Mi date una mano? (1 Viewer)

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
49.169
Località
Il mondo dei sogni
Vi faccio parte di un progettino che io e altre persone stiamo cercando di portare avanti per l'8 marzo, nato estemporaneamente, riflettendo insieme sul rapporto Cedaw e in particolare su un brano di quel rapporto.
Questo:

" Il Comitato rimane profondamente preoccupato per la rappresentazione della donna quale oggetto sessuale e per gli stereotipi circa i ruoli e le responsabilità dell’uomo e della donna nella famiglia e nella società. Tali stereotipi, contenuti anche nelle dichiarazioni pubbliche rese dai politici, minano la condizione sociale della donna, come emerge dalla posizione svantaggiata delle donne in una serie di settori, incluso il mercato del lavoro e l’accesso alla vita politica e alle cariche decisionali, condizionano le scelte delle donne nei loro studi ed in ambito professionale e comportano che le politiche e le strategie adottate generino risultati ed impatti diseguali tra uomini e donne."

Allora ci è venuta l'idea di fare una raccolta delle dichiarazioni pubbliche dei nostri bravi politici che, recito, "rappresentano la donna quale oggetto sessuale e per gli stereotipi circa i ruoli e le responsabilità dell’uomo e della donna nella famiglia e nella società"
Questa interessante antologia sarà inviata all'attuale classe dirigente.

Qualcuno di voi ha qualche articolo archiviato da qualche parte, qualche link che potrebbe fare al caso nostro, qualche ricordo a parte le "perle di saggezza" che ognuno ricorda di Massimo Fini (che però non so se posso proprio definirlo un "politico")????

Grazie in anticipo.
Senza obbligo;)
 

nmarchig

Forumer attivo
Registrato
10 Febbraio 2012
Messaggi
518
detesto l'8 marzo :-o..vada la festa del cane o del gatto, ma della donna no, quando finalmente verrà abolito l'8 marzo, soprattutto la donna smetterà di pensare a se stessa come un "soggetto" bisognoso di protezione...e bastaaaaaa....
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
49.169
Località
Il mondo dei sogni
detesto l'8 marzo :-o..vada la festa del cane o del gatto, ma della donna no, quando finalmente verrà abolito l'8 marzo, soprattutto la donna smetterà di pensare a se stessa come un "soggetto" bisognoso di protezione...e bastaaaaaa....
sì sì, ognuno ha le sue idee, non darmi una mano e siamo a posto così

Ho letto, ho anche scritto al Corriere.it.
:(
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
49.169
Località
Il mondo dei sogni
Fino ad ora ho trovato un sacco di bellissime "perle"

Donne, guaio senza soluzione, di Massimo Fini

e poi:

Tutte di Mister B.

Se fosse stata una bella gnocca me ne ricorderei. (riferito a Margareth Thatcher, Corriere della Sera, 6 luglio 2007)

Ho scoperto che cos’è il punto G delle donne… È l’ultima lettera di shopping (repubblica.it, 3 novembre 2007)

Da padre il consiglio che le do è quello di ricercarsi il figlio di Berlusconi o di qualcun altro che non avesse di questi problemi. Con il sorriso che ha potrebbe anche permetterselo (rispondendo a una giovane donna sul precariato tra i giovani, da Tg2 Punto di Vista, 12 marzo 2008)

Lei è più bella che intelligente. Non mi interessa nulla di ciò che eccepisce (riferito a Rosy Bindi, La Repubblica, 8 ottobre 2009)

Posso palpare un po’ la signora? (rivolgendosi all’Assessore della Provincia di Trento per le pari opportunità, da Trentino, 5 maggio 2009).

Allo ra, vi piace il presidente ferroviere? Io inve ce preferisco il presidente puttaniere! (ripreso da Gian Antonio Stella, Corriere della Sera, 24 giugno 2009)

Stamani in albergo volevo farmi una ciulatina con una cameriera. Ma la ragazza mi ha detto: “Presidente, ma se lo abbiamo fatto un’ora fa…”. Vedete che scherzi che fa l’età? (L’Unità, 4 luglio 2010)

Sono fatto così da sempre, qualche volta mi capita di guardare in faccia una bella ragazza, ma è meglio essere appassionato di belle ragazze che gay (AGINews, 2 novembre 2010)

Sapete perché sono sempre così carino con le signore? Deriva dall’anagramma del mio nome: l’unico boss virile. (Corriere della Sera, 18 dicembre 2010)

Meno male che non è stata qui, perché sennò …. mi sarei sentito imbarazzato di essere andato con una troia così …. vabbè cancellata (riferito a Manuela Arcuri, Corriere della Sera, 16 settembre 2011)

(...) A Brescia in occasione delle elezioni amministrative del 2003 afferma che “Viviana Beccalossi è più brava che bella. Il contrario di Rosi Bindi”. Poi però, trascinato dall’entusiasmo, urla: “Forza Viviana, fagliela vedere”. “Lì per lì non me ne sono accorta”, commenta imbarazzata la Beccalossi.

In occasione di una visita ufficiale in Ungheria consiglia ai giornalisti di farsi dare dal premier ungherese “qualche buon indirizzo”. Dell’immobiliarista Stefano Ricucci dice: “Macchè povero Ricucci, ha una cosa che tutti gli invidiamo!”, alludendo alla moglie Anna Falchi.

Quando da premier vota contro le quote rosa assicura di aver agito “per legittima difesa: alcuni deputati han fatto i calcoli: già rischiamo molto passando al proporzionale, se poi ogni tre di noi mettono una signora…”. E d’altra parte non perde occasione per assicurare che “a noi le signore, soprattutto belle, in Parlamento ci piacciono molto”. Di Ombretta Colli dice: “Votate l’Ombretta: è brava, l’è una bela tusa e canta bene”. E alla Fao saluta in particolare “le belle delegate”. Con la presidente finlandese Tarja Halonen assicura di “aver rispolverato le doti di playboy” “per portare l’authority alimentare a Parma. A Mosca nel 2004 in occasione di una visita ufficiale mette in imbarazzo Putin ostinandosi a baciare un’operaia della Merloni che aveva fatto di tutto per evitare le sue effusioni.
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
49.169
Località
Il mondo dei sogni
detesto l'8 marzo :-o..vada la festa del cane o del gatto, ma della donna no, quando finalmente verrà abolito l'8 marzo, soprattutto la donna smetterà di pensare a se stessa come un "soggetto" bisognoso di protezione...e bastaaaaaa....
sull'8 marzo:

https://comunicazionedigenere.wordpress.com/2012/03/05/rivoglio-l8-marzo/

Di ritorno a casa, durante il viaggio in treno mi ritrovo seduta con delle ragazzine, credo intorno ai diciotto anni o giù di li. Le sentivo discutere sulla festa della donna. Eh già… l’8 Marzo si avvicina e te ne rendi conto dalla grande quantità di manifesti in giro per le strade di vari locali che offrono cene a prezzi vantaggiosi e spettacolini di vario tipo (per lo più spogliarelli maschili).
Erano esaltatissime e dopo aver discusso in lungo e il largo il vestiario, trucco e parrucco ecco arrivare il programma della serata: prima cena e a seguire ballo scatenato nella speranza di beccare un locale con qualche streep tease maschile!
Sono stata zitta, volevo farmi i fatti miei ma quando hanno iniziato a raccontare la festa dell’anno precedente le parole mi sono uscite da sole dalla bocca poiché io sono fermamente contraria a quello che è diventata questa festa oggi, ovvero un’occasione per vendere fiori ed essere autorizzate a guardare spogliarelli maschili senza che nessuno ti punti il dito contro dandoti della “malafemmina”.
Ho posto loro una domanda semplicissima alla quale però non mi hanno saputo rispondere, si sono guardate un po’ con l’espressione alla “che cacchio vuole questa ma perché non si fa i fatti suoi” e ridacchiando mi hanno detto “si festeggia la donna”.
La domanda?
“Sapete perché si festeggia l’8 Marzo la festa della donna?”
Mi rendo conto come attualmente si sia perso il vero significato di questa giornata e come per le nuove generazioni sia una festa per divertirsi e probabilmente per essere autorizzate ad avere atteggiamenti che nella vita di tutti i giorni non si sognerebbero mai di avere, indossando così una falsa emancipazione.
L’8 Marzo è un giorno della memoria, è una data che vuole ricordare 129 operaie dell’industria tessile Cotton di New York morte, nel 1908, a causa di un incendio scoppiato nella fabbrica presso la quale lavoravano in condizioni pessime, condizioni che le avevano portate a protestare e scioperare. Fu In ricordo di questa tragedia che Rosa Luxemburg propose di istituire questa data come giornata di lotta internazionale a favore delle donne.
L’otto marzo nel tempo è sempre stata una data per scendere in piazza e ricordare i diritti che a volte qualcuno si dimentica che ci appartengono, prendiamo alcuni esempi (da wikipedia):

L’8 marzo 1972 la manifestazione della festa della donna si tenne a Roma in piazza Campo de’ Fiori: vi partecipò anche l’attrice americana Jane Fonda, che pronunciò un breve discorso di adesione, mentre un folto reparto di polizia era schierato intorno alla piazza nella quale poche decine di manifestanti inalberavano cartelli con scritte dove chiedevano la legalizzazione dell’aborto , la liberazione omosessuale e che fosse la donna ad avere il diritto di amministrare l’intero processo della maternità. Ma chissà perché quelle scritte non furono ben viste dalla polizia che caricò, manganellò e disperse le manifestanti.

Il 1975 fu designato come “Anno Internazionale delle Donne” dalle Nazioni Unite e l’8 marzo le organizzazioni femminili celebrarono in tutto il mondo proprio la giornata internazionale della donna, con manifestazioni che onoravano gli avanzamenti della donna e ricordavano la necessità di una continua vigilanza per assicurare che la loro uguaglianza fosse ottenuta e mantenuta in tutti gli aspetti della vita civile. A partire da quell’anno anche le Nazioni Unite riconobbero nell’8 marzo la giornata dedicata alla donna.

(quando si dice il destino: io sono nata quell'anno, non molti giorni dopo l'8 marzo;) )

Due anni dopo, nel dicembre 1977, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò una risoluzione proclamando una «giornata delle Nazioni Unite per i diritti della donna e la pace internazionale» da osservare dagli stati membri in un qualsiasi giorno dell’anno, in accordo con le tradizioni storiche e nazionali di ogni stato. Adottando questa risoluzione, l’Assemblea riconobbe il ruolo della donna negli sforzi di pace e riconobbe l’urgenza di porre fine a ogni discriminazione e di aumentare gli appoggi a una piena e paritaria partecipazione delle donne alla vita civile e sociale del loro paese.

A San Pietroburgo, l’8 marzo 1917, le donne hanno manifestato per chiedere la fine della guerra. In seguito, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, che si è svolta a Mosca il 14 giugno 1921, è stato scelto l’8 marzo come Giornata internazionale dell’operaia.

Nel tempo quindi è diventata una data importante a livello mondiale che voleva(e uso il passato) ricordare da un lato le conquiste sociali e politiche e dall’altro sia le discriminazioni che le violenze che molte donne subiscono in varie parti del mondo.
L’8 marzo, in tutto il mondo i movimenti femministi hanno manifestato per ricordare l’importanza dell’uguaglianza dei diritti tra uomini e donne.
Perché ridurlo oggi ad una serata con le amiche? Perché accettare degli auguri e delle mimose quando i telegiornali sono strapieni di fatti di cronaca nera dove i soggetti delle uccisioni sono donne? Perché festeggiare la festa della donna quando in Italia essere donna è difficilissimo?
Vorrei che questa giornata continuasse ad essere un giorno della memoria: memoria di tutte quelle donne vittime di femminicidio e di violenza, memoria per i tanti diritti per i quali giorno dopo giorno dobbiamo lottare.
Delle mimose io non so che farmene e per favore evitate di farmi gli auguri: fare gli auguri ad una donna per l’otto marzo è come andarli a fare ad un reduce di guerra durante la giornata dei caduti! (se consideriamo le origini di questa festa e l’attuale situazione che viviamo in Italia)
Auguriamoci un cambiamento invece, auguriamoci un’Italia migliore che non sia al 74esimo posto nella classifica che misura il divario di opportunità tra uomini e donne in 134 nazioni e dove il femminicio non sia un’emergenza sociale. Cogliamo l’occasione di questa giornata per far sentire nuovamente la nostra voce!
Subiamo tutti i giorni discriminazioni di vario genere solo perché siamo donne, riconosciute spesso solo come dei pezzi di carne e oggetti sessuali in una società profondamente maschilista e patriarcale.

Non accettate mimose, pretendete un cambiamento affinché la liberazione della donna non duri solo un giorno.
In Italia essere donna non è per niente facile la mimosa ipocrita lasciatela sull’albero perché non cambierà le cose!
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto