la CENSURA FASCISTA di YOUTUBE - FACEBOOK- TWitter- (2 lettori)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
1614338477327.png


Ciao,

sono 14 anni che esiste Byoblu. In 14 anni, di cose ne sono successe!
Gli attacchi alla rete del Governo Berlusconi, le querele intimidatorie per mettere a tacere informazioni scomode, gli attacchi hacker per per buttare giù i server, quelli per mettere in ginocchio il blog dal punto di vista finanziario, gli esposti di chi si stracciava le vesti perché non cantavamo nel loro coro, la macchina del fango coordinata e organizzata dei debunker di sistema...

Non c' stata una volta che non mi chiedessi se non fosse in fondo il caso di lasciar perdere e appendere Byoblu al chiodo. Ma ogni volta la vostra partecipazione mi dava un buon motivo per andare avanti. Siamo in tanti, ma quando stai davanti a una telecamera non te ne accorgi fino a quando non arriva l'onda.

Milioni di euro per terrorizzare
Viviamo in un mondo fatto così: se accetti di terrorizzare il Paese con il bollettino Covid, lo Stato ti dà milioni di euro (provate a chiedere quanti degli editori che passano decine di bollettini della paura ogni giorno hanno preso i soldi); se non accetti, non è che si limitano a non darti nulla, ma cercano anche di toglierti ciò che è tuo.
Come saprai, dopo 14 anni di impegno e di fatica, Youtube ha tolto al nostro canale la possibilità di raccogliere fondi attraverso la pubblicità e gli abbonamenti. Se non riescono a comprarti, allora tentano di farti fuori.

Stiamo costruendo il futuro dell'informazione indipendente
Per fortuna, in questi mesi abbiamo lavorato soldo per darvi un'alternativa. Abbiamo costruito le App, dove potete vedere tutti i nostri video e non solo (cercatele https://www.davvero.tv), abbiamo coperto il 70% della popolazione in ben cinque regioni con il digitale terrestre (scoprite qui dove), abbiamo attivato i podcast (qui su Spotify), una casa editrice (cercate qui i nostri libri) e vi abbiamo dato un'alternativa a Youtube per sostenerci: le donazioni e i nostri piani mensili e annuali che si possono acquistare direttamente sul blog.

Vi posso garantire che stiamo facendo tutti gli sforzi per costruire fonti di reddito alternative, come la pubblicità (etica), un portale dove fare gli acquisti (sostenendo le imprese locali) e, stiamo lavorando anche ad un piano di azionariato popolare (in fondo, è non è la TV dei Cittadini?).

Grazie perché siete dei grandi!
Due giorni fa vi abbiamo chiesto di comprarci tempo per accompagnare la Tv dei Cittadini alla maturità. State rispondendo alla grande, perché siete dei grandi, e io vorrei ringraziarvi uno ad uno. In due giorni ci avete già dato la metà del sostegno necessario ad un intero mese di Byoblu. Riuscite ad immaginare cosa succederebbe se fosse così tutti i mesi? E riuscite ad immaginare cosa potremmo fare se alla vostra forza aggiungessimo quella dei progetti di cui vi ho parlato prima?

Senza il pluralismo, senza un'informazione a 360°, la democrazia non esiste, e possiamo dire addio alla libertà. E allora, siccome chi ha soldi e potere vi racconta solo quello che gli conviene, la nostra missione è di dirvi tutto il resto.


Una promessa
Vi garantisco che se la Tv dei Cittadini diventerà alla fine quello che ho in testa, scriveremo insieme la Carta fondamentale del Diritto all'Informazione, dove stileremo tutti i i principi che non solo la Tv dei Cittadini, ma ogni televisione nel mondo dovrà rispettare se vuole essere credibile. Non ci dovranno più essere media contro i cittadini, ma media dei cittadini, che non fanno gli interessi dei ricchi e dei potenti, ma gli interessi dei poveri e degli umili.

Cosa potete fare voi?
Se non lo avete fatto, sottoscrivete un piccolo piano mensile per un grande progetto rivoluzionario. E se invece lo avete già fatto, inoltrate questa comunicazione a tutti i vostri familiari, amici e conoscenti, perché sappiano che esiste un'alternativa. E quell'alternativa sta aspettando solo loro per realizzarsi.

Vi voglio bene
Claudio Messora


 
Diritto all’informazione? È solo una questione di soldi, fanno casino perché su youtube guadagnano mentre spostandosi su altre piattaforme il discorso cambia
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
da oggi facebook non cancellerà più alcuni articoli che fino ad ieri considerava "complottisti" perchè ora Fauci ha cambiato idea
Le news della settimana (21-28 mag. 2021)
 

baleng

Per i tuoi meriti dovrai sempre chiedere scusa
Registrato
1 Ottobre 2011
Messaggi
8.976
Località
veneto
Soprattutto c'è da chiedersi come riuscirà a ritrattare questo lecchino (e sappiamo di che) in conseguenza del fatto che ora Biden e Fauci hanno aperto alla possibilità del virus creato in laboratorio.


Qualcuno ricorda le vecchie riabilitazioni degli imperi sovietici?
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
Soprattutto c'è da chiedersi come riuscirà a ritrattare questo lecchino (e sappiamo di che) in conseguenza del fatto che ora Biden e Fauci hanno aperto alla possibilità del virus creato in laboratorio.


Qualcuno ricorda le vecchie riabilitazioni degli imperi sovietici?
questo dimostra che a loro non interessa la SCIENZA, come dichiarato, ma solo la versione politica addomesticata


[Video 1:32] 27.6 MB
da www.nicolaporro.it
L’immunologo Anthony Fauci ha ammesso che non è escluso che il SarsCov2 sia stato creato in laboratorio.
Il giornalista Nicola Porro commenta così la notizia citando il caso Byoblu: “Ora ce lo dite? Fino a ieri Byoblu…YouTube ti chiudeva se dicevi queste cose, se lo dice il Wall Street Journal e Fauci dopo un anno tutti zitti e muti, questa è l’informazione libera?!”

 
Ultima modifica:

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
Lacrime amare per Google, Facebook e Twitter?


Visualizzazioni: 16.080
La Florida approva definitivamente la legge che impedisce il de-platforming di figure pubbliche e politiche. Nel caso in cui società come Facebook e Twitter blocchino l’account di persone note per il proprio impegno politico, dovranno pagare una penale di $ 250.000 al giorno per politici a livello statale e $ 25.000 al giorno per politici a livello locale.

Questa nuova regola insieme alle altre contenute nella legge si applica a qualsiasi piattaforma social media che abbia più di $ 100 milioni di fatturato annuale e oltre 100 milioni di utenti mensili. La legge SB 7072, introdotta al senato della Florida dalla senatrice repubblicana Ana Maria Rodriguez, verrà firmata prossimamente dal governatore Ron DeSantis e resa immediatamente operativa.

La Camera dei Deputati della Florida ha approvato una legge che rende permanente l’ordine esecutivo di Ron DeSantis di vietare l’uso di qualsiasi passaporto vaccinale.

Sempre il senato della Florida ha approvato una legge che pone ulteriori restrizioni sui voti per corrispondenza e i voti depositati in caselle di raccolta.

Il governo dell’Uganda ha bandito le piattaforme Big Tech dal Paese, il che include Twitter, Facebook e WhatsApp, citando la grave interferenza del loro operato nei confronti del presidente Donald Trump. L’Ugand si prepara per le elezioni il prossimo gennaio e non vuole interferenze dalle piattaforme social media.

Donald Trump ha indicato che la possibile scelta di vicepresidente per la sua corsa presidenziale del 2024 è il governatore della Florida Ron DeSantis.

Si è dichiarato ottimista in prospettiva di una riconquista della Casa Bianca dichiarando: “Succederà. Ribalteremo la situazione. Sono andati troppo oltre. Non possono farla franca. Non glielo permetteremo. Abbiate coraggio. Succederà. Sono con voi”.

Continua la revisione delle schede in Arizona
Nel frattempo continua la revisione delle schede e dei sistemi elettorali in Arizona, nella contea di Maricopa nonostante un altro tentativo legale di bloccarla.

Trump ha pubblicato questa dichiarazione:

“Il partito radicale democratico è andato semplicemente fuori di testa nel combattere la revisione forense della frode elettorale nell’elezione presidenziale del 2020, revisione che si sta svolgendo in questo momento nel grande stato dell’Ariziona. Hanno mandato oltre 100 avvocati per cercare di fermarla perché conoscono i risultati che usciranno della revisione sponsorizzata dal senato dell’Ariziona e sanno che non saranno positivi per i Democratici. La revisione viene condotta in modo indipendente senza favoritismi per entrambi i fronti, ma i Democratici non vogliono assolutamente sentirne parlare perché sanno di aver perso ALLA GRANDE in Arizona e in altri Stati parte della frode elettorale. Inoltre sanno che la legislatura dell’Arizona non ha approvato virtualmente nessuna delle loro richieste che erano totalmente INCOSTITUZIONALI. La gente dell’Arizona è imbufalita, come lo è la gente della nostra nazione. Se non possiamo avere elezioni libere ed eque non abbiamo più una nazione. La revisione deve continuare. L’America merita la VERITA’”.
Nel frattempo Judicial Watch ha pubblicato 544 pagine di documenti che mostrano come Big Tech e lo Stato della California abbiano collaborato per alterare i risultati delle elezioni su scala nazionale.

L’Office of Election Cybersecurity che fa parte del Dipartimento di Stato della California ha mantenuto una banca dati di tutti i post che venivano pubblicati sui social media e decideva se si trattava di fake news e ne chiedeva la soppressione.

Guai per Byte Dance, finanziatrice primaria dei “fact checker”
Nel frattempo il governo di Pechino ha deciso di bloccare la quotazione in borsa di ByteDance la società che controlla TicTok e che finanzia gran parte dei fack checker attivi sulla rete. La società stava lavorando per soddisfare i requisiti di Wall Street e del governo cinese quando Xi Jinping ha deciso di bloccare l’operazione. Si tratta del secondo colpo del governo contro la società. Recentemente le autorità antitrust cinesi avevano comminato a ByteDance una multa di 18,2 miliardi di yuan ($2,8 miliardi), la più alta multa per attività anti-trust mai comminata dal governo cinese. E’ un duro colpo anche per l’economia cinese visto che ormai non ci sono più aziende che vogliono rischiare la quotazione in borsa. ByteDance, che viene considerata in questo momento come la start up di maggior valore al mondo, era l’ultima che ancora voleva provarci.

L’intervento di Xi Jinping può avere il risultato potenziale di spazzare via gran parte della rete dei fact checkers che abbiamo visto all’opera nell’ultimo anno.

Il giornale South China Morning Post ha scritto:

“Xi Jinping sta mostrando tutti i tratti di Mao, mentre cerca di diventare il comandante comunista autoritario della Cina del 21mo secolo. Dopo quello che ha fatto a Jack Ma e il suo Ant Group recentemente, i capitalisti e le aziende cinesi hanno il terrore di quotarsi in borsa e se ne tengono ben alla larga”.
La legge castiga matti per Big Tech
Tornando alla legge della Florida, la legge, di cui abbiamo il testo integrale, dichiara nelle sue premesse:

Le piattaforme di social media rappresentano un progresso straordinario nelle tecnologie di comunicazioni per i floridiani.

Agli utenti si deve garantire il diritto di controllare la propria informazione personale in relazione a tali piattaforme.

I floridiani dipendono sempre di più dai social media per esprimere le proprie opinioni.

I social media si sono trasformati nella nuova piazza in cui le persone si incontrano per discutere.

Sono importanti sia per convogliare l’opinione pubblica sia some strutture di servizio che sostengono la nostra società.

Svolgono un ruolo fondamentale nel proteggere il diritto alla libertà di parola per tutti i floridiani e dovrebbero essere trattati come le reti di comunicazione di tipo classico.

Le piattaforme social media che censurano, oscurano (shadow ban), eliminano (deplatform) oppure applicano algoritmi che prioritizzano la pubblicazione di messaggi e articoli a danno di qualsiasi candidato politico della Florida, qualsiasi utente oppure residente della Florida, non stanno agendo in buona fede.

Le piattafome social media non dovrebbero intraprendere nessuna azione in malafede per limitare l’accesso oppure la disponibilità del servizio ai floridiani.

Le piattaforme social media hanno agito ingiustamente nei confronti dei floridiani censurando, applicando lo shadow-ban e il deplatforming e gli algoritmi di prioritizzazione della pubblicazione dei messaggi. Lo stato ha un interesse sostanziale nella protezione dei propri residenti da azioni ingiuste e disomogenee da parte delle piattaforme social media.

Lo stato deve intervenire vigorosamente per far rispettare le proprie leggi e proteggere i floridiani”.

La legge quindi prosegue che lo status di protezione per un candidato politico comincia dalla data del suo annuncio fino alla data in cui la persona cessa di essere un candidato.

Le piattaforme social media devono fornire anche un sistema con cui il candidato possa segnalare se stesso e attivare la protezione.

Qualsiasi pubblicità gratuita fornita dalla piattaforma a qualsiasi candidato deve essere comunicata al candidato stesso così che possa essere conteggiata e riportata come donazione in natura.


La legge definisce anche il significato di termini che si usano abitualmente in ambito social media in modo che non vi siano equivoci dal punto di vista legale:

Algoritmo: Un insieme di regole matematiche che specifichi come si comporta un gruppo di dati e che assiste nel creare una graduatoria dei risultati di ricerca oppure nel mantenere ordine oppure che sia utilizzato per creare una graduatoria contenuto basandosi sulla rilevanza o altri fattori invece della data di pubblicazione oppure l’ordine cronologico di tale materiale.

Censura: Qualsiasi azione intrapresa da una piattaforma social media per cancellare, regolare, restringere, modificare, alterare, rimuovere inibire la pubblicazione o la ripubblicazione di un messaggio (post), sospendere il diritto di pubblicare, oppure aggiungere un commento o altro contenuto a qualsiasi contenuto o materiale pubblicato da un utente. Il termine include anche azioni mirate a inibire la visibilità di un utente o la sua capacità d’interagire con altri utenti sulla piattaforma social media.

Deplatform: L’azione o la prassi intrapresa da una piattaforma social media per cancellare o bandire un utente in modo permanente o temporaneo per più di 14 giorni.

Post-prioritization (prioritizzazione della pubblicazione): un’azione intrapresa da una piattaforma social media per collocare, mostrare o dar priorità ad alcuni contenuti rispetto ad altri collocandoli prima, sotto oppure in una posizione meno evidente nella visualizzazione di notizie o nei risultati di ricerca. Il termine non include la prioritizzazione di materiale fornito da terze parti oppure basata sul pagamento di tariffe pubblicitarie a favore della piattaforma.

Shadow-ban: L’azione intrapresa da una piattaforma social media per limitare oppure eliminare la visibilità di un utente o del relativo contenuto sulla piattaforma social media, che sia dovuta all’intervento di una persona oppure di un algoritmo. Il che include anche attività di shadow banning che non siano immediatamente visibili da parte di un utente.

Piattaforma social media: Qualsiasi servizio informativo, sistema oppure motore di ricerca oppure servizio di fornitura di software centralizzato che:


  1. Fornisca o consenta l’accesso a un server tramite computer da parte di utenti multipli, il che include una piattaforma Internet oppure un sito di social media.
  2. Operi come società e conduca attività nello stato.
  3. Soddisfi almeno una delle soglie che seguono: fatturato lordo annuo superiore ai $ 100 milioni, almeno 100 milioni di utenti globali.

Utente
: Chiunque risieda o sia domiciliato in questo stato e che abbia un account su una piattaforma social media, indipendentemente dal fatto che la persona pubblichi o abbia pubblicato materiale sulla piattaforma.


La fine degli algoritmi segreti
Le piattaforme social media devono pubblicare i propri standard, inclusa una definizione dettagliata delle regole che usa oppure ha usato per censurare, eseguire il deplatform oppure lo shadow ban.

La piattaforma deve applicare gli standard di censura, deplatform e shadow banning senza variazioni tra i vari utenti della piattaforma.

Deve comunicare ciascun utente di qualsiasi cambiamento nelle proprie regole degli utenti, dei termini di servizio e degli accordi prima di porli in atto e non ouò fare cambiamenti con una frequenza superiore ai 30 giorni.

La piattaforma non può censurare o shadow ban il contenuto di un utente senza notificare l’utente che ha tentato di pubblicarlo.

Deve inoltre fornire, su richiesta, il numero di altri utenti della piattaforma a cui il contenuto pubblicato è stato mostrato.

Deve categorizzare gli algoritmi usati per la prioritizzazione dei contenuti per lo shadow banning e consentire all’utente di disattivarli richiedendo invece la seplice pubblicazione cronologica dei contenuti.

Ogni anno, la piattaforma deve notificare agli utenti quali algoritmi sono in uso e consentire all’utente di disattivarli in quel momento.

Gli algoritmi di shadow-banning e prioritizzazione devono essere disattivati in ogni caso per i contenuti di un personaggio politico o candidato.

In caso di azione di deplatform, la piattaforma deve consentire all’utente di accedere e recuperare le proprie informazioni, contenuti e materiali per almeno 60 giorni dopo l’espulsione.

Le piattaforme social media non possono in ogni caso deplatform, shadow ban, censurare qualsiasi piattaforma giornalistica che abbia un minimo di iscritti, come definito nella legge, si fa eccezione per i materiali osceni.

Qualsiasi notifica deve essere per iscritto, consegnata per posta elettronica oppure notifica elettronica diretta all’utente entro 7 giorni dall’azione di censura. Deve includere una spiegazione completa delle ragioni e dei modi in cui si è arrivati alla decisione di censurare, l che include una spiegazione completa degli algoritmi impiegati.

Nel caso in cui lo stato, in seguito a una propria indagine oppure su segnalazione, sospetti che una violazione di questa legge sia imminente, in corso oppure sia già successa, può avviare d’ufficio un’indagine che risulti in una causa penale o civile. Lo stato può richiedere la consegna degli specifiche degli algoritmi relativi alle violazioni.


Il singolo utente può fare causa privatamente per le parti che gli competono e gli verranno riconosciuti fino a $ 100,000 di danni per legge, più i danni riconosciuti dal giudice più danni punitivi nel caso siano presenti aggravanti. In caso di deplatforming può anche ricevere un rimborso delle spese legali.

Ogni singola violazione potrà essere oggetto di risarcimento.

Roberto Mazzoni

Altre fonti:

Legge anti-Big Tech della Florida

Florida Passes Bill Prohibiting Social Media Giants Deplatforming Politicians

Trump e DeSantis

Uganda dice no a Big Tech

After hounding Jack Ma’s Ant Group, CCP is all set to destroy ByteDance as it cancels its IPO

Facts Matter (April 30): Arizona Audit on Pace to Finish by Deadline; New Documents Reveal Big Tech Collusion

California: documenti rivelati da Judicial Watch
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.492
VIRUS NATO IN LABORATORIO? BYOBLU NE PARLAVA OLTRE UN ANNO FA, IN QUESTO DOCUMENTO, MA È STATO CENSURATO!

A febbraio 2020 su Byoblu pubblicavamo uno studio che già anticipava ciò che solo oggi i media globali iniziano ad accettare. Come spesso accade, quelle che frettolosamente il sistema definisce fake news, arrivando per questo ad oscurare e censurare interi canali, nel tempo si dimostrano argomentazioni ragionevoli quando non addirittura verità conclamate.

https://go.byoblu.com/VirusNatoInLaboratorio
 

baleng

Per i tuoi meriti dovrai sempre chiedere scusa
Registrato
1 Ottobre 2011
Messaggi
8.976
Località
veneto
VIRUS NATO IN LABORATORIO? BYOBLU NE PARLAVA OLTRE UN ANNO FA, IN QUESTO DOCUMENTO, MA È STATO CENSURATO!

A febbraio 2020 su Byoblu pubblicavamo uno studio che già anticipava ciò che solo oggi i media globali iniziano ad accettare. Come spesso accade, quelle che frettolosamente il sistema definisce fake news, arrivando per questo ad oscurare e censurare interi canali, nel tempo si dimostrano argomentazioni ragionevoli quando non addirittura verità conclamate.

https://go.byoblu.com/VirusNatoInLaboratorio
Soprattutto c'è da chiedersi come riuscirà a ritrattare questo lecchino (e sappiamo di che) in conseguenza del fatto che ora Biden e Fauci hanno aperto alla possibilità del virus creato in laboratorio.


Qualcuno ricorda le vecchie riabilitazioni degli imperi sovietici?
Guardando meglio si vede che questo sito open è stato fondato da Enrico Mentana.

Open è edito da una società a impresa sociale fondata da Enrico Mentana con lo scopo di costruire un giornale online che valorizzi i giovani, negli ultimi anni tagliati fuori anche dal giornalismo.

Open – che ha lo scopo di avvicinare i giovani lettori al piacere/dovere di essere dis:-Dinformati – non ha scopo di lucro, è gratuito e vive su quanto versato da Mentana a fondo perduto all’atto della sua creazione e sui proventi delle inserzioni pubblicitarie.

Essendo impresa sociale senza finalità di guadagno accetta contributi volontari di scopo sociale. La prima ad aver deliberato un contributo è stata la Fondazione Cariplo. :eek: Intesa? Ogni eventuale utile della società sarà reinvestito nel giornale, per assunzioni o investimenti tecnologici.


Giovani, ma già pronti a piegarsi ...
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto