Milano sud /statale paullese......ho visto cose che...... (1 Viewer)

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
Ore 3 del pomeriggio.....neve che scende.....bianco dappertutto...in una via laterale....ragazze bohhh forse nigeriane.....con sedia e ombrello. Nere nella neve come gocce di inchiostro su un foglio bianco. Cari bigotti cattolici donbenzini...siete invidiosi di loro perche' vi passeranno davanti nel regno dei cieli? ......e lasciatele lavorare in pace in un locale pubblico al caldo...al riparo da maniaci e rapinatori...ekkekkazz che stato incivile ke siamo. Italiaaaniiii !!!
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
44.741
Località
Il mondo dei sogni
Che bello lavorare in un FKK!

Per chi non lo sapesse, esiste un simpatico sito dall’invitante titolo gnoccatravel.com.

Cosa cerca l’utente-tipo di gnoccatravel?

Non è difficile da immaginare, ma ve lo racconto lo stesso: Gnoccatravels è la community dei viaggi della gnocca, un sito web sulla gnocca, pensato per soli uomini, che consente agli iscritti di condividere informazioni sulle gnocche di tutto il mondo: America, Europa, Africa, Asia, Oceania.
Esistono anche sezioni goliardiche quali compagni di viaggio, oppure ridere di gnocca, dove si può trovare amici con cui condividere il prossimo gnoccatravel o raccontare barzellette sulla gnocca.

Già da queste poche righe si evince la ventata di novità che un portale come gnoccatravel introduce in questa società retrograda e bacchettona.

Intanto è un club per soli uomini (io mi sento già proiettata nel futuro!) e poi presenta un esempio di quella meravigliosa figura retorica che è la sineddoche, ovvero l’uso, in senso figurato, di una parola al posto di un’altra mediante l’ampliamento o la restrizione del senso, in questo caso una parte per il tutto: la gnocca/organo sessuale femminile/parte della donna al posto della donna tutta intera.

Insomma, il fatto che una comunità maschile si senta libera di definire la donna come “quella roba attorno al buco”, a me dà un senso di autodeterminazione mai provato prima…


Mi rivolgo alle donne: dopo queste poche righe non vi sentite anche voi un pochino più libere e indipendenti dal contesto di oppressione emotiva e materiale di questo mondo che pretende di assoggettarci al concetto obsoleto di “moralmente accettabile”?

Vorrei condividere la simpatica avventura di uno tra gli utenti più pittoreschi di gnoccatravel: lo Spaccaculi.

Eh, si, si chiama proprio così. Non mi invento niente, se vi fate un giro su gnoccatravel lo trovate.

(Che nome evocativo… potente, azzarderei)

Il signor Spaccaculi ci racconta di una situazione paradossale, ma molto divertente, nella quale è incappato durante una sua visita ad un FKK, acronimo di frei körper kultur, (cultura del corpo libero), uno dei centri benessere a luci rosse della Germania.

La sua avventura si intitola: la prima crociata della gnocca negli FKK tedeschi.

Come un cattolicissimo cavaliere medievale, lo Spaccaculi – che in effetti una mazza ce l’ha – parte alla conquista di uno dei bordelli del maggiore franchising del sesso tedesco.

…Inizialmente ho prenotato da solo, poi si è unito un’altro utente che saluto il buon fab che dopo una breve conoscenza in chat ci siamo visti in hotel. Dopo aver trascorso il primo giorno da solo, fra giri turistici foto e registrazioni della città da dare in pasto agli amici sui social network,

(da apprezzare la varietà di interessi del signor Spaccaculi, riesco ad immaginare la sua brillante conversazione)

il giorno seguente arriva quest’amico che senza perdere un secondo di tempo alla mia vista mi esplica della sua voglia matta di spruzzare come un porco selvaggio dei Nebrodi e mi suggerisce di fare una visita all’………. più conosciuto come “all can you fuck” o ancora più semplicemente “posto dove si spruzza fino che l’uccello ti si rizza”, infatti ha un doppio senso questo nome che gli ho affibbiato perchè tralasciando che il locale funziona che pagando un ticket da 99 euro hai diritto a scoparti chiunque respiri purchè la permanenza nel locale non superi le 3 ore le troie da me viste si sono rivelate quasi tutte delle chiaviche, le uniche che si salvavano erano per la maggior parte dei missilazzi e sopratutto se non le si placcavano appena scendevano e le si trascinavano in stanza per i capelli, le perdevi fra le orde di turchi che sembravano come a casa li….
Resoconto delle 3 ore…
1)Entrata
2)Mazza già in verticale
3)Pagamento
4)Rapida spogliata e doccia alla velocità della luce
5)Attivazione GnoccaRadar per scartare la più trombabile
6)Prima clavata con annesso trascinamento della zoccola in stanza e scopata gorillesca fino a quando le viti che tengono insieme le travi del letto non si allentano
7)Discesa senza ne salutare o degnare di uno sguardo l’insunlsa valvola di sfogo anche chiamata Baldracca
8)Ripetizione della parte 5/6/7 x 5 volte

Alla fine delle tre ore puntuale come un treno tedesco mi dirigo verso l’uscita, prendo il taxi e mi lascio quelle sporche meretirci alle spalle, il mio personale giudizio su questo locale è il seguente: PESSIMO e SCONSIGLIATO, una direzione furba che voleva fregarmi al’uscita asserendo che ero stato più di tre ore (non vero, sono entrato col cronometro perchè non volevo scherzi) e per giunta voleva farmi pagare un’extra perchè avevo superato le tre meretrici trovando da parte mia un muro ovviamente che incazzandomi ho fatto presente quello che c’era scritto sul sito e che stavo chiamando la polizia, e troie inchiavabili. Ripensando a quei 100 euro li avrei potuti investire il giorno dopo all’……….

Mi chiedo cosa mi trattenga ancora dal preparare la valigia e precipitarmi all’areoporto.

Cosa sto a fare qui, schiava di un mondo del lavoro che mi opprime e mi sottovaluta, quando potrei ricevere ben altre gratificazioni in un lindo (l’avete notato, si, che il signor Spaccaculi, molto civilmente, prima di “clavare” si fa la doccia) ed elegante FKK teutonico?

Non credo l’essere definita una insunlsa valvola di sfogo conferisca una qualche valenza negativa al lavorare con il corpo… E poi sembra un ambiente piacevole e tranquillo.

Mi ostino a sedermi in ufficio, quando potrei lasciarmi trascinare per i capelli da soggetti stimolanti come il signor Spaccaculi, scoprendo capacità corporee e mentali che il moralismo di questa società bigotta e misandrica non mi permette di sviluppare…

Insomma, adesso che ho ascoltato il signor Spaccaculi, mi sento di poter sentenziare: non è così male fare la puttana!



Che bello lavorare in un FKK! | il ricciocorno schiattoso
 
Ultima modifica:

tashtego

Forumer storico
Registrato
18 Gennaio 2006
Messaggi
5.387
Non riesco a immaginare una forma di vita piu' bassa del turista della gnoc.ca.
Patetici, da far compassione a un escremento di vacca.
Anzi, si', a pensarci una c'e': quel tipo di turista che si presenta, magari per il tramite di una agenzia di viaggi compiacente, alla porta di un orfanotrofio bulgaro per ottenere dai gestori un "incontro" con qualche orfanello/a di tre o quattro anni... vedi L'Espresso della scorsa settimana...
 

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
Claire....non bisogna fare di tutta l'erba una canna. Il signor spakkakuli rappresenta un'esagerazione. Forse non e' neanche tutto vero quello che scrive.
 

Petronio_arbiter

Chiamatemi Nuanda
Registrato
29 Novembre 2012
Messaggi
4.031
Località
Chargoggagoggmanchauggagoggchaubunagungamaugg
Non riesco a immaginare una forma di vita piu' bassa del turista della gnoc.ca.
Patetici, da far compassione a un escremento di vacca.
nell'altro Forum ce n'è uno autore di un 3D record come visite ed interventi, invidiato dalla maggiorparte degli uomini ed encomiato come un eroe... e anche delle donne! :eek: :-o

effettivamente leggendolo non ti viene la voglia di aprirgli il cranio con l'ascia... :-?

E' davvero difficile giudicare, si ha la sensazione di valutare un 18enne ossessionato dalle "trombomissioni"... :rolleyes:

argomento non generalizzabile, è come parlare di droga...
 

timurlang

Etsi omnes , Ego non
Registrato
25 Febbraio 2009
Messaggi
4.284
Ore 3 del pomeriggio.....neve che scende.....bianco dappertutto...in una via laterale....ragazze bohhh forse nigeriane.....con sedia e ombrello. Nere nella neve come gocce di inchiostro su un foglio bianco. Cari bigotti cattolici donbenzini...siete invidiosi di loro perche' vi passeranno davanti nel regno dei cieli? ......e lasciatele lavorare in pace in un locale pubblico al caldo...al riparo da maniaci e rapinatori...ekkekkazz che stato incivile ke siamo. Italiaaaniiii !!!
Quando ti riferisci ai cattolici bigotti donbenzini , intendi :
che tutti i cattolici sono bigotti e donbenzini ? che i donbenzini sono bigotti ? che ti stai rivolgendo a quei cattolici che lavorano per la comunità Giovanni XXIII e specificatamente rientrano nel sottoinsieme di quanti tu ritieni bigotti ?

Pur non riconoscendomi in nessuno dei gruppi sopraelencati e ritenendo la tua breve animata da vaghezza intenzionale (il che per inciso è uno delle tecniche di produzione di propaganda) ti risponderò :
1. non invido delle ragazze che per motivi che tu non puoi sapere sono costrette a vendersi nelle condizioni che descrivi , non le invidio come non invidio nessuno dei miliardi di uomini che nel mondo sono costretti a condizioni di lavoro disumanizzanti
2. che le prostitute e i ladri ci passeranno davanti è stato profetizzato e quindi lo ritengo certo , il mio compito semmai è di non farmi staccare
3. se esiste la prostituzione è perché esiste una domanda , una richiesta di fornire un prodotto da parte di uomini che misurano altri esseri uomini come "cose" che valgono per la loro utilità ; questa è una logica alla quale io mio oppongo , nel mio piccolo , ogni giorno
4. di fronte a delle donne che sono costrette a lavorare in quelle condizioni io mio chiedo che società sia quella che non opera attivamente per eliminare le condizioni di diseguaglianza che le costringe alla schiavitù e non su come rendere la loro schiavitù più confortevole
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.881
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
Quando ti riferisci ai cattolici bigotti donbenzini , intendi :
che tutti i cattolici sono bigotti e donbenzini ? che i donbenzini sono bigotti ? che ti stai rivolgendo a quei cattolici che lavorano per la comunità Giovanni XXIII e specificatamente rientrano nel sottoinsieme di quanti tu ritieni bigotti ?

Pur non riconoscendomi in nessuno dei gruppi sopraelencati e ritenendo la tua breve animata da vaghezza intenzionale (il che per inciso è uno delle tecniche di produzione di propaganda) ti risponderò :
1. non invido delle ragazze che per motivi che tu non puoi sapere sono costrette a vendersi nelle condizioni che descrivi , non le invidio come non invidio nessuno dei miliardi di uomini che nel mondo sono costretti a condizioni di lavoro disumanizzanti
2. che le prostitute e i ladri ci passeranno davanti è stato profetizzato e quindi lo ritengo certo , il mio compito semmai è di non farmi staccare
3. se esiste la prostituzione è perché esiste una domanda , una richiesta di fornire un prodotto da parte di uomini che misurano altri esseri uomini come "cose" che valgono per la loro utilità ; questa è una logica alla quale io mio oppongo , nel mio piccolo , ogni giorno
4. di fronte a delle donne che sono costrette a lavorare in quelle condizioni io mio chiedo che società sia quella che non opera attivamente per eliminare le condizioni di diseguaglianza che le costringe alla schiavitù e non su come rendere la loro schiavitù più confortevole

:up:

menzione d'onore: vaghezza intenzionale
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.753
Quando ti riferisci ai cattolici bigotti donbenzini , intendi :
che tutti i cattolici sono bigotti e donbenzini ? che i donbenzini sono bigotti ? che ti stai rivolgendo a quei cattolici che lavorano per la comunità Giovanni XXIII e specificatamente rientrano nel sottoinsieme di quanti tu ritieni bigotti ?

Pur non riconoscendomi in nessuno dei gruppi sopraelencati e ritenendo la tua breve animata da vaghezza intenzionale (il che per inciso è uno delle tecniche di produzione di propaganda) ti risponderò :
1. non invido delle ragazze che per motivi che tu non puoi sapere sono costrette a vendersi nelle condizioni che descrivi , non le invidio come non invidio nessuno dei miliardi di uomini che nel mondo sono costretti a condizioni di lavoro disumanizzanti
2. che le prostitute e i ladri ci passeranno davanti è stato profetizzato e quindi lo ritengo certo , il mio compito semmai è di non farmi staccare
3. se esiste la prostituzione è perché esiste una domanda , una richiesta di fornire un prodotto da parte di uomini che misurano altri esseri uomini come "cose" che valgono per la loro utilità ; questa è una logica alla quale io mio oppongo , nel mio piccolo , ogni giorno
4. di fronte a delle donne che sono costrette a lavorare in quelle condizioni io mio chiedo che società sia quella che non opera attivamente per eliminare le condizioni di diseguaglianza che le costringe alla schiavitù e non su come rendere la loro schiavitù più confortevole
Commovente ...

Bravo.

:bow:
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto