(OT) Abbiamo 6 mesi di vita, poi l'Italia chiederà il bailout (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Porgo un contributo eccezionale, che nelle intenzioni doveva rimanere riservatissimo e non divulgabile

http://www.slideshare.net/fullscreen/ilfattoquotidiano/report-mediobanca-securities/1

E' l'opinione di Mediobanca offerta agli investitori esteri sul nostro paese, con un ritratto in profondita' che passa in rassegna tutti i punti critici:

- incapacita' di fare le riforme
- bassa tassazione sulla rendita immobiliare
- la drammaticità del caso Ilva
- stato di collasso del sistema manifatturiero
- situazione delle banche di fronte a future svalutazioni in bilancio dell'immobiliare (pare che solo UC e UBI siano attrezzate a sopportare l'adeguamento dei prezzi di mercato ai valori espressi in bilancio, peggio andra' ad Intesa)

80 pagine da studiare attentamente e metabolizzare i contenuti.

Per quanto riguarda la tecnicalita' dell'analisi proposta, un punto controverso riguarda l'importanza dal 2010 attribuita da Mediobanca alla comparazione tra BOT e BTP
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Mediobanca propone un grafico a 2 scale, in cui la prima scala a sinistra e' lo spread, mentre la seconda scala a destra e' il rapporto tra il rendimento dei BTP ed il rendimento dei BOT
 

Allegati

Ultima modifica:

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
Porgo un contributo eccezionale, che nelle intenzioni doveva rimanere riservatissimo e non divulgabile

http://www.slideshare.net/fullscreen/ilfattoquotidiano/report-mediobanca-securities/1

E' l'opinione di Mediobanca offerta agli investitori esteri sul nostro paese, con un ritratto in profondita' che passa in rassegna tutti i punti critici:

- incapacita' di fare le riforme
- bassa tassazione sulla rendita immobiliare
- la drammaticità del caso Ilva
- stato di collasso del sistema manifatturiero
- situazione delle banche di fronte a future svalutazioni in bilancio dell'immobiliare (pare che solo UC e UBI siano attrezzate a sopportare l'adeguamento dei prezzi di mercato ai valori espressi in bilancio, peggio andra' ad Intesa)

80 pagine da studiare attentamente e metabolizzare i contenuti.

Per quanto riguarda la tecnicalita' dell'analisi proposta, un punto controverso riguarda l'importanza dal 2010 attribuita da Mediobanca alla comparazione tra BOT e BTP
Grazie :bow:

Ho letto la notizia ma non avevo sotto mano il report.
 

EUGE

Senior Utente
Registrato
5 Gennaio 2004
Messaggi
949
Località
a SudOvest di Sonora
cerchiamo di restare coi piedi per terra :-o

sei mesi di vita e poi ci facciamo cremare :mumble:

ma tutti gli Africani che ci han fatto importare chi li manterrà ??!! :eek:
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.881
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
80 pagine da studiare attentamente e metabolizzare i contenuti.


cmq, il rimando al bailout deriva dalla incapacità del governo...
... governo che è sostenuto dagli stessi partiti del precedente, e quindi di cui si dubita della effettiva capacità di fare riforme

cui si aggiunge specificamente la preoccupazione per l'Argentina ( di cui ho letto una inflazione al 35% :mumble: )

This is why we think time is a very scarce resource for Italy: the next six months will be crucial to assess if the country can leverage on the ‘low spread QE-driven momentum’ and on the new government to reverse the poor macro trends of the last decade, or if it will inevitably end up in a EU
bailout request, as we currently suspect.
The potential default of Argentina, the likely bailout of Slovenia, the recurring risk for the Letta government to fall short of support from the Parliament or the unplugging of the FED QE measures are just few examples of what could become triggers of renewed market concern on the sustainability of the Italian debt. Argentina in particular worries us, as a new default seems likely.

Not only could Argentina’s problems reignite concern on debt sustainability in peripheral Europe, but it could also have a direct impact on the Italian economy given the exposure to Argentina of many Italian corporates. TI and Tenaris, for instance, have double-digit turnover exposure to the country.
 

Il Conte Pedro

Not so easy
Registrato
12 Gennaio 2009
Messaggi
830
Quindi conviene che rolli il mio short sul FBTP dalla scadenza di settembre a quella di dicembre, così da consegnare direttamente un sottostante defaultato? :D

Certo che però le banche nostre per decenza del piatto in cui mangiano, potrebbero almeno starsene zitte e lasciare il lavoro sporco di questi report ad altri :down:
 
Ultima modifica:

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.881
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
Quindi conviene che rolli il mio short sul FBTP dalla scadenza di settembre a quella di dicembre, così da consegnare direttamente un sottostante defaultato? :D

Certo che però le banche nostre per decenza del piatto in cui mangiano, potrebbero almeno starsene zitte e lasciare il lavoro sporco di questi report ad altri :down:

hai già metabolizzato le 80 pagine?

una delle frasi è:
will be crucial to assess if the country can

dal testo si desume che non sono le banche ma il governo ad avere la leva decisionale ( come ampiamente detto dalla BCE, tra l'altro)

in questo momento sto sentendo il Tg: diktatk e propaganda politica e non proposte serie
in questa ottica, sì: abbiamo 6 mesi :rolleyes:
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
ma prima di commentare, lo hai letto l'articolo ??

Italy seizing up – caution required
Si, mi ci e' voluta un'ora.
Questo report non doveva essere pubblico, se addirittura Enrico Letta ieri ha dovuto risponderne a Lucia Annunz.

Credo che licenzieranno molti perché a margine e' scritto strictly ....
 

Sig. Ernesto

Vivace Impertinenza
Registrato
20 Giugno 2001
Messaggi
3.190
Grazie PAT, molto interessante.

Dal mio modesto osservatorio vedo:

lievi (ma positivi) cenni di stabilizzazione
incremento pubblicità accesso al credito

il che mi farebbe supporre una iniziale blanda restituzione di quanto incamerato a tasso zero dagli istituti di credito con lauti profitti (tassi medi 6-7% +spese)

Non mi stupirei di un balzo entro fine anno dei finanziamenti concessi (nella maggior parte per ristrutturazione debitoria)

Saluti e buona giornata.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto