Obbligazioni bancarie obbligazioni bancarie e bad bank (1 Viewer)

albicocco

Forumer storico
Registrato
13 Gennaio 2009
Messaggi
1.850
In banca mi hanno detto che le subordinate in caso di nazionalizzazione è possibile che vadano perse.
E' poi da vedere la questione dei bond che potrebbero essere ceduti con gli attivi tossici alle bad bank.
In effetti sembrerebbe che sulle voci di nazionalizzazione i bond di City siano scesi (sic!) ,questo perchè ,secondo alcuni, in parte i bond finiranno nella bad bank con gli attivi spazzatura.
Aiutatemi a capire: acquistando un bond io presto a una banca che mi piace; questa sua sponte ad un certo punto mi dice "PIPPILIMERLO CUCU" io non ti pago piu' ; ti pagherà la mia bad bank se cela farà.
Giuridicamente questo è possibile negli USa? E in Italia com'è regolata la cessione di debito bancario?
Le cartolarizzazioni riguardano i crediti bancari.

Nei regolamenti dei prestiti è previsto che gli emittenti possono accollare a terzi il loro debito senza il consenso del creditore?

Se non esiste un minimo di paravento giuridico e meglio che esca dai bond bancari che ho in portafoglio...
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
In banca mi hanno detto che le subordinate in caso di nazionalizzazione è possibile che vadano perse.
E' poi da vedere la questione dei bond che potrebbero essere ceduti con gli attivi tossici alle bad bank.
In effetti sembrerebbe che sulle voci di nazionalizzazione i bond di City siano scesi (sic!) ,questo perchè ,secondo alcuni, in parte i bond finiranno nella bad bank con gli attivi spazzatura.
Aiutatemi a capire: acquistando un bond io presto a una banca che mi piace; questa sua sponte ad un certo punto mi dice "PIPPILIMERLO CUCU" io non ti pago piu' ; ti pagherà la mia bad bank se cela farà.
Giuridicamente questo è possibile negli USa? E in Italia com'è regolata la cessione di debito bancario?
Le cartolarizzazioni riguardano i crediti bancari.

Nei regolamenti dei prestiti è previsto che gli emittenti possono accollare a terzi il loro debito senza il consenso del creditore?

Se non esiste un minimo di paravento giuridico e meglio che esca dai bond bancari che ho in portafoglio...
Se ne è parlato qui...

http://www.investireoggi.it/forum/2...nazionalizzata-e-i-bond-scendono-vt38709.html

Il meccanismo good bank - bad bank funzionerebbe un po' sulla falsariga, per fare un esempio italiano recente, di Alitalia, dove c'è stata una good company ed una bank company.

Per legge si scinde una good bank da una bad bank in funzione del valore degli attivi: mettiamo, per fare un esempio grossolano, che su 10 unità di attivi della banca, 7 sono di asset tossici e 3 sono di asset buoni.

Tu obbligazionista, al posto di 1000 euro dei tuoi vecchi bond, ricevi in concambio forzoso 700 euro in nuovi bond della bad bank e 300 euro in nuovi bond della good bank.

Sui secondi non avrai perdite, sui primi porterai a casa quello che la bad bank riuscirà a tirare fuori attraverso una procedura di dismissione degli asset.
 

albicocco

Forumer storico
Registrato
13 Gennaio 2009
Messaggi
1.850
Grazie per i chiarimenti I98mark. In ogni caso tu parli di legge (nuova legge) che consentirebbe alle banche di scaricare le loro perdite anche sui bondisti.
Io ho bond, abbastanza liquidi, di Mediobanca, Intesa e UNIC, le ultime due assai malconce.
Dovrei venderle se la situazione si complicasse ancor di piu'
La fregatura sarebbe un decreto fatto in un week end tipo quello di Amato sui c/c
Penso però che difficilmente il ns. Berlus, che si atteggia a gran difensore dei risparmiatori, arriverebbe a tanto.Seguendo il forum e il Sole dovrei fare in tempo ad uscire.
Quello che trovo strano è che Intesa e UNIC non abbiano ancora bussato alle porte del Tesoro. Le banche americane l'hanno fatto già mesi
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
Grazie per i chiarimenti I98mark. In ogni caso tu parli di legge (nuova legge) che consentirebbe alle banche di scaricare le loro perdite anche sui bondisti.
Io ho bond, abbastanza liquidi, di Mediobanca, Intesa e UNIC, le ultime due assai malconce.
Dovrei venderle se la situazione si complicasse ancor di piu'
La fregatura sarebbe un decreto fatto in un week end tipo quello di Amato sui c/c
Penso però che difficilmente il ns. Berlus, che si atteggia a gran difensore dei risparmiatori, arriverebbe a tanto.Seguendo il forum e il Sole dovrei fare in tempo ad uscire.
Quello che trovo strano è che Intesa e UNIC non abbiano ancora bussato alle porte del Tesoro. Le banche americane l'hanno fatto già mesi
Non è detto che la facciano, la nazionalizzazione, neanche negli USA ... non è detto che si faccia da noi, non è detto che, facendola, ci si trovi nella necessità di penalizzare gli obbligazionisti senior unsecured...

Il mercato ha timore perché si è capito che le banche sono andate, si sono spinte oltre, anche quelle che non hanno necessariamente asset tossici in portafoglio... io mi chiedo come sia possibile che ci sono paesi dell'Est Europa in cui i mutui negli ultimi 2-3 anni sono stati prevalentemente erogati in CHF.

Così tenete bassa la rata, dicevano le banche.

Poi il CHF è passato da 1,60 contro euro a 1,48 e nei confronti delle valute deboli dell'est europa si è apprezzato ancora di più, ed ecco che questi crediti sono diventati tutti "tossici", ossia potenzialmente ad elevato rischio insolvenza, perché i debitori si sono visti salire la rata magari del 30% o più in pochi mesi... :cool:
 

porchetto

la casa non fallisce
Registrato
5 Gennaio 2009
Messaggi
3.382
mark ma sti attivi tossici che cosa sono mi pare incredibile siano solo mutui subprime?
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
mark ma sti attivi tossici che cosa sono mi pare incredibile siano solo mutui subprime?
E' scritto al post sopra... se io banca faccio un mutuo in CHF ad un polacco che guadagna l'equivalente di 400 euro al mese in Zloty e, causa rivalutazione del CHF sullo Zloty, al tizio gli cresce la rata del 30% in 6 mesi, quello diventa un asset tossico, perché lo metto nelle condizioni di non potermi pagare le rate... e siccome nel 2005-2007 circa la metà dei mutui in Polonia è stato contratto in CHF....
 

porchetto

la casa non fallisce
Registrato
5 Gennaio 2009
Messaggi
3.382
mark non ti ho risposto prima perchè ero in treno e stavo per arrivare,
se mi permetti di fare un post border line con il cazz..ggio e l'ot racconto una cosa che potrebbe far riflettere. (al limite spostami su immobiliare perchè è abbastanza attinente)

Ero, o meglio ancora formalmente sono, presidente regionale di un'associazione della proprietà edilizia, scissione di una grande, questa associazione era pilotata dai romani (ecco il motivo con il quale mi avevano cooptato) e doveva trovare delle attività economiche da proporre alle federazioni provinciali per sostenerle economicamente (se non gira il sesterzio si ferma tutto), così fecero una convenzione con Abbey National per vendere mutui per l'acquisto di prime case.

I dirigenti provinciali vennero tutti invitati ad un corso introduttivo ai mutui
ed anche io partecipai perchè vendendo case mi interessa sapere come favorirne l'acquisto con i finanziamenti, mica per prendere provvigioni.

ebbene al corso ci specificarono che Abbey National (ora assorbita da Barclays credo) specializzata nei mutui casa non era assolutamente favorevole a mutuare altro che non fosse la prima casa. alla mi adomanda dle motivo mi fu coloritamente risposto "se gli pignorano la casa magari manda la moje a batte ma il mutuo lo paga"

è vero che negli ultimi anni anche in italia ho visto fatti mutui ai miei acquirenti che voi umani frequentatori di IO non potreste neanche immaginare ( mutuo per acquisto prima casa con consolidamento di indebitamento a breve del 120% del valore dell'immobile compravenduto, mutuo a genitori ultraottantenni garantiti da semplice fidejussione del figlio già protestato ) ma quando il CHF sale e la rata è più pesante Jarosław magari c'ha la moje Świętosława gnokka :pig: :-D


Non vorrei che tutto sto pandemonio è dovuto ad altri motivi e non semplicemente ai soli mutui sub prime
 
Ultima modifica:

mazzolo12

Nuovo forumer
Registrato
28 Maggio 2007
Messaggi
64
E' scritto al post sopra... se io banca faccio un mutuo in CHF ad un polacco che guadagna l'equivalente di 400 euro al mese in Zloty e, causa rivalutazione del CHF sullo Zloty, al tizio gli cresce la rata del 30% in 6 mesi, quello diventa un asset tossico, perché lo metto nelle condizioni di non potermi pagare le rate... e siccome nel 2005-2007 circa la metà dei mutui in Polonia è stato contratto in CHF....
Riuscire a trovare una definizione per il termine "asset tossico" è la sfida scientifica del 2009.
Tutti sanno che ci stanno invadendo, ma nessuno sà come sono fatti: per alcuni sono CDS per altri mutui cartolarizzati per altri...tutto è tossico.

Intanto bisognerebbe arrivare a distinguere tra asset falsi ed asset problematici.

I mutui segnalati da i98mark li metto tra gli asset problematici: in un ottica di mercato questo fenomeno dei mutui in CHF/Zloty potrebbe anche condizionare il mercato dei cambi fino ad ottenere un cambio che permetta la solvibilità dei mutui.
Insomma quando c'è un qualcosa di reale dietro (es. famiglie che lavorano) si può ragionare anche di recovery ratios anche accettabili

Diverso è il discorso degli asset falsi: se io ho creato delle società fittizie alle isole Cayman, il cui unico scopo è far sparire i soldi.....
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
mark non ti ho risposto prima perchè ero in treno e stavo per arrivare,
se mi permetti di fare un post border line con il cazz..ggio e l'ot racconto una cosa che potrebbe far riflettere. (al limite spostami su immobiliare perchè è abbastanza attinente)

Ero, o meglio ancora formalmente sono, presidente regionale di un'associazione della proprietà edilizia, scissione di una grande, questa associazione era pilotata dai romani (ecco il motivo con il quale mi avevano cooptato) e doveva trovare delle attività economiche da proporre alle federazioni provinciali per sostenerle economicamente (se non gira il sesterzio si ferma tutto), così fecero una convenzione con Abbey National per vendere mutui per l'acquisto di prime case.

I dirigenti provinciali vennero tutti invitati ad un corso introduttivo ai mutui
ed anche io partecipai perchè vendendo case mi interessa sapere come favorirne l'acquisto con i finanziamenti, mica per prendere provvigioni.

ebbene al corso ci specificarono che Abbey National (ora assorbita da Barclays credo) specializzata nei mutui casa non era assolutamente favorevole a mutuare altro che non fosse la prima casa. alla mi adomanda dle motivo mi fu coloritamente risposto "se gli pignorano la casa magari manda la moje a batte ma il mutuo lo paga"

è vero che negli ultimi anni anche in italia ho visto fatti mutui ai miei acquirenti che voi umani frequentatori di IO non potreste neanche immaginare ( mutuo per acquisto prima casa con consolidamento di indebitamento a breve del 120% del valore dell'immobile compravenduto, mutuo a genitori ultraottantenni garantiti da semplice fidejussione del figlio già protestato ) ma quando il CHF sale e la rata è più pesante Jarosław magari c'ha la moje Świętosława gnokka :pig: :-D


Non vorrei che tutto sto pandemonio è dovuto ad altri motivi e non semplicemente ai soli mutui sub prime
:D
Sul fatto della prima casa sono d'accordo anche se insomma dipende, perché come dicevi tu, di cose turpi ne sono state fatte e probabilmente in quesi paesi - che sono 20 anni soltanto da che sono passati al capitalismo e dunque non saranno smaliziatissimi in fatto di finanza - probabilmente anche più turpi che da noi...

Poi tieni conto che sopra tutta questa roba si è magari costruita anche finanza strutturata di varia natura ....

Cmq non sono solo i mutui residenziali... ancora nei primi mesi del 2008 c'era i finanzaiamenti all'edilizia commerciale ed industriale che venivano considerati difensivi in molti paesi... c'è tutti i prestiti per i leveraged buyout (svariate centinaia di miliardi di dollari solo nella prima metà del 2007, tutti in operazioni ad altissimo rischio), la relativa finanza strutturata...

In certi paesi come USA e Corea del Sud ci sono percentuali record di default pure sulle carte di credito... :D
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
Riuscire a trovare una definizione per il termine "asset tossico" è la sfida scientifica del 2009.
Tutti sanno che ci stanno invadendo, ma nessuno sà come sono fatti: per alcuni sono CDS per altri mutui cartolarizzati per altri...tutto è tossico.

Intanto bisognerebbe arrivare a distinguere tra asset falsi ed asset problematici.

I mutui segnalati da i98mark li metto tra gli asset problematici: in un ottica di mercato questo fenomeno dei mutui in CHF/Zloty potrebbe anche condizionare il mercato dei cambi fino ad ottenere un cambio che permetta la solvibilità dei mutui.
Insomma quando c'è un qualcosa di reale dietro (es. famiglie che lavorano) si può ragionare anche di recovery ratios anche accettabili

Diverso è il discorso degli asset falsi: se io ho creato delle società fittizie alle isole Cayman, il cui unico scopo è far sparire i soldi.....
Lì probabilmente più che di asset tossici, parliamo di lavori di fotocopiatrice alla Calisto & Faustino.... ;)
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto