardando ad Est, a cominciare da quelle parti d'Europa che sono il mondo slavo e la Russia, un gigante binario con un corpo in Asia ma cervello e cuore in Europa.
Il fatto è che tutte le idee, i tic, le mode, le visioni che sono alla base dell'autodistruzione in atto provengono dall'Occidente / USA. Devono essere respinti come estranei, stranieri, nemici. Abbiamo ammesso la paternità “biologica” di alcuni di loro, ma senza l'America, il suo potere d'influenza, la sua imposizione politica, storica e culturale, forse l'Europa avrebbe sviluppato anticorpi per assorbirne gli effetti.
Stiamo parlando delle “culture del sospetto”. Psicoanalisi. Il marxismo che è diventato cultura di massa attraverso la Scuola di Francoforte. Indifferenza spirituale. Relativismo. Narcisismo. Liberismo che ha sostituito il liberalismo. Arte figurativa e musica separate dal rapporto con l'uomo. La “decostruzione”, cioè lo smantellamento metodico di tutti i principi fondanti dell'anima europea, la separazione radicale tra sfera pubblica e dimensione religiosa. Sono frutti avvelenati dell'Europa, ma non sarebbero diventati buon senso, cultura di massa, potere diffuso senza il consenso attivo degli Stati Uniti.
Quello che ci ha travolti nel secolo scorso - con particolare veemenza da cinquant'anni a questa parte e con il moto accelerato del Terzo Millennio - viene dalla farina di sacco europea, ma il mulino, il mugnaio e il panettiere sono americani.
Ci sono molti esempi: uno riguarda la psicoanalisi e le scienze equivoche dell'inconscio. Sono nati in un'Europa di lingua tedesca e ascendenza ebraica, ma sono diventati fenomeni mondiali solo dopo il viaggio trionfale di Sigmund Freud in America. Il marxismo è nato nello stesso humus, poi ha preso le distanze dall'esperienza sovietica, è diventato “occidentale” attraverso la terapia dell'abisso della Scuola di Francoforte. Adorno, Marcuse, Horkheimer, Fromm e altri sterilizzano i suoi risultati collettivisti in economia e lo pongono dalla parte della lotta contro l'autorità e la tradizione. Contro il padre, la famiglia, contro Dio, la trasmissione del patrimonio culturale, in nome della “fantasia” e del divieto di proibizione.
Il Frankfurter, anche lui di origine ebraica (tenace identità del vagabondo!) , Inizialmente sostenuto dal comunista internazionale, emigrò negli Stati Uniti dopo l'arrivo di Hitler. Sarà dalle cattedre delle università americane che diffonderanno il nuovo verbo, i loghi negativi della teoria critica.
Da quei pulpiti nascerà una lotta di classe, non più centrata sul proletariato - una classe conservatrice che aspira a diventare borghese, secondo il giudizio sprezzante di Adorno - ma sulle cosiddette minoranze oppresse. Guerra dei sessi, quindi, con il femminismo dell'uguaglianza sconfitto dal radicalismo anti-maschile; guerra dei "generi", attraverso la rivoluzione sessuale e il lento emergere della teoria del genere; lotta etnica, per smantellare, attraverso il senso di colpa (la coscienza infelice di Hegel), la civiltà europea bianca, patriarcale e in definitiva “etero-patriarcale”, assumendo il patrocinio dei movimenti omosessuali.
L'arte europea delle avanguardie della prima parte del XX secolo aveva già detronizzato l'uomo. Gli Stati Uniti hanno sdoganato definitivamente ogni forma di astrattismo, inventato l'industria culturale e imposto con la forza delle loro multinazionali forme musicali estranee alla tradizione europea, basate sull'armonia, la melodia e la bellezza.
Per mezzo secolo e più hanno dominato il ritmo, il frastuono, l'imitazione della vita metropolitana e i suoni tipici delle culture straniere. Una guerra culturale a tutto ciò che sa di Europa. L'americano è il pacifismo nato nelle università degli anni Sessanta. L'americana è la cultura alternativa della droga e dei paradisi artificiali. Anche la banalizzazione del divorzio e la diffusione di pratiche come l'aborto (un vero totem femminista para-religioso) è di discendenza americana.
La vittoria più grande è aver convinto le persone, attraverso l'intronizzazione della scienza e soprattutto della tecnologia, che il comportamento umano non è un misto di natura e cultura, ma un'imposizione dei gruppi dominanti. Da qui la storia dell'orientamento sessuale opposto al sesso biologico-naturale, l'idea della maternità come obbligo patriarcale e non come fatto biologico inevitabile. Il resto lo ha fatto la società dei consumi: niente deve essere definitivo, tutto è revocabile, “liquido”, transitorio, soggetto alle scelte del momento.
Poiché l'uguaglianza è un dogma indiscutibile, con l'eccezione individualistica del portafoglio, non può essere giudicata, valutata, preferita: sarebbe un'imposizione e un'offesa. Ciò ha portato alla vittimizzazione di massa, figlia del linguaggio del politicamente corretto che bandisce ogni distinzione e proibisce il dibattito sulle idee. La verità è uguaglianza più equivalenza, che, scambiata con accuratezza scientifica, non può essere discussa più di quanto si possa negare il teorema di Pitagora o la sfericità dei pianeti. L'opposto di civiltà fatta di dialogo, ricerca, riflessione, confutazione.
La vittima del canone inverso è Socrate, fondatore dell'etica europea e del metodo del confronto. L'americana è la teoria dell'intersezionalità, ovvero il ristabilimento di tutti i nuovi filoni ideologici. Intersezionalità è un termine introdotto dal sociologo afroamericano Kimberlé Crenshaw per descrivere la sovrapposizione di diverse identità sociali e varie forme di discriminazione, oppressione e dominio.
La teoria suggerisce che varie categorie biologiche, sociali e culturali, sesso / genere, razza ed etnia, classe sociale, disabilità, orientamento sessuale, specie (!!!), interagiscono su più livelli e quindi devono essere esaminate in una prospettiva che mira per capire e quindi eliminare l'ingiustizia e la disuguaglianza.
L'intersezionalità diventa la giustificazione di ciò che Capozzi definisce “identitarismo diversitario”, cioè la rivendicazione ossessiva e rancorosa di un particolare aspetto della propria essenza, personalità o condizione che è necessario proteggere dal resto della società, ridotta ad una somma algebrica e provvisoria di minoranze disunite su tutto, tranne che nelle rivendicazioni.
Il multiculturalismo diventa l'unica, infruttuosa via d'uscita da una società frammentata in un numero incalcolabile di segmenti, lapilli incandescenti eruttati casualmente dal cratere incandescente di un vulcano.
Tutto questo e il resto che verrà - la bottega non si ferma mai - non è l'Europa, ma l'Occidente, un concetto che si contrappone all'Oriente, a differenza dell'Europa portata ad integrarsi nella diversità, come la pax romana di aratro e spada . L'Europa si salverà, o potrà tentare di farlo, se si libererà della camicia di forza dell'Occidente, riacquistando la sua specificità e sovranità culturale, presupposto per il recupero dell'indipendenza economica, politica e militare. I suoi popoli devono tagliare il nodo gordiano che l'America ha stretto per sottometterla; deve guarire dal torcicollo che gli impedisce di guardare in altre direzioni.
Verso se stessa, prima di tutto, poiché i popoli dell'Europa centrale e orientale non sono meno europei degli altri, verso la Russia dalla quale il gigante d'oltre Atlantico vuole separarci per ragioni che non sono le nostre e il mondo mediterraneo con cui abbiamo millenni condivisi di eventi storici.
Ci piace concludere con il risguardo dell'autodistruzione occidentale, in cui abbiamo sostituito l'Occidente con l'Europa:
“ Il nuovo umanesimo invocato sempre più spesso da tanti esponenti delle élite politiche e culturali europee in realtà tradisce non la ripresa, ma il rifiuto di quella concezione dell'uomo come animale razionale e libero che sta alla base dei diritti individuali, del liberalismo, della democrazia e che nasce dall'incontro tra le culture greca, romana, ebraica, celtica germanica, attraverso la rivoluzione cristiana e la modernità. Il culto del potere, lo scientismo e le ideologie hanno corroso l'umanesimo europeo al punto da dissolverlo in un relativismo radicale, transumano e postumano. Un relativismo che lascia il mondo globalizzato privo di un tessuto etico comune e che può essere combattuto solo da una consapevole riconnessione della civiltà europea alle sue origini ".
Esattamente. Cosa ha a che fare con l'Occidente?
[1] Solo italiano: Amazon.it: Politicamente corretto. Storia di un'ideologia - Capozzi, Eugenio - Libri
**************************************
Articolo originale di Roberto Pecchioli:
Occidente contro Europa. Il canone inverso.
Traduzione di Costantino Ceoldo.
ovest
disumanizzazione
Europa
crisi
NascondereLink correlati
La distorsione dell'uomo nell'Occidente post-scisma
Americani, i migliori europei
La crisi di metà agosto
Disumanizzazione umana
Dalla Kulturkreisi indoeuropea alla Realpolitik postglobalista
Sta per tramontare per il mondo occidentale ...
Caduta dell'Occidente - Gli inizi olandesi
 
Ultima modifica:

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
PD: Italia come USA - voto agli immigrati con evidente razzismo anti-bianco


1500 Rabbini contro l’Anti Defamation League
Maurizio Blondet 15 Aprile 2021

(Cose mai viste in America. In Italia ancor meno)
Notizia significativa, per la politica interna Usa:
“Una coalizione di 1.500 rabbini ebrei ortodossi ha condannato l’Anti-Defamation League (ADL) dopo che la temuta organizzazione ebraica del B’nai B’rith aver chiesto a Fox News di licenziare – niente di meno – il giornalista e popolare animatore di talk shows Tucker Carlson, accusandolo di antisemitismo”.
Cosa aveva detto Tucker Carlson? Aveva detto che il Partito Democratico preme per il diritto di voto agli immigrati perché vuole sostituire l’elettorato americano che ha perso, con “gente nuova, elettori più obbedienti dal Terzo Mondo – Io come cittadino ho meno potere politico perchè loro stanno importando un elettorato nuovo di zecca”.
Nel fare questa denuncia – che possiamo ben rivolgere identica anche alle sinistre nostrane... pd in particolare) Carlson aveva usato il termine “replacement”, divenuta un termine-tabù in quanto l’idea che il potere globale sta “sostituendo” popolazioni evoca, grazie al battage dei media, “la teoria della sostituzione del suprematista bianco”: l’idea che la cospirazione ebraica sta sostituendo i bianchi con le popolazioni di colore

Immediatamente il direttore dell’ADL, Jonathan Greenblatt, che (per puro caso) è stato prima nell’amministrazione Clinton, poi consigliere speciale di Obama oltre che mostro tecnologico di Sylicon Valley ha chiesto a Fox la testa di Carlson – letteralmente – perché “ha abbracciato una teoria fondamentale della supremazia bianca”. In verità, in trasmissione Carlson aveva avuto l’accortezza di condannare questa teoria, come risulta dalla registrazione , ma a Greenblatt non la si fa: “ Il tentativo di Carlson di respingere in un primo momento questa teoria, mentre nella frase seguente la condivide sotto il pretesto di una “questione sui diritti di voto”, non gli dà la licenza per invocare un tropo suprematista bianco, senza pagare il prezzo “, ha scritto Greenblatt.

Ebbene: non solo la Fox non ha obbedito a Greenblatt (il che è già un atto di coraggio di fronte all’ingiunzione ebraica) ma i rabbini della Coalition for Jewish Values (CJV) hanno inviato una lettera per condannare l’ADL. ” “La Coalition for Jewish Values, che rappresenta oltre 1.500 rabbini tradizionali e osservanti nella politica pubblica americana, è rattristata dalle grossolane accuse di antisemitismo grossolanamente mosse dalla vostra organizzazione. Il vostro recente attacco a Tucker Carlson di Fox News, da voi definito “suprematista bianco” per il fatto che s’è chiesto se particolari scelte politiche consentano agli immigrati illegali di annullare i voti dei cittadini americani, è solo un esempio “, si apre la lettera.
La quale è stata pubblicata sul Jerusalem Post ed anche questo è istruttivo del continuum ebraico americano, che può usare un media israeliano per influire sulla politica interna USA.

La lettera dei rabbini è una sconfessione esplicita di Greenblatt, che è capo dell’ADL da pochi anni. L’organizzazione del B’nai B’rith, scrivono, era “giustamente considerata come il principale baluardo della comunità ebraica contro l’odio antisemita proprio perché non era legata a nessuna particolare persuasione, movimento o causa. Ahimè, l’ADL è diventata notevolmente partigiana sotto la sua guida”, si legge nella lettera. “La vostra organizzazione ha pubblicato una lista nera [di antisemiti] , Naming the Hate , che presenta oscuri neonazisti dell ‘” alt-right “, ma non dice nulla riguardo ai ben più pericolosi aderenti di sinistra dell’Islam radicale. Ha ripetutamente tentato di incolpare l’amministrazione Trump di una ‘ondata’ di incidenti antisemiti, anche se questo è stato contraddetto dai dati stessi dell’ADL. In un rapporto ampiamente diffuso, l’ADL ha citato 163 minacce di bombe a organizzazioni ebraiche. Un’ispezione più attenta ha rivelato che 150 di queste minacce erano state perpetrate da una sola persona, per giunta un ebreo ”, osservava la lettera.

“L’ADL ha cercato instancabilmente di nascondere la verità prontamente nota alla maggior parte degli ebrei in America: la stragrande maggioranza degli atti antisemiti si verificano nelle città controllate dai Democratici e nei campus universitari dominati da correnti progressiste”, ha accusato CJV.

La Coalition for Jewish Values (CJV) ha concluso esortando l’ADL of B’nai B’rith smetterla con le posizioni di parte e ad intraprendere una correzione di rotta urgentemente necessaria“.

L’ADL è da sempre temutissima da ogni candidato ad ogni carica politica: una frase di un candidato deputato senatore, governatore, che l’organizzazione giudichi antisemita (per esempio un’espressione di simpatia per i palestinesi) rende impossibile ogni speranza di essere eletto; l’ADL organizza il boicottaggio attraverso la diversione di fondi dal candidato che ha voluto liquidare dirigendo i finanziamenti ebraici al candidato avversario. Per una volta, la macchina del fango che sa suscitare in modo altrettanto efficace, ha fatto cilecca. Un eccesso di partigianeria l’ha rivelata come uno dei mastini del Deep State, ciò che diminuisce la sua utilità alla causa ebraica.

“In realtà”, scrive l’amico Umberto Pascali da Washington, “l’assalto contro Carlson e’ motivato dalle denunce circostanziate e regolari di Carlson sulla corruzione di Big Pharma e di cosa si nasconde dietro l’operazione COVID. Molte fonti riportano che Cnn e i grandi media del Deep State stanno ricevendo una valanga di denunce da parte delle vittime (finora silenziose) delle loro calunnie. Il partito democratico, di cui i Big Media sono i grandi complici e apologisti, potrebbe rimanere senza la protezione dei professionisti della manipolazione di massa. Vedi le prove della corruzione della Cnn ottenute da Project Veritas.

https://ussanews.com/News1/2021/04/13/the-adl-attack-on-tucker-carlson/

Sembra proprio che la macchina del discredito, arma preziosa per un Deep State e un’oligarchia indebolita, stia perdendo il suo potere intimidatorio”.

Per fortuna, nulla di indebolito in Italia:
1618669394161.png

1618669564115.png

E ancor meno nella UE, dove il replacement è politica ufficialmente promossa:
1618669625826.png


Da noi vige lo stato di diritto, mica come in Ungheria. Possiamo aver fiducia dell’altezza morale della nostra magistratura:

Colpo di scena: il trojan era attivo la sera della famosa cena fra Palamara e Pignatone (con rispettive famiglie), ma della registrazione non c’è traccia…

PieroSansonetti @PieroSansonetti

I magistrati ci inondano di querele e richieste di risarcimenti (più di venti). Scarpinato ci porta a processo addirittura due volte e l’Ordine dei giornalisti non ci difende, anzi, ci censura…
Vogliono chiudere il Riformista, offensiva intimidatoria dei Pm contro il nostro giornale - Il Riformista

Sappiamo a chi rivolgerci con fiducia, se questo articolo ci susciterà contro l’accusa di antisemitismo, e viene violato il nostro Diritto – che qui vogliamo ricordare a futura memoria:
Art. 19 Dichiarazione Universale Diritti dell Uomo

Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
Cleveland - Ohio USA: bianco odiato dai negri fuggito in Russia
Tim Kirby: La Russia è sospesa tra
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
Una delle più grandi banche del mondo dovrà "chiedere il permesso" per assumere maschi bianchi
20:05 09.11.2021


Una delle più grandi società al mondo di servizi finanziari e bancari, la State Street Corporation, si è autoimposta una nuova regola per l’assunzione dei quadri. D’ora in poi gli alti dirigenti saranno formalmente tenuti a favorire il più possibile l’assunzione di donne e rappresentati di minoranze etniche, a discapito dei maschi bianchi.
La State Street Corporation ha sede a Boston ed è stata fondata nel 1792. Attualmente conta quasi 40.000 dipendenti in 30 uffici in tutto il mondo. È una delle maggiori società di gestione patrimoniale al mondo, con 3.120 miliardi di dollari in gestione nel 2019 e 34.360 miliardi di dollari in custodia e amministrazione. E ora dovrà chiedere il permesso per assumere maschi bianchi, scrive The Times.

"Tutti i nostri leader devono dimostrare nelle loro valutazioni annuali cosa hanno fatto per migliorare la rappresentanza femminile e il numero di colleghi provenienti da minoranze etniche. Questo è ora fondamentale per la State Street e sarà segnalato sullo stato di servizio di ogni dirigente capo", ha affermato Jess McNicholas, responsabile dell'inclusione, della diversità e della cittadinanza d'impresa della banca a Londra, secondo il Sunday Times.

La società mira a triplicare il numero di dipendenti neri, asiatici e di altre minoranze in posizioni di rilievo entro il 2023, secondo quanto riportato dal Sunday Times. Se i dirigenti non raggiungeranno l'obiettivo, dovranno affrontare una riduzione dei bonus.

I reclutatori dovranno quindi istituire gruppi di quattro o cinque dipendenti, tra cui una donna e una persona con un appartenente ad una minoranza, quando assumono personale di medio livello.
L'azienda assumerà ancora uomini bianchi, ha detto la McNicholas, ma i reclutatori saranno tenuti a dimostrare che le donne e i candidati delle minoranze saranno stati seriamente considerati.
 

baleng

Per i tuoi meriti dovrai sempre chiedere scusa
Registrato
1 Ottobre 2011
Messaggi
8.976
Località
veneto
È lo stesso coprimutande di chi auspica un presidente donna. E perché non gay, trans, mulatto ecc?
In verità si tratta di sentimenti razzisti mascherati da buonismo gratuito.
Il merito e lo spirito non conoscono sesso, razza, colore.

Però mi adeguo e pretendo un presidente rosso di capelli, al Quirinale non s'è mai visto, occorre risarcire una minoranza :D
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto