La "famigerata" Tobin Tax: ciò che sarà realmente (in Italia) (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Si fa un gran parlare dell'introduzione della Tobin Tax che dovrebbe portare 1 miliardo gia' il prossimo anno nelle casse statali, ma e' bene sapere cio' che essa sara' realmente a dispetto di cio' che si paventa.

Alcune caratteristiche che assumera' la Tobin Tax saranno prevedibili, in attesa dei cosiddetti "decreti attuativi"

- Sara' una nuova tassa patrimoniale sui cassettisti, in quanto colpira' gli acquisti e non le vendite

- Non colpira' gli scalper e i trader intraday, perche' sono troppo importanti ed insostituibili per la microstruttura dei mercati. Gli acquisti e le vendite in giornata saranno, infatti, detassati.

- Si colpiranno nuovamente i bond bancari e i corporate in generali, rendendo con questa tassa definitiva ed incolmabile la disparita' di privilegio e di trattamento con la posta ed altre offerte dello stato (esempio i suoi titoli di debito pubblico).

insomma, la Tobin Tax verra' utilizzata in chiave politica per acquisire il consenso delle forze sociali, sindacali, laiche, cattoliche del paese, che in massa saranno indotte a credere che sra' stata punita la speculazione.

In realta' la speculazione ne esce del tutto indenne da questa nuova tassa patrimoniale.
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
giovedì 11 ottobre 2012 < back
Assosim: tassare il trading superveloce


di Francesco Ninfole
La Tobin Tax è inefficace: per frenare davvero la speculazione servirebbe piuttosto colpire l’high frequency trading. È questa l’opinione di Assosim, che nei prossimi giorni potrebbe pubblicare un manifesto per un’imposta sulle transazioni speculative. Gianluigi Gugliotta, segretario generale dell’associazione, spiega a MF-Milano Finanza le ragioni per cui, secondo l’associazione, i governi stanno andando nella direzione sbagliata: «L’Ue non sarebbe comunque in grado di raccogliere le cifre previste sulla Tobin Tax, poiché nei calcoli sul gettito si deve considerare anche l’impatto negativo sul pil, legato soprattutto ai costi aggiuntivi di finanziamento sui mercati primari per le imprese. La tassa, è vero, si applica sul secondario, ma i prezzi su questo mercato incidono poi sul rendimento che l’investitore chiede all’emittente in fase di collocamento». C’è da aspettarsi che i costi siano pagati dai clienti? «Questo è inevitabile », dice Gugliotta. «Non si tratta di una tassa sulle banche, ma sui clienti delle banche e sull’investitore finale». Quando il governo Berlusconi varò l’imposta sugli estratti conto, gli istituti tuttavia pagarono senza troppi problemi. «Stavolta è diverso», spiega Gugliotta. «Anche allora si trattava di un’imposta sui clienti, ma l’importo era esiguo. Oggi invece l’intermediario chiede in media commissioni di 1-2 punti base: non potrà farsi carico di un’imposta di 20 punti base, come quella francese, o di 10 punti base, come chiede Bruxelles». L’imposta sulle transazioni finanziarie definita in Francia, secondo il segretario generale di Assosim, coinvolge le banche in modo molto limitato: «Si applica sul saldo tra acquisti e vendite, quindi gli istituti non pagano nulla se chiudono la giornata a saldo zero, come succede per tutte le banche che non prendono rischi in conto proprio». Ma se l’Europa seguisse questa strada, non sarebbe comunque un modo utile per scoraggiare il proprietary trading? «Forse lo sarebbe, però gli 11 Paesi che hanno aderito alla cooperazione rafforzata dell’Ue non sono certo quelli dove gli istituti sono i più attivi nelle negoziazioni in conto proprio. La Commissione ha detto di voler punire le banche che hanno causato la crisi, ma la tassa non riguarderà le banche maggiormente responsabili, come quelle anglosassoni. Gli obiettivi di Bruxelles finora sono stati piuttosto confusi». Il modello basato sui saldi a fine giornata, secondo Gugliotta, ha l’ulteriore svantaggio di non colpire il trading speculativo ad alta frequenza: «Se un operatore trasmette una quantità enorme di ordini, e poi dopo pochi millisecondi li cancella, speculando su micro-variazioni dei prezzi, alla fine non paga nulla. Si colpisce invece il cliente retail o il fondo d’investimento o previdenziale, che vogliono davvero comprare o vendere: non cancellano gli ordini e a fine giornata hanno di solito un saldo positivo». Perciò Assosim pensa a una proposta che trasformi in un’imposta l’attuale penale che Borsa Italiana chiede per gli operatori che non eseguono neppure un ordine su 100 immessi. «Bisognerebbe trasformare la commissione di negoziazione di Borsa Italiana in una vera tassa sulle transazioni finanziarie speculative. Gli intermediari sarebbero disposti anche ad alzare il rapporto fino a dieci a uno». In sostanza, la tassa potrebbe colpire le operazioni non eseguite oltre la soglia di un ordine eseguito ogni dieci immessi (invece che 100). Quando si tassano le transazioni finanziarie si temono sempre fughe di capitali. È questo un rischio concreto per l’Europa? «Dipenderà da come verrà definita la tassa», dice Gugliotta. «Sarebbe più probabile secondo le norme della prima bozza Ue, rispetto alle norme francesi. La tassa di Hollande colpisce tutte le operazioni su un titolo francese, anche se sono effettuate tra soggetti americani a Hong Kong. Di fatto non c’è possibilità di elusione. Però oggi circa il 40% delle operazioni sono fatte da soggetti che non operano sulla base dei fondamentali: per questi soggetti è del tutto indifferente usare titoli francesi o di un’altra nazione non tassata. Le società francesi dovranno però promettere un tasso più alto sui bond, perché in prospettiva potrebbe costare di più scambiarli sul mercato ». Dieci punti base sono un valore davvero decisivo? «Sono tanti, significano perdita di competitività per l’industria e di posti di lavoro ». Perciò il suggerimento al Tesoro è quello di «colpire piuttosto l’high frequency trading». (riproduzione riservata)
 
Ultima modifica:

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Io credo che la speculazione sia assolutamente salutare, quando rispetta le regole.

Il problema non è nello specifico l'HFT: è la manipolazione di mercato: difficile definirla, difficilissimo (o impossibile) punirla.

Non sono di principio contraria alla tassa (finchè non mi danneggia :prr:), ma andrebbe fatta estrema attenzione.

Vediamo cosa ci combinano.

Se sono gradita e manteniamo toni impersonali dire che se ne può parlare :)
 

Paolo1956

Forumer attivo
Registrato
5 Giugno 2009
Messaggi
915
Sentite,

intanto aspettiamo di vedere cosa realmente viene fuori.

In linea di massima concordo sia con Pat che con PGP, ma tutto sta nel capire le regole che verranno, gli effetti che avranno sull'operatività di ognuno.

Ci possono essere due tipi di effetti diversi: uno è il pagare un tot a operazione (quali? quanto?). L'altro è (o potrebbe essere) l'effetto a lungo termine sui mercati interessati (costi, liquidità, strumenti).

Idee?
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Sentite,

intanto aspettiamo di vedere cosa realmente viene fuori.

In linea di massima concordo sia con Pat che con PGP, ma tutto sta nel capire le regole che verranno, gli effetti che avranno sull'operatività di ognuno.

Ci possono essere due tipi di effetti diversi: uno è il pagare un tot a operazione (quali? quanto?). L'altro è (o potrebbe essere) l'effetto a lungo termine sui mercati interessati (costi, liquidità, strumenti).

Idee?
Pare vogliano basarsi sulla residenza fiscale, probabilmente perchè è più facile cambiare mercato che residenza. Il che porterà tutta una serie di problematiche riguardo l'applicabilità.

Se tassassero direttamente il mercato otterrebbero facile applicabilità, ma anche maggiore perdita di capitali, ed in misura proporzionale all'ammontare della tassa stessa.
 
Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Se sono gradita e manteniamo toni impersonali dire che se ne può parlare :)

Sicuramente a me sei gradita, ma non e' questo il punto.

Il punto e' che, come spiegava sopra bene l'articolo, la Tobin Tax applicata in Italia seguira' il modello Francese, in vigore da agosto, cosi' come i titoli di stato indicizzati all'inflazione seguono il modello Francese e non altri modelli diversi, migliori.

Il modello francese prevede che la Tobin Tax sia una patrimoniale tout court mascherata da tassa sulle transazioni finanziarie, al fine di tacitare la societa' civile (sindacati, lavoratori dipendenti, imprenditori) e rendere socialmente accettabili l'istituzione di nuove tasse sul lavoro e sull'impresa (anche "loro" pagano, adesso paghiamo proprio tutti....)
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Sicuramente a me sei gradita, ma non e' questo il punto.

Il punto e' che, come spiegava sopra bene l'articolo, la Tobin Tax applicata in Italia seguira' il modello Francese, in vigore da agosto, cosi' come i titoli di stato indicizzati all'inflazione seguono il modello Francese e non altri modelli diversi, migliori.

Il modello francese prevede che la Tobin Tax sia una patrimoniale tout court mascherata da tassa sulle transazioni finanziarie, al fine di tacitare la societa' civile (sindacati, lavoratori dipendenti, imprenditori) e rendere socialmente accettabili l'istituzione di nuove tasse sul lavoro e sull'impresa (anche "loro" pagano, adesso paghiamo proprio tutti....)
Allora il vero problema sarà quello che verrà fuori a livello europeo a fine 2013 (ottimisticamente), o nel 2014 (più realisticamente).

Finchè avremo anche in Italia il modello "stamp duty", salvi (quasi) tutti.
 

Paolo1956

Forumer attivo
Registrato
5 Giugno 2009
Messaggi
915
Sicuramente c'è qualcosa di paradossale nel modello francese.

A livello personale, da molti mesi ho cercato di raffinare certe metodologie di investimento nel senso della bassa operatività. Parlo di investimenti di lungo termine, i risparmi, diciamo. Ora, sotto questo aspetto non è che una tassazione dello 0,05% sia determinante. Il rischio fiscale vero è altro.

Sul trading di breve i problemi sono più stringenti, ma dipende dal modo effettivo con cui la tassa viene implementata.
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Sicuramente c'è qualcosa di paradossale nel modello francese.

A livello personale, da molti mesi ho cercato di raffinare certe metodologie di investimento nel senso della bassa operatività. Parlo di investimenti di lungo termine, i risparmi, diciamo. Ora, sotto questo aspetto non è che una tassazione dello 0,05% sia determinante. Il rischio fiscale vero è altro.

Sul trading di breve i problemi sono più stringenti, ma dipende dal modo effettivo con cui la tassa viene implementata.
Tuttavia il modello "duty stamp" (tassazione parziale sul mercato) è l'unico attuabile finchè non esista un accordo internazionale e non si vogliano semplicemente rubare le caramelle ai bambini (residenza fiscale).

Se l'europa, in fase successiva, vorrà cambiare questa linea e procedere da sola verso un modello di tassazione come quello prospettato, il rischio di fuga di capitali sarà forte.

Secondo me.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto