non c'è pace, mò anche il presidente dello IOR (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.377
Finmeccanica: consulenze false a moglie Grilli, Orsi smentisce ROMA (MF-DJ)--Il presidente e amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi avrebbe confidato all'ex presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi di aver affidato consulenze false alla moglie di Vittorio Grilli, attuale ministro dell'Economia. E' quanto emerge dai verbali degli interrogatori a Gotti Tedeschi pubblicati oggi dal Corriere della Sera e dalla Stampa, in cui rivela che "Orsi mi disse di aver risolto e messo a posto alcuni problemi che aveva la moglie di Grilli attraverso l'affidamento, da parte di Finmeccanica, di consulenze false".
Immediata la smentita del numero uno di Finmeccanica. "Non ho mai affidato in vita mia consulenze alla moglie del professor Grilli. Ne' da quando ricopro la carica di amministratore delegato di Finmeccanica, ne' in passato come amministratore delegato di Agustawestland" replica Orsi, in merito a quanto riportato oggi dai quotidiani. red/ren
(END) Dow Jones Newswires
September 05, 2012 03:49 ET (07:49 GMT)
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.377
A CREARE GUAI PER RIGOR MONTIS NON È GRILLO MA IL SUO MINISTRO VITTORIO GRILLI - 2- NEI VERBALI DELL***8217;EX BANCHIERE DELLO IOR GOTTI TEDESCHI CLAMOROSE RIVELAZIONI SUI SUOI RAPPORTI DI AMICIZIA E DI AFFARI CON L'AD DI FINMECCANICA ORSI CHE GLI CONFIDÒ DI AVER AFFIDATO ***8220;CONSULENZE FALSE***8221; ALLA MOGLIE DI GRILLI, ATTUALE MINISTRO DELL'ECONOMIA, E DI AVER COSÌ ***8220;RISOLTO ALCUNI PROBLEMI***8221; DELLA SIGNORA - 3- IN UNA INTERCETTAZIONE GOTTI AFFERMAVA: ***8220;SE RACCONTASSI LE RAGIONI DEL DEFENESTRAMENTO DALLO IOR, ALCUNI GIUDICI SALTEREBBERO DALLA SEDIA***8221;. DI FRONTE AI MAGISTRATI LO CONFERMA E POI AGGIUNGE: ***8220;NON HO MAI AVUTO ACCESSO ALLA LISTA DEI "CLIENTI LAICI" DELLO IOR. CONOSCO L'ESISTENZA DI "CONTI LAICI" DELLO IOR CHE SONO QUELLI DI NON RELIGIOSI (DIPENDENTI ED EX DIPENDENTI DEL VATICANO). NEGLI ULTIMI ANNI SONO STATE APPLICATE PROCEDURE RIGOROSE E I CASI SI SONO RIDOTTI***8221; -

1- A CREARE GUAI PER RIGOR MONTIS NON È GRILLO MA IL SUO MINISTRO


Fiorenza Sarzanini per il "Corriere della Sera"
giuseppe orsi

Il suo ruolo nello Ior e lo scontro con la segreteria di Stato vaticana sulla normativa antiriciclaggio.
Le paure per la propria incolumità. Ma soprattutto i suoi rapporti di amicizia e di affari con l'amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi che gli confidò di aver affidato «consulenze false» alla moglie di Vittorio Grilli, l'attuale ministro dell'Economia, e di aver così «risolto alcuni problemi» della signora.
VITTORIO GRILLI LISA LOWENSTEIN

Sono le clamorose rivelazioni contenute nei verbali del banchiere Ettore Gotti Tedeschi che confermano l'ampia collaborazione dell'ex presidente dell'Istituto opere religiose con i magistrati di Roma e Napoli. E svelano quali siano i nuovi filoni d'inchiesta aperti dopo le sue dichiarazioni.
Il 5 giugno scorso il banchiere ha subito una perquisizione ordinata dai magistrati napoletani Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock che indagavano proprio sulla natura del legame con il manager al vertice di Finmeccanica. E ha deciso di rispondere alle loro domande. Un atteggiamento di totale apertura confermato di fronte agli inquirenti della Capitale - il procuratore Giuseppe Pignatone e l'aggiunto Nello Rossi - titolari del fascicolo sui conti aperti presso la banca della Santa Sede.
ETTORE GOTTI TEDESCHI eco79 lisa grilli

Nella cassaforte del suo ufficio di Milano i carabinieri del Nucleo operativo ecologico hanno rintracciato un memoriale che Gotti aveva preparato per due amici, ma che aveva come destinatario privilegiato papa Benedetto XVI attraverso il suo segretario monsignor Georg Gänswein. Si tratta di una sorta di testamento affidato alla segretaria e nell'intestazione è scritto: «In caso di mio incidente di qualsiasi tipo, in qualsiasi circostanza o momento, lei è autorizzata a dare i documenti di seguito elencati alle seguenti persone...».
oll79 lisa grilli I DEBITI DI FINMECCANICA

L'interrogatorio comincia dagli incarichi ricoperti e Gotti precisa: «Da circa vent'anni sono rappresentante in Italia della banca Santander e sono presidente della banca di credito al consumo della Santander, che ha sede a Torino. Sono stato presidente dello Ior da settembre 2009 al maggio 2012. Inoltre sono titolare di altri incarichi, ma senza deleghe operative. Neppure allo Ior avevo deleghe operative».
i pm napoli woodcock piscitelli curcio

Poi parla dei suoi rapporti con Orsi, che è indagato nell'ambito dell'inchiesta napoletana per corruzione internazionale e illecito finanziamento: «Lo conosco da tanti anni, è stato presidente della AgustaWestland e peraltro è anche lui piacentino. Intorno al 1998-1999 sempre come rappresentante di Santander fui incaricato dalla società "Elettronica" (partecipata da Finmeccanica al 30 per cento) di svolgere un'attività di valutazione e di studio sulla eventuale espansione di tale società sul mercato europeo. Come Santander ho organizzato incontri tra esponenti operativi di Finmeccanica e società del Gruppo Finmeccanica. Ci sono stati finanziamenti Santander a Finmeccanica. Non mi risultano rapporti tra Finmeccanica e lo Ior».
GIUSEPPE PIGNATONE

I magistrati chiedono ulteriori chiarimenti, Gotti spiega di doversi consultare con i suoi collaboratori. E nel successivo interrogatorio del 20 giugno, dopo aver consegnato un appunto «sui rapporti finanziari intercorsi tra banca Santander e il gruppo Finmeccanica», afferma: «Nessuna operazione Santander ha fatto con Finmeccanica per l'India, ha invece partecipato all'operazione di Finmeccanica a Panama. L'esposizione attuale del gruppo Finmeccanica nei confronti di Santander è di 552 milioni di euro».

LA GUERRA IN VATICANO E I «CONTI LAICI»
In una intercettazione telefonica Gotti affermava: «Se raccontassi le ragioni del defenestramento dallo Ior, alcuni giudici salterebbero dalla sedia». Di fronte ai magistrati lo conferma e poi aggiunge: «Non ho mai avuto accesso alla lista dei "clienti laici" dello Ior. Conosco l'esistenza di "conti laici" dello Ior che sono quelli di non religiosi (dipendenti ed ex dipendenti del Vaticano). Negli ultimi anni sono state applicate procedure rigorose e i casi si sono ridotti».
Vaticano la metamorfosi di don Georg Gaenswein segretario del Papa h partb vg30 vittorio lisa grilli

I magistrati gli chiedono conto del memoriale trovato nella cassaforte e lui afferma: «Preciso che la lettera è stata scritta in un momento particolare di tensione che vivo tuttora. Non ho certezze in ordine ai pericoli che pavento nella stessa, ma percezioni che unite alla forte emotività mi hanno indotto a scrivere il memoriale. Voglio precisare che il momento di tensione era collegato anche al cambiamento della legge antiriciclaggio da me fortemente voluta.
srn14 valeria licastro lisa grillivg68 lisa vittorio grilli

Mi si chiede quale organismo Vaticano stava provvedendo a mutare tale legge e io rispondo che stava mutando in segreteria di Stato vaticana perché lo ritenevano opportuno e migliorativo».
Uno scontro che avrebbe portato appunto al suo licenziamento come il banchiere ha precisato allegando al memoriale «la lista dei miei nemici» e nella quale ha inserito il direttore generale Paolo Cipriani e il manager Marco Simeon.


I FINTI CONTRATTI ALLA MOGLIE DEL MINISTRO

A Gotti viene mostrata la trascrizione di una conversazione intercettata il 23 maggio scorso mentre il banchiere è a cena in un ristorante a Roma con Orsi. I due parlano del ministro dell'Economia Vittorio Grilli e ai magistrati che chiedono chiarimenti Gotti spiega: «Prendo atto del tenore della conversazione, neppure ricordavo la vicenda inerente alla moglie di Grilli.
ELICOTTERO AGUSTA WESTLAND AW 9rau13 vittorio grilli mo lisa

In ogni caso è Orsi che parla e mi racconta della moglie di Grilli di cui non sapevo nulla. Ora che ho letto la trascrizione mi ricordo e confermo che Orsi mi disse di aver risolto e messo a posto alcuni problemi che aveva la moglie di Grilli (probabilmente riferendosi alla ex consorte, ndr) attraverso l'affidamento, da parte di Finmeccanica, di "consulenze false"». Su questo dovranno essere adesso svolti ulteriori accertamenti per scoprire a che titolo siano stati firmati questi contratti fittizi e soprattutto a quanto ammonti l'entità di queste consulenze.
u fen119 sus pescante esther crimi lisa grilli

Durante il lungo colloquio captato al ristorante, Gotti e Orsi parlano anche di Ignazio Moncada, l'amministratore delegato di «Fata srl», società controllata da Finmeccanica e il banchiere rassicura l'amico dicendogli che, nonostante il suo coinvolgimento nelle inchieste giudiziarie, «il sistema ti proteggerà», spiegando di averlo saputo proprio da Moncada.
Dichiara Gotti a verbale: «Con me Moncada è sempre stato molto gentile e la sua caratteristica è quella di essere informato su tutto. Quando nella conversazione lo definisco "un burattinaio" intendo dire che si tratta di un uomo influente in quanto molto ben informato». Al termine dell'interrogatorio i magistrati chiedono a Gotti se sia massone. Lui nega, precisa invece di far parte dell'Opus Dei.






[05-09-2012]

torna su
< Notizia Precedente Notizia Successiva >
HomePage | Segnala articolo
 
Ultima modifica:

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.377
I Pm: da Finmeccanica contratti di consulenza all'ex moglie di Grilli

I Pm: da Finmeccanica contratti di consulenza all'ex moglie di Grilli - Il Sole 24 ORE


L'Ad di Finmeccanica Giuseppe Orsi






Esplode il caso-consulenze Finmeccanica a Lisa Lowenstein, ex moglie del ministro dell'Economia Vittorio Grilli. Gli inquirenti della procura di Roma avrebbero accertato emolumenti che, in totale, vengono stimati in circa 100mila euro l'anno. Di una consulenza di questo genere, senza specificazioni sull'ammontare, parla l'amministratore delegato, Giuseppe Orsi, in una conversazione con Ettore Gotti Tedeschi, captata in un'intercettazione ambientale dagli investigatori all'inizio di giugno. A quanto risulta, però, la prima consulenza alla signora Lowenstein risale al 2010, quando Grilli era direttore generale al Tesoro. Gli inquirenti, dunque, stanno verificando il numero, l'oggetto, il tenore delle consulenze e l'effettiva realizzazione delle prestazioni indicate nei contratti.

Non solo: si tratta di capire da quali società del gruppo Finmeccanica provengono questi contratti.

Tutti profili che in realtà potrebbero svuotarsi presto di contenuti penali se risulteranno sufficienti riscontri.

Altro aspetto, che riguarda invece i profili di opportunità, è il fatto che il ministero dell'Economia è l'azionista principale di Finmeccanica.



La procura di Roma, peraltro, deve spiegarsi perché Orsi parla a Gotti Tedeschi di una consulenza all'ex moglie di Grilli quando è nel 2010 che parte il – primo? – contratto con la signora Lowenstein, esperta d'arte, che ieri interpellata da Radiocor ha detto: «Non voglio commentare».

A meno di avvalorare l'ipotesi, circolata secondo fonti bene informate, che appunto le consulenze siano più d'una, aggiuntesi nel tempo, e l'ultima sia molto recente. L'ad di Finmeccanica, tra l'altro, ne parla all'inizio di giugno, proprio una decina di giorni dopo la sua conferma al vertice del colosso della difesa.
Ma c'è un altro dato emerso con forza ieri mattina dopo le anticipazioni del Corriere della sera sul verbale del colloquio reso a piazzale Clodio dall'ex presidente dello Ior.

Immediata, infatti, è stata la smentita di Orsi: «Non ho mai affidato consulenze alla moglie del professor Grilli. Né da quando ricopro la carica di amministratore delegato di Finmeccanica, né in passato come amministratore delegato di AgustaWestland».

Anche il professor Ennio Amodio, legale di Orsi, scende in campo e garantisce l'assenza di ogni ipotesi in questo senso: «Lo dimostrano i risultati delle fitte indagini condotte dalle Procure di Napoli e Roma fin dal giugno scorso. Da esse non è emersa la benché minima traccia delle fantomatiche consulenze».

«Chi fa uscire col contagocce – si chiede il legale – frammenti dei verbali di Ettore Gotti Tedeschi?».



Eppure, a verbale, su richiesta di spiegazione avanzata dai pubblici ministeri dopo avergli esibito la trascrizione dell'intercettazione ambientale, Gotti afferma: «Prendo atto del tenore della conversazione, neppure ricordavo la vicenda inerente la moglie di Grilli. In ogni caso - sottolinea il banchiere - Orsi mi disse di aver risolto e messo a posto alcuni problemi che aveva la moglie di Grilli attraverso l'affidamento, da parte di Finmeccanica, di consulenze false». Se la smentita di Orsi è così perentoria c'è da immaginare, fino a prova contraria, che le presunte consulenze originerebbero da altre società della galassia Finmeccanica che non sono l'AgustaWestland o la stessa holding e che di tali contratti con l'ex moglie dell'attuale ministro dell'Economia Orsi sarebbe stato messo all'oscuro o comunque non ne avrebbe avuto conoscenza.

La vicenda delle consulenze era finita sulla stampa già i primi di luglio, quando i pm dell'inchiesta Finmeccanica sentirono come testimone l'ex presidente dello Ior.


E fu anche oggetto di un'interrogazione dell'Idv che anche ieri è tornata a chiedere chiarimenti al governo. Le indagini sul gruppo aerospaziale - che vedono Orsi indagato per corruzione internazionale, riciclaggio e finanziamento illecito ai partiti in merito alla vendita di una partita di elicotteri al governo indiano - erano allora in capo alla procura di Napoli. Poi il 24 luglio la Cassazione accolse la richiesta avanzata dal numero uno di Finmeccanica per incompetenza territoriale e trasferì il fascicolo alla procura di Busto Arsizio.



Tra le indiscrezioni si parla anche di presunte tangenti alla Lega Nord, peraltro sempre smentite da Finmeccanica. Ma presto novità esplosive potrebbero emergere dall'attività degli inquirenti. Anche perché l'asse investigativo Roma–Napoli e Busto Arsizio è solido, ci sono due nuovi capi in Procura stimati e apprezzati da tutti come Giuseppe Pignatone a Roma e Giovanni Colangelo a Napoli, e la delega di polizia giudiziaria è affidata ai carabinieri del Noe guidati dal colonnello Sergio De Caprio, famoso come «capitano Ultimo».
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto