O.T: Margin Call, chi l'ha visto ? (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Ecco un altro avvincente film che ci proietta all'interno del mondo della finanza e che ci mostra un altro clamoroso episodio di cinismo nel nome del denaro. Di milioni, anzi miliardi di denaro. Miliardi di denaro, che molti pagando sulla propria stessa pelle, hanno scoperto essere andati letteralmente in fumo, grazie a meccanismi complessi e investimenti troppo audaci tradotti in titoli spazzatura, i cosiddetti derivati, che banche e grandi finanziarie internazionali si passavano l'un l'altra, finché la bolla non è esplosa.

"Margin Call" ci racconta, quasi in forma di thriller, proprio la lunga notte di un colosso finanziario, che scopre di essere ormai esposto per un entità di denaro ben superiore al proprio valore azionario. Insomma, un disastro a cui bisogna porre rimedio entro 24 ore per non ritrovarsi con "le pezze al culo", o peggio in prigione. Anzi, bisogna trovare il modo di guadagnarci ancora di più. Scontato il licenziamento di centinaia di dipendenti, che tuttavia, commuove assai meno i grandi capi, della morte del cane di uno di loro, bisogna comunque affidarsi a quelli più in gamba che siano in grado di compiere il lavoro sporco.

Al confronto con il management immaginario (ma quanto verosimile) del film diretto da J.C. Chandor, lo squalo di "Wall Street" Gordon Gekko intepretato da Michael Douglas è un'innocente fanciulla, per non parlare dei provinciali nostrani, la famiglia Tanzi e Fausto Tonna (raccontati in "Il gioiellino" di Andrea Molaioli).

I vertici della grande banca d'investimenti di "Margin Call", sono forse ancora peggiori, proprio perché ci appaiono più umani, ma di fronte al rischio di perdere tutti i privilegi accumulati, sono disposti a tutto. Ogni piccolo o grande dubbio etico li attraversa solo come l'ombra di una nuvola, che velocemente si sposta da un'altra parte, su un altro grattacielo e su un altro squalo della finanza. Ma questo non toglie cheChandor, scrittore e regista al suo primo lungometraggio non sia capace di tratteggiare a tutto tondo una galleria di personaggi difficili da dimenticare, a cominciare dal grande capo interpretato da un immenso Jeremy Irons, via via più giù fino al responsabile del trading Sam Rogers (Kevin Spacey) fino al giovane analista, che svela il disastro annunciato (Zachary Quinto).
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Chi l'ha visto e l'ha trovato interessante potrebbe condividere qualche osservazione o rilievo.

L'ho visto in ritardo in questi giorni.

A mio avviso e' il piu' realistico film che abbia finora visto sulla finanza, decisamente superiore alle sequel dei vari Wall Street 1987 e 2009 che mi sembravano troppo stereotipati.

Alcune scene interessanti:

1) l'arrivo iniziale dell'Ispettorato nella forma di 2 donne legali
2) il vero licenziamento in tronco, procedura che fortunatamente non sperimenteremo mai in Italia con il distacco del telefono di casa e la restituzione della Sim
3) il discorso del capo (di livello), che fa vedere ai superstiti come il licenzialmento dei colleghi possa essere considerato un aspetto anche positivo per la introdotta minor concorrenzialita' nella carriera
4) l'equazione su cui si sosteneva il business della banca e' "sbagliata"
5) il CEO che nulla capisce del problema ma che si finge inizialmente ottimista
6) "non possiamo solo vendere" perche' tutti si accorgerebbero che stiamo solo vendendo e non comperiamo. Desteremmo sospetto"
7) la paga annuale di 2.500.000 dollari per un capo di livello e di 250.000 per l'ultima ruota del carro, un rookie 23enne
8) come vengono spesi 2.000.000 di dollari in un anno a New York: 250.000 per il mutuo, 50% in tasse, 150.000 per l'autovettura, 80.000 in vestiti e ristoranti, una parte considerevole di cui non mi ricordo piu' l'entita' in prostitute.
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Pregevole anche la scena della riunione di emergenza con il CEO arrivato direttamente sull'eliporto in cima al grattacielo di una New York surreale nel pieno della notte.

Il CEO da milioni di stock options, ovvero il n.1 assoluto, chiede direttamente al neoassunto da 250.000 dollari (PHD al MIT in fisica) i problemi provocati dall'equazione sbagliata, mentre i dirigenti intermedi, sia quello da 2.500.000 che quello ancora di grado superiore, mostrano e rendono addirittura dichiarazione pubblica di vanto di non aver capito nulla del problema.

"Cerchi di spiegare bene il problema della banca in parole semplici, come si farebbe cercando di spiegarlo ad un bambino"

:D
 

Allegati

Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Sono rimasto colpito da altri particolari del film.

1) durante la notte a New York i server sono sempre accesi e tutti i monitor LCD continuano a plottare grafici e news finanziarie in assenza di personale. Nella piu' morigerata realta' italiana di Milano, i monitor di notte vengono spenti, per una giustificata necessita' di risparmio energetico.

2) nella movimentata riunione notturna, il CEO Jeremy Irons (foto in basso) afferma: per fare i soldi esistono solo 3 metodi:
2a) essere i primi, inteso come fama
2b) essere i migliori
2c) imbrogliare
Per l'Italia credo esista si possa aggiungere una ulteriore variante
2d) essere parenti o amici

3) verso la fine del film, contornato da una bottiglia di vino nero, Jeremy Irons pranza da solo in un ristorante agli ultimi piani del grattacielo, con fantastica vista notturna sulla city.

Viene detto essere il ristorante riservato ai dirigenti.

Chi pensa che privilegi analoghi non esistano in Italia si sbaglia di brutto, e sara' sorpreso nell'apprendere che anche un'importante banca meneghina possiede delle proprie cucine riservate ai dirigenti. Vi fornisco un unico indizio: nell'ultimo bilancio il costo medio per dipendente di questa importante banca milanese di alcune centinaia di dipendenti e' risultato essere di 280.000 Euro pro-capite.

Tuttavia solo i dirigenti pasteggiano con ostriche e spigole fresche, gli altri dipendenti che non possono accedere alle stock options posso solo annusare gli odori. :D

Forse pero' l'Italia nel campo gastronomico supera la city, come spesso accade quando la realta' supera la fantasia. Quando non ci sono cucine interne dedicate i dirigenti delle societa' quotata in borsa si arrangiano con il catering. Sono stato testimone personale di racconti relativi all'abitudinarieta' di un camion di societa' di catering sbarcato nella piazza (interdetta al traffico) dove ha sede il palazzo della societa' quotata in borsa. Hanno visto scendere camerieri in livrea con bottiglie di vino pregiato, vassoi di caviale e quant'altro attinente che veniva fatto salire tramite l'ascensore per servire nel modo piu' consono la riunione del CDA in corso.

Luka immagina abbia capito l'identita' di questa societa' quotata in borsa senza che debba fornire degli indizi
 

Allegati

Erunion

Nuovo forumer
Registrato
16 Gennaio 2010
Messaggi
48
Io ero rimasto colpito, sopra ogni cosa, dal discorso di Emerson (il tipo biondo, sales senior se non ricordo male) al rientro all'alba sull'Aston Martin.

Non ricordo i dettagli avendolo visto un paio di mesi fa, ma in sostanza faceva notare al ragazzo il concetto di "essere indispensabile per le persone normali", lo "spostare avanti l'ago della bilancia", con il quale "si permette loro di vivere come dei re".

In due minuti scarsi una bella fotografia della società contemporanea, a mio modesto parare ;)

Edit:questa, per intenderci [ame]http://www.youtube.com/watch?v=2f2kGHcdJYU[/ame]
 
Ultima modifica:

Giardiniere

Nuovo forumer
Registrato
3 Marzo 2012
Messaggi
82
"Cerchi di spiegare bene il problema della banca in parole semplici, come si farebbe cercando di spiegarlo ad un bambino"

:D
In effetti e' cosi', in questo ambiente pù sali in alto e maggiori devono essere gli sforzi per tradurre i concetti "tecnici" in parole semplici. Non ho visto il film ma da quello che hai descritto deve essere interessante. Grazie della segnalazione. :)
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
L'ho visto l'anno scorso, e non ricordo bene i dettagli.

Ricordo che mi piacque abbastanza da arrivare al finale (grande cast), ma mi lasciò diversi dubbi e perplessità. In particolare mi suonarono alcune stonature sulla necessità e possibilità, in quel frangente, di un margin call totale in un unico giorno.

Qualche spiegazione ricordo la fecero passare, ma, per quanto mi riguarda, niente di convincente.

Personalmente le aspettative erano di gran lunga superiori alla resa.
In ogni caso un film non per tutti.

P.S. La scena che rimase impressa a me fu quella del discorso sull'efficienza, attraverso la costruzione di un ponte. Ma non ricordo bene neanche quella :D
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Io ero rimasto colpito, sopra ogni cosa, dal discorso di Emerson (il tipo biondo, sales senior se non ricordo male) al rientro all'alba sull'Aston Martin.

Non ricordo i dettagli avendolo visto un paio di mesi fa, ma in sostanza faceva notare al ragazzo il concetto di "essere indispensabile per le persone normali", lo "spostare avanti l'ago della bilancia", con il quale "si permette loro di vivere come dei re".

In due minuti scarsi una bella fotografia della società contemporanea, a mio modesto parare ;)

Edit:questa, per intenderci Margin Call Best Quote by Will Emerson - YouTube

Mi era del tutto sfuggito questo passaggio, grazie !
P.S. E il salesman, quello da 2.500.000 dollari l'anno che spende quasi integralmente in auto, mutui, vestiti, ristoranti, vini e ovviamente donne.
 

Erunion

Nuovo forumer
Registrato
16 Gennaio 2010
Messaggi
48
In particolare mi suonarono alcune stonature sulla necessità e possibilità, in quel frangente, di un margin call totale in un unico giorno.
Anche io rimasi perplesso dalla decisione. La liquidai come esigenza cinematografica per mantenere alto il livello di tensione in tutti i 90' del film. Ci sono invece motivi di necessità reali per un mossa simile?

Peraltro stiamo spoilerando eventuali lettori del thread...suggerirei di aggiungere al titolo del thread il tag [contiene spoiler]
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Anche io rimasi perplesso dalla decisione. La liquidai come esigenza cinematografica per mantenere alto il livello di tensione in tutti i 90' del film.
Si, condivido.

Ci sono invece motivi di necessità reali per un mossa simile?
In effetti ci si dovrebbe trovare nella situazione di sapere in anticipo, in esclusiva, che lo strutturato posseduto potrebbe andare a 0 da un momento all'altro. A prescindere da un eventuale margin call, che assumerebbe un rilievo del tutto ... marginale :).

Nel loro caso invece, se ricordo bene, la situazione nasce dalla presa di coscienza dell'utilizzo di un modello di rischio insufficiente durante una fase di mercato anormale. Una cosa stile LTCM, per intenderci.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto