Iqbal Masih E L'11 Settembre

Discussione in 'L'Isola dei Forumers' iniziata da ciiiiip, 26 Agosto 2005.

    26 Agosto 2005
  1. ciiiiip

    ciiiiip New Member

    Registrato:
    15 Aprile 2005
    Messaggi:
    1.027
    Occupazione:
    nulla facente
    Località:
    Rio Bò
    Credo che non ci sia nessun dubbio che noi condanniamo senza appello e dal profondo del nostro cuore e della nostra mente fatti terribili come il lavoro forzato dei bambini del terzo mondo di cui l'assassinio di Iqbal Masih al quale noi dedichiamo la nostra manifestazione è una logica conseguenza. Cosi pari condanna noi esprimiamo sempre dal profondo della nostra mente e del nostro cuore per i terribili fatti avvenuti negli USA in questo giorno due anni fa. Non c'è dubbio: ma se vogliamo che questi fatti veramente cessino dobbiamo comprenderne le motivazioni. Molte cose possono avvenire a caso ma fatti tanto ampi e generalizzati che coinvolgono centinaia di milioni di persone non sono casi fortuiti dovuti a qualche inesplicabile follia ma hanno una motivazione ampia e profonda quanto i fatti che determinano.

    Non possiamo certamente pensare che lo sfruttamento del lavoro minorile avvenga perchè nel Pakistan i genitori amino i loro figli meno dei genitori occidentali:I genitori amano i loro figli mediamente con la stessa intensità in qualunque paese essi si trovino : sarebbe veramente assurdo assimilare i miseri e gli affamati ai criminali perchè i loro figli convivono con miseria e fame

    E non dobbiamo neanche, il che è certamente meno evidente, pensare che fatti come quelli dell11 settembre siano prodotti di menti diaboliche e criminali, da una specie di serial killer internazionali, da soggetti affetti da schizofrenia maniacale religiosa. Milioni di persone in tutto il mondo mussulmano li giustificano, li prendono ad esempio, pregano anche per loro. Non possiamo ignorarlo, non dobbiamo ignorarlo.Ricordate che le TV mostrarono l'11 settembre, mentre l'attacco era in corso, molti abitanti della Cisgiordania festeggiare e offrire dolci per la strada. Quante organizzazioni mussulmane anche italiane giustificavano, restavano nell'ambiguità. Poi le condanne sono diventate unanimi: ma pure non sappiamo quanto queste condanne siano sincere e quanto invece imposte dalla pressione economica e dalla paura dei potenti occidentali . Insomma ogni immigrato ha capito che se vuole conservare il suo posto di lavoro deve condannare il terrorismo , ogni governo si è reso conto che se è solo sospettato di indulgenza verso "Al Qaida" si trova i marines nel paese.

    Ma dobbiamo capire , sforzarci di capire perchè questi fatti avvengano. Se agiamo senza capirlo rischiamo di aggravare le situazioni, di essere di danno a quei popoli a quelle genti a cui vogliamo essere di essere di aiuto: non bastano le buone intenzioni, spesso esse provocano più disastri che le cattive intenzioni. Prendiamo esempio dai missionari cattolici: non improvvisano, prima di agire imparano le lingue locali, le culture, le mentalità senza prevenzioni nè positive nè negativi, soprattutto guardano le realtà effettive senza lenti deformanti di certi ideologismi di destra o di sinistra.

    Per mia esperienza personale , vi consiglio,se volete notizie veramente attendibili su un paese, cercate le fonti missionarie, le uniche veramente attendibili.

    Ma torniamo al nostro assunto fondamentale e chiediamoci perchè esiste lo sfruttamento del lavoro minorile nel mondo. Non è un problema di legislazione anche se la legislazione può dare un suo contributo importante. non è un problema di accordi internazionali anche se gli accordi internazionali possono dare un contributo importante. Esiste il lavoro minorile essenzialmente perchè esiste la miseria . In fondo anche la guerra nasce dalla miseria: i paesi ricchi ormai non si fanno più guerra tra di loro da oltre 50 anni. E allora la domannda è: perche c'è tanta umanità che soffre la fame, la sete, la carestia, la guerra endemica.

    Personalmente io però credo che ci poniamo la domanda sbagliata a cui poi segue necessariamente una risposta sbagliata. La vera domanda a mio parere è questa: PERCHE' noi occidentali non soffriamo la fame, la sete, la carestia, la guerra endemica? o meglio, perche non le soffriamo PIU' ?

    Fame, carestia, lavoro minorile sono stati sempre presenti anche in Europa fino a non molto tempo fa : Il lavoro minorile in Italia ha perso rilievo solo negli ultimi decenni ed è ancora, purtroppo, presente. Il lavoro minorile fu una costante della prima industrializzazione in Europa anzi una delle sue basi fondamentali.

    Ricordate la sterminata letteratura ottocentesca sulla miseria delle classi lavotatrici

    A metà dell'800 in Irlanda la carestia uccideva circa un milione di persone e e altri tre o quattro milioni sopravvissero perchè ebbero la possibilità di emigrare in massa in America. E questo avveniva nell'ambito dell'Inghilterra la superpotenza del tempo, il cui impero dominava un quarto dell'umanità, e che aveva un avuto un grandioso processo di industrializzazione. Può sorprendere constatare come i nostri libri di testo di storia dei licei diano ampio spazio ai moti liberali del 48-49 e ignorino completamente la tragedia avvenuta in Irlanda: all'epoca la morte per fame era considerato da noi come in tutto il mondo un evento naturale, "normale", ineliminabile che era dolorosissimo ma non stupiva più di tanto.

    E se vediamo con orrore, giusto orrore i bambini-soldato del terzo mondo non possiamo dimenticare che fino alla fine dell'800 nei nostri eserciti erano aggregati dei fanciulli come tamburrini: ricordate"Il tamburrino sardo" del libro Cuore , quel ragazzo che perde la gamba per portare un messaggio militare?

    A un certo punto della storia l'Occidente ha iniziato un progresso politico, economico umano che ci ha dato un tenore di vita e quindi una visione della vita nella quale non trovano più posto fame, sete, lavoro minorile, epidemie e guerre endemiche che diventano quindi incomprensibile.

    E non pensiamo come spesso facciamo, che il nostro progresso sia solo materiale. Citiamo un non-occidentale il filosofo cinese HU SHIH dei primi anni dell'900 : riteneva "altamente spirituale" che una civiltà potesse incarnare delle idee in macchinari ed altre opere d’ingegno, sollevando così la gente dalla miseria. Affermava che effettivamente un’automobile poteva definirsi materiale, ma che non c'era però nulla di spirituale in un risciò tirato da un essere umano.

    Capire quello che è successo in Occidente, a mio parere, è la chiave vera per sconfiggere miseria, fame lavoro infantile e guerra.

    Gli occidentale non sono migliori degli altri, nemmeno peggiori, non sono più intelligenti e nemmeno più stupidi: ma fra di loro ha preso forma una cultura che fra immense difficoltà e contraddizioni li ha portati a superare certi aspetti che sembravano invece connaturati alla esistenza umana:

    L'idea molto comune nel terzo mondo come anche in Europa che il riscatto dei poveri debba avvenire attraverso la lotta all'Occidente appare del tutto privo di fondamento: il superamento della povertà e quindi anche del lavoro minorile arriverà quando il terzo mondo avrà assimilato quegli aspetti fondamentali che hanno permesso all'Occidente di superarla.

    Un breve riferimento storico. Alla fine dell'800 in Estremo Oriente si affacciò la civilltà occidentale: il Giappone la accolse pure adattandola alle proprie tradizioni e divenne una grande potenza:la Cina la rifiutò e per oltre un secolo ha conosciuto la fame, la povertà la guerra ininterrotta.

    Il futuro del mondo a nostro parere non sta quindi nella lotta di classe che diventa lotta di popoli: ma sta nella collaborazione, nello scambio di idee e tecnologie, nella collaborazione.Solo cosi i popoli poveri possono raggiungere un livello accettabile di vita e solo cosi i popoli occidentali possono conservarlo perchè è anche altamente improbabile che un piccola parte dell'umanità possa godere di un buon livello di vita in mezzo a una massa di disperati in un mondo che si fa sempre ogni giorno più piccolo.

    La collaborazione dei popoli non è più solo un ideale etico : esso diventa sempre di più una necessità

    Giovanni De Sio
     
  2. 27 Agosto 2005
  3. ciro

    ciro Banned

    Registrato:
    23 Luglio 2005
    Messaggi:
    613
    Località:
    Scarsa
    Letto molti anni fa su un bigliettino dei baci Perugina.......


    .....considerare l'Occidente esempio per il resto del mondo è una delle più grosse e tronfie e odiose baggianate spacciate per chiave di volta di tutte le soluzioni del terrorismo odierno...


    Non esisterà mai un mondo TOTALMENTE ricco e sprecone come è l'Occidente... Le nostre ricchezze sono tali perchè esiste un mondo SPAVENTOSAMENTE POVERO...

    Quando l'occidente DARA' LA LIBERTA' di GOVERNARSI a questi popoli e non conusmerà per i 4/5 del pianeta...

    Forse...... MA MEGLIO NON CREDERCI... dell'Occidente ho smesso di fidarmi da un bel pezzo....
     
  4. 28 Agosto 2005
  5. ricpast

    ricpast Sono un tipo serio

    Registrato:
    24 Ottobre 2003
    Messaggi:
    6.766
    Assolutamente d'accordo.
    Gli auspici riportati da ciiip sono aimè un anacronistico pensiero di chiaro retaggio colonialista-"illuminato"....
     
  6. 28 Agosto 2005
  7. Catullo

    Catullo New Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2005
    Messaggi:
    1.790
    Località:
    mah
    Quando l'occidente non ha avuto più da mangiare ha pensato bene di colonizzare il resto della terra.
    Lo aveva già fatto prima quando un pirla di mercante di schiavi che si credeva grande esploratore cercò le Indie dove non c'erano.
    E se non avesse trovato l'America starebbe ancora girando.
    Dopo la seconda rivoluzione industriale il colonialismo è stata l'unica strategia per attingere a nuove risorse.
    Poi si è inventato una cosa che si chiama FMI con quale presta i suoi soldi ai paesi che ha impoverito con il ricatto di destinare le sue terre alle coltivazioni di cui noi abbiamo bisogno e a comprare le nostre armi.
    Non per niente se il governo non è di suo gradimento: niente soldi, golpe e appoggio a dittature gradite(vedi America Latina).
    Ogni tanto un pò di beneficienza(tanto quei pirla degli occidentali per lavarsi la coscienza la fanno sempre)che va a finire nelle mani di governi corrotti o di associazioni internazionali che per campare se ne ciucciano l'80%.
    E quando si va in recessione: vai con una bella guerra(preventiva o non)nei confronti di questi disgraziati che serve a far ripartire l'economia(leggi Keynes).
    Tutto questo per continuare a mantenere il nostro tenore di vita mentre la maggior parte della popolazione muore di fame.
    Ma quanto siamo civili :(
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina