Retelit (LIT) Monitor Retelit: Che succede su Retelit ??? (1 Viewer)

ettore_61

?????????????????????
Registrato
7 Novembre 2007
Messaggi
7.285
Località
Milano
Re: Che succede su Retelit ???

snoopy ha scritto:
E' un titolo che non conosco ma l'aver fatto un 40% (teorico)in due sedute.... :-? :-?

Stai molto attento su questo titolo.
Quando si muove sia su che giu' e sempre in sospensione....corri il rischio di rimanere impiccato col cerino acceso in mano e qualcos'altro infiliato .......

Ora e' stato sospeso e non ho trovato news ......chissa' forse ci sara' una nota.......

X la cronaca, ha acquistato le licenze wi-max per tutto il nord italia......e sirti e' entrata nel capitale sociale.....e in piu' sembra che qualche pesciolino grande stia appoggiando gli occhi su di lei.
 

megano

Banned
Registrato
24 Settembre 2001
Messaggi
6.506
Località
dove mi porta il vento
Re: Che succede su Retelit ???

ettore_61 ha scritto:
L'ultimo quote non esiste!
lo dico io cosa è successo visto che mi hanno incastrato come quasi tutti

hanno fatto lo split sulle azioni diviso x 5 e moltiplicato il prezzo x 5 , poi il prezzo e sceso ai valori del preaccorpamento in concomitanza con l'adc molti piccoli investitori non hanno aderito e qualcuno si e pappato i diritti inoptati a prezzi da mega saldo
qui la consob non controlla va tutto bene..............
 

tchebichev

Forumer attivo
Registrato
26 Gennaio 2009
Messaggi
403
lo dico io cosa è successo visto che mi hanno incastrato come quasi tutti

hanno fatto lo split sulle azioni diviso x 5 e moltiplicato il prezzo x 5 , poi il prezzo e sceso ai valori del preaccorpamento in concomitanza con l'adc molti piccoli investitori non hanno aderito e qualcuno si e pappato i diritti inoptati a prezzi da mega saldo
qui la consob non controlla va tutto bene..............
buonasera a tutti
(ciao megano)
oggi rimbalzino senza molta convinzione!
situazione macro imbarazzante, ed il nostro titolino puo' far poco in questo scenario!!!!
io sono in attesa della mediata finale su questo titolo ma ho deciso di aspettare giugno - luglio per l'acquisto; infatti (per me e mi auguro di sbagliare) gli indici ancora non hanno toccato il fondo!!!
teniamo duro!
 
Registrato
27 Febbraio 2009
Messaggi
9
ciao jamesbrown, un saluto a te e benvenuto a bordo :up:
segui Retelit?
Si,dal 2005.E' un' azienda che fino ad oggi non ha mantenuto ciò che aveva promesso.Gli utili sarebbero dovuti arrivare con la 2° semestrale 2006,a seconda di ciò che sosteneva Brunetti,il veccho AD.Ma ad oggi poi,con il management cambiato quasi totalmente,e la lunga ombra di Sirti alle spalle,il destino della società è ancora pù incerto.Ma su questo 3D non vengono aggiornate le news?
 

Argema

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
5 Giugno 2000
Messaggi
20.244
Ciao James .. questa sezione è meno frequentata, anche perchè è nata da qualche mese. Sto cercando di creare un gruppo di lavoro e di ristrutturarla.
c'è sicuramente bisogno di aumentare il numero di persone qui, e su questo una mano potete darla anche voi, invitando i vostri amici di trading.

Mi ci vorranno 2 settimane circa per ristrutturare, ma ho qualche idea in proposito. :)
Mi farebbe piacere sentire anche le vostre idee in proposito. :up:
 
Registrato
27 Febbraio 2009
Messaggi
9
COMUNICATO STAMPA

Retelit porta il WiMAX anche a Segrate.

Il Comune ha attivato la tecnologia che porta la connessione internet a banda larga senza fili su tutto il territorio.
Abilitata una applicazione di videosorveglianza WiMAX-based per supportare la Polizia Locale nella gestione della sicurezza pubblica.
Il Comune di Segrate, grazie alla partnership con Retelit, uno dei principali operatori italiani di telecomunicazioni specializzato nella fornitura di servizi di connettività a banda larga, ha attivato la tecnologia per la trasmissione “wireless” di voce e dati, per portare la connessione internet a banda larga senza fili su tutto il territorio.
E’ stata abilitata inoltre un’applicazione di videosorveglianza WiMAX-based per supportare la Polizia Locale nel suo lavoro quotidiano. Alcune auto della polizia, già dotate di videocamere, sono state collegate ai servizi WIMAX di Retelit abilitando la trasmissione in tempo reale delle immagini riprese durante la normale attività di servizio alla centrale operativa del comando.
Lo stesso principio potrà essere applicato per la videosorveglianza dei cantieri o di aree dismesse e in qualunque altro punto in cui si renda necessario il presidio .
Segrate è tra i primi comuni italiani ad aver abilitato un’applicazione WiMAX pensata per gestire il problema della sicurezza pubblica.
La presentazione del progetto si è tenuta nell’ambito della riunione annuale del Comitato direttivo del Global Cities Dialogue (GCD), che si è svolta a Segrate presso la Sala consiliare del Comune.
“Il nuovo progetto di copertura del territorio tramite WiMAX non vuol dire – ha spiegato il sindaco Adriano Alessandrini - solo più facile accesso a internet in banda larga con connessione mobile sul territorio comunale, ma, proprio in virtù della natura ‘abilitante’ della tecnologia WiMAX , poter attivare nuovi servizi per i cittadini. Grazie ai servizi WiMAX sarà possibile infatti potenziare le telecamere di sorveglianza posizionate sul territorio e collegare in tempo reale le telecamere installate sulle auto della Polizia locale con la Centrale Operativa del Comando, andando ad ampliare gli interventi in materia di sicurezza. WiMAX sarà la base inoltre per mettere a punto un sistema di tele-assistenza per gli anziani.
“Sperimentazione delle nuove tecnologie quindi per offrire maggiori servizi alla collettività. Questo è l’e-government che diventa governance”- ha commentato Alessandrini. La scelta del Wi-Max, oltre a consentirci di eliminare le sacche di frattura digitale tra i quartieri segratesi, ci permetterà inoltre di potenziare le aree di wi-fi a disposizione di tutti i cittadini e di razionalizzare i costi di connettività e fonia, centralizzando in un unico abbonamento comune, scuole, centri civici e in generale tutti gli edifici pubblici. Stiamo cercando inoltre di concordare con Retelit prezzi promozionali per i singoli utenti”. Questo progetto si aggiunge alla serie di iniziative attuate a Segrate utilizzando le nuove tecnologie e condividendole con il resto del mondo. Tra le ultime, “Segrate e- school”, lezioni multimediali su piattaforma web che gli studenti delle scuole superiori “scambieranno” on line con i coetanei di tutto il pianeta.
“Siamo fieri di poter collaborare con il Comune di Segrate - ha dichiarato Gilberto Di Pietro Direttore Generale di Retelit - perché è una chiara dimostrazione delle soluzioni che siamo in grado di offrire e sviluppare grazie alla nostra rete ed ai servizi WiMAX. Oggi i servizi WiMAX sono una realtà e le municipalità grazie a noi possono essere in grado di indirizzare e risolvere in modo tempestivo ed efficace le esigenze pubbliche e sociali come la sicurezza dei cittadini, nonché di favorire ed estendere a tutti i cittadini la possibilità di avere accesso a servizi di connettività a banda larga.”
Il Gruppo Retelit dispone di un backbone in fibra ottica realizzato in larga parte lungo le strade statali Anas nell’Italia centro-settentrionale e lungo le dorsali tirrenica ed adriatica, nonché di otto MAN nelle città di Milano, Roma, Torino, Bologna, Padova, Napoli, Bari e Reggio Emilia.
L’estensione attuale della rete è di circa 7.200 km, di cui circa 1.700 in ambito metropolitano.
Il Gruppo si è aggiudicato i diritti d’uso delle frequenze a 3,5 Ghz indispensabili allo sviluppo del progetto WiMAX nel mese di febbraio 2008, nell’Italia centro-settentrionale nelle regioni Lombardia, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Marche.
 
Registrato
27 Febbraio 2009
Messaggi
9
COMUNICATO STAMPA
APPROVATO IL BILANCIO 2008 ED IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2013

Valore della produzione di Gruppo a 33,7 milioni di Euro (+3,1%).

Ebitda invariato a 9 milioni di Euro.

Ebit negativo per 5,5 milioni di Euro (-5,1 nel 2007). Risultato netto negativo per 7,5 milioni d Euro (-6,2 nel 2007).

Posizione finanziaria netta positiva per 0,2 milioni di Euro a dicembre 2008 (negativa per 4,5 milioni di Euro a fine 2007).

Approvato il Piano Industriale 2009-2013.

Proseguono gli investimenti sul WiMAX previsti a piano oltre 33 milioni di Euro.

Convocata l’Assemblea Ordinaria.
Milano, 26 Marzo 2009. Il Consiglio di Amministrazione di Retelit S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza del Prof. Roberto Ruozi ha approvato il progetto di bilancio d’esercizio della Capogruppo e consolidato al 31 Dicembre 2008 ed il Piano Industriale 2009-2013.
Con 33,7 milioni di Euro di valore della produzione consolidato, in crescita del 3,1% rispetto al dato corrispondente del 2007 (pari a 32,7 milioni di Euro), Retelit consuntiva un 2008 di grande importanza strategica per il Gruppo.
L’analisi dei ricavi per tipologia mostra un interessante incremento (+17,3% su base annua) dell’attività caratteristica del Gruppo, rappresentata dai servizi di telecomunicazione che ammontano a circa l’80% dei ricavi totali. Tali ricavi rappresentano per loro natura una componente di reddito omogenea e stabile nel tempo.
Alla crescita dei ricavi dei servizi di telecomunicazione si contrappone la riduzione dei ricavi da vendita di infrastruttura e fibra (–46,2%), business che per tipologia risente di un andamento non continuativo.
Il risultato operativo ante ammortamenti e svalutazioni, pari a 9,0 milioni di Euro, risulta sostanzialmente invariato rispetto all’esercizio precedente.
Il risultato operativo netto, pari a -5,5 milioni di Euro, ha registrato una contrazione del 7,8% rispetto al dato del 2007, pari a -5,1 milioni di Euro, dovuta principalmente alla svalutazione straordinaria collegata alla dismissione in corso di un sito tecnologico che permetterà risparmi di costi operativi nei prossimi esercizi.
I maggiori oneri finanziari legati all’operazione di acquisizione delle licenze WiMAX hanno inciso sul risultato netto consolidato 2008 che è negativo per 7,5 milioni di Euro rispetto al corrispondente dato del 2007, negativo per 6,2 milioni di Euro.
La posizione finanziaria netta consolidata a fine 2008, grazie anche al positivo esito dell’operazione di aumento del capitale, è positiva per 0,2 milioni di Euro in miglioramento rispetto al dato del 2007 che presentava un saldo negativo pari a 4,5 milioni. Le disponibilità liquide del Gruppo sono pari a 4,6 milioni di Euro rispetto a 2,1 milioni di Euro del 2007.
1
Per quanto riguarda il bilancio di esercizio 2008 della controllante Retelit S.p.A., la società evidenzia una perdita di esercizio di 2,1 milioni di Euro (2,0 milioni di Euro la perdita dello scorso esercizio) con ricavi in riduzione da 2,6 a 1,8 milioni di Euro.
Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari Ivano Barzago attesta in conformità a quanto previsto dal secondo comma dell’articolo 154-bis del ”Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria” che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.
Si precisa che si tratta di dati per i quali non è stata completata l’attività di revisione contabile.
Dal punto di vista strategico, nel 2008 il Gruppo Retelit ha consolidato il proprio posizionamento nel mercato all’ingrosso delle infrastrutture e dei servizi di connettività e trasmissione dati a larga banda su fibra ottica e con tecnologia WiMAX e in particolare ha:
• acquisito i diritti d’uso delle frequenze a 3,5 Ghz per il WiMAX nell’Italia centro settentrionale con un investimento di 23,3 milioni di Euro tramite la controllata e-via S.p.A.
• lanciato e concluso con successo a luglio l’aumento di capitale che ha consentito di reperire risorse per complessivi 35,3 milioni di Euro
• sottoscritto una linea di finanziamento a medio e lungo termine per un importo complessivo massimo di 20 milioni di Euro con Centrobanca e Unicredit a sostegno degli investimenti previsti per la realizzazione della rete WiMAX
• incorporato in e-via S.p.A. la controllata Planetwork con conseguente semplificazione della struttura societaria del gruppo e riduzione dei costi di gestione
L’attuale situazione di crisi dei mercati, associata agli sviluppi del progetto WiMAX ha inoltre portato il Consiglio di Amministrazione a procedere con un aggiornamento del piano industriale 2009-2013.
Il piano industriale 2009-2013 approvato oggi prevede lo sviluppo dei servizi WiMAX in sinergia con il business tradizionale dei servizi su fibra ottica, rafforzando la presenza ed il posizionamento competitivo del Gruppo Retelit nel mercato italiano delle telecomunicazioni a larga banda, con nuove importanti opportunità di creazione di valore.
I principali obiettivi del piano industriale 2009-2013 prevedono al 2013 ricavi per 87,1 milioni di Euro (38,5 nel 2009) con una crescita media annua di oltre il 23%, un risultato operativo lordo di 46,9 milioni di Euro (11 nel 2009) con una crescita media annua del 44%.
Il piano basato sull’evoluzione del business dei servizi WiMAX in sinergia con il business tradizionale dei servizi su fibra ottica consente di confermare nella sostanza i piani già annunciati con un slittamento di circa 12 mesi dovuto a fattori esogeni legati alla crisi generale dei mercati in atto a livello internazionale.
Ricordiamo infatti che il piano approvato a valle dell’acquisizione delle licenze WiMAX prevedeva ricavi a 85 milioni nel 2012 con un risultato operativo di 47 milioni.
La conferma dei programmi e delle tempistiche degli investimenti complessivi – pari a 63,9 milioni di Euro, di cui 33,2 milioni di Euro per l’approntamento delle infrastrutture e della rete
2
WiMAX - portano invece a confermare l’obiettivo di utile netto e generazione di cassa a partire dal 2010, in linea con le previsioni formulate lo scorso anno.
In particolare, la generazione di cassa prevista nel periodo di piano è di circa 64,3 milioni di Euro con una posizione finanziaria netta a fine 2013 positiva per 62,8 milioni di Euro.
Il Consiglio di Amministrazione ha altresì approvato la Relazione sul Governo Societario relativa all’esercizio 2008.
Il Consiglio di Amministrazione ha dato mandato al Presidente di convocare l’Assemblea ordinaria per i giorni 29 aprile in prima convocazione e 30 aprile in seconda con il seguente ordine del giorno:
Approvazione bilancio d’esercizio
All’Assemblea sarà proposta, con l’approvazione del bilancio d’esercizio, il riporto a nuovo della perdita d’esercizio di 2.122.044,26 Euro.
Nomina Consiglio di Amministrazione
L’Assemblea sarà anche chiamata a rinnovare il Consiglio di Amministrazione, il cui mandato scade con l’approvazione del bilancio dell’esercizio 2008. Gli azionisti dovranno procedere al rinnovo integrale del Consiglio di amministrazione mediante voto di lista. Le candidature potranno essere presentate dagli aventi diritto (azionisti che, anche congiuntamente con altri, posseggano almeno il 4,5% del capitale ordinario) entro il 14 aprile prossimo, nelle forme previste dalla disciplina applicabile. L’Assemblea delibererà altresì la nomina del Presidente del Consiglio e il compenso da attribuire ai suoi componenti.
Nomina Collegio Sindacale
L’Assemblea sarà anche chiamata a rinnovare il Collegio Sindacale, il cui mandato scade con l’approvazione del bilancio dell’esercizio 2008. Gli azionisti dovranno procedere al rinnovo integrale dell’organo di controllo (3 Sindaci effettivi e 2 Sindaci supplenti) mediante voto di lista. Le candidature potranno essere presentate dagli aventi diritto (azionisti che, anche congiuntamente con altri, posseggano almeno il 4,5% del capitale ordinario) entro il 14 aprile prossimo, nelle forme previste dalla disciplina applicabile.
Si segnala che il presente comunicato, nella sezione “Piano industriale 2009-2013” contiene previsioni (forward-looking statements) riguardanti valutazioni o attuali aspettative del Gruppo in relazione ai risultati finanziari e ad altri aspetti delle attività e strategie del Gruppo. Il lettore del presente comunicato deve usare la dovuta prudenza su tali previsioni in quanto i risultati consuntivi potrebbero differire significativamente da quelli contenuti in dette previsioni come conseguenza di molteplici fattori, da porre anche in relazione alle incertezze connesse alla crisi economica, la maggior parte dei quali è al di fuori della sfera di controllo del Gruppo.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto