La nostra View sul mercato italiano (1 Viewer)

reportdiborsa

Forumer attivo
Registrato
4 Giugno 2002
Messaggi
224
Ecco un estratto dalla nostra NL Economia e Finanza

Buonasera,

la settimana di Piazza Affari inizia in modo contrastato e sopratutto inatteso, se si tiene presente che Wall Street questa settimana sarà chiusa per una seduta, mentre Venerdì le contrattazioni dureranno solo per metà giornata. Nonostante questo gli indici non si sono affatto mantenuti prudenti, andando a far emergere in tutta la sua forza quella che molte volte abbiamo definito come tendenza rialzista di fondo del Mercato. Milano su tutti ha dimostrato durante l'intero corso della giornata di essere una delle migliori Piazze finanziarie europee, rimanendo sempre forte nel confronto con gli altri principali mercati finanziari del vecchio continente.

A Milano tiene ancora banco il caso Cirio, con le banche che sembrano tirarsi indietro e non appoggiare più a priori nessun piano di rilancio della società e quindi ormai le strade sembrano portare dritte ad un default delle obbligazioni.

Sul Mib30 spicca il rialzo di Capitalia e della controllata Fineco, perchè il Mercato scommette sui rumors che vogliono un rastrellamento di azioni sul Mercato, da parte di Emilio Gnutti, di Popolare Lodi e di Stefano Ricucci, tutti interessati chi ad entrare nel capitale sociale della banca con una partecipazione rilevante, chi ad incrementare la propria quota, in vista del rinnovo del patto di sindacato.

Dopo una mattinata di contrattazioni abbastanza sonnacchiosa, dove gli unici rumors interessanti venivano dalla sospensione delle contrattazioni per la spagnola Fenosa, che vogliono interessata a cedere il 50% della propria divisione GAS ad ENI, dichiaratasi interessata, la vera svolta arriva da oltre oceano, dove i dati macro statunitensi producano dapprima un forte recupero degli indici future di Wall Street e dopo avvio fortemente positivo delle contrattazioni.

Per quanto riguarda la nostra operatività, siamo usciti forse un pò prematuramente da Mediaset, ma comunque in un'ottica di ribilanciamento dell'asset al fine di non esporci troppo sul comparto editoriale, che ancora non vanta un trend rialzista regolare e sopratutto non ha sotto una base ben costruita come il settore dei servizi, comparto telefonico in particolar modo. Rimane in portafoglio Mondadori, ben impostata al rialzo.

Sui bancari, se BNL, presa a 0,95/0,96 € non dovesse supera a breve e di slancio quota 1,25 € si può liquidare anche la rimanente metà; invece per quanto riguarda Unicredito è bene mantenerla in portafoglio in un'ottica di medio periodo. Continuiamo a mantenere anche ENI, presa intorno ai 13,4 €, puntando ad un uscita minima di 14,6 €.

Ottimi i telefonici, dove abbiamo rafforzato ieri le nostre posizioni, così dovremmo avere TIM a 4,75 € e 5,1/5,15 € e Telecom Italia, a 7,9/7,95 € e a 8,05/8,1 €. Stessa sorte dei telefonici Olivetti, era in portafoglio a 1,017 € ed ora abbiamo rafforzato la posizione a 1,16 €. Su questi titoli lasceremo ancora correre per molto tempo i guadagni.

Abbiamo anche in portafoglio Parmalat, presa tra i 2,38 € e i 2,4 €, dove il target rimane il medesimo, a 2,6 €. Bene anche RAS, presa tra 11,5 € e 11,6 €, qui l'obiettivo di medio termine è quota 13,9/14 €.

Ai titoli in portafoglio possiamo tranquillamente aggiungere Seat, nel qual caso torni sui 0,70 €, per puntare ad un primo target posto a 0,740 €. Attenzione ad ENEL qualora dovesse chiudere sopra i 5,15/5,17 € sarebbe un long perfetto e Banca Fideuram, da prendere in caso storni verso i 5 €.

reportdiborsa ha allegato questa immagine:

 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto