Le piante , pianticelle , ... dimenticate (uso non ludico ) (1 Viewer)

slowdown

Forumer storico
Registrato
25 Novembre 2005
Messaggi
1.225
Il Nespolo comune (Mespilus germanica L.) e' originario, secondo recenti studi, dell'areale caucasico e ora diffuso in tutta Europa come pianta spontanea .
Appartiene alla Famiglia delle Rosaceae.
Molto resistente al freddo invernale, si spinge fino ai mille metri di quota. La sua diffusione fu favorita moltissimo dai romani e prese a tal punto piede in Germania che , al momento di classificarla , Linneo, sospettandone una sua origine in quest'area, lo chiamo' Mespilus germanica.

i fiori, a maggio, si aprono al vertice dei rametti fruttiferi, sono grandi e isolati, di colore bianco con cinque petali e portano entrambe i sessi. Pianta autofertile.

Il frutto, la nespola, e' un falso frutto dato dall'ingrossamento del ricettacolo attorno ai frutti veri e propri.

Per l'alto contenuto in tannini i frutti non possono essere consumati alla raccolta.
Necessitano di ammezzimento, una fermentazione di maturazione ottenuta deponendo i frutti all'interno di cassette di legno, ricoperte di paglia e poste in un locale fresco.
I frutti devono essere consumati a mano a mano che sono pronti perche' il processo di fermentazione non si arresta e i frutti possono rapidamente degradarsi. In seguito all'ammezzimento la polpa diventa bruna, molle, zuccherina, di consistenza pastosa, leggermente acidulo e gradevole.
Vengono consumati per dessert.

Con la trasformazione si ottengono: marmellate, gelatine, salse e varie preparazioni culinarie.
Vengono usati inoltre per la produzione di bevande alcoliche, quali brandy, liquori, schnaps.
I frutti immaturi sono stati anche utilizzati per chiarificare vino e sidro.
Rustica, resistente e molto bella, e' apprezzata come pianta ornamentale.



.

nespolo ger.JPG


Mespilus-germanica.jpg


Mespilus germanica 12.jpg


Mespilus germanica 11.jpg


Mespilus germanica 00.jpg
 
Ultima modifica:

nonmollare

Moderator
Registrato
27 Ottobre 2005
Messaggi
8.835
Località
Molly House
sotto la siepe di lauroceraso mi nascono un sacco di piante di nespolo, osmanthus ecc perchè il mio vicino ha la pianta
 

slowdown

Forumer storico
Registrato
25 Novembre 2005
Messaggi
1.225
Nespolino

Ingredienti:

noccioli essiccati di nespole - gr. 250
alcool a 95° - cl. 500
acqua lt. 1
seme di anice stellato 1
chiodi di garofano 2
vaniglia 1 bustina

Conservare i noccioli e farli asciugare al sole per circa 10 giorni.
Togliere la pellicina marrone che li ricopre

In un vaso munito di chiusura ermetica, mettere i noccioli e aggiungere tutti gli altri ingredienti : chiuderlo bene ed esporre il vaso al sole per 30 giorni agitandolo mattina e sera.

A maturazione , filtrare con carta o garza molto fine e imbottigliare.

Far riposare il liquore per altri 30 giorni prima di iniziare a consumarlo
E' un liquore molto profumato
 

slowdown

Forumer storico
Registrato
25 Novembre 2005
Messaggi
1.225
ecco ! (del primo , solo uno ! )

poi però , io aspetto il tuo fragolino




.

mentine.jpeg


nocino.jpeg


limoncino.jpg
 

slowdown

Forumer storico
Registrato
25 Novembre 2005
Messaggi
1.225
ops ... che ne hai , nottetempo :D:D , aggiunto uno ....


Ecco !!



LAURINO

Ingredienti 300 bacche di alloro mature
400 g di zucchero
500 g di acqua
350 g di alcool 90°

Le bacche maturano a settembre



Preparazione

Preparate lo sciroppo, facendo bollire insieme l'acqua con lo zucchero per 5 minuti.
Lavate e asciugate le bacche, mettetele in un recipiente a chiusura ermetica, unite l'alcool e lo sciroppo freddo. Chiudete il contenitore e lasciate riposare al buio per quindici giorni.
Filtrate e mettete nelle bottiglie. Lasciate trascorrere qualche settimana prima di utilizzarlo.
Ottimo come digestivo.





 
Ultima modifica:

slowdown

Forumer storico
Registrato
25 Novembre 2005
Messaggi
1.225
in latino , và ...

Sorbus domestica L.


Species Sorbus domestica
Genus Sorbus
Subfamilia Maloideae
Familia Rosaceae

Il Sorbo domestico (Sorbus domestica L.) appartiene alla Famiglia delle Rosaceae.
E' una specie originaria dell'Europa Meridionale, dalla Spagna alla Crimea e all'Asia Minore
Albero alto fino a 13 metri, foglie alterne imparipennate, composte, lunghe fino a 20 cm, con 6-10 paia di foglioline ovale o lanceolate sessili , fiori ermafroditi numerosi, in corimbi ramosi e tomentosi

Il frutto e' un pomo subgloboso o piriforme lungo da 2 a 4 centimetri, di colore giallo-rossastro e punteggiato, quindi bruno a maturita'; la polpa e' verdognola dolce, con endocarpo membranaceo e semi angolosi bruni.
I frutti maturano in autunno e sono molto ricercati dalla fauna selvatica. I frutti sono commestibili, di sapore acidulo, ricchi di acido malico e vitamina C, se ammezziti diventano dolci, con polpa farinosa molle. La fruttificazione avviene in ottobre.

Alla maturazione sull’albero (maturazione fisiologica) le sorbe risultano essere non commestibili perché astringenti ed allappanti; un periodo di post-maturazione (ad esempio nella paglia) porta all’ammezzimento e quindi alla possibilità di consumo diretto.

I frutti possono anche essere consumati freschi ma, al pari delle nespole, debbono essere fatti maturare a lungo; inoltre si possono trasformare in marmellata.
Fatti macerare con l’aggiunta di poco zucchero e quindi distillati, offrono uno squisito liquore simile per altro a quello degli altri sorbi. Fermentati producono un vino noto già nell'antichità.
Dai frutti si ricavano anche marmellate e confetture



Marmellata di sorbo comune

Pulire e lavare i frutti ben maturi e farli stagionare. Porre in casseruola con lo zucchero e il succo di un limone. Cuocere a fuoco lento, sempre mescolando, fino alla consistenza voluta. Versare la marmellata calda in vasetti di vetro e chiudere ermeticamente.
 

Allegati

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto