Journal to portfolio afterlife (16 lettori)

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Non ho trovato una sezione dedicata all' asset allocation perciò ho deciso di postare qua. Questo thread sarà una misto tra l'evoluzione del mio portafoglio e spunti di investimento.

Ho quasi 49 anni, single, un immobile di proprietà, mi sono ritirato dal mondo del lavoro da alcuni mesi, ho raggiunto l'indipendenza finanziaria perchè il mio stile di vita è modesto e di poche pretese.
Ho 29 anni di contributi versati e tra 20 anni sarebbe previsto il mio pensionamento di vecchiaia inps con le leggi vigenti, ed ho anche un fondo pensione complementare.
La percentuale di prelievo per le spese è al di sotto della classica 4% rule, perciò sono tranquillo sulla sostenibilità finanziaria anche se ci troviamo in un periodo storico di bassi tassi di interesse e quotazioni azionarie medio-alte.

L'allocazione degli investimenti è divisa così, mettendo assieme il portafoglio di investimento con il fondo pensione cometa reddito:

Immagine.jpg


Nel portafoglio la componente azionaria fa la parte del leone per alzare il rendimento atteso (etf swda, eimi, hste, xlpe, zprv, zprx, gdx, azioni berkshire hataway), l'obbligazionario cerca alte cedole (etf embe, hyld, cnyb), il resto sono "polizze assicurative" (etc phag e sgld, liquidità) o "speculazione" (etn wmeg, altc). Le obbligazioni investment grade sono la parte prevalente del fondo pensione.
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Le crypto per me sono speculazione e i rendimenti sono pompati dalla fomo, ma sono anche una parte importante del web3, visto che non sono solo una potenziale riserva di valore come il bitcoin, ma rappresentano anche un ecosistema come l' ethereum. Sono scettico da un lato e curioso dall'altro.
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Il private equity è un settore per istituzionali come Yale's endowment o investitori hnwi, l'unico modo per accedervi da parte di un investitore retail sono le società quotate come blackstone o kkr, presenti nell'etf che ho messo in portafoglio. Investire su questo settore è come investire a leva nel mercato azionario, ma nel contempo diversificando visto che le aziende gestite dal private equity non sono quotate.
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Qualcuno potrebbe osservare che nel mio portafoglio ci sono pochi titoli investment grade, che dovrebbero fornire un cuscinetto durante gli storni azionari.
Infatti nel passato i titoli di stato hanno decorrelato rispetto all'azionario, ma ciò è avvenuto in una epoca in cui i tassi sono scesi drammaticamente... perciò i bond si sono rivalutati tantissimo generando un bull market incredibile. Questa dinamica non si può ripetere per altri 40 anni semplicemente perché i tassi ora sono molto bassi: infatti se osserviamo il mercato americano i tassi dei treasury 10y sono scesi dal 15,8% del settembre '81 al 1,5% di dicembre '21. Va detto che rimane però l'effetto fly to quality per cui durante le crisi molti si rifugiano nel treasury (e dollaro americano).

Immagine.jpg


Quando ci sono state delle recessioni, i treasury però partivano da un floor di rendimento offerto (nominale) molto allettante ma ora non è più così, perciò quando ci sarà il prossimo aumento dei tassi il valore dei treasury scenderà in proporzione alla duration, senza avere un floor di rendimento reale positivo.

Negli USA trovare un tasso fed così basso rispetto all'inflazione è una cosa incredibile ...

real-fed-funds-rate-12-10.png


Il tasso offerto dai treasury 10y è un predittore formidabile dei rendimenti che ci si possono aspettare in futuro, così dice la storia, ed ora siamo a 1,5% circa... mentre non sappiamo dove andrà l'inflazione :fiu:

10.20.20-Blog-Chart-1.jpg


Quanto alla correlazione tra treasury e azionario, non è scolpito nella pietra che debba essere negativa, non è così.

strategic-portfolio-chart-image.png
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Avrete notato che la mia posizione sull'oro e argento (e titoli auriferi) è abbastanza rilevante. I motivi che mi hanno portato a questa scelta sono quattro:
  • l'oro ha un elevato inflation beta (minore delle commodities, ma storicamente nel lungo termine ha offerto rendimenti migliori, anche se questo non è una garanzia per i rendimenti futuri)
  • le quotazioni dei titoli auriferi sono storicamente allettanti
  • durante i crash azionari prolungati non è male avere oro in portafoglio
  • con i tassi di rendimento reali negativi sui bond investment grade, il difetto dell'oro di non distribuire dividendi è meno impattante
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Molti titoli tecnologici (growth) hanno tratto beneficio dalla crisi covid e hanno avuto un forte momentum che li trascina instancabilmente verso l'alto.
In questo momento storico forse sto perdendo una opportunità ma non me la sento di mettere tutte le uova in un indice seppure molto diversificato come msci-acwi dove però i primi 9 titoli pesano per il 17,7% della capitalizzazione.
I titoli growth hanno raggiunto delle valutazioni incredibili e secondo alcune metriche siamo a livelli che dovrebbero invitare alla prudenza, rispetto ai totoli value... questa volta sarà diverso?

Picture3-17.jpg


Un analogo discorso lo potremmo fare per il mercato azionario americano in generale, questa volta sarà diverso?

542496_03a7695821ce42c081683cdff2058fba~mv2.png
 

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Dopo aver letto le mie considerazioni precedenti avrete capito che la allocazione azionaria che ho scelto è parecchio fuori dal seminato della tradizionale allocazione per capitalizzazione, visti gli etf che avevo menzionato nel primo post (ho categorizzato berkshire hataway come all-world anche se questa azienda è un po' fuori dall'ordinario, visto che ha 149 B$ in liquidità e la redditività arriva oltre che dai titoli azionari in portafoglio anche dal business assicurativo, ferrovie, energia). Si sarà capito che sono un po' contrarian e un po' difensivo rispetto ad una ipotetica inflazione perniciosa (poco probabile ma non impossibile).

1639412434301.png


Qui dentro non c'è il fondo pensione che viene allocato dai gestori (delegati da cometa) in modo tradizionale sull'azionario.
 
Ultima modifica:

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
La valutazione del mercato azionario sulla base delle metriche storiche non ci offre nessuna predicibilità dei rendimenti che potrebbero offrire i mercati nell'immediato futuro, ma ci possono dare una previsione ragionevole dei rendimenti attesi che ci potremmo aspettaere nel medio-lungo periodo: valutazioni del mercato sopra la media portano a rendimenti attesi sotto la media, e viceversa (mean reversion).

Questo articolo analizza il P/E sul valore mediano dei titoli americani e così facendo si ottiene una prospettiva diversa da quanto si vede con i classici indici pesati per capitalizzazione, dove i primi titoli hanno una peso relativo molto alto e perciò in un certo senso “distorcono” la media.

Qui c’è una pagina dedicata per le valutazioni storiche dove giocare coi parametri.

Incredibile la valutazione dei titoli value rispetto ai growth o_O

Val-5-1024x447.png


Unfortunately for those of us who are value investors, this doesn’t tell us much about when value will come back into favor, but if you are a believer in historical data, it does say that the odds are good for above average long-term returns for value relative to the market.
 
Ultima modifica:

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
Per chi vuole ritirarsi anticipatamente è necessario ipotizzare una percentuale di prelievo del 3,3% fisso e aumentato annualmente per l'inflazione, avendo un portafoglio bilanciato con un orizzonte temporale di 30 anni, e con una probabilità di successo del 90%, secondo una ricerca Morningstar.

Per aumentare le probabilità di successo e sostenibilità del piano, Morningstar in quest'altro articolo propone dei suggerimenti, che riassumo sommariamente:
  • posticipare il ritiro anticipato e lavorare più a lungo
  • ridurre le spese annuali
  • "ottimizzare" l'assegno pensionistico (mio commento: nella realtà italiana, ad es. valutare attentamente cosa fare col fondo pensione complementare sfruttando appieno la deducibilità fiscale, per i più giovani scegliere comparti più spinti sull'azionario, al pensionamento la scelta 50% capitale/50% rendita vs 100% rendita in funzione delle condizioni di salute, aprire un nuovo fondo pensione almeno una anno prima di andare in pensione per sfruttare la deducibilità e poi chiudere il fondo e riscattare il capitale dopo almeno 5 anni di permanenza, ecc.)
  • convertire una parte del capitale finanziario in rendita vitalizia immediata (mio commento: opzione forse poco percorribile in Italia, per i costi addebitati e per i rendimenti attesi delle gestioni separate a prevalenza obbligazionarie in questa epoca di tassi ai minimi termini)
  • diversificare le entrate oltre al portafoglio finanziario
 
Ultima modifica:

portfolioafterlife

too fast for love
Registrato
13 Dicembre 2021
Messaggi
4.761
In questo articolo Morningstar invita alla prudenza per chi vive attingendo dal portafoglio finanziario, la storia ci dice che l'azionario ha sempre performato bene ma il worst-case è finire sotto un ponte. Ecco il grafico di 100 anni di Shiller CAPE del mercaato azionario americano, le quotazioni sono alte.

18323.png


Le percentuali di prelievo da ipotizzare per la sostenibilità del piano sono ben al di sotto delle medie storiche, stando alle previsioni con le attuali quotazioni.

18325.png

The three portfolios consist of: 1) 100% stocks, 2) 50% stocks, 40% bonds, and 10% cash, and 3) 90% bonds and 10% cash.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 2, Guests: 14)

Alto