Libertà di Stampa (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
io condivido totalmente l'opinione della giornalista Gabanelli

Perchè un serio giornalista deve continuare a battersi contro le Querele Intimidatorie?
Nel diritto democratico anglosassone è previsto che
Chi fa una causa contro un giornalista paghi, se ha torto, almeno il doppio di quello che ha chiesto come risarcimento


a me piacerebbe che anche in italia dove i politici sono "garantisti" verso i ladri
diventino un tantino anche democratici


Otto e mezzo 23/10/12 - YouTube
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
Leggi da PDL-PD con l'inciucio dominante


Diffamazione: no al carcere, sì alla rettifica


Mercoledì, 24 ottobre 2012 - 15:00:00
di Tiziana Maiolo
Da giornalista, da diffamata e anche nella mia veste di diffamante (secondo me presunta, ma i giudici la pensano diversamente), mi pare che questa legge sull’informazione in discussione al Senato sia un gran pasticcio. So per esperienza che quando, nella discussione in commissione parlamentare, spuntano troppi emendamenti e sulla proposta mettono le mani in troppi, aggiungendo alla norma-base una serie di ”salvo che”, in genere ne esce una cattiva legge, nel migliore dei casi una legge inapplicabile.
Due sono i problemi: eliminare la sanzione del carcere e imporre la rettifica della notizia diffamatoria.
Sul primo punto va detto (e lo dico da condannata e anche da querelante) che la pena del carcere non viene comminata proprio mai. Per questo è ancor più grave e stupefacente il fatto che una Corte d’appello e poi una sezione della Cassazione abbiano invocato proprio quell’aggravante e quel giudizio di “spiccata capacità a delinquere” che hanno fatto scattare le manette nei confronti del direttore del Giornale Sandro Sallusti.
E’ ovvio però che, eliminando la pena detentiva, questa andrà sostituita con una pena pecuniaria, che dovrà essere commisurata non solo alla gravità del fatto, ma anche alla consistenza patrimoniale della testata.



La seconda questione, e veniamo al nodo centrale del problema, è quella della rettifica. Faccio un esempio personale. Proprio pochi giorni fa la Corte di cassazione ha condannato in via definitiva un giornalista da me querelato per diffamazione a mezzo stampa. Ho appreso in questa circostanza che la mia reputazione vale tremila euro, mentre quella di un magistrato che mi aveva querelato e che ho risarcito valeva dieci volte tanto. Ma io non ho la toga, almeno per ora.


Comunque, questo giornalista nel 2006, quando ero assessore e alla vigilia di una campagna elettorale nella quale mi sarei candidata, aveva sparato un titolone “L’assessore Maiolo non paga l’affitto da due anni”. Potendo io dimostrare in via documentale la falsità totale della notizia, avevo fatto contattare il giornalista dal mio avvocato, chiedendo la rettifica. Invano. Il giorno dopo la testata sparava di nuovo a zero contro di me, rincarando la dose e pubblicando anche il mio indirizzo di casa. Mi dicano i colleghi giornalisti che protestano sempre contro “il bavaglio alla stampa”, mi dicano i colleghi che presiedono l’Ordine che cosa avrebbero fatto al mio posto. Ho querelato, e dopo sei anni sei avrò la soddisfazione di tremila euro. E la mia reputazione di allora? E se questa notizia mi avesse fatto perdere quelle elezioni che invece andarono bene?
Il punto è tutto lì.

La rettifica è lo strumento per eliminare reciproci rancori, tra politici e giornalisti, ma anche per salvaguardare i diritti di tutti i cittadini. Di questo i giornalisti devono rendersi conto. Occorre uno strumento rigoroso che imponga davvero che la versione della persona che si sente diffamata possa avere, immediatamente, lo stesso spazio e la stessa evidenza che ha avuto la notizia che ha messo a rischio la sua reputazione.

Le sanzioni devono essere severe, nei confronti di chi non lo fa.

Lo dico da giornalista che non ha mai preso querele. Quella che ho citato riguardava un mio intervento in un congresso di partito. Solo in assenza di rettifica si dovrebbe poter andare al processo. Nel caso in cui la persona che si sente diffamata possa aver offerto al lettore o telespettatore anche la sua versione dei fatti, nessuna querela dovrebbe essere avanzata.
Due punti semplici, quindi: togliere il carcere e obbligare alla rettifica. E’ così complicato, cari parlamentari?
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
questa non può che essere che una buona notizia che forse renderà più libera l’informazione in Italia, scaduta vergognosamente al 61esimo posto a livello mondiale.

Vendite di giornali a picco, la carta stampata non tira più

Crollano gli utili del Gruppo Espresso che edita il quotidiano La Repubblica. La pubblicità preferisce il web e De Benedetti non vede segnali di miglioramento per il futuro


 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
Accordo sulla diffamazione: niente carcere, multe ridotte

www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-10-25Accordo sulla diffamazione: niente carcere, multe ridotte accordo-diffamazione-niente-carcere-081044.shtml?uuid=AbvjEbwG


e ancora una volta la legge non prevede il doppio risarcimento per le querele intimidatorie contro i giornalisti
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
24/10/2012
Espresso: risultati in peggioramento nei primi 9 mesi

La difficile situazione del mercato pubblicitario continua a pesare sui conti del Gruppo Espresso che vede una forte riduzione dei ricavi e dei principali margini operativi ma riesce a mantenersi in utile anche nel terzo trimestre dell'anno;

nel dettaglio il fatturato del periodo gennaio-settembre scende del 9,1% a 594 milioni di Euro mentre

il margine operativo lordo passa da 112 a 82,8 milioni (-26,1%)

ed il risultato operativo diminuisce del 35,6% a 54,3 milioni,

l'utile netto è di 26,4 milioni contro i 41,4 milioni dello stesso periodo del 2011.



Il trend negativo si aggrava nel terzo trimestre

con i ricavi a -11,3%,

il margine operativo lordo che scende del 27,9%

ed il risultato netto quasi dimezzato a 5,2 milioni (9,9 milioni nel terzo trimestre del 2011).

Migliora invece l'indebitamento finanziario netto sceso a 105,1 milioni dai 110,2 milioni di fine 2011.

Sulla base di queste informazioni abbiamo rivisto la nostra valutazione riducendo il tasso di crescita dei ricavi per il 2012 dal -4% al -9,5% mentre alziamo marginalmente l'EBITDA margin (+0,2 punti al 13,7%).
Nel dettaglio per l'anno in corso stimiamo

ricavi a 825 milioni di Euro,

un Mol di 113 milioni,

un risultato operativo di 75 milioni

ed un utile netto di 39 milioni, valore che dovrebbe salire a 41 milioni nel 2013.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto