Postali diventano promotori finanziari senza esame (1 Viewer)

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.471
I commenti a dopo...se li faccio adesso, mi arrestano.

Una domanda: quanti sono i dipendenti di Poste Italiane S.p.A?


Dal sito Consob.



ISCRIZIONE DI DIRITTO ALL'ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI: RISPOSTA A QUESITO

La Commissione, in risposta ad un quesito, ha analizzato l'ammissibilità dell'iscrizione di diritto all'Albo unico nazionale dei promotori finanziari di un dipendente di Poste Italiane spa.

Come noto, l'art. 12, comma 1, del d.P.R. n. 144/2001 ha abilitato Poste Italiane spa alla prestazione dei servizi di investimento e servizi accessori previsti, rispettivamente, dall'art. 1, comma 5, lett. b), c) ed e), e dall'art. 1, comma 6, lett. a), b), d), e), f), g) del Testo unico della finanza. Inoltre, l'art. 2, comma 5, del medesimo decreto ha equiparato Poste Italiane alle banche italiane anche ai fini dell'applicazione delle norme del Testo unico bancario e del Testo unico della Finanza richiamate ai commi 3 e 4 dello stesso articolo.

Conseguentemente, la Commissione ha ritenuto che con l'entrata in vigore del decreto menzionato gli addetti di Poste Italiane spa ai servizi di investimento indicati dal d.P.R. n. 144/2001 sono legittimati all'iscrizione all'Albo dei promotori finanziari con esonero dalla prova valutativa in quanto l'art. 4, comma 1, lett. c) del D.M. n. 472/1998, che attribuisce rilevanza, ai fini dell'esonero, all'attività svolta da alcune categorie di dipendenti di banca che abbiano maturato una specifica esperienza professionale nella prestazione dei servizi di investimento, appare direttamente applicabile alle medesime categorie di dipendenti di Poste Italiane spa che abbiano maturato analoga esperienza.

La Commissione ha, peraltro, evidenziato che, poiché l'art. 4, comma 2, del D.M. n. 472/1998 richiede che la suddetta attività sia stata svolta per almeno un triennio, allo stato attuale nessun dipendente di Poste Italiane spa può aver maturato la necessaria esperienza professionale, non essendo decorso il tempo necessario dal momento in cui, con l'entrata in vigore del d.P.R. n. 144/2001, Poste Italiane è stata abilitata alla prestazione di servizi di investimento.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto