open interest e volatilita' dal 24 al 28 febbraio (1 Viewer)

kiRman

debosciato senior
Registrato
15 Novembre 2002
Messaggi
24.740
Buona domenica a tutti.

Venerdi' l'indice ha aperto poco sopra i 23000, e' andato di poco sotto per testare il supporto, ha preso coraggio e, a corrente un po' alternata riesce a chiudere sui massimi poco sopra i 23500.

Volumi e contratti fib in diminuzione, in aumento l'open interest.

Volatilita' media intraday in leggero aumento, in diminuzione anche quella implicita considerando la scadenza marzo.

L'ipercomprato ancora ci assilla, anche se un po' di ipervenduto almeno su qualche titolo si nota.

Per questo mese considereremmo le opzioni call dalla 21000 alla 270000 e per le put dalla 19000 alla 25000, in pratica siamo su due gradini al di sotto rispetto a febbraio, questo perche' siamo 500 punti esatti sotto la chiusura del 17 gennaio.

L'indice dovrebbe congestionare per un po' intorno a 23500, (call 23500 open in leggero uamento e volatilita' in diminuzione put 23500 open in leggera diminuzione e volatilita' in aumento).
In ogni caso non ci dovrebbero essere partiocolari accelerazioni ne da una parte ne dall'altra in quanto sia la call 24000 che la put 23000 aumentano nettamente l'open interest e diminuiscono in volatilita'.
Il trend dovrebbe essere comunque, almeno per ora, moderatamente rialzista (diminuzione della volatilita' implicita ed aumento dell'open sul fib che si e' mosso in sintonia con l'indice).

Operativamente conviene rimanere flat in overnight, in intraday si potrebbe tentare qualche short su mancata tenuta dei 23500 o sotto 23400 con obiettivo 23300200. Semmai ce ne fossero le posizioni rialziste dovrebbero essere chiuse su forza intorno a 23600-700 ed in ogni caso su mancata tenuta dei 23500.

kilman
 

kiRman

debosciato senior
Registrato
15 Novembre 2002
Messaggi
24.740
L'indice congestione per tutta la giornata in un range di circa 300 punti. La chiusura e di poco inferiore all'apertura e praticamente invariato ripsetto a venerdi'.

Volumi in lieve diminuzione come i contratti fi, in aumento l'open interest sul fib30.

Volatilita' media intraday suppergiu' stabile, in aumento quella implicita sulle opzioni.

Buona riduzione dell'ipercomprato.

La situazione non cambia rispetto a ieri e dovrebbe continuare un andamento laterale (call 23500 open in lieve aumento e volatilita' in netto aumento, put 23500 open e volatilita' in lieve diminuzione). Anche se probabilmente aumentera' la pressione ribassista (open sul fib in aumento, ed aumento della volatilita' implicita totale), non ci dovrebbero essere partiocolari accelerazioni ne da una parte ne dall'altra in quanto sia la call 24000 che la put 23000 continuano ad aumentare l'open interest seppur con un aumento della volatilita'.

Operativamente si potra' andare corti su mancato recupero dei 23550 con obiettivo intorno a 22200. Da qui si potrebbe tentare un reverse. Per il momento si esclude un'operativita' rialzista.

kilman
 

kiRman

debosciato senior
Registrato
15 Novembre 2002
Messaggi
24.740
Il previsto aumento della pressione ribassista c'e' stato, tuttavai la discesa e' andata sotto il target indicato a circa 23200 con volumi e contratti fib in aumento ed anche open interest in aumento.

La volatilita' media intraday e' aumentata di poco, mentre quella implicita sale in maniera piu' vistosa.

La forte discesa dell'indice non ha generato confusione oltre la norma sul mercato delle opzioni. Le opzioni call piu' scambiate e' stata la 25000, mentre invece la 23000 non e' stata particolarmente trattata. Segno questo che i margini di recupero ci dovrebbero essere. Anche il fatto che la put 23000 aumenta l'open interest seppur con un aumento della volatilita' va interpretato in questa maniera.

Desta preoccupazione l'aumento dell'open interest sul fib in coerenza con la discesa dell'indice. Potrebbe creare un tappo al recupero dell'indice.

Operativamente sarebbe meglio mettersi flat

kilman
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
vola statica al 27% ancora stabile nonostante il forte movimento dell'indice. In aumento l'mplicita che prezza quasi uniformemente sia sulle call che sulle put dal 30 al 34%. (se si escludono punte elevate per le put OTM che raggiungono il 40%).

L'open interest totale , depurato della scadenza febbraio, è ancora molto basso. Gli fà da contraltare l'incremento dell'OI del fib passato oltre le 15000 posizioni. Questo non significa altro (secondo me) che l'attività latente sulle opzioni è stata sostituita da acquisto titoli a fisso e coperture aperte con il fib.

é da qualche tempo, credo, che questa sia la tecnica + utilizzata. Ad ogni discesa dell'equity gli istituzionali comprano azioni e vendono fib, per non trovarsi impreparati in caso di rovesciamento di fronte.

Cosa strana risulta che durante la discesa le opzioni + trattate siano le put (ricordo che considero le opzioni come prodotti da vendere) e questo và a ridurre il differenziale call/put ancora, per altro, favorevole alle prime.

Il call/ put ratio che stazionava nella parta alta del range di oscillazione , piano piano è rientrato e si trova addirittura adesso nella parte passa indicando un eccesso di pessimismo, come se si fosse di fronte ad una decisa partenza del sottostante verso l'alto.

fine della fiera dal mercato opzioni si rileva che nel breve l'indice potrebbe ancora correggere, ma non nel medio, dove le posizioni sno ottimistiche.

la mappa dell'OI su scadenza corta è così formata.

BASE . . . OI..... Vola

Call 27000 9.048 32%
Call 25000 7.034 29%
Put 20000 5.416 41%
Put 22000 4.568 35%
Put 23000 4.549 32%
Call 24000 3.990 30%
Call 26000 3.529 29%
Put 21000 2.838 37%
put 24000 2.371 31%
Put 22500 2.096 33%
 

Driver

Forumer attivo
Registrato
6 Gennaio 2000
Messaggi
782
Località
Ascoli Piceno
....fine della fiera dal mercato opzioni si rileva che nel breve l'indice potrebbe ancora correggere, ma non nel medio, dove le posizioni sno ottimistiche....

Ottima analisi, arsenio. Potresti chiarire cosa intendi per breve e medio? Ciao.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
Driver ha scritto:
....fine della fiera dal mercato opzioni si rileva che nel breve l'indice potrebbe ancora correggere, ma non nel medio, dove le posizioni sno ottimistiche....

Ottima analisi, arsenio. Potresti chiarire cosa intendi per breve e medio? Ciao.
fidati delle mie analisi sempre cum granus saliis :)

io analizzo le 2 scadenze in corso, con maggior attenzione alla corta.

quindi per breve intendo pochi giorni, per medio la scadenza in corso (marzo)

ciao


ps
---------------------------------------------------------------------------


aggiungo qui qualcosa che ho scritto sul post del fib , ma che può essere argomento di discussione.


sull'OI del fib.

ultimamente l'Open interst del fib si trova su livelli mediamente bassi , pensiamo che nel 98 si aggirava sulle 26000 posizioni medie annuali , mente ora arriva a malapena a 13.000.

segno questo che il nostro mercato è sempre + fatto da operatori che lavorano in intraday , mentre gli istituzionali si spostano sempre + sullo stoxx50 in continua crescita di interesse.

Sicuramente anche in relazione alle turbative provenienti dalla tensione geopolitica l'open interest del fib si muove sempre + spesso in controtendenza dell'interpretazione classica.

io stò cercando di variare l'interpretazione classica(ci stò lavorando sopra in quanto potrebbe essere temporanea questa situazione) con considerazioni diverse. Ora o si accetta che il mercato si muove solo a conseguenza degli stop loss, oppure la ragione è un'altra. Gli operatori istituzionali usano il fib a copertura di posizioni prese sull'equity, quindi tenendo conto che investire su un indice è mediamente meno rischioso che non nei suoi componenti , sono in posizione ideale per poter cavalcare l'eventuale onda al rialzo o ribasso che sia.

tutto questo per dire che non mi fido (come spesso ho fatto in passato) a prendere posizioni solo seguendo l'Open nterest in quanto potrebbe essere solo l'espressione di coperture.

le coperture sono + facilmente effettuabili attraverso altri strumenti derivati come mib0 e isoalpha, ma fino a che la vola implicita prezzerà sopra il 30% risulta troppo caro agli operatori e si andrà avanti con il fib.
 

NICO

Nuovo forumer
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
114
X ARSENIO

Ciao carissimo
riguardo alla ta interpretazione dell'uso del fib a copertura acquisto azioni mi sembra un'ipotesi un po tirata per i capelli e ti dico perchè a me non quadra molto,
se così fosse chi è che vende le azioni?????
mi spiego tu dici si compra fisso e si vende fib per coprirsi ma in realtà scendono insieme fisso e fib quindi chi vende il fisso evidentemente lo fa con piu forza e volumi di chi lo compra coprendosi con il fib
in altre parolo se anche qualche operatore stesse operando come tu supponi sarebbe comunque in minoranza sul mercato quindi poco significativo

mmm mi sa che si capisce poco quello che volevo dire spero nella tua arguzia, io non sono bravissimo ad esporre il mio dubbio

fammi sapere

ciao
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
nico

può darsi tutto, intanto quello che ho scritto è frutto di un dubbio,

allora, io ho sempre creduto di saper interpretare abbastanza bene il mercato opzioni e l'open interest del fib. Su questi 2 elementi baso quasi tutto il mio operato.
Ora che trovo difficoltà ad applicare le mie conoscenze sullo strumento dell'OI in quanto non si comporta come la teoria classica e l'esperienza mi hanno insegnato, mi arrovello le meningi per capirne i motivi.

Forse sarà solo la tensione geopolitica o forse è un evolversi nuovo.

le spiegazioni che mi dò sono quelle che ho scritto, ma per convincermene mi serve + tempo oppure qualcuno che mi spieghi dove sbaglio.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto