Qualcuno conosce Auvesta?

federik95

New Member
Mi spiace ma non riesco ad orientarmi tra i suoi "aggi", "tangenti", "commissioni" e simili - concludo qui la discussione con lei.
Per tutti gli altri che cercassero informazioni su Auvesta: esistono 4 piani di accumulo, 3 tra i quali credo di poter descrivere esattamente per quanto riguarda i costi. Tutti e 3 i piani prevedono una commissione dello 0,05% su ogni versamento per acquisto di oro (questa commissione servirebbe per pagare il deposito presso l'azienda tedesca ospitante l'oro fisico), uno spread sul costo di acquisto (Auvesta fa qui una parte del suo profitto, da business model - e sottolineo che qualsiasi impresa trova la sua ragione di essere sul profitto dato dal markup sui costi di produzione di un bene o servizio. È inutile una caccia alle streghe su questo punto). In più, ciascuno di questi 3 piani prevede un aggio (costo) iniziale per l'apertura della cassetta.
Parlando di aggio, il primo piano ("smart") ha un aggio di 750€ che non verrà mai rimborsato, a prescindere dal totale versato. Tenete presente che questo aggio riflette il costo che Auvesta sosterrà per aprire pa cassetta di sicurezza del sottoscrivente, quindi non è una commissione nuda e cruda - anche se è probabile che Auvesta applichi un markup.
Questo aggio cresce negli altri due piani di accumulo: 1500€ per il piano numero 2 (business), 2250€ per il piano numero 3 (premium). La peculiarità di questi due piani è che l'aggio viene gradualmente restituito da Auvesta con versamenti in grammi di oro (al valore corrente dell'oro) ricorrenti ad ogni versamento del sottoscrittore. Il valore rimborsato da Auvesta in queste occasioni sarà una percentuale (2,5% piano business, 5% piano premium) di ogni tranche versata dal sottoscrittore. Quindi l'aggio verrà prima o poi recuperato - il quando dipende ovviamente dall'andamento del prezzo dell'oro e dalla taglia dei versam. Per esempio, se l'oro per sfiga perde tanto valore, è vero che il mio deposito varrà meno di quando ho acquistato, ma il 5% del mio prossimo versamento corrisponderà a più grammi di oro che Auvesta dovrà versarmi - cosa che non fa comunque schifo pensando ad una rivalutazione futura dell'oro.
Date queste informazioni - che ripeto vengono da un incontro a cui possono accedere tutti su invito, non sono agente Auvesta - io chiedo a qualcuno che si intenda veramente di piani di RISPARMIO se le carte in tavola siano favorevoli o no. Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento su cio che ho scritto finora. Saluti
In caso di fallimento dell'azienda? Lo spread sul costo d'acquisto a quanto ammonta?
Mi confermi che non c'è nessun vincolo di versamento?
 

Albachiara

New Member
Non preoccuparti che fallisca, chi fallisce qua sono gli investitori. Come può fallire un' azienda che ti trattiene come entri il 16% di quello che investi?
 

lukaterr

New Member
Mi sono fermato alle elementari. Non ho fatto le medie.
Però so copiare. E ho copiato guarda caso da lei. "Se ipoteticamente..........750,00:1x100= 75000,00"
La saluto
ipoteticamente volesse ottenere l'intera caparra di €. 2.250,00 indietro, dovrà investire in totale €. 45.000,00 in metalli preziosi...infatti 2.250,00:5=x:100 x=2.250,00*100/5=45.000
Per quanto poi riguarda i costi deposito, Auvesta applica un costo pari allo 0,08%, mentre billion valut, come ha lei scritto, dello 0,5% - 1% e dell'1, 50%, comunque soglie superiori allo 0,08% che applica Auvesta. e non è poca la differenza tra lo 0.08% e lo 0,50%. In ogni caso sono sempre disponibile per un confronto di idee e chiarimenti. Le auguro una buona giornata.
:)
questo è quello che le avevo scritto in precedenza..non capisco dove abbia preso l'1%...mi sa che non sa neanche copiare!
 

lukaterr

New Member
Capisco quello che mi vuole dire. È molto vero che qualsiasi coglione può diventare agente Auvesta ("segnalatore"), basta che apra un codice e non deve avere nessun background economico o finanziario. Questo è un effetto collaterale dell'operare sul modello del network marketing, ed è senz'altro un segno meno sulla società. Infatti è da stupidi proporre un piano di accumuli sull'oro con un orizzonte di due anni soltanto (mi è sembrato di capire che questo è il piano che ha sottoscritto). A mio parere un operatore serio glielo avrebbe proposto con un orizzonte molto piu ampio: l'oro da risultati sicuri solo nel tempo (e qui il signor maurosio ha la sua ragione nel denunciare un ribasso del 35% negli ultimi sei anni).
Se il suo piano invece è a scadenza illimitata (non a termine due anni), bè mi spiace per lei ma non ha ragioni di lamentarsi, Albachiara, perchè sarebbe come lamentarsi di avere comprato lo shampoo quando le serviva il balsamo. Avrebbe semplicemente sbagliato mezzo finanziario. Auvesta (la società) non stabilisce rendite a priori, ma rende presente che storicamente l'oro non perde potere di acquisto nel lungo periodo. Ed è vero. Gli agenti non dovrebbero infrangere gli standard aziendali solo per chiudere una vendita. Però purtroppo può accadere. Questo è il network marketing.
Ora sono proprio curioso di sapere che cosa le ha proposto l'agente.
sig. Tibbia..lei ha perfettamente ragione, io sono un agente Auvesta..per carità..ho dovuto studiare per proporre questo tipo di prodotto..ma dico in tutta sincerità che questo prodotto (che ripeto è uno strumento a medio lungo termine:risparmio).. non lo puoi proporre per un periodo così breve..cioè non puoi illudere il cliente che in così breve termine (2 anni )otterrà dei rendimenti alti, perché questa caratteristica non è confacente con uno strumento che mira a proteggere nel tempo il proprio capitale. RItengo quindi che il sig.Maurosio sia stato male informato sul prodotto e che l'agente Auvesta con il quale ha sottoscritto il piano di accumulo non gli ha dato le giuste informazioni del prodotto. riperto:è impensabile per un prodotto del genere dire che entro due anni recuperi capitale e ottieni pure ottimi rendimenti.
 

lukaterr

New Member
Mi spiace ma non riesco ad orientarmi tra i suoi "aggi", "tangenti", "commissioni" e simili - concludo qui la discussione con lei.
Per tutti gli altri che cercassero informazioni su Auvesta: esistono 4 piani di accumulo, 3 tra i quali credo di poter descrivere esattamente per quanto riguarda i costi. Tutti e 3 i piani prevedono una commissione dello 0,05% su ogni versamento per acquisto di oro (questa commissione servirebbe per pagare il deposito presso l'azienda tedesca ospitante l'oro fisico), uno spread sul costo di acquisto (Auvesta fa qui una parte del suo profitto, da business model - e sottolineo che qualsiasi impresa trova la sua ragione di essere sul profitto dato dal markup sui costi di produzione di un bene o servizio. È inutile una caccia alle streghe su questo punto). In più, ciascuno di questi 3 piani prevede un aggio (costo) iniziale per l'apertura della cassetta.
Parlando di aggio, il primo piano ("smart") ha un aggio di 750€ che non verrà mai rimborsato, a prescindere dal totale versato. Tenete presente che questo aggio riflette il costo che Auvesta sosterrà per aprire pa cassetta di sicurezza del sottoscrivente, quindi non è una commissione nuda e cruda - anche se è probabile che Auvesta applichi un markup.
Questo aggio cresce negli altri due piani di accumulo: 1500€ per il piano numero 2 (business), 2250€ per il piano numero 3 (premium). La peculiarità di questi due piani è che l'aggio viene gradualmente restituito da Auvesta con versamenti in grammi di oro (al valore corrente dell'oro) ricorrenti ad ogni versamento del sottoscrittore. Il valore rimborsato da Auvesta in queste occasioni sarà una percentuale (2,5% piano business, 5% piano premium) di ogni tranche versata dal sottoscrittore. Quindi l'aggio verrà prima o poi recuperato - il quando dipende ovviamente dall'andamento del prezzo dell'oro e dalla taglia dei versam. Per esempio, se l'oro per sfiga perde tanto valore, è vero che il mio deposito varrà meno di quando ho acquistato, ma il 5% del mio prossimo versamento corrisponderà a più grammi di oro che Auvesta dovrà versarmi - cosa che non fa comunque schifo pensando ad una rivalutazione futura dell'oro.
Date queste informazioni - che ripeto vengono da un incontro a cui possono accedere tutti su invito, non sono agente Auvesta - io chiedo a qualcuno che si intenda veramente di piani di RISPARMIO se le carte in tavola siano favorevoli o no. Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento su cio che ho scritto finora. Saluti
lei ha fatto enorme chiarezza sui prodotti che propone Auvesta...bravo.
 

Albachiara

New Member
ipoteticamente volesse ottenere l'intera caparra di €. 2.250,00 indietro, dovrà investire in totale €. 45.000,00 in metalli preziosi...infatti 2.250,00:5=x:100 x=2.250,00*100/5=45.000
Per quanto poi riguarda i costi deposito, Auvesta applica un costo pari allo 0,08%, mentre billion valut, come ha lei scritto, dello 0,5% - 1% e dell'1, 50%, comunque soglie superiori allo 0,08% che applica Auvesta. e non è poca la differenza tra lo 0.08% e lo 0,50%. In ogni caso sono sempre disponibile per un confronto di idee e chiarimenti. Le auguro una buona giornata.
:)
questo è quello che le avevo scritto in precedenza..non capisco dove abbia preso l'1%...mi sa che non sa neanche copiare!
Ho copiato il suo calcolo non la percentuale che mi è stata applicata. Zuccone.
 

domeleo

New Member
Buonasera,
spero di scrivere nell'apposita sezione.
Come da titolo vorrei porre delle domande riguardo questa azienda che gestisce fondi di risparmio basati sull'oro.
Mi è stato proposto questo metodo di investimento tramite l'azienda Auvesta che consiste nell'acquisto di una certa quantità di oro (in base al capitale). Successivamente dopo alcuni anni a livello teorico la stessa quantità di oro dovrebbe rispecchiare un valore in valuta più alto.

Vorrei sapere se qualcuno di voi è cliente o ne ha per lo meno sentito parlare e se potrebbe darmi qualche delucidazione o consiglio in più essendo abbastanza neofita di questo campo.

Ringrazio!
Buonasera, io sono un consulente di Auvesta e posso darle tutte le informazioni che desidera. Se vuole può contattarmi, sarò felice di risponderle. A presto.
 

GESPI 57

New Member
Buon giorno ho letto un po' di domande e po' di risposte dei "cosiddetti" Consulenti Auvesta: sono basito in quanto leggo diciture o spiegazioni assolutamente non in linea con le normative e disposizioni che se non sbaglio sono ben scritte e specificate da Banca d'Italia.
La prima che mi viene in mente è divieto assoluto di vendere porzioni di lingotto in quanto lo stesso deve essere ben identificato;
Inoltre leggo la parola "risparmio" anche qui mi viene in mente che esiste un regolamento CONSOB.
Io vorrei comprare da investimento ma siamo sicuri che siete tutti in regola???
 

Gianluca747

New Member
Ho guardato un pò la website di Auvesta. Sul web non si trova molto altro.
Tutto sommato Auvesta mi sembra una ditta seria, anzi, una delle più serie, se uno vuole possedere metalli preziosi ma affidarne la gestione a terzi.


Da quel che ho capito (se c’é qui qualche agente di Auvesta può ben correggermi):

Le commissioni d’entrata sono relativamente alte. Queste vengono però in seguito trasformate in metalli ossia ritornate al cliente nel tempo.
Un modo (legittimo) di crearsi clienti di lunga durata.

Gli spread acquisto/vendita sono bassi, dal momento che Auvesta dispone di una buona rete di partner di calibro pronti ad acquistare e vendere metalli preziosi, anche in quantità (liquidity providers).
È ovvio che Auvesta non desidera che uno approfitti di questo fatto per tradare oro, é questa la ragione delle commissioni d’entrata relativamente alte.

Auvesta offre una lista delle barre in deposito (raffineria, peso, qualità, numero della barra, anno di produzione). Questo é sempre un segno di serietà per le imprese che affermano di acquistare per te metalli preziosi.
Addirittura, il cliente riceve una barra o moneta specifica, e precisamente di questa é proprietario. È un metodo inconsuetamente serio.

Le barre provengono da raffinerie certificate dalla LBMA (London Bullion Metal Association). La LBMA stabilisce e supervisiona gli standard qualitativi per i lingotti “Good Delivery”.
Good Delivery è una garanzia del rispetto degli standard qualitativi e della commerciabilità a livello mondiale dei lingotti.

Le barre vengono depositate in caveaus riconosciuti dalla LBMA, custodite da imprese conosciute a livello mondiale (Brinks, Loomis, Prosegur) e verificate regolarmente da terzi.
Interessante é la possibilità di scegliere in quale dei 6 caveaus di Auvesta (2 in Germania, 1 a Londra, Zurigo, Vienna e Singapore) uno vuole i suoi metalli depositati.

Anche se uno investe piccoli importi, Auvesta non acquista piccole barre o monete, ma quel cliente riceve una parte di una barra o moneta standard (generalmente, più piccole sono le barre o monete, più alti i premi).
(Per quanto riguarda l’oro, lo standard in occidente sono barre da 400 once, in Asia da 1 chilo.)

I metalli uno può farseli consegnare, un indizio che i metalli vengono effettivamente acquistato e depositato.
Il titolo di proprietà rimane del cliente, per cui, nel caso di fallimento di Auvesta, il cliente non ne viene intaccato.

Auvesta esiste da 20 anni e, in Germania, dove ha la sede, ha ricevuto importanti riconoscimenti.
AUVESTA - Azienda - Un carattere internazionale


Come già detto all’inizio, secondo me una delle ditte più serie a livello internazionale per l’investimento in metalli preziosi.
Sull’economicità di un investimento presso Auvesta non mi esprimo, perché a me interessava solo l’aspetto fisico, quello della sicurezza del possesso, non quello finanziario.

Spero possa essere d'aiuto
 

GESPI 57

New Member
Buona sera ho letto attentamente quello che scrive.
Cosa significa...che le barre vengono depositate in caveau riconosciuti dalla LBMA? Poi in Italia non puoi vendere barre al privato lo vieta la legge ( 7/2000)... bisogna parlare di lingotti e in Italia non si possono vendere frazioni di lingotto a più persone.
Di sicurezza qui non c’è nulla a partire dalla autorizzazione alla vendita;
poi su questa FROTTOLA del fallimento ... che esiste la salvaguardia per il Cliente si sbaglia di grosso!

Mi spiace ma non mi ha risposto e poi Le ribadisco per vendere i lingotti come definito dalla legge 7/2000 la società deve esssere auotorizzata o rinosciuta .... se estera da Banca d’Italia.

Purtroppo Lei con la sua gentilissima e lunghissima mi ha confermato che esiste una grande confusione ed enfasi nella presentazione di questa AUVESTA e la cosa ancor più grave che c’è una grande disinformazione che porta inersorabilmente a subire raggiri giuridici ed economici a tutti livelli
 
Alto