Materie prime: il petrolio potrebbe rivelarsi al ribasso, oro testa resistenza

Discussione in 'Materie Prime' iniziata da marcos88, 20 Gennaio 2014.

    20 Gennaio 2014
  1. marcos88

    marcos88 New Member

    Registrato:
    26 Agosto 2013
    Messaggi:
    125
    · Il petrolio non è riuscito a mantenersi al di sopra del livello psicologicamente rilevante dei 95 dollari, venerdi scorso, a seguito di una deludente fiducia dei consumatori americani, secondo quanto rilevato da uno studio compiuto all’Università del Michigan. La mossa ha rispecchiato un più ampio peggioramento della propensione al rischio, con l’indice azionario benchmark dell’S&P 500 che ha registrato la sua chiusura più debole in quattro giorni. Il risultato ha altresì incoraggiato i prezzi dell'oro a crescere, che potrebbe aver indotto i traders a ponderare la possibilità che una lieve ripresa degli Stati Uniti potrebbe far deragliare la politica restrittiva della Fed del Quantitative Easing di acquisto di Assets, stimolando la domanda anti-fiat.
    · Guardando al futuro, un chiaro calendario economico europeo sembrerebbe offrire poco in termini di rischio. Inoltre, i mercati finanziari statunitensi sono chiusi per la festa del Martin Luther King Jr. Day, il che significa che i volumi di scambio sono suscettibili ad essere inferiori rispetto al normale nelle prossime ore. Il che getta una nube di incertezza sulle indicazioni fondamentali di breve termine e può dimostrare la possibilità di produrre un periodo di consolidamento tranquillo. E' prudente tenere a mente che la ridotta liquidità può servire ad amplificare l’altalenante volatilità nel caso in cui emerga il rischio del titolo inatteso.
    · L’andamento giornaliero dell’indice FX sta fornendo un pregiudizio misto sull’oro in base al posizionamento del trader.


    · ANALISI TECNICA:

    · PETROLIO Il petrolio sta mostrando segni di debolezza potenziale, con prezzi che evidenzano un livello al di sotto di quello di rintracciamento Fib del 38,2% a 94.85.

    · ORO - Alcune pressioni di vendita potrebbero emergere attorno al livello di resistenza di 1.256,00 siccome l'oro quota a valori vicini alle tendenze dei picchi registrati nel gennaio 2013. Tuttavia, i prezzi rimangono al di sopra dei 20 SMA e stanno registrando una serie di massimi e minimi crescenti, che indicano che il trend rialzista di breve termine rimarra’ intatto. Una stabilizzazione del livello al sopra di 1.256,00 aiuterebbe a consolidare una tendenza rialzista per il l’oro.
    · ARGENTO I guadagni dell’argento possono essere superati ancora una volta dai venditori vicini al livello di rintracciamento di Fibonacci del 38.2% a 20.48. Se gli acquirenti riescono a spingere i prezzi al di sopra della zona di resistenza che ha tenuto dalla fine di novembre, riuscirebbero a raggiungere il livello di 21 dollari USA.

    · RAME - Il rame continua ad oscillare vicino ad un livello di 3,35 dollari USA, con spunti tecnici che offrono un’inclinazione mista. Mentre un cambiamento di moto sul tasso di variazione dell'indicatore sta avvertendo una certa debolezza per il futuro, alcuni studi accennano a segnali potenziali di rialzo.
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina