ETF Operatività degli ETF armonizzati short e/o a leva (1 Viewer)

casguzze

Trade what you see
Registrato
26 Agosto 2009
Messaggi
497
Ti voglio bene.
Ho un pò da fare con il lavoro, ma torno appena possibile.
Ok appena puoi ti leggerò con piacere! :up:

Intanto vorrei chiederti secondo te un neofita che volesse cominciare a comprare/vendere etf giusto per imparare (anche se provengo dal trading intra azionario), volendo tirar su qualche centinaio di euro con che capitale dovrebbe partire? (unico investimento etf e nient'altro...)

Grazie
Enzo
 

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
Strategia Relative Value

Da un documento AMUNDI “Asset Management”
Strategie di “relative value” con ETF short e long obbligazionari su indice EuroMTS
1. Se ci attendiamo un appiattimento della curva dei rendimenti ad es. nel tratto 1-3anni contro 7-10anni: comprare ETF Short bond governativi 1-3y e ETF Long bond governativi 7-10y
2. Se ci attendiamo un aumento della pendenza della curva dei rendimenti ad es. nel tratto 1-3anni contro 7-10anni: comprare ETF Long bond governativi 1-3y e ETF Short bond governativi 7-10y
3. Se ci attendiamo un allargamento dello spread core-periferia: comprare ETF Short bond governativi (maturity 1-3, 3-5, 5-7, 7-10) e acquistare Future (Shatz, Bobl, Bund)
4. Se ci attendiamo un restringimento dello spread core-periferia: comprare ETF Long bond governativi (maturity 1-3, 3-5, 5-7, 7-10) e vendere Future (Shatz, Bobl, Bund)
 

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
Nuovi punti interessanti

In un 3d di un altro forum, su gentile indicazione di un amico, trovo una disussione sull'efficienza degli ETF short o a Leva. In tale discussione si dice che:

A) Gli ETF strutturati sono massimamente penalizzanti per periodi di detenzione > 1 giorno.

B) Gli ETF in leva >1 e <-1 non replicano l'andamento del sottostante perdendo valore nel tempo (time decay) causa la fortissima penalizzazione imposta dalla volatilità del sottostante (più essa aumenta meno l'ETF strutturato guadagna, si parla di “volatility drag”), dal trattamento fiscale e dai costi frizionali (leggi TER, e spread denaro lettera); essi arrivano a sottoperformaces > del 100%.

C) Gli ETF strutturati short "semplici", quindi antagonisti del sottostante, meritano un discorso a parte per le caratteristiche di copertura paventate inizialmente dalle emittenti.
Tale copertura è assolutamente inefficiente per i costi cui sopra e la penalizzazione imposta dalla volatilità.

Anche secondo la ns. esperienza, gli ETF short o a Leva non sono strumenti adatti allle strategia di buy&hold e si comportano in maniera molto diversa dall'attesa (in peggio) in presenza di alta volatilità. Scopro, però, che sono stati pubblicati dei lavori che affrontano in maniera analitica rigorosa i fenomeni che sono alla base di tali limitazioni all'utilizzo degli ETF short e a Leva: il "time decay" e il "volatility drag". Allego i documenti cui ho dato uno sguardo: ho capito che avrei dovuto ri-iscrivermi al Politecnico per dominarli; aspetterò di andare in pensione. Cmq, mi sembra interessante cominciare con il postarli.
 

Allegati

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
Ok appena puoi ti leggerò con piacere! :up:

Intanto vorrei chiederti secondo te un neofita che volesse cominciare a comprare/vendere etf giusto per imparare (anche se provengo dal trading intra azionario), volendo tirar su qualche centinaio di euro con che capitale dovrebbe partire? (unico investimento etf e nient'altro...)

Grazie
Enzo
Se mi permetti, la domanda non può essere esaurita con una risposta breve; richiederebbe molte altre informazioni sulletue aspettative e sui tuoi obiettivi.
Per non annoiare nessuno e cercare di essere sintetico, ci sono due punti collegati importanti: il livello di rischio e la diversificazione del ptf.
Poichè il secondo è particolarmente importante secondo tutti gli analisti che ho letto per l'anno in corso, ne consegue che non si può fare trading, senza correre grandi rischi, con un capitale ridotto puntando su uno/due ETF.

Ti allego un documento per incominciare a conoscere gli ETF.
 

Allegati

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
Sempre sulla diversificazione e sulla copertura, argomenti particolarmente importanti in un mercato molto volatile, in un altre 3d, ale85gt scrive:

A volte preferisco giocare sia long che short nello stesso tempo , su materie prime dall'andamento piuttosto collegato, in modo da ridurre il rischio e compensare eventuali perdite..
 

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
Volatility drag

Abbiamo accennato a due nuovi termini, uno è volatility drag. Esso non attiene solo agli ETF short o a Leva ma a tutti gli investimenti. Cerchiamo, con semplicità di definire il termine in maniera operativa:

Volatility Definition
First, we need to agree on definition of volatility. It's basically the variation from the average value over a measurement period. If a price varies a great deal from day to day, the volatility will be high, and conversely if the day to day variation is low, the value of volatility will be low as well.
While it get pretty complicated in a hurry when you burrow into the statistics, and you factor in things like lognormal returns, and stationary processes, it can be approximated by saying that if the volatility is calculated by the standard deviation of the asset prices, then approximately 2/3 of
the time the price will be within one standard deviation of the average price over time.

Volatility Drag - Why the Average Investor Cares About Volatility
Why would your average investor care? There's another subtle effect on long term stock returns called volatility drag. This is what happens to the annual return on an investment when the year to year returns are volatile. It's best explained with an example..
For the 30 years following 1966 the S&P 500 averaged about approximately 7.8% a year, if you just averaged the individual annual returns. But, if you had an initial investment of $1000, at the end of the 30 year period, you had a healthy $666K, but this represents a compounded annual return of only 6.5%. Where did the rest of the money go? This is the volatility drag.
Here's an example, assume you just invested for 2 years, and the first year you got a +25% return, and the second year you got a -25% return. That's obviously an average return of 0%, but you really got (1+.25) x (1-.25) or a final value of .9375, or a negative overall return of 6.25%, for a compounded annual return of -3.18%. And the story gets worse with more periods or wider swings.
Another easy example would be a gain of +100 percent, and a negative 50%. This gives an apparent average gain of 25%, but the net return is actually zero.
Financial advisors and newsletters take advantage of this all the time. That's why they almost always advertise average annual gains instead of compounded annual returns, as the numbers always look better. Keep that in mind the next time you get some advertisement that suggests huge annual returns. This is also one of the major attractions of hedging and hedge funds.
Finally, volatility will cause market makers to increase the bid ask spread on stocks they make the market in. For thinly traded markets, for example when investing in penny stocks, that just makes it that much tougher to make a profit on a trade.
The Way to Calculate Volatility
For options trading, the usual way to calculate volatility is to take the trailing 20 periods (which for a daily calculation is almost one month of market days) The standard deviation is calculated on the daily closing price. To calculate the standard deviation, you find the average price over the range of days, you take the daily difference between the price and the average, and square that, sum it over the 20 days, and divide by 20 (this value is known as the variance). You then take the square root, and that is the standard deviation, which is the number used to represent the volatility.
 
Ultima modifica:

almares

Nuovo forumer
Registrato
10 Febbraio 2009
Messaggi
112
ciao a tutti.
continuando anch'io a cercare di capire la "trappola" short-lev ecome uscirne fuori o non "caderci dentro" ho provato a costruire scenari su excel. confermo (nel mio piccolissimo con discreti loss) i micidiali effetti decay e volatility path; ho tentato in base alle indicazioni del formidabile amico porcospino a creare modelli comparativi di investimenti doppi simultanei su LONG-SHORT e SHORT-LEV sulla base degli scostamenti dipendenti dal percorso aritmentico (decay) e anche su strumenti STOP&REVERSE. sintetizzando; ALLA LARGA da SHORT+LEV e STOP&REVERSE; x il LONG-SHORT lo scostamento reciproco che poreterebbe una plusvalenza è di circa 1,5% (al netto di commissioni medie dello 0,2%) su di una variazione dell'indice + o - 12% del sottostante. ritengo, profanamente, pertanto che non ne valga la pena,e , per chi capace, di operare direttamente con azioni e protective put, oppure direttamente con minifuture o CFD (ma con altre e rischiose problematiche). grazie per tue ulteriori considerazioni porcospino
 

IlPorcospino

Forumer storico
Registrato
18 Febbraio 2010
Messaggi
1.515
Località
Genova
2) si può stimare in base ai tuoi modelli il max. svantaggio % sulla base della massima oscillazione e del numero dei cicli
3) mi sembra di capire che se esiste uno svantaggio operativo di -x% sulla quotazione etf sulla base di un'ampiezza +-dy% del sottostante sulla base di n. cicli si avrà una perdita n. per -x%.
:)
grazie ragazzi !!!
ho fatto anch'io delle simulazioni su ciclo random di variazioni di 60 gg
(e purtroppo anche seprienze dirette....... ahi!!!)))
che confermano quanto dici porcospino.
a questo punto occorrerebbe trovare un metodo che segnali (o meglio che valuti ) il livello di volatilità entro il quale il gap diventa inaccettabile, o che suggerisca il poeriodo temporale max su cui operare in short o lev long. non sarà facile. ma con VOI...... ciao a tutti voi e grazie ancora.
Il lavoro “Leveraged ETFs Holding Periods and Investment Shortfalls” riporta una formula che parrebbe dare una risposta a alcune delle domande poste in questo 3d e rimaste senza risposta (per ignoranza del Porcospino). Riporto la formula e la verifica che ho fatto utilizzando una nota di Motningstar. Le cose sembrano tornare; se così fosse, la formula andrebbe approfondita.


Mornigstar nel paper “Levereged ETF may not perform the way you think” riporta una stima di Horizons BetaPro in due casi “tipici”; applicando la formula ai due casi in oggetto, trovo gli stessi risultati. Essi sono:
1. Indice che torna al valore iniziale dopo un anno con volatilità 25%.
2. Indice che torna al valore iniziale dopo un anno con volatilità 50%.
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto