Mangiatrici di banane (1 Viewer)

franky1

Forumer storico
Registrato
13 Ottobre 2020
Messaggi
8.660
Località
Biella
«La questione della “Gara di mangiatrici di banane” non è l’ennesima trovata goliardica, simpatica, innocua il cui unico obiettivo è riempire il programma. Il punto della questione è: perché il programma di questa festa non è stato immaginato diversamente?». E ancora: «Perché ciò che è festa per l’uomo, o festa dell’uomo, si traduce in una forma di oppressione, denigrazione, oggettificazione e sessualizzazione per la donna e della donna?».

«Ironia e bananosità» che, secondo la raccolta firme attiva in queste ore, non è poi così divertente. «L’esistenza e il corpo delle donne continuano ad essere sotto attacco. Non solo in quanto oggetti sessuali il cui grado di desiderabilità sembra determinarne il valore. Ma anche come soggetti a una violenza continua, strutturale e pervasiva che solamente in parte è visibile o misurabile». In questo contesto, «la violenza non è solo normalizzata. Ma spesso anche banalizzata e ridicolizzata.


Sembra una roba scritta dalla Claire...:lol:
Ma le femministe frequentano tutte lo stesso corso speciale di retorica? :lol:
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
48.031
Località
Il mondo dei sogni
«La questione della “Gara di mangiatrici di banane” non è l’ennesima trovata goliardica, simpatica, innocua il cui unico obiettivo è riempire il programma. Il punto della questione è: perché il programma di questa festa non è stato immaginato diversamente?». E ancora: «Perché ciò che è festa per l’uomo, o festa dell’uomo, si traduce in una forma di oppressione, denigrazione, oggettificazione e sessualizzazione per la donna e della donna?».

«Ironia e bananosità» che, secondo la raccolta firme attiva in queste ore, non è poi così divertente. «L’esistenza e il corpo delle donne continuano ad essere sotto attacco. Non solo in quanto oggetti sessuali il cui grado di desiderabilità sembra determinarne il valore. Ma anche come soggetti a una violenza continua, strutturale e pervasiva che solamente in parte è visibile o misurabile». In questo contesto, «la violenza non è solo normalizzata. Ma spesso anche banalizzata e ridicolizzata.


Sembra una roba scritta dalla Claire...:lol:
Ma le femministe frequentano tutte lo stesso corso speciale di retorica? :lol:
Io non avrei mai scritto sta roba.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto