Obbligazioni societarie Monitor bond case automobilistiche e accessorio auto (1 Viewer)

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Personalmente, per non saper leggere nè scrivere ho mollato le mie FIAT 2011 a 101, stamattina. Se scendono rientro volentieri... se no, aspetto la prossima crisi di panico su qualcos'altro :D
Circa una decina di giorni ho fatto anche io così.. e la tattica futura it's the same..
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
In arrivo aiuti di Stato?

BRUSSELS (Dow Jones)--The European Union must ensure its car makers can compete on an equal basis with U.S. auto companies and each other, U.K. Business Secretary Peter Mandelson said Friday.
Mandelson said the E.U. should take note of any state aid given to U.S. car companies.
"I don't think there is a risk of a transatlantic feud, but we do have to be aware of what the U.S. is doing," he said as he arrived for talks in Brussels on possible support for Europe's struggling auto sector.
Mandelson said E.U. member states should also not compete against each other.
"It is important that we have a level playing field," he said.
French Finance Minister Christine Lagarde said ministers at Friday's meeting would seek to make the E.U.'s strict rules on state aid more flexible to allow European car makers to receive some state support.
France has said it's considering capital injections or loan guarantees for Renault SA and PSA Peugeot Citroen.
"France needs its auto industry," Lagarde said.
The European Commission's industry chief, Guenter Verheugen, is hosting the gathering. Representatives from each of the bloc's 27 member countries are attending.
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
Secondo l'Ashai Shimbun, primario giornale economico-finanziario giapponese, la Toyota, particolarmente colpita sia dal calo delle vendite negli USA che dal rafforzamento dello yen, sarebbe pronta a tagliare la produzione del 50% nei mesi compresi fra febbraio e aprile e potrebbe essere costretta a licenziamenti nella propria forza lavoro (mentre in precedenza le riduzioni di forza lavoro avevano interessato solo dipendenti con contratti a termine)

L'articolo è ripreso da BusinessWeek

Report: Toyota to halve Japan vehicle output

By TOMOKO A. HOSAKA

In yet another sign of Japanese automakers' deepening distress, Toyota Motor Corp. between February and April plans to make just half the number of vehicles it produced the previous year, a major newspaper reported Saturday.

Japan's top carmaker will slash production during the period to about 9,000 vehicles a day and may need to trim its full-time work force as a result, the Asahi Shimbun said without citing sources.
Japan's automakers have so far managed to avoid layoffs of regular employees by instead cutting nearly all of their temporary assembly line workers.

Toyota representatives were unavailable for comment Saturday.
The news adds to an already dire outlook for Toyota and other Japanese automakers, who are reeling from plunging demand in key markets like the U.S. as well as a stronger yen. Appreciation of the Japanese currency reduces the value of overseas profits.

"Even emerging nations' sales entered negative territory in October, and we think an increasing number of countries will see year-on-year declines in 2009," said Goldman Sachs auto analysts Kota Yuzawa and Yukihiro Koike in a report Friday.

Toyota, which expects its first operating loss in 70 years for the fiscal year through March, said earlier this week that it would make further production cuts in North America to cope with slumping sales and high inventories.

The company had initially planned to produce 4.21 million vehicles in Japan for the current fiscal year, but trimmed its projection to 3.85 million.
On Friday, rival Honda Motor Co. said it was cutting 3,100 temporary workers and lowering output by 56,000 vehicles in Japan and 17,000 vehicles in Europe for the fiscal year through March.

Nissan Motor Co. said this week it was reducing domestic production by another 64,000 vehicles in February and March. And starting 2010, Japan's No. 3 carmaker plans to shift some production of its top-selling compact, the March and counterpart Micra model, to India, Thailand and other lower-cost countries from Britain and Japan.
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
se la toyota è messa così, non voglio pensare alla nostra fiat ...
Forse la Fiat è relativamente messa meglio dal fatto che non è esposta al mercato USA, come invece i giapponesi, ma anche qui in Europa saranno guai molto seri...

Anche a me il raffronto con Fiat, forse non del tutto corretto, è tuttavia venuto in mente subito...
 

businessman

Guest
ma uscendo dal discorso delle obbligazioni per il consumatore finale ci sarà qualche vantaggio a comprare una macchina nuova? svenderanno o no?

o bloccano solo la produzione?:)
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
ma uscendo dal discorso delle obbligazioni per il consumatore finale ci sarà qualche vantaggio a comprare una macchina nuova? svenderanno o no?

o bloccano solo la produzione?:)
Mah, se parliamo di Italia, credo che i produttori attendano la decisione sul varo di incentivi statali alla rottamazione o cose così per abbinarvi qualche contributo/incentivo aggiuntivo della casa o condizioni di particolare favore per i finanziamenti... meglio giocarsi queste genere di cartucce quando si può sfruttare il volano del contributo statale... ;)
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.747
Forse la Fiat è relativamente messa meglio dal fatto che non è esposta al mercato USA, come invece i giapponesi, ma anche qui in Europa saranno guai molto seri...

Anche a me il raffronto con Fiat, forse non del tutto corretto, è tuttavia venuto in mente subito...
Infatti Mark, è vero in parte: CNH movimento terra è quotata negli USA e la Fiat ne detiene circa l'80% ed è una risorsa importante per Fiat quindi per assioma lo è anche nella formazione di bilancio.
 

Imark

Forumer storico
Registrato
6 Ottobre 2006
Messaggi
16.988
Infatti Mark, è vero in parte: CNH movimento terra è quotata negli USA e la Fiat ne detiene circa l'80% ed è una risorsa importante per Fiat quindi per assioma lo è anche nella formazione di bilancio.
Infatti, quella controllata dovrebbe muoversi ancora in controtendenza rispetto al resto... però anche i veicoli commerciali, che nei momenti più cupi della crisi dell'auto erano stati di grosso aiuto, a questo giro dovrebbero stare dalla parte di quelle società del gruppo Fiat a rischio "forte calo di fatturato".

E non per colpa di Fiat, bensì per la situazione congiunturale in generale... ;)
 

volpotten

Bond trader
Registrato
19 Maggio 2007
Messaggi
97
Località
Torino
Personalmente, per non saper leggere nè scrivere ho mollato le mie FIAT 2011 a 101, stamattina. Se scendono rientro volentieri... se no, aspetto la prossima crisi di panico su qualcos'altro :D
Mentre sul MOT ci si accapiglia e ci si arrovella per capire se è meglio prendere le Fiat sopra o sotto la parità, segnalo che a Francoforte ci stanno tranquille due obbligazioni con cedola simile, scadenza 2011 e 2013, che quotano fra 70 e 80.
Taglio minimo 50.000 di nominale

XS0253995368
XS0244126107
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto