Job Acts : Italia denunciata alla Ue (1 Viewer)

marofib

Forumer storico
Registrato
7 Dicembre 2003
Messaggi
19.236
si va be' magistratura democratica

solo da noi possono aggregarsi e fare politica in sta maniera....qui ha ragione il nano

se non funziona un ***** e' per colpa di sti azzeccagarbugli ....abbiamo + avvocanti di non so quante nazioni messe insieme
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
39.855
Lezioni spagnole per l’Italia

Pubblicato da keynesblog il 11 aprile 2014 in Economia, Europa, Lavoro



Mentre in Italia prende il via la nuova riforma del mercato del lavoro, è utile guardare ai paesi che hanno già avviato il percorso deregolamentativo.


La Spagna è un ottimo esempio.


Il seguente articolo, dell’economista spagnolo José Carlos Díez, evidenzia come la riforma sia semplicemente servita a redistribuire il lavoro tra tempo pieno e tempo parziale e tra contratti a tempo indeterminato e contratti precari.
di José Carlos Díez, docente di economia, Instituto Catolico de Administración y Direccion de Empresas




Nella tabella sopra pubblicata da El País sono riassunti tutti i pezzi che risolvono il puzzle del mercato del lavoro della nostra amata Spagna. La distruzione del tempo pieno dall’inizio della riforma del lavoro è brutale. Inoltre, le imprese hanno sostituito il lavoro a tempo pieno con il part-time, così il calo di ore e reddito salariale è stato ancora più brutale. Il lavoratore a tempo pieno con un contratto a tempo indeterminato resta in recessione, con un calo dell’occupazione nel 2014 del 3%.
La maggior parte dei posti di lavoro sono stati distrutti nelle grandi aziende, che hanno ridotto la loro occupazione del 9% nel 2013 e hanno annunciato licenziamenti per il 2014.
I posti di lavoro qualificati vengono sostituiti da contratti di stage che pagano solo la sicurezza sociale e dal part-time.



Perché i datori di lavoro assumono a tempo parziale e temporaneo? Perché il salario orario è inferiore del 40%, essendo giovani, con un tasso di disoccupazione del 50%.

E inoltre utilizzano un nuovo meccanismo di “flessibilità”, con straordinari per lo più non retribuiti. La precarietà ha dimostrato che il 70% di coloro che lavorano part-time vorrebbe farlo a tempo pieno.
Provare a porre fine alla crisi con lavori a bassa produttività e con l’abbassamento dei salari, porta al fallimento della sicurezza sociale e della riduzione del debito pubblico.

Finora Rajoy ha congelato le pensioni e rotto il salvadanaio dell’eredità ricevuta sulla previdenza. Ma il buco nella sicurezza sociale è di oltre 15 miliardi.
Presto il salvadanaio sarà vuoto e cominceranno a ridurre le pensioni, così la deflazione e la depressione si intensificheranno.


Il reddito netto delle famiglie è sceso di 15 miliardi, il 25% da quando la riforma del lavoro è stata approvata.

Mentre per le aziende è aumentato di 40 miliardi di euro, per lo più per le grandi imprese nei settori nazionali protetti, che sono quelle che riducono i posti di lavoro come un tritacarne fa con la carne macinata.
La Spagna è in deflazione, il debito pubblico fuori controllo e non sono riusciti a ridurre il deficit.



Questo era il piano Merkel-Juncker inviatoci dalla BCE e che Rajoy ha adempiuto alla lettera. Se i neoconservatori vinceranno di nuovo tutte le elezioni europee la situazione è destinata a peggiorare.
Fonte: El economista observador
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto