islamisti veri o killers? | Pagina 3

Discussione in 'Macroeconomia - Politiche economiche' iniziata da tontolina, 8 Gennaio 2015.

    13 Gennaio 2015
  1. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    Attacchi Parigi: Russia e Turchia accusano Cia e Mossad

    Stampa Invia Commenta (7) di: WSI | Pubblicato il 13 gennaio 2015| Ora 11:21

    Complottisti scatenati:
    a Mosca commentatori filo governativi puntano dito contro gli Usa.
    In Turchia citati servizi segreti israeliani.
    "Francia andava punita".




    PARIGI (WSI) - Più emergono dettagli che non tornano dai drammatici fatti di Parigi e più si moltiplicano le teorie del complotto riguardanti gli attacchi alla redazione di Charlie Hebdo, a una poliziotta e al supermercato kosher che hanno provocato la morte di 17 persone.

    Anche se i responsabili sono stati identificati, c'è chi parla di mercernari assoldati dai servizi segreti di grandi potenze mondiali come Usa e Israele, la cui intenzione è incolpare l'Islam e punire la Francia per le sue aperture verso Palestina e Russia.

    Ad aver condotto gli attentati sono stati dei radicali islamici, uno dei quali è stato addestrato da Al-Qaida in Yemen: i fratelli Kouachi, nati a Parigi e di origini franco-algerine, e un 32enne Amedy Coulibaly.

    In Russia e Turchia, nonostante i leader politici abbiano ufficialmente condannato gli attacchi del 7 gennaio, sono iniziate a circolare teorie del complotto che puntano il dito su servizi di intelligence israeliani e statunitensi.

    Circa 24 ore dopo che il primo ministro turco, Ahmet Davutoglu, ha preso parte alla marcia di Parigi per omaggiare le vittime degli attentati, il presidente del paese ha fatto dichiarazioni meno concilianti.

    "La duplicità dell'Occidente è ovvia", ha dichiarato Recep Tayyip Erdogan durante una conferenza stampa. "Noi musulmani non ci siamo mai schierati con il terrore e i massacri: razzismo, odio e islamofobia sono le ragioni del massacro".

    "I colpevoli sono chiari" per l'Occidente, ha aggiunto Erdogan. "I cittadini francesi sono le vittime del massacro e i musulmani sono i colpevoli".

    Un fenomeno simile si è visto anche in Russia. Mentre il ministro degli Esteri Sergei Lavrov partecipava alla manifestazione di domenica a Parigi, a Mosca diversi commentatori e media vicini al Cremlino hanno iniziato a puntare il dito contro gli Stati Uniti e la CIA.

    Che le toerie cospirazioniste vengano da fonti filo governative russe fa riflettere in un momento di massima tensione in Ucraina e Medioriente.

    "Per lo meno in Turchia è pericoloso come la gente stia conducendo un doppio gioco", dice al Financial Times Aaron Stein del Royal United Services Institute, un think-tank britannico, sottolineando il comportamento sospetto di autorità che emettono "condanne sul piano internazionale, anche se poi tollerano i sotenitori di opinioni folli che fanno comodo alla base politica".

    In Russia il direttore dell'Istituto Internazionale per i Nuovi Stati, un think-tank di spicco nel paese, dice di essere certo che "supervisori statunitensi siano responsabili per gli attentati terroristici di Parigi, o per lo meno per i radicali islamici che li hanno condotti". Lui è Alexei Martynov e le dichiarazioni sono state pubblicate da LifeNews, testata online vicina al Cremlino.

    "LA FRANCIA ANDAVA PUNITA"



    Due giorni prima degli attentati il governo Hollande ha votato a favore del riconoscimento della Palestina. Melih Gokcek, sindaco di Ankara e membro del partito AK, fazione al potere in Turchia dal 2002, ha detto che i servizi di intelligence israeliani del "Mossad sono senza dubbio dietro agli attacchi".

    L'obiettivo, secondo lui, è alimentare l'odio nei confronti dell'Islam. Gokcek ha fatto il collegamento esplicito tra gli attentati e la richiesta di riconoscimento della Palestina delle autorità francesi.

    Anche Ali Sahin, membro del parlamento turco e portavoce degli Affari Esteri dell'AKP, ha elencato otto ragioni valide per sospettare che gli attentati siano stati inscenati in modo da mettere sulla graticola musulmani e Islam.

    A creare contrasti diplomatici tra Turchia e Francia è stato anche il caso della moglie di Coulibaly, uno degli attentatori. Hayat Boumeddiene, 26 anni, è riuscita a lasciare la Francia il 2 gennaio e rifugiarsi in Siria sei giorni dopo, passando dall'aeroporto di Istabul.

    In un'intervista concessa ai media russi, Alexander Zhilin, alla testa del Centro pro-Cremlino di Mosca per gli Studi dei Problemi Applicati, ha detto che dietro agli attacchi c'è la mando degli Usa che non avrebbero visto di buon grado l'ipotesi ventilata in un'intervista radiofonica da Hollande di fare un passo indietro nelle sanzioni Ue contro la Russia.

    Le manovre di Washington sono un "modo rapido per consolidare gli interessi Usa e Ue in Ucraina", ha detto Zhilin.

    Uno dei tabloid più letti in Russia, Komsomolskaya Pravda, ha pubblicato una serie di interviste in cui vengono presentate tutte le motivazioni che avrebbero spinto i servizi segreti degli Stati Uniti a condurre gli attacchi. Il titolo dell'articolo recitava "Gli americani hanno inscenato gli attacchi terroristici di Parigi?".

    TEORIE DEL COMPLOTTO ANCHE IN ITALIA



    In Italia Aldo Giannuli, saggista esperto di servizi segreti, ha osservato come nella vicenda potrebbero "esserci altre ‘manine’ di ben altra qualità" perché i "conti non tornano". L'attentato, dice Giannuli sulle pagine del blog di Beppe Grillo, è di matrice islamica, ma "c'è gran puzza di bruciato".

    Tra gli argomenti citati a sostegno della tesi del complotto vengono citati i documenti di identità dimenticati in auto, che ricordano altri casi sospetti del passato, i rilassati tempi di fuga dei terroristi, la protezione della redazione del settimanale scarsa (il direttore del settimanale era sotto scorta) e le armi da guerra degli attentatori, che erano muniti di kalashnikov.

    "Come in tutti i ‘grandi casi’ (Kennedy, piazza Fontana, Palme, 11 settembre, morte di Osama bin Laden ecc), anche in questo di Parigi – scrive Giannuli – i conti non tornano e ci sono un sacco di cose da spiegare". L’esperto di servizi segreti domanda, ad esempio, "come mai un obiettivo sensibile" come la redazione di Charlie Hebdo fosse "così debolmente protetto". E, prosegue, "le armi, gli attentatori, dove se le sono procurate? Portate appresso dalla Siria? E i francesi – osserva – se le sono fatte passare sotto il naso?" Ma, soprattutto, "avete mai visto dei terroristi che vanno a fare un’azione portandosi appresso la carta di identità che, poi, dimenticano in auto?".

    E, ancora, quando mai si sono visti "terroristi che agiscono perdendo tanto tempo durante la fuga e dopo aver avuto ben due scontri a fuoco con auto della polizia: si attardano a dare il colpo di grazia ad un agente, raccattano scarpe, poi lasciano un guanto." E come mai "non è scattato alcun blocco della zona? Nel pieno centro di Parigi, non devono essere state poche le auto della polizia in zona. E Parigi non ha un traffico scorrevolissimo".

    Fonti principali:

    Financial Times


    Blog di Beppe Grillo

    (DaC)
     
  2. 13 Gennaio 2015
  3. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
  4. 13 Gennaio 2015
  5. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    13/01/2015 06:03
    IL TERRORE TRA NOI

    Hollande e il giallo del mancato invito a Netanyahu

    Il leader israeliano «pregato» di non partecipare alla marcia si è presentato lo stesso a Parigi




    [​IMG]


    François Hollande avrebbe suggerito al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di non partecipare alla marcia repubblicana di domenica a Parigi.

    Lo ha rivelato il sito del quotidiano «Haaretz», riprendendo una fonte israeliana che era a conoscenza dei contatti tra l’Eliseo e l’ufficio del primo ministro a Gerusalemme. Il governo francese avrebbe fatto la stessa richiesta anche alle autorità palestinesi.
    L’assenza, ha riportato «Le Figaro», sarebbe stata richiesta dalla Francia nel tentativo di mantenere il conflitto israelo-palestinese fuori dalla manifestazione europea per dire no al terrore, dopo le stragi di Parigi al settimanale satirico Charlie Hebdo e al supermercato kosher a Porte de Vincennes.
    Inizialmente, Netanyahu avrebbe accettato l’invito del governo francese a non partecipare alla manifestazione di Parigi. Ma poi, la sera prima del corteo, avrebbe cambiato idea, probabilmente perché interessato ad avere una ribalta internazionale in vista delle elezioni del 17 marzo. A seguito dell'insistenza di Netanyahu, si legge su «Haaretz», la Francia ha chiarito che sarebbe stato invitato anche il presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen. A quel punto Jacques Audibert, consigliere diplomatico di François Hollande, ha inviato un invito al presidente palestinese.
    Hollande, in ogni caso, ha dimostrato la sua irritazione domenica sera alla cerimonia alla sinagoga di Parigi, quando si è platealmente alzato e se ne è andato proprio mentre Netanyahu ha iniziato a parlare.
    Non solo. Il «Maariv» ha sottolineato come mentre Hollande ha «accolto Abu Mazen con un caloroso abbraccio, ha riservato a Netanyahu una gelida stretta di mano».
    Anche qualche «assenza» ha fatto parlare. In particolare quella del presidente Usa Barack Obama. Gli Stati Uniti vogliono tentare di rimediare al clamoroso forfait. Per questo il segretario di Stato John Kerry, impegnato in un tour in Asia, ieri in India, ha fatto sapere che «giovedì e parte di venerdì sarò a Parigi» per «dimostrare la forza del legame tra Usa e e il nostro più antico alleato». Il capo della diplomazia ha glissato sull’assenza di un rappresentante di peso americano ieri a Parigi (c’era il ministro della Giustizia uscente Eric Holder ma ha solo partecipato a un summit sulla sicurezza), osservando che «la relazione con la Francia non è qualcosa che si limita a un giorno particolare o a un particolare momento».
    Dal punto di vista della politica interna, intanto, il leader dell’Ump Nicholas Sarkozy prova a smarcarsi per rubare voti al Front National di Marine Le Pen. L’ex presidente della Repubblica francese afferma che alla luce della strage di Parigi l'immigrazione «se non è legata al terrorismo... quanto meno complica le cose». «L’immigrazione porta a creare comunità chiuse dove le persone» ha proseguito Sarkozy, «che hanno causato la strage al settimanale Charlie Hebdo si possono nascondere».
    R.P.
     
  6. 14 Gennaio 2015
  7. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    Francia: Al Qaeda rivendica attacco Charlie Hebdo BEIRUT (MF-DJ)--L'assalto alla sede parigina della rivista Charlie Hebdo è stato finanziato e pianificato da Al Qaeda.
    E' quanto dichiarato in un video da Nasser bin Ali al-Ansi, un leader del ramo dello Yemen dell'Organizzazione.
    Ali al-Ansi ha detto che il ramo di Al Qaeda della Penisola Arabica (Aqap) ha pianificato l'attacco dei fratelli Cherif e Said Kouachi.
    La leadership di Aqap "ha scelto l'obettivo, guidato il piano e finanziato l'operazione" ha detto Ansi in un video di 11 minuti, aggiungendo che l'operazione è stata decisa per rivendicare il messaggero di Allah.
    red/est/jes
    (END) Dow Jones Newswires
    January 14, 2015 06:40 ET (11:40 GMT)
    ----------
    è come affermare che sono stati gli USA con i suoi alleati
    in quanto ormai tutti sanno che Obama finanzia Al Qaeda
     
  8. 14 Gennaio 2015
  9. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    http://www.investireoggi.it/forum/iraq-gli-usa-finanziano-al-qaeda-vt82876.html
     
  10. 14 Gennaio 2015
  11. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
  12. 14 Gennaio 2015
  13. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    solo che Magaldi ci ha spiegato che gli "illuminati" altro non sono che fumo negli occhi della gente perchè chi comanda e fa queste porcherie sono potenti UR Logges
     
  14. 16 Gennaio 2015
  15. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    In questa puntata torna come nostra ospite SOLANGE MANFREDI, giurista e scrittrice: Solange Manfredi blog .
    Si parla del suo nuovo libro "PSYOPS - 70 anni
    di guerra psicologica in Italia" di temi
    di attualità internazionale come l'ISIS e la crisi mediorientale,
    il Caso Moro, [https://www.google.it/search?q=pice...al&channel=fflb&q=unità+di+crisi+cossiga+MORO ]
    la Falange Armata,
    La Mafia ed altro.
    La grande musica questa sera dai vinili originali.

    Forme d' Onda - 9^ puntata - 19/11/14 | Forme d' Onda's tracks | Spreaker
     
    Ultima modifica: 16 Gennaio 2015
  16. 16 Gennaio 2015
  17. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    La nuova minaccia alla Rete arriva dall'EUROPA - I leaders UE: stretta su internet

    https://www.youtube.com/watch?v=MKJFKOMg164&list=UUyjNhbCPBuxM4jRxpjxr0ZQ
     
  18. 21 Gennaio 2015
  19. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    39.259
    http://www.ansa.it/…/charlie-hebdo-caccia-ai-killer.-e-terr… Charlie Hebdo, la Francia mobilita 88 mila uomini... 88 ....vediamo la data 7-1-2015... 7+1=8, 2+1+5=8... questo 8 che ritorna dopo gli 80 euro di Renzi...casualità?

    [​IMG]


    Charlie Hebdo, la Francia mobilita 88 mila uomini - Mondo
    Sarebbe stata una falsa pista quella secondo la quale i due presunti terroristi dell'attacco, i fratelli Said e Cherif Kouachi, sarebbero barricati in una casa...
    ansa.it

    ---------------
    88 Negli ambienti neonazisti viene usato come saluto al posto di "Heil Hitler": essendo l'H l'ottava lettera dell'alfabeto, 88 starebbe per HH,acronimo di Heil Hitler
    da https://www.facebook.com/groups/bordernights/permalink/286892451435127/
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina