No a prescindere ... (1 Viewer)

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
In otto anni è stata costruita tutta l'Autostrada del Sole; in 11 non si è nemmeno posata la prima pietra del rigassificatore di Brindisi. Che resterà un'idea abortita. Se ne va un importante investimento estero in un momento in cui anche chi è già in Italia guarda oltre confine; sfuma un'opportunità per mille posti di lavoro in un'area dove la disoccupazione è superiore al 15% (20mila disoccupati su poco meno di 140mila persone occupabili).

Ma non sarebbe stato solo un investimento keynesiano, in momenti tanto magri come questi di oggi con una drammatica "glaciazione" della domanda interna. Sarebbe stato anche un segnale di lungimiranza strategica per un Paese che cerca di impostare politiche energetiche per ridurre la dipendenza dal petrolio e nel contempo per consentire di diversificare le fonti di approvvigionamento ed evitare l'imbarazzo di non poter scegliere i fornitori e di subirne ogni capriccio contrattuale (se non "politico").

Non è stato nulla di tutto ciò. È diventata una storia di ordinaria burocrazia, di ordinario sottogoverno (con provincia e comune schierati su sponde opposte e la Regione impegnata a fare di questo impianto una bandiera ideologica per i no-gas di un ambientalismo paradossale e contraddittorio).

Ora il Governo dei tecnici dà la risposta tecnica del buonsenso: vedremo, indagheremo, sonderemo. Ma i buoi sono scappati ed è tardi per chiudere la stalla. Nel frattempo non resta che guardare con tristezza a cosa si sarebbe potuto fare. Nel Galles l'impianto gemello a quello di Brindisi è entrato in funzione dopo 5 anni; è in un'area rilevante sotto il profilo naturalistico, ma non c'è stata la mobilitazione no-gas; ha creato centinaia di posti di lavoro; genera 8 miliardi di metri cubi all'anno. Sviluppo, insomma. Da noi resta il gas delle polemiche e dell'ideologia. Non un posto di lavoro, non un centimetro cubo di metano, non un'idea di sviluppo. Restano sul campo una ventina di dipendenti destinati alla mobilità. Dovevano essere i primi di mille. Saranno anche gli ultimi.

No gas? No lavoro, no sviluppo, no ecologia - Il Sole 24 ORE

Ebbbbbbbbbbbbbbbravo Vendolo!!!

:clap:
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
British gas getta la spunga: dopo 11 anni di paralisi sul fronte delle autorizzazioni e dei permessi, attesi inutilmente dagli inglesi e mai concessi dalle autorità italiane, la compagnia energetica britannica rinuncia al progetto del rigassificatore di Brindisi. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) – annuncia al Sole 24 Ore il presidente e amministratore delegato di British gas Italia, Luca Manzella – abbiamo avviato le procedure per il collocamento in mobilità dei nostri lavoratori presenti a Brindisi. In tutto una ventina di dipendenti.

La casa madre, delusa e scoraggiata dal prolungarsi all'infinito del braccio di ferro con le autorità italiane e nonostante i 250 milioni di euro già spesi per il progetto pugliese, ha deciso di riconsiderare dalle fondamenta la fattibilità dell'investimento». Il risulato è che tutte le attività di British gas su Brindisi cessano a partire da oggi.

Un colpo durissimo sia per l'economia del territorio, visto che il rigassificatore avrebbe procurato nei quattro anni necessari alla sua realizzazione un migliaio di posti di lavoro, sia all'immagine del sistema Paese, che si mostra incapace di attarre i grandi investimenti stranieri.
«Noi pensiamo – continua Manzella, in carica dallo scorso 1° febbraio – che il governo Monti, così come si rivolge agli investitori finanziari, dovrebbe inviare messaggi altrettanto chiari e rassicuranti anche agli investitori industriali, che hanno un enorme bisogno di certezze». Proprio quelle che Britsh gas non ha mai ottenuto: la richiesta al Governo italiano di poter realizzare a Brindisi l'impianto di rigassificazione risale al novembre 2001. Il terminal, il cui investimento si aggira sugli 800 milioni di euro, è progetto per una capacità di sei milioni di tonnellate/anno di gas naturale liquefatto (gnl), corrispondenti a otto miliardi di metri cubi l'anno di gas naturale immesso in rete, pari al 10% circa del consumo nazionale. E invece non se ne farà più niente. Sfuma tutto.

Ma perché si è arrivati a tanto? «Perché – risponde Manzella – dopo la nuova Via (valutazione d'impatto ambienatle), concessa con decreto nel luglio del 2010, ci eravamo illusi che nel giro di 200 giorni tutto si sarebbe appianato, i permesi sarebbero finalmente arrivati e avremmo potuto avviare i lavori. Di giorni invece ne sono passati 600, il processo autorizzativo è bloccato, gli enti locali continuano la loro strenua opposizione al progetto depositando una raffica di ricorsi amministrativi contro la nuova Via mentre dal Governo centrale e in particolare dal ministero dello Sviluppo – sottolinea Manzella – non è mai arrivata la convocazione per la conferenza dei servizi decisiva. Non si può pensare che una grande multinazionale blocchi un progetto per oltre 11 anni. A tutto c'è un limite».

A irritare ancora di più gli investitori inglesi è il confronto con quanto è accaduto negli stessi anni in Galles. Il rigassificatore gallese di British gas e quello di Brindisi possono essere definiti come "impianti gemelli", in quanto entrambe le strutture hanno una capacità annua di 8 miliardi di metri cubi e i serbatoi una capacità pari a 160mila metri cubi. L'iter autorizzativo è scattato, per entrambi i terminal, a inizio anni Duemila. Risultato: in soli cinque anni il progetto gallese è stato validato, l'impianto è stato costruito e entrato in funzione. L'area sulla quale sorge è importante dal punto di vista naturalistico ma ciò nonostante non ci sono stati problemi in nessuna fase, né progettuale né realizzativa.

Esattamente il contrario da quanto è avvenuto in Puglia. Dove peraltro la società inglese ha investito 250 milioni di euro senza riuscire a fare altro che costruire la spianata sulla quale dovrà sorgere l'impianto.
E ora che succederà? «Come detto – ribadisce Manzella – tutte le attività di British gas su Brindisi vengono chiuse. Ma è il Paese che dovrebbe interrogarsi perché, sul piano internazionale, si ha la netta percezione che investire in Italia sia rischioso. I veti locali e l'immobilismo decisionale ostacolano progetti strategici e sono il primo nemico per lo sviluppo dell'Italia».


Da 11 anni aspetta i permessi: British gas riuncia al rigassificatore e lascia a Brindisi - Il Sole 24 ORE
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Beh ... solo 11 anni per verificare l' impatto ambientale...

La cosa che mi sconvolge è che oggi i tizi che hanno bloccato la cosa hanno ancora un lavoro...
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Ma x la carità ... NO!!!

E ora che succederà? «Come detto – ribadisce Manzella – tutte le attività di British gas su Brindisi vengono chiuse. Ma è il Paese che dovrebbe interrogarsi perché, sul piano internazionale, si ha la netta percezione che investire in Italia sia rischioso. I veti locali e l'immobilismo decisionale ostacolano progetti strategici e sono il primo nemico per lo sviluppo dell'Italia».

NO!

Che in tal modo daremo altri soldi ai soliti noti, per tenere conferenze che ci diranni quanto siete letargici ed irrazionali; cui seguirà la controreplica foraggiata sempre con i pubblici quattrini...
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Veolia, temovalorizzatore in Calabria ..... Stanno per mollare anche loro.
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
La spagnola Natural Gas Fenosa, sta x mollare la costruzione del rigassificatore di Trieste, dpo sette anni di no a prescindere ....


:clap:
 

bischer0tt0

mi sono già rotto
Registrato
29 Maggio 2009
Messaggi
10.354
proprio mentre i lunghi metanodotti ripresentano i loro limiti geopolitici
un'altra vittoria dei soliti amanti della sfiga

quelli che amano tanto i poveri da volerne sempre di più
 
Ultima modifica:

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Chissà dove sono i moralmente superiori di fronte a questo sfacelo:

Cap.zo, nn vedi mai un Saviano o qualche di codesti soloni, stracciarsi le vesti per queste immani vere tragedie ...

Mai uno.

Perchè?

Chi mi sa rispondere??
perchè questi nn li vedi mai in prima linea per le questioni economiche e se eventualmente ci sono è solo per il no a prescindere?
 
Ultima modifica:

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
Sono cambiati i tempi. In otto anni e' stato costruito il colosseo , pure in 8 anni e' stata costruita la grande muraglia cinese .
 

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
nella mia citta' hanno impiegato 10 anni per costruire un parcheggio sotterraneo da 250 posti .
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto