L'angolo della poesia (2 lettori)

ForexNick

score libbero, subbito !!!
Registrato
1 Febbraio 2021
Messaggi
3.855
Réversibilité

Ange plein de gaieté, connaissez-vous l'angoisse,
La honte, les remords, les sanglots, les ennuis,
Et les vagues terreurs de ces affreuses nuits
Qui compriment le coeur comme un papier qu'on froisse ?
Ange plein de gaieté, connaissez-vous l'angoisse ?

Ange plein de bonté, connaissez-vous la haine,
Les poings crispés dans l'ombre et les larmes de fiel,
Quand la Vengeance bat son infernal rappel,
Et de nos facultés se fait le capitaine ?
Ange plein de bonté, connaissez-vous la haine ?

Ange plein de santé, connaissez-vous les Fièvres,
Qui, le long des grands murs de l'hospice blafard,
Comme des exilés, s'en vont d'un pied traînard,
Cherchant le soleil rare et remuant les lèvres ?
Ange plein de santé, connaissez-vous les Fièvres ?

Ange plein de beauté, connaissez-vous les rides,
Et la peur de vieillir, et ce hideux tourment
De lire la secrète horreur du dévouement
Dans des yeux où longtemps burent nos yeux avides ?
Ange plein de beauté, connaissez-vous les rides ?

Ange plein de bonheur, de joie et de lumières,
David mourant aurait demandé la santé
Aux émanations de ton corps enchanté ;
Mais de toi je n'implore, ange, que tes prières,
Ange plein de bonheur, de joie et de lumières !

Charles Baudelaire
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
Ricordo una chiesa antica,
romita,
nell’ora in cui l’aria s’arancia
e si scheggia ogni voce
sotto l’arcata del cielo.

Eri stanca,
e ci sedemmo sopra un gradino
come due mendicanti.

Invece il sangue ferveva
di meraviglia, a vedere
ogni uccello mutarsi in stella
nel cielo.

Giorgio Caproni
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
DOVE

Dove è il sogno realizzato
e dove il folle amore
che tutti
o alcuni
sempre
dietro la maschera serena
chiediamo in ginocchio?

Idea Vilariño
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
“E se divisi,
quando un quadro cadrà nella stanza dell’Uno,
sarà prontamente afferrato dalla mano dell’Altro,
nella propria stanza.
Ed allora, gemelli sincronici,
potranno guardare ancora e sempre
alla stessa bellezza.”

Leonardo Seidita
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
“Casa è dove hai spazio per essere,
per essere da solo con te
e da qui
poter esserci con qualcun altro,
essere senso per l’altro.
Qui è casa.”
Emanuele G. Casale
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
«Ancora e sempre, anche se conosciamo il paesaggio dell’amore
e il piccolo cimitero coi suoi nomi che si lamentano,
anche se ci atterrisce il taciturno abisso ove scompaiono
gli altri: ancora e sempre usciamo in due
sotto gli alberi antichi, ancora e sempre ci sdraiamo
in mezzo ai fiori, di fronte al cielo.»

Rainer Maria Rilke a Lou Andreas Salomè
 

Sir Green

Forumer storico
Registrato
7 Marzo 2009
Messaggi
6.996
Località
Sicilia
Incantato dalla tua magia,
ho creduto a parole ripetute nel tempo,
come un eco infinito nell'orecchio di Dionisio.
Ti ho aspettato ogni giorno seduto sul pontile,
quando il sole mi scaldava e quando soffiava forte il vento,
ma la tua nave non l'ho mai vista all'orizzonte.
Il mio tempo non ti bastava mai,
ma ogni giorno il tuo viaggio è diventato più lungo,
ricrescendo ogni notte come viscere di Prometeo.
Ti ho chiesto molte volte un segno ,
ma il cielo sul pontile ha taciuto per te,
e mi ha spazzato via l'ennesima tempesta.
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
41.497
Località
Il mondo dei sogni
Sono andato una sera di dicembre
Per una stradicciola di campagna
Tutta deserta, col tumulto in cuore.
Avevo dietro me una rivoltella.
Quando fui certo d’esser ben lontano D’ogni abitato, l’ho rivolta a terra
Ed ho premuto.
Ha sussultato al rombo, d’un rapido sussulto che mi è parso scuoterla come viva in quel silenzio.
Davvero mi ha tremato tra le dita
Alla luce improvvisa ch’è sprizzata
Fuor della canna.
Fu come lo spasimo, l’ultimo strappo atroce di chi muore di una morte violenta. L’ho riposta allora, ancora calda, entro la tasca e ho ripreso la via.
Così, andando, tra gli alberi spogliati, immaginavo il sussulto tremendo che darà nella notte che l’ultima illusione e i timori mi avranno abbandonato e me l’appoggerò contro una tempia per spaccarmi il cervello.

C. Pavese
 

Fernando'S

Forumer storico
Registrato
10 Gennaio 2000
Messaggi
14.080
Località
roma
Andiamo in montagna
Il cuore pieno di gioia
Il naso di profumi
Gli occhi di bellezza
Camminiamo insieme
Ognuno con il proprio passo
Aspettando chi è più lento
...... questo è l'amore
Agosto 2021
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto