Perchè i prezzi delle case non scendono nonostante la crisi immobiliare? (1 Viewer)

Registrato
10 Ottobre 2012
Messaggi
1
in attesa che le banche facciano le banche? penso che l\'attesa sara\' assai lunga. come potranno prestare denaro a chi non potra\' restituirlo? l\'autore dell\'articolo mi sembra piuttosto ottimista.
 
Registrato
11 Ottobre 2012
Messaggi
1
certe convinzioni sono dure a morire. ma il mattone medio ha fatto il suo tempo.
non ci sarà crollo, ma un declino lento e inesorabile.
 

MARMAF

nick latente e prudente
Registrato
4 Maggio 2010
Messaggi
142
Senza contare i mutui inesigibili dei quali le banche sono gia\' piene, difatti se vedete bene ora la loro parola magica è : cartolarizzazione, chissà perchè............
 
Registrato
16 Ottobre 2012
Messaggi
7
Perchè le fondazioni bancarie e i gruppi immobiliari, e imprenditori edili, non pagano l'IMU,
quindi congelano gli immobili, e il loro prezzo in attesa di giorni migliori.

L'inverso è che sul mercato, si trovano molte "seconde case" a buon prezzo.
Le seconde case, dei poveri cristi costretti a "svendere" per far quadrare i bilanci,
e versare imposte e interessi usurai, di un governo tassassino! :X
 
Ultima modifica:
Registrato
13 Dicembre 2012
Messaggi
2
Dunque.............. io penso che un vero e proprio crollo dei prezzi non vi sarà, anche perchè l' italiano medio investe ancora negli immobili in quanto ritiene che siano ancora una ricchezza o quantomeno con essi la misurano;
Però vi è e vi sarà una discesa naturale e concreta dei prezzi che sarà inarrestabile almeno fino al 2018! e ve ne elenco i motivi:
1 Riduzione della concessione dei mutui dovuti alla crisi di liquidità delle Banche e degli Stati sovrani;
2 Minore richiesta di abitazioni da parte delle nuove generazioni e degli immigrati dovuta alla sempre più scarsa offerta di posti di lavoro stabili e fissi (ad esempio tra i lavori che sono destinati a scomparire ricordo le figure di casellanti autotradali, controllori dei treni, bigliettai in genere, guardia sbarra ai passaggi a livello, operai nelle industrie sempre più tecnologiche, postini, sportellisti alle banche e negli uffici postali, promotori finanziari, assicuratori classici, addetti alla difesa, addetti alla sicurezza, meccanici, falegnami, contadini, cassiere nei supermercati, ed inn generale i classici impiegati statali addetti alla burocrazia ormai inutile!! in particolare figure come bidelli, uscieri e i tanti incarichi dei politicanti nullafacenti e corrotti!!
3. Naturale eredità del patrimonio edilizio degli anziani che sarà un grande onere dato che i costi di manutenzione aumenteranno sempre di più!!!
4. Conosco persone che tra qualche anno erediteranno anche due tre e più strutture che manco le sanno gestire;
5. Aumenti delle Imposte sugli immobili, questo perchè lo Stato non vuole proprio pescare dove dovrebbe!!! (Sprechi della Pubblica Amministrazione)
6. Maggiore convenienza nel detenere denaro, quindi EURO in quanto è chiara la Volontà dell' Europa di stabilizzarlo sempre di più attraverso la solidità di Banche e naturalmente degli Stati sovrani che porterà ad un tsso di interesse stabile e un inflazione generale bassa, quasi nulla;
7. Sempre più persone capiscono poi che avere un immobile comporta tutta una serie di responsabilità a carattere anche penale, se vi è qualche cosa che non è in regola (ad es. i pozzi neri, gli alberi secolari, gli abusi edilizi in generale, i contenziosi con i vicini, le difformità urbanistiche ecc ecc)
8. Un generale aumento dell' offerta di immobili dovuto ala vendita da parte dello Stato di grandi immobili e strutture oramai inutilizzati, (pensate che la vendita all' asta sarà online, quindi a portat di tutti!!) le enormi proprietà dell' industria oramai inutilizzate e non dimentichiamo gli immobili ecclesiastici, quasi tutti mal amministrati!!);
9. Attesa generale e conseguente per l' acquisto da parte dei potenziali acquirenti dovuta alle aspettative sulla dscesa dei prezzi;
10. Non dimentichiamo inoltre che sempre più italiani non contraggono matrimonio e fanno sempre meno figli, già molto prima della crisi!! quindi vi lascio immaginare che fine faranno i grandi appartamenti nelle periferie delle città di provincia;
11. Il peggioramento dei servizi di trasporto pubblico poi sfavorirà sempre più gli immobili della periferia;
12 I vincoli dello Stato (pareri ambientali ecc ecc) su costruzioni e ristrutturazioni sfavorirà ulteriormente gli investimenti nelle zone vincolate come centri storici, zone archeologiche e aree tutelate;
13 Sempre più persone attraverso internet stanno investendo i loro risparmi all' estero e sempre più giovani vi si trasferiscono, quindi i potenziali acquirenti di case!!
14. Inoltre c'è da ricordare che molti prendono coscienza negli ultimi tempi che il proprio immobile può esserre distrutto a causa di eventi geologici;
15. Non dimenticherei inoltre i centri commerciali stanno a poco a poco, man mano che crescono, erodendo il valore dei negozi nei centri urbani che rendono sempre mmeno!!
16. Non dimenticherei neppure che tante leggi a cui si indirizzano i governi ed il parlamento non fanno altro che ridurre sempre di più il valore (ad es. la legge sul consumo di suolo) una delle più stupide in quanto prende come riferimento gli anni cinquanta (prima del boom economico ed edilizio) e non il 2000 (come è giusto che sia) per rendersi conto di quanto realmente sta avvenendo il consumo di suolo agricolo e naturale!!)
 

big_boom

Forumer storico
Registrato
28 Febbraio 2009
Messaggi
10.542
Località
ora nell'inferno delle tasse italico
per me sempre piu' un solo punto

1. sempre piu' italiani capiscono che e' meglio avere una casa all'estero ;)

quanto rende una casa in italia tolti costi di manutenzione, tasse, tempi per mandare via l'affittuario che non paga?

e rischiate pure una denuncia penale e fiscale per quello che fa l'affittuario (molto spesso prostitute perche' l'unica attivita' che sembra andare in italia attualmente)

mi sa per ora e' solo una rottura di @@
 
Ultima modifica:

davisette

Utente attento
Registrato
10 Dicembre 2012
Messaggi
14
:cool:
Personalmente sono in completo accordo con l'autore dell'articolo. E' in corso, ed e' prevedibile che continui, un lieve calo dei prezzi (in alcune zone, per alcune tipologie forse precedentemente sopravvalutate) ma con chiunque io parli del settore (banche e costruttori) l'impressione e' sempre la stessa: il mercato e' fermo per due ragioni 1) estrema difficolta' ad ottenere un mutuo per l'acquisto della prima casa 2) serpeggiante incertezza per il futuro che fa desistere dal lanciarsi in impegni a lungo termine.
L'aumento della tassazione sulla casa in un primo tempo potra' scoraggiare dall-acquistarne una.... ma appena l' IMU si tradurra' in un aumento degli affitti (inevitabile) ecco che (nel medio periodo ovviamente, non certo nel 2013) la neo famiglia tipo comincera' a farsi due conti e (se le condizioni bancarie miglioreranno, auspicabile e in qualche modo persino probabile) pensera' a comprare casa. Anche con un figlio solo. Anche senza figli :lol:
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto