La EX triste storia del Dott. Hamer(dal 16-2-06 è libero :-) (1 Viewer)

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
AnkleJoint ha scritto:
george ha scritto:
Io ho fatto conoscere la sua storia (e Dio solo sa se ce ne era bisogno) ed ho chiesto alla gente di studiarsela....tutto quì.
hai fatto benissimo

"studiare" significa applicare il metodo scientifico, mi sembra...
quello che appare, e' che non c'e' un singolo passo che sta in piedi, anzi, che c'e' pure della malizia
non e' credibile che ci siano milioni di ragazzi, studenti di medicina, che diventano tutti complici del complotto internazionale, non appena si iscrivono all'universita'.

stesso discorso per quell'altro "Dottor" Simoncini.


se poi volete compiere un atto "di fede", e' un altro discorso, fate pure, secondo me ognuno a questo mondo e' libero di fare quello che vuole con la propria vita e i propri soldi.
Questi di sicuro non faranno la fine di Hamer :cry: :( :


Sotto accusa un farmaco Bayer
"Aumenta il rischio di infarti"

http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/sc.../aprotinin.html

La notizia pubblicata dal New England Journal of Medicine
La Fda: "Rivedremo i nostri studi su questo medicinale"


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Maxitruffa al sistema sanitario
chiesta interdizione per 8 big dei farmaci

http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/cr...uffamedici.html

Coinvolti informatori scientifici, medici di base e farmacisti
Un 'affare' costato oltre 20 milioni di euro al servizio sanitario nazionale
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
Riporto di seguito una serie di domande poste ad esperti di Nuova Medicina Germanica e relative risposte.

L'ass. ALBA è l'unico organismo riconosciuto dal dr. Hamer in Italia, del quale ne è Presidente onorario, per lo studio, il riconoscimento e la divulgazione delle sue scoperte.
ALBA è nata da solo tre anni e conta già tra i suoi iscritti circa 800 tra medici, terapeuti e persone di ogni cultura, che stanno portando avanti l'intento associativo di verifica delle Leggi Biologiche scoperte dal medico tedesco.

Preciso che ogni mio intervento sarà finalizzato solo ad una completezza ed esattezza di informazione sulla Nuova Medicina G., senza entrare nel merito di diagnosi o terapie.
Desidero comunque esprimere a nome di tutta l'associazione un sincero ringraziamento per questa opportunità offerta, visto che ogni tentativo di divulgazione ufficiale ci viene preclusa, ma sappiamo che la posta in gioco è grossa.
La nostra finalità e la nostra richiesta è solo la possibilità di una verifica ufficiale, (l'ennesima) che possa confermare la grandezza delle scoperte di un genio, ma soprattutto la necessità di mettere a disposizione dell'umanità l'utilità della conoscenza di un capovolgimento diagnostico nella medicina, dove viene finalmente riconosciuto l'elemento psichico e la rivalutazione dell'individuo in quanto tale.
Resto a disposizione e saluto nuovamente tutti con simpatia.
C.T.

Una precisazione necessaria.
Per rispetto nei confronti di chi legge il forum, devo aggiungere alla mia presentazione che mi sono laureato due volte, ma non ho la laurea in medicina.
Mi considero un ricercatore del settore perchè sono più di dieci anni che studio medicina, trovando nella Nuova Medicina il mio punto di arrivo, frequentando i corsi di Nuova Medicina in Spagna direttamente con il dr. Hamer e tutti i corsi di Nuova Medicina in Italia, con la persona più qualificata e competente della materia, che è il Presidente dell'Associazione, Marco Pfister di origine svizzera.
Ovviamente qualora qualcuno esigesse un medico tradizionale nell'ambito della Nuova Medicina, basta chiedere quante dozzine...
Mi sembrava giusta la precisazione.
Cordialmente
C.T.

1° Domanda:

Non credo che il partito della ricerca scientifica possa sposarsi con le "ciarlatanate". Il mondo è sempre stato pieno di teorie che avevano scoperto il male di tutti i mali e la relativa cura, ovviamente valida per tutto, una metafisica universale.
Il Dr Hammer non mi convince ... anche se ognuno è libero di aderire alla setta che preferisce. Credo in Hammer come credo in Di Bella, cioè a nesuno dei due. Io credo nel "relativismo" della scienza, nel suo metodo e nei suoi errori ...

Saluti Viale.


Risposta C.T.

Egr. Sig. Viale, mettermi a disposizione di ogni chiarimento vuol dire anche rendermi disponibile ad un confronto con chi manifesta la sua disapprovazione.
Non posso peraltro entrare nel merito non conoscendo le motivazioni del suo atteggiamento critico verso le teorie del dr. Hamer. Desidero però formularLe alcune precisazioni sul Suo intervento: a) quel poco di contenuto da Lei esposto dimostra che non è correttamente informato sulle Leggi Biologiche, perchè la NMG non è una scienza, non è una terapia, non ha scoperto il male dei mali, non ha brevettato alcun farmaco miracoloso da vendere, è una diagnostica nuova. b) Concordo pienamente con Lei sul relativismo della scienza, perchè "relativo" è l'uomo che la attua, ma il dr. Hamer ha solo scoperto delle Leggi Biologiche che la Natura ha elaborato da miliardi di anni di evoluzione, per cui ora si riesce a comprendere finalmente il perchè e come si forma un eritema o un tumore, un raffreddore o un melanoma, con l'aggiunta in più della componente pisichico-biologica dell'individuo che ne governa il decorso. Ovviamente mi rendo conto di non poter essere esauriente in questa sede, ma altrettanto ovviamente mi rendo disponibile a informarLa, anche direttamente, su ogni approfondimento o eventuale Sua critica, ma costruttiva c) Le confermo che non è una ciarlatanata, non perchè lo dico io, ma perchè la NMG è stata già verificata in 27 consessi scientifici e universitari, l'ultimo dei quali ad opera del prof. Nemits dell'Università di Lipsia. Vorrei aggiungerLe inoltre, invitandoLa a riflettere con attenzione e umanità, che non può essere una ciarlatanata se un uomo, medico, oncologo, psichiatra e teologo di 71 anni, dopo un anno di detenzione ha rifiutato, poche settimane fa, la libertà condizionata all'abiura delle sue teorie e dicendo: "Resto in carcere per l'umanità!" d) Rifiuto e Le contesto categoricamente invece il termine da Lei usato di "setta", sia personalmente, sia a nome di oltre 800 tra medici e ricercatori, che, senza scopo di lucro, anzi a loro spese, da oltre tre anni stanno portando avanti con documentazioni scientifiche la verifica in Italia delle scoperte del medico tedesco.
La ringrazio del Suo intervento e La saluto cordialmente
C.T.


2° Domanda:

Prendo atto delle sue precisazioni, ma non mi sposto dalle mie posizioni, in attesa che le dimostrazioni scientifiche siano più solide e meno teoriche. Del resto lo afferma lei che non è una scienza. Ogni settore della medicina vale per la riproducibilità non casuale dei risultati. Sia in occidente che in oriente teorie mediche ufficiali e non ufficiali sono sorte e tramontate in continuo ed, in fondo, è solo da pochi decenni che la certezza dei risultati si sta affermando sulle teorie e sugli interessi delle sette e delle corporazioni. Ripeto il Dr Hammer non deve stare i galera per reati di opinione.
Ricambio altrettanto cordialmente i saluti.
Silvio Viale.


Risposta C.T. :

La ringrazio della risposta e solo una precisazione: dicendo che le teorie del dr. Hamer non sono una scienza, intendo dire che non sono un'elaborazione della mente dell'uomo, ma solo la scoperta, ribadisco, di quanto creato biologicamente dall'evoluzione. Le Leggi Biologiche sono state definite Leggi da Hamer proprio perchè sono scientificamente comprovabili e verificabili sempre. Lui stesso ha detto: "Se qualcuno mi dimostra che a fronte di una patologia non esiste quel conflitto da me individuato nella biologia, sono disposto a bruciare tutto"... ma sono stati costretti a metterlo in carcere!
Io ormai sono quasi dieci anni che sperimento sia su di me che sugli altri la verifica delle scoperte di questo medico e, mi creda, (anche perchè non me ne viene niente, se non il piacere della verità scoperta) è veramente una straordinaria conferma quotidiana.
Questo Le dovevo!
Con piacere
C.T.


3° Domanda:

Come è possibile che si scambi la libertà condizionata con un'abiura, in Francia nel 2005?
Questo è quello che dichiara Hamer o è agli atti da qualche parte?
Sarebbe interessante studiare quello che è successo alla Colasanti.
Sul morire a 30 anni dal fatto di tumore a 47 anni, forse Hamer avrebbe qualcosa da dire, anche perchè a novembre c'è il ritrovamento di un Ghira o pseudoGhira a cui lei non crede, ma soprattutto a Marzo torna a colpire Izzo. La prima bomba dentro le deve essere scoppiata quando lo hanno rimesso in libertà la seconda quando a Marzo ha ricolpito come 30 anni prima.
L'hanno convinta a fare la chemioterapia ed ad andare in ospedale, ma lei non la voleva fare ed in ospedale non voleva andare.

Tuttora questo è pane per i tuoi denti.


Risposta C.T.:

Riguardo all'intervento di Viale, rispetto il suo scetticismo giustamente motivato dal continuo proliferare di opportunisti speculatori che giocano sui fallimenti della Medicina Ufficiale e sulla paura delle persone, ma insieme a tutta la struttura e al Comitato Scientifico dell'Associazione, composto da medici, siamo pronti a documentare quelle prove scientifiche che richiede non solo Viale, ma l'umanità intera.
Ma ahimè, ci viene continuamente chiusa ogni porta ufficiale. L'anno scorso e pochi mesi fa ho rilasciato, SU LORO RICHIESTA, due interviste, una al dr. Vignolo, corrispondente in Spagna del Corriere della Sera, in occasione del suo arresto e una ad una giornalista della Stampa di Roma, in occasione della nostra manifestazione in Germania ad Heidelberg. Non solo, abbiamo inoltrato più volte dei Comunicati Stampa alle agenzie Ansa.
Ti riassume per tutti la risposta datami dal dr. Vignolo, dopo aver tentato inutilemente di vedere pubblicata la sua intervista: "Devo darle ragione, c'è l'ordine di non parlare di Hamer!"
Sul fatto della dichiarazione fatta da Hamer in merito alla sua libertà condizionata all'abiura, non è una novità. La sua dichiarazione è ampiamente motivata nelle sue ultime lettere che abbiamo pubblicato sul nostro sito www.nuovamedicina.com
Il Medioevo evidentemente non è ancora finito.
La sostanza è che Hamer fa paura perchè toglie la paura, ma soprattutto perchè destabilizza un impero. Se devi asciugare un pavimento bagnato, cosa fai? forse mi rispondi che prendi uno straccio, un secchio, una scopa e se è ancora bagnato, altri stracci, altri secchi...ma se un giorno arriva Hamer e ti dice:"Prova a chiudere il rubinetto, il problema sarà risolto per sempre" ...forse i venditori di stracci e secchi si arrabbiano un pò!
Riguardo al caso Colasanti, non posso rispondere se non con dati certi sull'evoluzione clinica. Di certo siamo di fronte ad un ennesimo choc subito.
Vorrei chiarire un'ultima cosa: si parla di Hamer in merito al tumore e, visto il problema preminente, è comprensibile, ma quello che è importante sapere è che Hamer ha trovato la risposta del perchè fisiologico di tutte le patologie, dal raffreddore sino al tumore.
L'ultima volta che sono andato da lui, ironicamente ci disse: mi manca di capire perchè si forma il tartaro nei denti, ma ci arriverò, perchè nulla accade senza un senso biologico.
Alla prossima, con piacere
C.T.
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
4° Domanda:

Chiaramente non ci troviamo di fronte alla corporazione delle Mesticherie, ma di fronte alla multinazionale della chemio, a quella della morfina, a quella dell'Aztl, dell'interferone, degli antibiotici, ma soprattutto di fronte alla corporazione dei medici.
Questi baroni che detengono un potere di vita e di morte sulla vita della persone più grande ancora di quello dei giudici.
Hamer non condanna in assoluto l'uso dei medicinali sopracitati, ma afferma che ne va fatto un uso misurato e solo in alcune circostanze.


Risposta C.T.:

PRIMA PARTE
Caro Daniele C. provo a dividere la mia risposta in tre parti, perchè volendo rispondere anche a Claudio , mi sono andati a vuoto due tentativi precedenti, presumo per la lunghezza della mia.

Allora Daniele, sono d'accordo con quanto dici, ma a noi non interessa avvalorare il sistema di Hamer con la critica del sistema, non premia la difesa basata solo l'accusa, in fondo la speculazione sulla salute è solo un giro di soldi, è la malafede umana, che ci sarà sempre. Quello che non accettiamo è quando la speculazione viene fatta a spese della nostra salute.
L'occasione di rispondere a Claudio P. mi consente di esprimere una piccola prova della fondatezza delle scoperte del dr. Hamer e quindi di parlare di contenuti, lasciando le critiche e richiedendo al sig. Viale di non credere a quanto riportato ma di verificare.
Al riguardo vorrei ringraziare Claudio P., che ha partecipato ad un mio corso a Roma, per aver attivato da solo e di sua iniziativa questo forum. Lo ringrazio anche per il suo approccio meticoloso alla NM, richiedendo continua conferma alle considerazioni senza mollare la presa delle spiegazioni richieste.
Parliamo del raffreddore. E' forse il modo più semplice di comprendere la nuova diagnostica del dr. Hamer, perchè come da lui dimostrato, non c'è nulla nel nostro corpo che accada senza un senso biologico.
Però ora sedetevi tranquilli, prendetevi una birra, scriverò alcune pagine del forum, perchè per il primo intervento non posso non aver la pretesa di essere esauriente.
Cosa dice la Medicina Ufficiale sul raffreddore? Sembra che finalmente si siano convinti che non c'entra nulla il freddo (ammissione recente del dr. Gargiulo nella trasmissione Elisir di RAI3). In effetti basta ragionare: se fosse il freddo la causa, dalla Svizzera in sù dovrebbero avere tutti il raffreddore, avendo temperature molto più rigide e case più calde, ingredienti giusti per un raffreddore vecchia interpretazione. Come nei paesi caldi Africa compresa il raffreddore non dovrebbe esistere, ahimè basta guardare i nasi dei bimbi africani.
Allora ci viene detto che sono i virus, adenovirus, rinovirus ecc. che per la loro azione replicativa indiscriminata non è possibile addirittura preparare un vaccino. Ma da dove vengono questi virus? Non si sa. Di certo saltano da un naso all'altro. Ma perchè in una famiglia alcuni nasi si altri no? Non si sa, oppure è una questione immunitaria.
Quale l'errore di indagine? E' il sistema riduzionistico che imperversa dall'Illuminismo scientifico ad oggi per cui tutto deve essere messo sotto un microscopio e quando si trova qualcosa...è lui il colpevole!
Ovviamente la psiche di un essere umano sotto un microscopio e dentro un vetrino non ci sta e allora...non va bene, non c'entra nulla!
Immaginate un extraterrestre che arriva sulla terra e vuole scoprire quale la causa degli incendi. Osserva una casa che brucia e chi vede sotto? a) i pompieri b) i proprietari c) i curiosi. poi osserva un altro incendio cambiano i prprietari e i curiosi, ma ci sono sempre i pompieri. Poi elabora la statistica secondo modelli matematici e su cento incendi si rende conto che la cosa non cambia, ci sono sempre i pompieri. Deduzione ferrea e logica: chi causa gli incendi? I pompieri, ovvio!
Nulla di diverso viene fatto per l'anamnesi del nostro raffreddore.
Sono i virus=pompieri.

SECONDA PARTE
Allora vediamo come interpreta e spiega il raffreddore la NM.
A cosa serve il naso? per annusare e perchè annusiamo? Per valutare.
Se ci viene proposto un cibo nuovo che non conosciamo per mangiare, istintivamente lo annusiamo. Perchè? Per valutare se è buono o no. Noi in effetti abbiamo nella mucosa nasale delle ghiandole, che io definisco degli ottimi professori di chimica, che hanno il compito di valutare se quel cibo è biodegradabile o no. Infatti rifiutiamo istintivamente un bicchiere di benzina, perchè i legami chimici delle sue molecole sono così saturi che il nostro organismo non riuscirebbe a sciogliere. Mentre se quell'alimento è biodegradabile ma non ingeribile (scusate, tipo gli escrementi) allora la biologia lo rende repellente all'odore.
Ma ciò che noi dobbiamo annusare quale alimento non è diverso per l'attività olfattiva da ciò che comunque invade la nostra vita, anche in modo traslato.
Gli animali che hanno ancora molto sviluppato questo senso lo usano appunto quando devono entrare in un territorio nuovo che non conoscono. Noi esseri umani compensiamo la vigilanza meglio con altri organi.
Quale dunque il problema che può incidere per noi sull'olfatto?
Il non riuscire a sentire cosa ci sta davanti, cosa sta dietro l'angolo che non riusciamo a cogliere, biologicamente siamo costretti ad attivare di più l'olfatto perchè gli altri organi non ci aiutano abbastanza.
A questo punto entra in gioco la scoperta del dr. Hamer. per cui il conflitto biologico si riversa sul nostro corpo, nell'organo funzionale al conflitto, quando è costituito da uno choc inaspettato e acuto.
Mi rendo conto che chi sente questi concetti per la prima volta può risultare perplesso.
Allora niente meglio degli esempi ci può aiutare.

TERZA PARTE

Innanzitutto avviene che durante il conflitto della paura incognita attiviamo la mucosa nasale per annusare meglio (bruciore) quando poi il conflitto è risolto, abbiamo cioè preso visione e risolto la paura, avviene il processo di riparazione: la produzione di muco, elaborata dai nostri virus=pompieri.
Osserviamo i bambini che vanno all'asilo per la prima volta. Non siamo di fronte ai virus che hanno deciso di mettere su casa all'asilo, ma è il bambino che biologicamente vive per la prima volta un territorio nuovo a lui sconosciuto, una paura incognita, e tornando a casa risolve e arriva il raffreddore. Non caso non tutti prendono il raffreddore, perchè non tutti vivono quella paura incognita. Osservate lo studente che deve superare un esame per lui difficile e incognito, dopo arriva il raffreddore. Osservate chi prende l'aereo per la prima volta o chi va in vacanza in un paese nuovo.
Ricordo il caso di una signora che aveva un raffreddoreper tre mesi di seguito. Non erano i virus che avevano trovato di gradimento il suo naso, ma era semplicemtente accaduto questo: il suo datore di lavoro, alla festa di capodanno aveva deciso, inaspettatamente per lei, di promuoverla caporeparto, comunicandolo con gioia. Ma per lei diventò una continua apprensione perchè ogni giorno viveva l'angoscia di non riuscire. Fu sufficiente renderla consapevole e migliorare la sua sicurezza che il suo raffreddore sparì.
A questo aggiungete una ciliegina sulla torta.
C'è un conflitto di paura incognita che ci siamo costruiti con le nostre mani. Quando le nostre mamme sin da piccoli hanno continuato a dirci :"Mettiti la maglietta, altrimenti prendi il raffreddore" Era sufficiente prendere un colpo di freddo per fare scattare, come ancora oggi scatta in molti, la paura incognita di prendere il raffreddore e lui immancabilmente arriva. Da quando ho conosciuto la NM vi assicuro che a me come a molti che l'hanno sperimentato, il freddo non fa più.... nè caldo, nè freddo. E i raffreddori da freddo sono spariti. Si, certo ho avuto di recente due raffreddori, uno per una richiesta improvvisa di svolgere anticipatamente un compito al quale non ero preparato, e l'altro per un viaggio di mia figlia a Londra dopo l'attentato terroristico.
Ma allora mi chiederete: "Quale la terapia?" Innanzitutto togliamoci una volta per tutte la paura del freddo (ovviamente questo non vuol dire che si debba stare al freddo, vuol dire solo non averne paura, perchè al caldo si sta meglio) poi togliamoci la paura che il virus salti da un naso all'altro.
Avremo fià eliminato l'80% dei raffreddori. Poi quando non potendo comunque eliminare il conflitto di paura incognita ci viene il raffreddore aiutiamoci certamente con qualcosa di balsamico e lenitivo o meglio riscaldante...il vecchio e saggio consiglio dei nostri nonni...vin brulè e sotto le coperte per accelerare quello che è semplicemente un programma di riparazione per la guarigione definitiva.
Non mi stupisco se la perplessità è ancora sovrana nelle vostre menti, ma i conti di un processo biologico sensato tornano!
Non mi resta che l'ultima prova. Al prossimo raffreddore verificate la paura incognita che avete vissuto poco prima.
A disposizione.

C.T.
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
5° Domanda :
Caro C. T.
Confesso di avere ancora dei dubbi.
Se non ho capito male, secondo Hamer il raffreddore interviene quando il nostro cervello chiede all’organo dell’olfatto di intervenire non per riconoscere gli odori che ha imparato ad analizzare (odore di formaggio, di fieno, di fumo, ecc), ma quelli di natura psicologica (un nuovo lavoro, un nuovo ambiente, ecc) che non sa riconoscere. Conseguentemente le mucose nasali vengono sottoposte ad un lavoro che non sanno svolgere, si ammalano (ma non ce ne accorgiamo, avvertiamo solo un leggero bruciore) e quando passa la paura (ci siamo tranquillizzati circa il nuovo lavoro, il nuovo ambiente, ecc) il cervello attiva i nostri virus perchè producano muco, immagino per riparare la mucosa.
È così?
E come spiegare il fatto che in tanti prendono il raffreddore in coincidenza con i cambiamenti stagionali, quasi che fossero d’accordo ad ammalarsi insieme?

Claudio P.


Risposta C.T.:
Caro Claudio P., mi rendo conto che non è subito facile modificare la nostra accezione di conflitto e distinguere la netta separazione tra ciò che è biologico da ciò che è psicologico, ciòè mediato dalla mente.
Per capire la nostra biologia è sufficiente valutare le funzioni del nostro corpo secondo la loro funzionalità tesa a tenerci in vita.
Ecco che sentire gli odori ci serve per distinguere i cibi, ma sentire gli odori ci serve anche per riconoscere il pericolo e quando il pericolo è...dietro l'angolo, cioè non lo riusciamo a cogliere con altri sensi se non con un'antica funzione di attivare di più la mucosa nasale, allora scatta il Programma, ma attenzione perchè ciò avvenga è sempre determinante che lo choc sia inaspettato e acuto, cioè quando siamo colti impreparati.
Se infatti manteniamo il controllo di quanto abbiamo davanti, il corpo non ha bisogno di attivare nulla perchè il pericolo è appunto...sotto controllo.
L'esempio è quello che ti ho riportato nella precedente e rispondo così anche alla tua domanda del cambio stagione.
Da quando io ho conosciuto le Leggi di Hamer so che il freddo non mi può far venire il raffreddore (medicina tradizionale concorde) e quindi anche se mi prendo del freddo ho la situazione sotto controllo.
Ma se una persona non sa questo e vive il colpo di freddo con la paura che gli venga un accidente, il conflitto c'è ed è quello che avviene per cui molte persone al primo freddo si impauriscono. E siccome non è solo il freddo a creare questo riesci a spiegarti come il raffreddore avvenga per ogni situazione di paura incognita (esami, aereo, viaggi ecc.) e ovviamente anche d'estate.
Dovremmo esserci, ma continua a sperimentare.
Un abbraccio.
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
6° Domanda:

Per i raffreddori esiste anche lo schock fisico? Ad esempio l'area condizionata o andare in giro in maglietta con 8° gradi?


Risposta C.T.:

Caro Daniele, non esiste lo choc fisico che si ripercuote sulla mucosa nasale se non è vissuto biologicamente con paura. Prova a ragionare, tutti coloro che fanno il bagno in mare a Capodanno come un momento di festa stanno poi tutti bene.
E' il sentito biologico che governa la nostra fisiologia ed è giusto che sia così, perchè al nostro corpo spetta il compito di rispondere ai segnali che riceve da ciascuno di noi, così come gli vengono trasmessi.
Ti faccio un ultimo esempio. Se ti dico di camminare su di un'asse di legno, appoggiata per terra, molto robusta, lunga trenta metri, hai qualche problema? Certo che no, mi risponderesti. Se la stessa asse, magari anche un pò più robusta, la mettessi tra le due torri gemelle di New York, (che non ci sono più) e ti dicessi di camminarci? ....???...
In fondo è la stessa cosa, ma è il tuo sentito che cambia un pò.
Spero un giorno di vederti ad un corso di Nuova Medicina.
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
CATTIVE NOTIZIE DALLA FRANCIA :( :-?

Cari Amici, Soci, Sostenitori
Mi piacerebbe portarvi buone notizie sulle vicende del Dott. Hamer, ma purtroppo temo che dovrete aspettare ancora un po'.
Intanto di seguito trovate un piccolo riassunto sulle ultime novità. Più passa il tempo più mi chiedo dove andremo a finire! Le forze in gioco sono di una portata incredibile e non possiamo più far finta di niente. Sapete qual'è la cosa incredibile? Se qualcuno chiedesse al Dott.Hamer "Ma chi te lo fa fare? Ritratta le tue teorie!" lui risponderebbe" L'amore per la Verità e tutti i popoli della terra". Queste sono parole sue.
Sicuramente sono le parole di un pazzo...

A proposito: state diffondendo la dispensa sulla Nuova Medicina Germanica?

A presto

Marcello Falzari


NOTIZIE DAL DOTT. HAMER, 31 gennaio 2006

Ieri siamo stati a trovare il dott. Hamer in quel carcere fuori Parigi dove è detenuto e trattato alla stregua del peggior criminale. Ci ha stretto il cuore vedere questo “gigante buono” che conosciamo bene. Un uomo che abbiamo sempre visto disponibile ad ascoltare con gentilezza chiunque chiedesse il suo aiuto e prodigarsi per ore alla ricerca di una possibile soluzione, insieme al paziente, e mai contro qualcosa o qualcuno, nemmeno alla “malattia”. Capace, con una stretta di mano, di farti sentire “a casa”, e con una risata, di riportare il sorriso alla gente più disperata…. E anche quando stava lavorando alla stesura delle sue ultime scoperte era capace di sospendere la scrittura per recarsi alla sua vecchia casa, dove, puntualmente, portava da mangiare ai gatti randagi che senza di lui sarebbero rimasti senza nutrimento. Questo uomo che con forza e dignità ha sempre portato avanti le sue scoperte, e che non ha fatto mai assolutamente nulla di male se non cercare di essere d’aiuto a persone sofferenti, oggi non può nemmeno farsi curare i denti in carcere perché correrebbe un rischio troppo alto: il medico della sua sezione carceraria è psichiatra e sarebbe così facile per loro approfittare dell’incontro per produrre una documentazione ad hoc e richiedere la psichiatrizzazione. E se così fosse, a quel punto nemmeno la scadenza della pena potrebbe riportarlo in liberta!
Ricordiamo che quest’uomo di 70 anni, se fosse un delinquente comune, sarebbe stato scarcerato già il 4 settembre 2005, mentre sta ancora aspettando, e per l’ennesima volta, che i giudici decidano per la sua scarcerazione, come avrebbero dovuto sentenziare l’8 dicembre, rinviato poi al 19 gennaio, successivamente al 26 dello stesso mese e poi al 9 febbraio (data dell’ultimo rinvio).
Ora questo, come tutta la sua storia giudiziaria, potrebbe derivare da una situazione casuale, una semplice “sfiga” giudiziaria o da una reazione al fatto che lui non si sia mai “difeso come avrebbe dovuto”(a detta di molti) senza chiedere ogni volta ed in modo prioritario, la VERIFICA delle sue scoperte. Oppure potrebbe essere il preludio alla rivelazione di ben altro…
A questo punto sembra stagliarsi sempre più chiaramente un disegno preciso, enorme, così orribile che diventa difficile credere che una tale malvagità possa essere reale. Sì, si può pensare che un gruppetto di persone in cerca di potere o vendetta potrebbero avere una certa influenza sulle vicende del dott. Hamer, ma arrivare a ipotizzare un disegno ben coordinato, di portata mondiale… questo è davvero troppo!... una “cospirazione mondiale”….
Ma, come dice un noto giornalista americano, quando si parla di cospirazione in effetti si sta facendo una “teoria della cospirazione”. Quando però, seguendo questa teoria, troviamo cinque, dieci, quindici FATTI che la confermano, allora la teoria diventa PROBABILITÀ.

E cosa pensereste se ora, per esempio, venisse alla luce che proprio coloro che hanno messo in atto il processo giudiziario già nel 1993 (quando ancora non c’era alcuna “storia di pazienti curati da Hamer ”) ordinando poi di mettere sotto controllo le sue telefonate, proseguendo con l’accusa e poi il processo, giudicandolo colpevole e in seguito aumentando arbitrariamente la pena in modo da poterlo estradare (come ammesso tacitamente dal giudice Bessy) fossero sempre quelle stesse persone che già nel 1992 hanno voluto lo scioglimento dell’ASAC (Association Stop Au Cancer) di Chambery, per appropriarsi della paternità delle scoperte del dott. Hamer e soprattutto per poter decidere di conseguenza l’utilizzo che ne doveva essere fatto?!

No, questo sarebbe davvero troppo… implicherebbe che ognuno di noi sia complice, giorno dopo giorno, di questa immensa “cospirazione mondiale” grazie alla nostra “ingenuità” e al nostro silenzio…. Già, forse è meglio continuare a pensare che sia un caso… che “il lupo nero stia dando solo un bacino, all’agnellino", mentre in realtà lo sta sbranando!

Per chi invece si è svegliato dal mondo delle favole ed è convinto che ciò che il dott. Hamer sta sostenendo da tempo sia una “forte probabilità” ed ha voglia di dare il suo contributo concreto per permettere al mondo di riconquistare almeno una parte della sua dignità, è venuto il momento di rimboccarsi le maniche.

In primo luogo INFORMARE: ognuno di noi può scaricare da www.albanm.com la “Presentazione della NMG”, inviarla a tutta la sua mailing list oppure stamparla e spedirla a tutti quelli che conosce, come pure a personaggi influenti del mondo della medicina, dell’informazione, della cultura, dello spettacolo, ecc.

PARTECIPARE in maniera massiccia coinvolgendo più gente possibile alla manifestazione internazionale a Tübingen (Germania) del 13 maggio, in sostegno del riconoscimento della NMG e del dott. Hamer.

Stiamo raccogliendo testimonianze documentate di pazienti e operatori sanitari, quali prove che la NMG è conosciuta e utilizzata già da anni in Italia, a livello ospedaliero, ma solo per pochi eletti. Potete quindi inviare le vostre testimonianze e i vostri suggerimenti a [email protected]

Attiviamoci tutti, come piccole formiche, senza lasciarci prendere dall’agonia di “cosa posso fare io, che non sono nessuno”. INSIEME, POSSIAMO!

Marco Pfister
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
Dario ha scritto:
dal Sito
"Nel complesso, questi lavori stanno dando la possibilità, oltre che di crescere e di consolidare il gruppo di professionisti attualmente impegnati in una pratica terapeutica in accordo con le Leggi Biologiche, di approfondire l'infinita conoscenza che la scoperte del dr. Hamer hanno aperto nonché produrre materiale scientifico che permetta una sensibilizzazione, un dialogo ed un confronto con il mondo della medicina tradizionale o, per lo meno, con i professionisti più sensibili ed interessati alla verità scientifica, piuttosto che ai dogmi su cui, attualmente, è ancora fondata, la medicina ufficiale. "

Tu scrivi che ci sono 800 iscritti.
Facciamo che 400 sono medici. Per ipotesi ognuno di essi ha 10 casi all'anno (veramente pochi), la NMG, come dice Hamer , deve essere verificabile al100%.
Mi chiedo: Come mai si stanno raccogliendo dati, quando una casistica di minimo 12000 guariti ci dovrebbe essere.
Invece leggo solo di "Testimonianze", come si fa nelle televendite?
Ciao Dario, la tua domanda è giusta e legittima.
Visto che da qualche giorno ho un contatto diretto con membri dell'associazione ALBA mi riprometto di girare la domanda a loro e di postare poi la risposta.
Ricordiamoci che Hamer è in galera perchè ha detto ad un paziente (che mai ha conosciuto di persona) di portargli la tac per dare un'occhiata :eek:
Temo quindi che risulti "pericoloso" ammettere di aver provato su se stessi la Nuova Medicina...pericoloso per i medici intendo visto quello che fanno ad Hamer.
Che tentino di operare nell'ombra questo è sicuro ma tutto sommato...li capisco.
Grazie del tuo intervento, è bello sapere che non sono tutti scappati :-o

Io continuo....se bastasse anche solo ad una persona....ne sarebbe valsa la pena.
Bye.
 

george

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2004
Messaggi
717
7° Domanda :

Prima di vedere me ad un corso di nuova medicina, spero di vedere Hamer, libero. quante volte è stato in galera? Per cosa è stato condannato e perchè è stato tenuto in isolamento come uno da 41bis?


Risposta C.T.:

Il tuo augurio è il mio, come di tutti coloro che conoscono la sua storia.
Hamer è già stato una volta in carcere, nel 1997, per un anno, sempre per le stesse motivazioni...la sua caparbietà nell'andare contro un sistema che usa la medicina come una fabbrica che deve produrre sempre di più.
Ma come ti ho già detto non è la critica del sistema in se per se che giustifica la sua missione, ma l'aver scoperto l'alternativa al sistema che consente di riottenere l'equilibrio di quella che chiamiamo salute conoscendo delle semplici Leggi Biologiche, ma ahimè con queste ...non si vende nulla, si rivaluta solo l'individuo che diventa capo del suo processo di guarigione. Questo vuol dire consapevolezza, vuol dire libertà, vuol dire non avere paura. Conosci qualche potere a cui possa far comodo avere dei sudditi di tal specie?
Pasternak scrisse:"...alla fine, come in un'eresia, non si può non incorrere in un'incredibile semplicità, più di ogni altra cosa necessaria agli uomini, ma, loro, intendono meglio solo ciò che è complesso"
Ti risaluto .


8° Domanda: M.

vedo che il caso hamer continua a suscitare un discreto dibattito. una volta che tutti, chi per curiosità, chi per speranza, chi per fiducia, chi per scetticismo, abbiamo letto il libro (per avere un idea di quello di cui stiamo parlando) dobbiamo, a mio avviso, procedere su sue strade:

1- scoprire esattamente la causa dell'attuale detenzione del dr. hamer, potrebbe essere un pazzo paranoico, ed anche se lo fosse, probabilmente il carcere non è il luogo in cui si dovrebbe trovare. e questa è la
questione, a mio avviso, più importante.

2- mi sembra di capire da questo 3D non c'e' soltanto daniele carcea (tesoriere associazione radicali libera livorno) e pochi altri a seguire lo strano caso del dr. hamer, ma un discreto numero di persone, medici inclusi. io ho letto il libro che riassume la teoria di hamer. lo spunto mi sembra interessante ma non ho sufficiente informazioni mediche per poter dare un giudizio, su una cosa sono personalmente convinto, ed anche la medicina ufficiale in questo mi conforta: sull'approccio psicosomatico delle malattie; la mia esperienza empirica me ne da conferma. da qui a costruirne una teoria universale delle cure mediche, il passo è lungo, ma seguitare a curare gli effetti prescindendo dalle cause mi sembra ottuso. parafrasando con la
filosofia non so chi di voi ha avuto il coraggio di leggere il capitale di marx, l'analisi del sistema capitalistico dell'epoca è perfetta, il problema sta nella soluzione proposta dall'autore. ad alcuni è sembrata
giusta, ci hanno creduto ed hanno combattuto ad altri è sembrata una follia, poi dopo mezzo secolo il tutto è crollato a ragione dei secondi. ma i sostenitori del capitalismo (in senso lato) non hanno nel frattempo
trovato soluzioni valide. lo stesso vale per hamer, molto probabilmente l'intuizione di base è
valida e su questo la medicina cd ufficiale dovrebbe indagare. io non credo alla teoria del complotto e non mi interessa se hamer insiste che il "priorato di sion" lo ha rinchiuso in galera o se rifiuta di abiurare
la sue teorie al punto di apparire schizofrenico, ai più. al contrario sono convinto del conservatorismo involontario degli scienziati, nel senso che molte cose vengono date per scontate senza mettere in minimo dubbio la possibilità di errore. bè mi sono un po' perso... dicevo 2- studiare di piu' dal punto di vista
medico il tutto. credo che fare un protocollo di sperimentazione sui malati a cui viene diagnosticato il tumore per verificare il tutto sia semplice ed inoltre non inibirebbe la scelta di procedere anche con cure classiche, radioterapia chemio ecc. saluti.

altra curiosità :come spiegherebbe (o spiega) il dr. hamer l'influenza aviaria sui polli. parlo dei polli non dell'uomo, se possiamo curare il pollo il problema è risolto. grazie


Risposta C.T.:

Vorrei congratularmi con M. per il suo intervento. Dimostra un approccio critico e obiettivo al problema di Hamer, al di là del merito delle teorie e delle storie metropolitane dei complotti.
Alcune sue imprecisioni provano solo la necessità che le scoperte del dr. Hamer necessitano di una migliore e più precisa informazione, anche perchè l'arroganza e la presunzione di dire che Hamer è dimostrabile non al 99%, ma al 100% esige una verifica con tutti i crismi della scientificità.
Questo è un compito mio e dell'Associazione che rappresento.
Ovviamente concordo con Claudio P. che non è certo un forum lo spazio ottimale per una definizione dell'obiettivo.
Riguardo alla sua proposta di mettermi a disposizione per gli interrogativi, non ci sono problemi da parte mia, e Claudio lo sa che alla fine del corso io sono ridotto ad un...colapasta dalle domande. L'importante però è aver chiaro prima i concetti di base sui quali si fonda la Nuova Medicina. Uno per tutti è la nuova concezione di malattia, considerata sino ad ora un errore della natura, al quale l'uomo-medicina deve porre rimedio. La realtà è radicalmente diversa: non esiste più il concetto di malattia in questo senso, ma la comprensione scientifica di un senso biologico di ciò che accade nel corpo, che determina un preciso Programma Speciale Sensato scaturito da uno conflitto sempre biologico. Quando poi avrò la possibilità logistica per farlo vi spiegherò che la psicosomatica può costituire un punto di partenza, ma Hamer la spazza via completamente con la nuova dimostrazione del "conflitto biologico".
E qui mi fermo.
Per quanto riguarda le questioni poste da M., gli confermo che le motivazioni per cui Hamer è in galera sono esattamente le stesse per cui Galileo ci è andato vicino, cioè aver sostenuto e dimostrato che il sistema intero è fondato su presupposti scientifici da modificare. I dettagli legali sono diversi solo per le procedure e perchè Hamer di fatto non si è mai voluto difendere secondo le regole processuali.
Per quanto riguarda l'influenza aviaria, il discorso va inquadrato in quello più vasto, per cui il dr. Hamer ha dimostrato che virus, batteri, funghi, fanno parte sempre del processo biologico. Per ora vi rimando a quanto vi ho scritto sul raffreddore e sull'allegoria dei pompieri.
Riguardo al virus in questione chiedete a qualsiasi veterinario e vi risponderà che è sempre esistito, e che la vera causa della morte dei polli in Asia, sono state le terribili condizioni nelle quali venivano tenuti nei pollai, dove i virus intervengono sempre in un processo biologico finalizzato, ma se la massa conflittuale è eccessiva la legge della vita ci dice semplicemente che ...è troppo.
Rinchiudete alcune centinaia di umani assiepati uno sull'altro e ditemi quanto sopravvivono.
Mi astengo poi da ogni considerazione sul merito del pressing mediatico del contagio...cui prodest?
Lo sapevate voi che K. Mullis, premio Nobel della Chimica '93, ha dimostrato che in Africa la gente risulta sieropositiva al test dell'HIV semplicemente perchè quasi tutti in Africa dispongono degli anticorpi anti-malaria e quindi reagiscono positivamente.......???
Alla prossima
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto