Per gli esperti di opzioni: chi ieri ha regalato milioni di Euro in borsa ? (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
La notizia del giorno e' che un trader on line giocando 600 Euro in Borsa sul mercato italiano ne vince ben 500.000 in poche ore (o minuti).

Vince 500.000 Euro con 600 Euro di rischio

Ma non e' stato il solo, perche' - a quanto pare -

"vi posso dire che c'è stata gente che ha guadagnato anche sopra i 500k, vendendo i call dopo la prima apertura delle 9 quando il titolo quotava ancora sopra i 3"

Poi il trader esibisce addirittura "il malloppo" indicando broker di riferimento, ora, eseguito, cercando in tal modo di spazzare ogni dubbio residuo agli astanti circa l'autenticita' della vincita in borsa di 500.000 Euro in poche ore o minuti. Si sa bene che sui forum italiani la credibilita' dell'avatar e' l'atout piu' importante, ben maggiore del rischio di farsi identificare e di poter essere "attenzionati" sulla consistenza della vincita :) :) :)


Non sono un esperto di opzioni, sebbene sia a conoscenza che i derivati sono un gioco a somma zero, nel senso che quanto il 90-95% dei giocatori di borsa perde sull'IDEM e' vinto da uno, o al massimo pochissimi altri giocatori informati. Ora l'aumento di capitale Fondiaria e' stato un vero salasso: i poveri risparmiatori hanno perso il 99% del proprio investimento e dall'altra parte dovra' pur esserci stato qualche vincitore.

In conclusione.

Mi associo anch'io ai complimenti per i vincitori di 500.000 cadauno (qualcuno anche di piu' ? Ma quanti sono stati?) e non ha senso nemmeno interrogarsi in questa sede se sia eticamente morale che in italia correndo il rischio di pagare una multa di 150 Euro, che poi sembra non sia affatto dovuta, un piccolo giocatore di Borsa ne possa vincere ben 500.000 di Euro in poche ore, con soli 600 Euro di giocata.

Invece una questione mi interessa per puri scopi diciamo .... di indagine "antropologica": :)
chi sono coloro che acquistavano le call Fondiaria a mani basse a prezzi irrealistici e che ieri hanno perso, o meglio regalato, tutto questo ben di Dio consistente in milioni di Euro piovuti dal cielo?

a) altri giocatori di borsa sfortunati ? :-?
b) banche varie ? JP Morgan, Nomura, Citibank,Mediobanca, Unicredito facevano parte del consorzio. I migliori trader del mondo di Londra lasciatisi fregare in questo modo per milioni e milioni di Euro da dei piccolissimi trader capaci di fare "click"?
c) altri ancora ? :-?

Come sia stato possibile vincere 500.000 Euro battendo solo "Invio" con un'operazione chiara e limpida sul mercato - a detta dell'autore il cui commento riporto in calce - e' senz'altro un aspetto che incuriosisce, ma e' accaduto.
Si tratta solo di capire chi quei soldlini li ha persi.

(il mistero continua ..)
 

Allegati

Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
QUOTE

I migliori trader del mondo di Londra, Milano, Tokyo, New York, le piu' importanti banche d'affari mondiali iperspecializzate nelle operazioni che scottano lasciatesi fregare in questo modo per milioni e milioni di Euro da dei piccolissimi trader capaci di fare "click" nella casella giusta al momento giusto?
 

Allegati

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Io non capisco questa frase, ma non me ne intendo di ADC:

Come si fa a guadagnare cifre folli vendendo opzioni?
Il trader in questione ha osservato che degli operatori - quali siano lo tentiamo tutti di capire - applicavano la legge di Black and Sholes avente come strike il prezzo folle ed irrealistico al quale le azioni Fondiaria erano quotate in borsa, cioe' 3-4 Euro.

Il trader ha clickato "vendi le call" ed ha realizzato la differenza tra il prezzo di 3-4 Euro ed il prezzo di 1 Euro al quale le Fondiaria vecchie si sono allineate alle Fondiaria nuove in giornata .

Il meccanismo e' semplice e comprensibile, come dice il trader limpido e alla luce del sole.
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Non solo è tutto vero, ma i veri numeri di quello che è successo sono ancora più sorprendenti di quanto sembri.

Lo spiego velocemente: anticipo, per chi non conosce le opzioni call, che può semplicemente considerarle strutturalmente identiche ai diritti. E che in più, nel nostro caso, possono essere "esercitate" in qualunque momento, ovvero possono essere scambiate appena lo si ritiene conveniente con il sottostante.

Quello che è successo è semplicemente uno scontro tra due arbitraggi, e quindi relativi arbitraggisti: da un lato chi arbitraggiava i diritti con le opzioni, ovviamente acqustando diritti e vendendo opzioni; dall'altro chi arbitraggiava le opzioni con i titoli, visto che le vendite dei primi arbitraggisti hanno inevitabilmente fatto scendere il prezzo delle opzioni call sotto il valore di parità con il sottostante, rendendone quindi possibile un'operazione molto semplice: coprare le call, esercitarle immediatamente e rivendere quindi il sottostante ottenuto a mercato (non è propriamente un "arbitraggio", ma i puristi della semantica sono sicura mi perdoneranno).

Questo scontro ha creato una dinamica fortemente instabile, generando quelle che ha generato nelle quotazioni.

Chi ha pagato? Sempre gli stessi PAT, che dubbi hai? Non ti esplicito la risposta perchè è troppo facile.

P.S. subliminale per Pek: niente delta hedging :D
 
Ultima modifica:

Imar

Forumer attivo
Registrato
30 Gennaio 2009
Messaggi
944
Non solo è tutto vero, ma i veri numeri di quello che è successo sono ancora più sorprendenti di quanto sembri.

Lo spiego velocemente: anticipo, per chi non conosce le opzioni call, che può semplicemente considerarle strutturalmente identiche ai diritti. E che in più, nel nostro caso, possono essere "esercitate" in qualunque momento, ovvero possono essere scambiate appena lo si ritiene conveniente con il sottostante.

Quello che è successo è semplicemente uno scontro tra due arbitraggi, e quindi relativi arbitraggisti: da un lato chi arbitraggiava i diritti con le opzioni, ovviamente acqustando diritti e vendendo opzioni; dall'altro chi arbitraggiava le opzioni con i titoli, visto che le vendite dei primi arbitraggisti hanno inevitabilmente fatto scendere il prezzo delle opzioni call sotto il valore di parità con il sottostante, rendendone quindi possibile un'operazione molto semplice: coprare le call, esercitarle immediatamente e rivendere quindi il sottostante ottenuto a mercato (non è propriamente un "arbitraggio", ma i puristi della semantica sono sicura mi perdoneranno).

Questo scontro ha creato una dinamica fortemente instabile, generando quelle che ha generato nelle quotazioni di venerdì.

Chi ha pagato? Sempre gli stessi PAT, che dubbi hai? Non ti esplicito la risposta perchè è troppo facile.

Il primo arbitraggio però, come ha fatto notare un nick di là, non era temporalmente coperto, a meno di non andare in fail.

Niente di male ad andare in fail, ho visto gestori specializzati in arbitraggio di convertibili andare scientemente in fail e pagare volentieri la penale..... semmai il problema è che per andare scientemente in fail devi avere un tacito accordo con l'intermediario.

Perchè se hai l'intermediario sbagliato (o meglio "corretto"), stare anche solo un giorno scoperto di un titolo ti costa carissimo.


PS Ricordo una domanda fatta da GiuliaP a Cren in altri lidi ed in occasione dell'ADC di Unicredit, rimasta senza risposta (Cren se non vede almeno una equazione differenziale passa oltre....): perchè lo scarto tra azioni e diritti è sempre costante (in quel caso era poco superiore al 3%....)????
 
Ultima modifica:

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Il primo arbitraggio però, come ha fatto notare un nick di là, non era temporalmente coperto, a meno di non andare in fail.
Non ho letto la discussione, ma chi ha chiuso le vendite in giornata non è andato in fail. Ed in questo caso una giornata è bastata. Se poi possedeva i diritti e non ha esagerato con le vendite, credo non abbia neanche violato il divieto di short.

PS Ricordo una domanda fatta da GiuliaP a Cren in altri lidi ed in occasione dell'ADC di Unicredit, rimasta senza risposta (Cren se non vede almeno una equazione differenziale passa oltre....): perchè lo scarto tra azioni e diritti è sempre costante (in quel caso era poco superiore al 3%....)????
Quello fu un altro caso particolare; non ricordo la domanda, ma la risposta è semplice: costi di arbitraggio.
 

Imar

Forumer attivo
Registrato
30 Gennaio 2009
Messaggi
944
Non ho letto la discussione, ma chi ha chiuso le vendite in giornata non è andato in fail. Ed in questo caso una giornata è bastata. Se poi possedeva i diritti e non ha esagerato con le vendite, credo non abbia neanche violato il divieto di short.

Vero, però mi pare che il nick citato da PAT affermi di aver venduto CALL DITM e poi consegnato i titoli rivenienti dall'ADC.

Anche perchè se ti poni il vincolo di chiudere in giornata diventa una speculazione intelligente, non un vero e proprio arbitraggio
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Vero, però mi pare che il nick citato da PAT affermi di aver venduto CALL DITM e poi consegnato i titoli rivenienti dall'ADC.

Anche perchè se ti poni il vincolo di chiudere in giornata diventa una speculazione intelligente, non un vero e proprio arbitraggio
All'apertura delle posizioni era un arbiraggio vero e proprio.

Non so commentare il caso specifico, ma in corso d'opera, vedendo come è saltato l'equilibrio, si poteva operare di conseguenza. E' come se gli fosse saltata una bomba in mano (in positivo).
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Chi ha pagato? Sempre gli stessi PAT, che dubbi hai? Non ti esplicito la risposta perchè è troppo facile.
Sara' pur troppo facile capire chi ieri ha sbagliato di quotare delle call, e lasciamo pure nell'indeterminatezza la risposta, ma ti pongo io a mia volta una domanda.

Se nel mio lavoro io sbaglio qualcosa che comporta spese (lucro cessante, danno emergente) per il mio committente molto minori dei milioni di Euro di danni che questo tizio (od altri personaggi annessi) ha combinato ieri, debbo rimborsare di tasca mia.

Se nel mio lavoro io invece sbaglio qualcosa che comporta danni per il mio committente sull'ordine di una frazione dei danni che il tizio ha combinato, vengo immediatamente licenziato, oppure ricevo una richiesta di citazione per danni.

Come e' possibile che invece in Italia qualcuno sbagli cosi' in malo modo e non paghi le conseguenze ? :-?

In fine dei conti, il signor Bonaventura era un personaggio che credevo estinto da tempo, eppure c'e' ancora della gente che da casa apre la piattaforma di trading on line e in pochi minuti, grazie alla serendipity, si compra un attico con vista per grazia ricevuta.

Possibile che nessuno venga individuato come responsabile e si finisca sempre a tarallucci
e vino, per non compromettere la buon nomea di chi quei milioni
di Euro li ha persi ?
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto