9 Giugno 2002
  1. Michelino di Notredame

    Michelino di Notredame New Member

    Registrato:
    7 Gennaio 2000
    Messaggi:
    117
    due parole, solo per salutare tutti (giacomo, lorenzo, tutti quanti)...

    mercati
    essenzialmente una crisi di fiducia.
    i ribassi vengono interpretati come una conferma (dalla borsa bisogna proprio star lontani), i rialzi come un imbroglio (e' una finta: Complesso della Bolla).

    problema: a febbraio 2000 Greenspan era orso. stretta sui tassi. raffreddare l'economia. ci e' riuscito.
    autunno 2001: Greenspan e' toro. sostenere il Dow sopra i 10000, evitare che svanisca il wealth effect, deprimendo i consumi. ci e' riuscito.

    e oggi? non e' del tutto certo che sia toro. la debolezza dell'azionario tiene schiacciata l'inflazione, senza neppure dover rialzare i tassi. Wall Street fa il lavoro sporco, e la politica monetaria rimane ferma, sostenendo l'economia reale.

    i fondi. sono toro o orso?
    il loro mestiere e' vendere azioni. vogliono che la borsa funzioni, che attiri capitali. il meccanismo deve girare, i soldi entrare e uscire.
    ma qui i capitali non entrano. ci sono le statistiche di Capuano o Caputo o come si chiama, pubblicate la settimana scorsa. non entrano soldi. borsa rotta. ci sono i fondi americani che piangono. c'e' sopratutto Enron, un fenomeno che sta cambiando la psicologia degli investitori. borsa rotta.

    a 35000 di mib30 gli investitori non entrano, a 25000 non entrano, a 40000 non entrano. che si fa?

    va in crisi il concetto di mercato finanziario come riserva di capitali ad uso del sistema produttivo. non li attira piu', i capitali.
    opinione personale: devono inventare qualcosa. ricostruire la baracca, riformare. a Milano e' un problema. a Wall Street puo' diventare una valanga.

    Peter Pan vola perche' ha l'animo felice. l'espressione pero' era diversa, non ricordo.
    ricordo che se non e' felice, non vola. Peter Pan.

    ciao ;)
     
  2. 10 Giugno 2002
  3. Argema

    Argema Administrator Membro dello Staff

    Registrato:
    5 Giugno 2000
    Messaggi:
    19.340
    Ciao Michelino, bel post.
    Ma ricostruire come?
     
  4. 10 Giugno 2002
  5. squirrel

    squirrel New Member

    Registrato:
    1 Gennaio 2001
    Messaggi:
    373
    Località:
    Genova
    QUOTE
    e oggi? non e' del tutto certo che sia toro. la debolezza dell'azionario tiene schiacciata l'inflazione, senza neppure dover rialzare i tassi. Wall Street fa il lavoro sporco, e la politica monetaria rimane ferma, sostenendo l'economia reale.
    UNQUOTE

    perchè mai dovresti definirlo un lavoro sporco????

    credi forse potrebbe mai esserci un plausibile rialzo del mercato senza il sostegno dall'economia reale.... che vuoi la botte piena e la moglie ubriaca?
     
  6. 10 Giugno 2002
  7. Michelino di Notredame

    Michelino di Notredame New Member

    Registrato:
    7 Gennaio 2000
    Messaggi:
    117
    ciao Argema :)
    veramente non ne ho idea. diciamo questo: strutturare la borsa in modo tale che non possa piu' ripetersi un fenomeno YAHOO. la gente comprava YAHOO a 200$ e le metteva nel cassetto. lo so che questo e' il bello della borsa, la speculazione. ma quella non era piu' speculazione, era il sintomo di un sistema marcio, marcio alle fondamenta.

    leggo che il nuovo capo SEC e' un vero sceriffo. ma il lavoro da fare e' enorme. coinvolge i media, che sono controllati da aziende come GeneralElectric. coinvolge i revisori di conti, stipendiati dalle persone che dovrebbero controllare. coinvolge le banche d'affari, che hanno dimostrato di essere un'associazione a delinquere.

    in Italia che si fa? che legge ci siamo dati sul falso in bilancio?

    poi c'e' un insieme di questioni tecniche, che a me sembrano importanti.
    come si costruiscono i prezzi di borsa? l'incontro domanda-offerta, i book, i futures, le aperture. chi ha seguito il Nuovo Mercato, in questi anni, sa di cosa stiamo parlando. la Grande Buffonata.

    se questa baracca non si riforma, Wall Street soffrira'. garantito.
    Dow Jones 10000 e' la fotografia di un paese che ha fiducia, che affida il proprio futuro agli operatori della finanza. gli Stati Uniti del 1998. ma quella fiducia, se viene meno, e' una specie di marea che si ritira. i 10000 possono diventare 2500. lo so che sembra una sparata. ma per me no.

    gli americani sono ingenui, perche' sono giovani. un popolo giovane, voglio dire. l'ottimismo e' la loro divisa.
    il disincanto e' un virus nel sistema. un virus micidiale, in grado di spaccare il capitalismo americano dal di dentro.

    l'Impero Greenspaniano del Credito e' in pericolo.
    i dirigenti delle compagnie energetiche si suicidano, o si dimettono, o si dimettono per la strada breve, suicidandosi.
    il lattaio di milwakee dorme male, e una mattina decide di ritirare i soldi, per stare piu' tranquillo.
    e' un tarlo nel sistema. quello che sta avvenendo.
    ciao :)
     
  8. 10 Giugno 2002
  9. fred54

    fred54 New Member

    Registrato:
    6 Gennaio 2000
    Messaggi:
    2

    Miki...quanto condivido sto pensiero....

    Ormai il virus è nel sistema...e anche se lo elimini....continui a comprarti l'antivirus..............la paura fa 90 come BLANCO del messico...il dentista.

    Saluti
     
  10. 10 Giugno 2002
  11. conide

    conide New Member

    Registrato:
    6 Gennaio 2000
    Messaggi:
    266
    Località:
    Torino
    Complimenti Michelino. Veramente due bei post. Li ho molto apprezzati.
    :)

    Purtroppo quando cade la fiducia, il sistema è in pericolo. E questa è una regola che vale sempre nella vita.

    conide
     
  12. 10 Giugno 2002
  13. Lorenzo Garavini

    Lorenzo Garavini Notti difuoco conNeraLuce

    Registrato:
    10 Gennaio 2000
    Messaggi:
    389
    Località:
    Milano
    il post si commenta da solo, uno spunto di riflessione notevole, condivisibile o meno che sia.

    Non credo comunque il sistema sia rotto completamente.

    Il popolo americano è e rimane tendenzialmente un popolo capace di guardare avanti con rinnovato ottimismo, lasciandosi velocemente alle spalle anche i ricordi più dolorosi, di qualsiasi natura essi siano.

    Io ci ho vissuto là, per certi aspetti sono veramente sorprendenti.

    Ma questa volta ci sono dei"ma".

    La bolla può aver fatto male, ma sarebbe rimasta solo una ferita rimarginabile in fretta, se una seria di fattori molto più gravi non si fossero interlacciati con la stessa.

    saltiamo l'11 settembre per un attimo

    passiamo al caso Enron, ed ai nuovi casi in vista di fallimenti e di bilanci truccati.
    Qui si è minata la solidità di convinzioni radicati da sempre nello spirito di quel popolo.
    E non e poco, anzi è un dramma per chi ha sempre visto l'investimento in strumenti finanziari come una fonte di garanzia per la vecchiaia.

    La situazione politica internazionale poi è a dir poco esplosiva, con paesi vicino ad una guerra a rischio nucleare, tensioni mediorientali sempre altissime, paesi che hanno visto il benessere ora alla fame, come l'Argentina.

    Riprendiamo l'11 settembre.
    Forse azioni terroristiche come quelle non le vedremo mai più. Ma una cosa dopo l'11 settembre è parsa chiara a tutti, l'America non la metti in ginocchio con una bomba, ma minandone l'economia.
    E' quello il vero spauracchio.

    E a me non so perchè, non mi toglie dalla testa nessuno, che questa è la nuova strategia del terrorismo.
    Minare il sitema facendo vacillare la sicurezza nello stesso.

    E voi sapete benissimo di quali risorse siano in grado di disporre alcune famiglie di finanzieri Arabi. patrimoni immensi che possono spostare l'ago della bilancia a favore o meno di una ripresa economica.

    A favore o meno di una ripresa dei mercati

    Se vogliono, possono.

    In questo contesto, qualcuno forse i soldi preferisce metterli più sotto il materasso che in borsa.

    Ma tutto passa, passerà anche questo.

    PS, dimenticavo il ben ritrovato a Michelino, l'unico originale Michelino di Notredame :D
     
  14. 10 Giugno 2002
  15. Michelino di Notredame

    Michelino di Notredame New Member

    Registrato:
    7 Gennaio 2000
    Messaggi:
    117
    ciao fred felice di poterti salutare :)
    dici che col messico andiamo a casa?
    certo che siamo andati la' troppo boriosi.
    come l'inter che ha cominciato a festeggiare in marzo.

    andando in messico, senza frenare...
    voglio vedere se davvero-si-va-a-fi-nir-male...
    :cool:
     
  16. 10 Giugno 2002
  17. Michelino di Notredame

    Michelino di Notredame New Member

    Registrato:
    7 Gennaio 2000
    Messaggi:
    117
    ciao Lorenzo :) :) :) quel che dici ha molto senso.

    tutto bene? cisco dove la compri? a 6$?
    io comincio a pensare che ci sia solo un altro annetto di orso, il piu' brutto, e poi si ricomincia... :D
    sperem
     
  18. 10 Giugno 2002
  19. Lorenzo Garavini

    Lorenzo Garavini Notti difuoco conNeraLuce

    Registrato:
    10 Gennaio 2000
    Messaggi:
    389
    Località:
    Milano
    gli esperti sono con te, quelli che fanno quei bei grafici con i trend del mercato tecnologico dicono 2003. Sto parlando di società tipo IDC

    Quelle stesse società però che, se è vero che avevo previsto il calo degli investimenti nel 2001, è altrettanto vero che avevano previsto una ripartenza a V già dal 2002.
    Ce l'ho stampato in testa quel grafico, dal 2002 al 2005 una linea dritta, sembrava la salita del Mortirolo

    vedi un pò tu

    Da maggio ho ripreso a lavorare nel settore, ti posso solo dire che è dura, pochi progetti, si vede poca lira da spendere.
    I telefonici, i telefonici, sono loro che non stanno investendo...e se non investono i grandi carrier puoi capire come di conseguenza tutto il settore dell'High Tech galleggia a malapena sulla tredline di sopravvivenza

    Cisco a 6?
    Non sò, a 9 ci conto di vederla

    buona serata
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina