NON SAi MAI QUANTO SEI FORTE, FINCHE' ESSERE FORTE E' L'UNICA SCELTA CHE HAI. (1 Viewer)

DANY1969

Forumer storico
Registrato
23 Marzo 2009
Messaggi
20.580
(Chuk Palahniuk)
Buongiorno lurida famiglia :rolleyes:
Il cetriolo di oggi mi ha fatto davvero male... non solo al fisico :rolleyes:, ma soprattutto al morale. Se anche uno come Draghi è riuscito a fare la figura del fesso... cosa posso pretendere io. Non ho le armi e la preparazione giusta per combattere in un mercato del genere. Ne esco sconfitta e umiliata. Non aggiungo altro perchè non voglio tediarvi con le mie lagne :up:
 

Allegati

olly®

DIO E'DONNA!!!
Registrato
27 Febbraio 2002
Messaggi
40.477
Località
PESARO
(Chuk Palahniuk)
Buongiorno lurida famiglia :rolleyes:
Il cetriolo di oggi mi ha fatto davvero male... non solo al fisico :rolleyes:, ma soprattutto al morale. Se anche uno come Draghi è riuscito a fare la figura del fesso... cosa posso pretendere io. Non ho le armi e la preparazione giusta per combattere in un mercato del genere. Ne esco sconfitta e umiliata. Non aggiungo altro perchè non voglio tediarvi con le mie lagne :up:




Dany....ascolta un idiota....è solo questione di tempo e devi credermi come devi credere che anche oggi è una splendida giornata di sole!!!:D:D:D
 

Allegati

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
24.502
Località
Lecco
Ciao Giò,
questione di tempo , ma da quale parte ?

Non voglio rompere i cojoni - come al solito - ma qualcuno vede delle buone prospettive nell'economia reale ?

Lasciamo perdere questo settore, la borsa, che non rispecchia la realtà.

Siamo a livello post seconda guerra mondiale, con la differenza che allora :
- non avevamo nulla ;- gli americakani erano dalla nostra parte ; c'era voglia di fare; i tedeschi avevano la testa bassa;
le tasse erano basse; eravamo di meno; le banche facevano il loro mestiere; stampavamo moneta; chissà quanto si potrebbe aggiungere .....

E oggi ?
 
Ultima modifica:

alicetta

Molmed, boia chi la molla!!!
Registrato
24 Maggio 2011
Messaggi
4.944
Località
Nuku Hiva
Hai mal di testa ?
Anno 2000 A.C. - ...allora mangia questa radice !
Anno 1000 D.C. - ...la radice e' inutile e non serve.... prega Dio per la tua guarigione !
Anno 1700 D.C. - ...la preghiera non guarisce e non serve ... fai un salasso !
Anno 1850 D.C. - ...il salasso debilita e non serve .... prendi questa pozione !
Anno 1940 D.C. - ...la pozione e' un intruglio e non serve ... prendi questa pillola !
Anno 1980 D.C. - ...la pillola ha effetti collaterali gravi e non serve... prendi questo antibiotico !
Anno 2000 D.C. - ...l'antibiotico distrugge le difese del corpo e non serve ... prendi medicine naturali... mangia questa radice !
 
Ultima modifica:

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
24.502
Località
Lecco
Opinione isolata....o verità silente ?

Draghi, siamo sicuri sia un banchiere centrale?

di: Luca Ciarrocca Pubblicato il 02 agosto 2012| Ora 23:56

WSI consiglia sommessamente al board della Bce di abolire la conferenza stampa del presidente. Dopo il grossolano esito di ieri, un comunicato sara' piu' credibile della serie senza fine di gaffe ed errori compiuti da Mario Draghi. Con effetti devastanti per l'euro e l'Europa. Opinione di Luca Ciarrocca*


E pensare che Mario Draghi ci era sempre piaciuto, come italiano atipico e assi degno di rispetto, per cultura e modi, in quel caravanserraglio di capi e capetti che, in economia e politica, ha imperversato negli ultimi 20 anni devastando l'Italia. Sembrava davvero fatto di stoffa migliore invece, anche per lui va riservato un bel posto in qualche girone infernale. Sono bastati pochi mesi di potere vero, al vertice della seconda banca centrale piu' importante del mondo, per contaminarlo. E' imbolsito, invigliacchito, infiacchito ed e' ormai totalmente incline al "moral hazard" e alle trame delle lobby di potere. Mai difendera' i cittadini, e' cosi' ovvio. Da ieri mr. Draghi ha perso 10000 punti, tutto il nostro favore e la stima (che prima aveva).

Da ieri, giovedi' 2 agosto 2012, il presidente della Bce non e' piu' credibile agli occhi dell'intero mercato mondiale. E' finito. Ancor meno credibile e' l'istituzione che dirige, la Banca centrale europea, istituto di emissione di una moneta in via di default, anche se tuttora in circolazione in decine di paesi.

In via temporanea, aspettando gli eventi, WSI consiglia sommessamente al board della Bce di abolire la conferenza stampa del presidente. Dopo il grossolano esito di ieri, un comunicato scritto e inviato a Reuters e Bloomberg sara' piu' affidabile della conference "live" ed evitera' la serie senza fine di gaffe ed errori come quelli compiuti da Mario Draghi. Con effetti devastanti per l'euro e l'Europa.

Vediamo rapidamente quali.

1) Mr. Draghi e' parso troppo italiano, il suo inglese pessimo, nonostante i tanti anni passati a New York. Perfino Trichet si esprimeva meglio. Spesso non capiva e non ricordava la prima parte delle domande lunghe. Era distratto, not focused.

2) E' inammissibile che un banchiere centrale sostenga in pubblico "di non shortare l'euro", come mr. Draghi ha fatto, nello stupore generale. Cio' abbassa il livello del discorso pubblico e istituzionale a una lotta personale tra lobby, tra guardie e ladri, tra speculatori ed enti di controllo. Con enorme confusione di ruoli.

3) E' inaudito che un banchiere centrale sostenga - senza neanche misurare le parole (si risenta i discorsi di Alan Greespan....) che le sue stesse parole di una settimana prima avevano creato "aspettative" sul mercato, e che proprio la creazione di queste aspettative era cio' a cui lui, come presidente della Bce, in effetti mirava. Era proprio l'effetto voluto? Ma cio' e' inaccettabile. Avendo quelle dichiarazioni ("faremo di tutto per salvare l'euro") avuto un effetto assolutamente rialzista su tutti i mercati - azionari, obbligazionari e forex - Draghi potrebbe essere messo in stato di accusa per aggiotaggio.

4) Col senno di poi, 7 giorni dopo, si direbbe quindi che mr. Draghi abbia bluffato con quello speech "rialzista" e rassicurante sull'euro. Ebbene: erano state concordate, quelle dichiarazioni, con il board della Bce? Erano state accettate e condivise (o magari suggerite...) dall'azionista di maggioranza della Banca centrale europea e vero burattinaio dell'ex governatore della Banca d'Italia (da ieri e' palese) cioe' herr Jens Weidmann, presidente della Bundesbank?

5) Se e' cosi', allora e' vero che la Buba ci ha messo una settimana per vedere il bluff e mr. Draghi ha aspettato da un giovedi' all'altro per fare marcia indietro, sostenendo che in quel suo disocrso che aveva fatto tanto scalpore non c'era proprio nulla di quello che il mercato, e i media, ci avevano voluto vedere o leggere, provocando cosi' il rialzo dell'euro e delle borse.

6) La cosa migliore che mr. Draghi potrebbe fare, adesso, e' dimettersi. Diciamo la verita': mai Paul Volcker, Alan Greenspan o Ben Bernanke, presidenti passati e in carica della Federal Reserve americana, si sarebbero mai azzardati a dichiarare per gli Stati Uniti di "non shortare il dollaro". E mai nessuna alta carica parlera' di mercati, se non in termini generici, come i presidenti degli Stati Uniti che non entrano nei dettagli. Un'affermazione quindi di una gravita' senza precedenti. Mr. Draghi non abbandonera' la Bce. Ma la sua credibilita' e' azzerata.

7) Mr. Draghi, infine, da ora in poi rimarra' il cavalier servente non solo ufficiosamente ma ormai ufficialmente della Germania e della politica di Angela Merkel, in un'Europa che non funziona piu', ingiusta, debole con i forti e arrogante con i deboli. Un'Europa che permette a certuni paesi di finanziarsi all'1 virgola qualcosa per cento (bund decennale della Germania) mentre altre nazioni cosiddette periferiche (ex PIIGS) sono costrette a dissanguarsi ricorrendo al mercato con bond emessi al 6,3% (livello del Btp Italia a 10 anni ieri sera). Anche se, diciamo un'altra verita', tutte le banche europee saranno per sempre grate a mr. Drgahi che le ha finanziate e salvate lasciando che prendessero a prestito dalla Bce oltre 1 trilione di euro (mille miliardi) al tasso dell'1%, lo scorso dicembre.

Per favore, signori della Bce, la prossima volta dateci in pasto un comuicato, sule vostre pessime decsioni, qualsiasi esse siano. Magari con note a fondo pagina. Non vogliamo piu' sentire parlare "in voce" Mario Draghi. Senza contare che, con poche avventate parole, in mezzora ieri il nostro italiano d'Europa - la'tro Mario - ha fatto perdere allo spread -10,7%. Cosi' ora all'Italia rifinanziare il proprio debito kolossal di 2 trilioni di euro costa 500 punti-base in piu' rispetto alla Germania. E' questa l'Europa e sono questi i leader europei che vogliamo?

* Luca Ciarrocca e' il direttore e fondatore di Wall Street Italia
 

silpla2000

che bello il yo yo
Registrato
17 Marzo 2009
Messaggi
32.367
Località
hawaii
(Chuk Palahniuk)
Buongiorno lurida famiglia :rolleyes:
Il cetriolo di oggi mi ha fatto davvero male... non solo al fisico :rolleyes:, ma soprattutto al morale. Se anche uno come Draghi è riuscito a fare la figura del fesso... cosa posso pretendere io. Non ho le armi e la preparazione giusta per combattere in un mercato del genere. Ne esco sconfitta e umiliata. Non aggiungo altro perchè non voglio tediarvi con le mie lagne :up:
dany è tutta una sceneggiata, le parole di draghi di 7 gg fa furonono applaudite anche dai crucchi, il giorno prima del board i crucchi dicono che la bce non può farn nulla e il giorno dopo il drago s'inventa un'altra sceneggiata, quindi rimango del paee di farli scannare tra di loro e star lontano dalla borsa:rolleyes:

Dany....ascolta un idiota....è solo questione di tempo e devi credermi come devi credere che anche oggi è una splendida giornata di sole!!!:D:D:D
il tempo cura le ferite non il portafoglio giò:wall:

Ciao Giò,
questione di tempo , ma da quale parte ?

Non voglio rompere i cojoni - come al solito - ma qualcuno vede delle buone prospettive nell'economia reale ?

Lasciamo perdere questo settore, la borsa, che non rispecchia la realtà.

Siamo a livello post seconda guerra mondiale, con la differenza che allora :
- non avevamo nulla ;- gli americakani erano dalla nostra parte ; c'era voglia di fare; i tedeschi avevano la testa bassa;
le tasse erano basse; eravamo di meno; le banche facevano il loro mestiere; stampavamo moneta; chissà quanto si potrebbe aggiungere .....

E oggi ?

tutto vero quello che dici, ma ormai è inutile a mettere il coltello nella piaga


giorno a tutti

per poco dimenticavo cosa ha fatto la ciofeca
amsc 4.30 +0.76 (21.47%
 
Ultima modifica:

silpla2000

che bello il yo yo
Registrato
17 Marzo 2009
Messaggi
32.367
Località
hawaii
Opinione isolata....o verità silente ?

Draghi, siamo sicuri sia un banchiere centrale?

di: Luca Ciarrocca Pubblicato il 02 agosto 2012| Ora 23:56

WSI consiglia sommessamente al board della Bce di abolire la conferenza stampa del presidente. Dopo il grossolano esito di ieri, un comunicato sara' piu' credibile della serie senza fine di gaffe ed errori compiuti da Mario Draghi. Con effetti devastanti per l'euro e l'Europa. Opinione di Luca Ciarrocca*


E pensare che Mario Draghi ci era sempre piaciuto, come italiano atipico e assi degno di rispetto, per cultura e modi, in quel caravanserraglio di capi e capetti che, in economia e politica, ha imperversato negli ultimi 20 anni devastando l'Italia. Sembrava davvero fatto di stoffa migliore invece, anche per lui va riservato un bel posto in qualche girone infernale. Sono bastati pochi mesi di potere vero, al vertice della seconda banca centrale piu' importante del mondo, per contaminarlo. E' imbolsito, invigliacchito, infiacchito ed e' ormai totalmente incline al "moral hazard" e alle trame delle lobby di potere. Mai difendera' i cittadini, e' cosi' ovvio. Da ieri mr. Draghi ha perso 10000 punti, tutto il nostro favore e la stima (che prima aveva).

Da ieri, giovedi' 2 agosto 2012, il presidente della Bce non e' piu' credibile agli occhi dell'intero mercato mondiale. E' finito. Ancor meno credibile e' l'istituzione che dirige, la Banca centrale europea, istituto di emissione di una moneta in via di default, anche se tuttora in circolazione in decine di paesi.

In via temporanea, aspettando gli eventi, WSI consiglia sommessamente al board della Bce di abolire la conferenza stampa del presidente. Dopo il grossolano esito di ieri, un comunicato scritto e inviato a Reuters e Bloomberg sara' piu' affidabile della conference "live" ed evitera' la serie senza fine di gaffe ed errori come quelli compiuti da Mario Draghi. Con effetti devastanti per l'euro e l'Europa.

Vediamo rapidamente quali.

1) Mr. Draghi e' parso troppo italiano, il suo inglese pessimo, nonostante i tanti anni passati a New York. Perfino Trichet si esprimeva meglio. Spesso non capiva e non ricordava la prima parte delle domande lunghe. Era distratto, not focused.

2) E' inammissibile che un banchiere centrale sostenga in pubblico "di non shortare l'euro", come mr. Draghi ha fatto, nello stupore generale. Cio' abbassa il livello del discorso pubblico e istituzionale a una lotta personale tra lobby, tra guardie e ladri, tra speculatori ed enti di controllo. Con enorme confusione di ruoli.

3) E' inaudito che un banchiere centrale sostenga - senza neanche misurare le parole (si risenta i discorsi di Alan Greespan....) che le sue stesse parole di una settimana prima avevano creato "aspettative" sul mercato, e che proprio la creazione di queste aspettative era cio' a cui lui, come presidente della Bce, in effetti mirava. Era proprio l'effetto voluto? Ma cio' e' inaccettabile. Avendo quelle dichiarazioni ("faremo di tutto per salvare l'euro") avuto un effetto assolutamente rialzista su tutti i mercati - azionari, obbligazionari e forex - Draghi potrebbe essere messo in stato di accusa per aggiotaggio.

4) Col senno di poi, 7 giorni dopo, si direbbe quindi che mr. Draghi abbia bluffato con quello speech "rialzista" e rassicurante sull'euro. Ebbene: erano state concordate, quelle dichiarazioni, con il board della Bce? Erano state accettate e condivise (o magari suggerite...) dall'azionista di maggioranza della Banca centrale europea e vero burattinaio dell'ex governatore della Banca d'Italia (da ieri e' palese) cioe' herr Jens Weidmann, presidente della Bundesbank?

5) Se e' cosi', allora e' vero che la Buba ci ha messo una settimana per vedere il bluff e mr. Draghi ha aspettato da un giovedi' all'altro per fare marcia indietro, sostenendo che in quel suo disocrso che aveva fatto tanto scalpore non c'era proprio nulla di quello che il mercato, e i media, ci avevano voluto vedere o leggere, provocando cosi' il rialzo dell'euro e delle borse.

6) La cosa migliore che mr. Draghi potrebbe fare, adesso, e' dimettersi. Diciamo la verita': mai Paul Volcker, Alan Greenspan o Ben Bernanke, presidenti passati e in carica della Federal Reserve americana, si sarebbero mai azzardati a dichiarare per gli Stati Uniti di "non shortare il dollaro". E mai nessuna alta carica parlera' di mercati, se non in termini generici, come i presidenti degli Stati Uniti che non entrano nei dettagli. Un'affermazione quindi di una gravita' senza precedenti. Mr. Draghi non abbandonera' la Bce. Ma la sua credibilita' e' azzerata.

7) Mr. Draghi, infine, da ora in poi rimarra' il cavalier servente non solo ufficiosamente ma ormai ufficialmente della Germania e della politica di Angela Merkel, in un'Europa che non funziona piu', ingiusta, debole con i forti e arrogante con i deboli. Un'Europa che permette a certuni paesi di finanziarsi all'1 virgola qualcosa per cento (bund decennale della Germania) mentre altre nazioni cosiddette periferiche (ex PIIGS) sono costrette a dissanguarsi ricorrendo al mercato con bond emessi al 6,3% (livello del Btp Italia a 10 anni ieri sera). Anche se, diciamo un'altra verita', tutte le banche europee saranno per sempre grate a mr. Drgahi che le ha finanziate e salvate lasciando che prendessero a prestito dalla Bce oltre 1 trilione di euro (mille miliardi) al tasso dell'1%, lo scorso dicembre.

Per favore, signori della Bce, la prossima volta dateci in pasto un comuicato, sule vostre pessime decsioni, qualsiasi esse siano. Magari con note a fondo pagina. Non vogliamo piu' sentire parlare "in voce" Mario Draghi. Senza contare che, con poche avventate parole, in mezzora ieri il nostro italiano d'Europa - la'tro Mario - ha fatto perdere allo spread -10,7%. Cosi' ora all'Italia rifinanziare il proprio debito kolossal di 2 trilioni di euro costa 500 punti-base in piu' rispetto alla Germania. E' questa l'Europa e sono questi i leader europei che vogliamo?

* Luca Ciarrocca e' il direttore e fondatore di Wall Street Italia
mamma mia l'ha fatto una chiavica :specchio::specchio::specchio:
 

silpla2000

che bello il yo yo
Registrato
17 Marzo 2009
Messaggi
32.367
Località
hawaii
Avete notato la particolarità di ieri cani morti luridi?S&P500 a -1% e VIX a -4.5%!!!!:eek::eek::eek:Ma che càzzo avete visto voi,pugnettari dei miei cOLLYoni!!:D:D:D
ti sei dato alle foto amatoriali:eek::eek::eek: io ero con lei non ho visto nulla:-o:-o

mandiamo loro alla bce cosi siamo sicuri che non il loro fioretto infilzANO la culona e i suoi servi:-o:-o

Fioretto d'oro! Vezzali&Co dominano la culona:-o



OGGI DUE MEDAGLIE DAL RICCO MONTEPREMI - Sesta giornata olimpica con due medaglie, oro e argento, per l'Italia: le cinque medaglie storiche della prima giornata di gara avevano fruttato agli atleti premi per un totale di 760.000 euro, mentre due conquistate costeranno al Coni 710.000 euro. Alle quattro fiorettiste in pedana questa sera per l'oro andranno 140.000 euro a testa per un totale di 560.000 euro, mentre l'argento conquistato da Battisti e Sartori nel due di coppia canottaggio vale 75.000 euro a testa per un totale di 150.000 euro. Ad oggi, il totale dei premi che il Coni dovrà riconoscere agli atleti vincitori di medaglie è pari a 1.810.000 euro (dei 4.470.000 previsti in totale). Al momento l'atleta più "ricca" è Elisa Di Francisca, 280.000 euro, in virtù dei due ori nel fioretto.
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto