Lanciare una Startup (1 Viewer)

Registrato
11 Gennaio 2022
Messaggi
8
Se pensiamo strettamente al denaro, allora aprire un'attività fuori dall'Italia è una buona idea.
Ma dovete capire che non per niente nei paesi sviluppati si paga di più per mantenere un'impresa. In paesi come l'Italia, la Germania, tutte le tasse vanno a supportare un sistema consolidato, mentre nei paesi dell'Est Europa, ad esempio, non esiste un sistema del genere per fornirvi sicurezza.

Io ho scelto di aprire una S.R.L. in Italia. È passato mezz'anno da quando l'ho fondata. Non è stato molto complicato, i passaggi burocratici sono stati come per la maggior parte delle aziende:
– apertura dell'Iva parta presso l'Agenzia delle Entrate;
– iscrizione al Registro delle Imprese;
– comunicazione degli atti alla Camera di Commercio;
– invio al Comune dell'avviso d'inizio attività;
– scelta del regime fiscale di riferimento;
- aperture d'incarichi tramite INPS e INAIL, in caso di assunzione di personale in azienda.

E oltre a ciò, ho scelto anche un conto corrente con un canone mensile economico, Tot dalla banca Sella, di cui puoi saperne di più sul sito conticorrentiaziendali.

Anche se pago di più rispetto a un'agenzia dall'estero, almeno mi trovo in un ambiente imprenditoriale che conosco e sono sicuro che l'economia italiana non crollerà domani.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto