Obbligazioni bancarie Obbligazioni Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca (5 lettori)

gain over

Nuovo forumer
Registrato
23 Maggio 2016
Messaggi
171
Io ero flat poi il 13/6 è uscito il comunicato ufficiale 101 del MEF e ho deciso di entrare.
Se ci fossero brutte sorprese sulle senior penso che un avvocato di media bravura non abbia problemi a vincere la causa. IMHO

Ministero dell'Economia e delle Finanze
Ufficio Stampa
Comunicato n. 101
Il ministro Padoan sulle banche venete: “La soluzione è prossima”
In relazione all’andamento delle discussioni in corso su Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan comunica che la soluzione è ormai prossima e che le interlocuzioni con le istituzioni europee sono incoraggianti. Il Ministro ribadisce che la soluzione non contemplerà alcuna forma di bail-in e che obbligazionisti senior e depositanti saranno in ogni caso pienamente garantiti.
Roma, 13 giugno 2017
Ore 9:35
 

darkog

In Hoc Signo Vince..
Registrato
12 Marzo 2012
Messaggi
4.696
Io ero flat poi il 13/6 è uscito il comunicato ufficiale 101 del MEF e ho deciso di entrare.
Se ci fossero brutte sorprese sulle senior penso che un avvocato di media bravura non abbia problemi a vincere la causa. IMHO

Ministero dell'Economia e delle Finanze
Ufficio Stampa
Comunicato n. 101
Il ministro Padoan sulle banche venete: “La soluzione è prossima”
In relazione all’andamento delle discussioni in corso su Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan comunica che la soluzione è ormai prossima e che le interlocuzioni con le istituzioni europee sono incoraggianti. Il Ministro ribadisce che la soluzione non contemplerà alcuna forma di bail-in e che obbligazionisti senior e depositanti saranno in ogni caso pienamente garantiti.
Roma, 13 giugno 2017
Ore 9:35
Ma si certo.. anche ieri hanno garantito su tutto. Aspettiamo e vediamo quale sarà la soluzione definitiva.

Mi auguro con il cuore che anche i sub possano avere una recovery. Sarebbe davvero assurdo che azionisti abbiano ricevuto 15% di indennizzo e subisti azzerati.
Tralasciando tutte le altre porcate che sono state fatte in questi ultimi anni.
 

Volpe1975

Nuovo forumer
Registrato
9 Dicembre 2014
Messaggi
63
Mi ricorda tanto la discussione fatta a proposito di retail nel caso di Mps ....pagine e pagine e poi dopo si è scoperto che venivano ristorati con senior soltanto coloro che avevano acquistato prima di una certa data ....,forse anche in questo caso sarà così per i subisti ...????per le senior non credo che siano parte del gioco ,altrimenti chiunque potrebbe appellarsi al comunicato scritto del mef!!!!! Credo che oggi stiano limando i dettagli sui sub e sugli esuberi con UE ed ecco il motivo dello slittamento ,poi se vogliono complicarsi la vita coinvolgendo i senior non immaginate neppure le conseguenze sui mercati ,l'opinione pubblica sì è abituata ai sub ormai trattata come carne da macello ,ma i senior nell'immaginario collettivo del risparmiatore medio sono considerati intoccabili e per chi non lo sapesse noi siamo il popolo con maggior risparmio pro capite sebbene viviamo in un paese fortemente indebitato ....che controsenso frutto di una mentalità conservatrice sviluppata soprattutto nel meridione !
 

Volpe1975

Nuovo forumer
Registrato
9 Dicembre 2014
Messaggi
63
Ma no certo.. mi riferivo al post di Tommy che diceva che si poteva applicare la soluzione di cui si parlava nell'articolo.

Ma il MEF e il governo hanno preso una posizione forte.. e quella devono tenere.
Ciao dark infatti condivido il tuo ragionamento ....sto iniziando a seguire questo forum di là troppe chiacchiere ma pochi scambi di opinioni/informazioni serie ,peccato perché ci sono persone competenti ,in ogni caso qualora coinvolgessero i senior dopo una dichiarazione scritta del mef si vince facile
 

capital_gain

Moderator
Membro dello Staff
Registrato
16 Maggio 2016
Messaggi
412
Credo che si riferiscono ai sub retail non ai senior che sarebbero esclusi del tutto poi aspettiamo il decreto s questo punto
Per i senior è prevista una tutela integrale, stando alle dichiarazioni (e al comunicato n. 101) del governo. Il resto sono puri esercizi i calcolo...
 

darkog

In Hoc Signo Vince..
Registrato
12 Marzo 2012
Messaggi
4.696
Ciao dark infatti condivido il tuo ragionamento ....sto iniziando a seguire questo forum di là troppe chiacchiere ma pochi scambi di opinioni/informazioni serie ,peccato perché ci sono persone competenti ,in ogni caso qualora coinvolgessero i senior dopo una dichiarazione scritta del mef si vince facile
Io ormai nn scrivo quasi più da nessuna parte.
Troppe chiacchiere.. troppe cose che non mi piacciono.
 

070162

Bond..... solo BOND
Registrato
10 Marzo 2012
Messaggi
2.315
ultimo mio personalissimo pensiero...

quando questa vicenda nel bene o nel male sarà finita... i tecnocrati europei che hanno fatto pressioni a manca e a dx... ritorneranno nelle loro tane...

mentre i burattini italioti si beccheranno tutte le cause e ne ...pagheranno tutte le conseguenze...

... ma forse la notte porterà consiglio...
 
Ultima modifica:

russiabond

Grazie Europa...
Registrato
9 Gennaio 2000
Messaggi
16.337
Località
Stato Estero
by fol

L’ANALISI

Il governo prepara 7 miliardi
L’ultima trattativa con Intesa

Dovrebbero chiudere 600 dei 900 sportelli delle due banche venete. La complessa trattativa con Cà de Sass sui contratti per cedere i rami d’azienda
di Federico Fubini


shadow


Non è una battaglia, ma una sfida di fioretto con qualche affondo di troppo. E non è una partita fra due avversari, ma fra tre squadre chiamate a concludere in un weekend ciò per cui in altre condizioni sarebbero serviti anche sei mesi. Perché nel negoziato per la liquidazione di Veneto Banca e della Popolare di Vicenza, con la cessione a Intesa Sanpaolo di circa venti miliardi di crediti di buona qualità e altrettanti debiti, c’è almeno una certezza: va chiuso subito. Entro stasera il governo deve varare il decreto che avvia la liquidazione delle due banche e stanzia le risorse per gestire le parti deteriorate. Deve farlo, perché domani mattina alla riapertura degli sportelli centinaia di migliaia di risparmiatori devono avere certezze sui loro depositi e sul rapporto con la loro banca. Nient’altro può garantire una transizione ordinata per le prime banche di dimensioni significative mai messe in liquidazione in Italia.

Per questo il confronto, a ritmo frenetico, è fra tre parti, con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro del Tesoro riuniti tutto il pomeriggio a Palazzo Chigi e i vertici del Tesoro, a partire dal direttore generale Vincenzo La Via, al lavoro nella notte. Le tre parti sono il governo, Intesa Sanpaolo con la sua squadra legale e la direzione generale Concorrenza della Commissione Ue. Il precipitato della discussione sarà in un numero: l’ammontare dell’impegno finanziario da parte del governo per prendere in gestione tutti i crediti deteriorati delle due banche, accompagnare l’uscita di circa migliaia di dipendenti e versare degli aiuti alla ristrutturazione per ammortizzare l’impatto sociale in Veneto.






Quel numero, a ieri sera, sembrava cadere un po’ al di sotto degli otto miliardi di euro. Il resto delle risorse per gestire la liquidazione verrebbero poi reperite secondo i criteri già annunciati della legge italiane e europea: azzeramento del capitale e del debito subordinato, un intervento che agli ultimi dati di bilancio delle due banche potrebbe generare circa cinque miliardi di euro.

Quanto ai sette miliardi di euro circa che il governo investirà nella gestione dei dissesti, non tutto verrà recuperato ma certamente nel tempo per lo Stato ci sarà la possibilità di rientrare buona parte di quell’impegno. In buona parte dipenderà da quanto saranno bassi o alti i prezzi ai quali lo Stato si farà carico dei crediti cattivi e da quanto efficace e paziente sarà la sua gestione. Nel caso del Banco di Napoli, finito in dissesto a metà degli anni ’90, dopo un ventennio la quota di recupero era arrivata al 90%. Alla fine il costo per il contribuente del dissesto delle due banche venete potrebbe dunque essere inferiore a quanto inizialmente temuto.

I numeri dell’impegno finanziario contenuto nel decreto in approvazione oggi non sono ancora consolidati per un motivo preciso: il negoziato è ancora aperto. Non più tanto con la Commissione europea, perché Bruxelles ha già messo in chiaro le sue richieste da giorni. La direzione generale Concorrenza esige in primo luogo che ci sia una severa ristrutturazione della capacità industriale nella parte di Veneto Banca e della Popolare di Vicenza che passa a Intesa Sanpaolo; su poco meno di 900 sportelli ancora in funzione, se ne dovrebbero chiudere circa seicento (mentre metà dello staff dei due istituti opera dalle sedi centrali), a maggior ragione perché Intesa a sua volta ha altri 800 sportelli in Veneto. La Commissione Ue chiede poi che, dopo l’intervento pubblico, la “bad bank” rimasta ai commissari liquidatori non avvii nuove attività operative e che l’aiuto alla ristrutturazione in Veneto non sia fuori proporzione. Non dovrebbero però esserci ostacoli seri nel trovare un punto di equilibrio fra Roma e Bruxelles.

I contatti invece sono stati particolarmente intensi ieri fra le squadre di Intesa Sanpaolo e quella del Tesoro. Un accordo sul contratto di cessione dei rami d’impresa delle due banche venete all’istituto milanese da parte dei liquidatori, con i relativi costi futuri per entrambe le parti, è infatti il presupposto di tutto. Il contratto verrà formalizzato in seguito. Ma solo se quel patto viene definito subito in tutti i dettagli diventa possibile iscrivere nel decreto entro oggi una cifra di stanziamento dello Stato per la parte restante delle due banche. Per questo fra le due parti il confronto a tratti è stato anche duro: i negoziatori di Intesa puntano a contenere i costi operativi di cui si fa carico la banca, per esempio sul numero dei dipendenti da trasferire dalla banche venete (in ogni caso, quasi tutti); i tecnici e l’ufficio legislativo del Tesoro invece spingono in direzione opposta, per ridurre al minimo l’impegno finanziario pubblico che sarà iscritto nel decreto di oggi.

Ogni nodo sciolto nel negoziato obbliga a rifare i conti e a cambiare la formulazione del decreto, con impegno costante degli esperti giuridici. E la lista delle questioni legali, contabili, industriali e amministrative da risolvere in poche ore è impressionante. Seguiranno poi le questioni successive, legate per esempio alla Banca centrale europea. È infatti possibile che da Francoforte non vengano a Intesa Sanpaolo richieste di rafforzare il capitale a seguito dell’acquisizione. Poi, verso fine anno, la Bce concluderà la valutazione sul patrimonio adatto per ciascuna banca vigilata e in quell’esercizio l’Eurotower terrà senz’altro conto anche dell’operazione sulle venete oggi ancora in corso.

24 giugno 2017 (modifica il 24 giugno 2017 | 22:37)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Leberna

Forumer storico
Registrato
25 Agosto 2010
Messaggi
4.362
Scusate, ringraziando tutti quelli che stanno fornendo notizie utili, e sapendo che nessuno è preveggente, se passa il decreto è legittimo immaginare che almeno le sub vengano blocatte lunedi? Voglio dire, se verranno convertite-azzerate o quel che sia, lo sarà già a partire da lunedi o occorrerà attendere altri passaggi amministrativi? Visto che il decreto legge avrà validità immediata, mi viene da pensare che già da lunedi i SUB non saranno trattabili.. penso male?
Grazie
LEB
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 5)

Alto