Inquietante vittoria della casta della scuola: espulsione dell'Inglese da Ingegneria (1 Viewer)

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
26.449
Località
Via Lattea
Mentre IQF si svolgevano sobrie tenzoni tra greco/latinisti e abolizionisti (link), una clamorosa bestialità è stata decisa dal TAR: al politecnico di Milano (Ingegneria) sarà vietato tenere corsi in lingua inglese.

Si poteva copiare quello che si fa all'estero...
Si poteva aumentare l'internazionalizzazione del Politecnico, consentendo l'accoglienza di studenti di tutto il mondo...
Si poteva far sì che i nostri studenti imparassero l'inglese tecnico in modo che, subito dopo la laurea, potessero lavorare in tutte le nazioni...
Si poteva evitare un'ennesima sperequazione sociale, anziché consentire solo ai figli di genitori ricchi di imparare (studiando all'estero o con costosi corsi ad hoc) la lingua più importante a livello professionale...



Dicono i vincitori che non si è trattato di salvare poltrone su cui insiste una folta schiera di chiappe di docenti che non erano al passo coi tempi: parlano di una "vittoria della ragione e della cultura". :rolleyes:

Ma allora io mi chiedo: se l'intento è la promozione della ragione e della cultura, cosa aspettano a proporre di tenere metà delle lezioni in dialetto (differenziate per regioni, anzi per città) e metà in latino?
 

Allegati

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
26.449
Località
Via Lattea
Mentre IQF si svolgevano sobrie tenzoni tra greco/latinisti e abolizionisti (link), una clamorosa bestialità è stata decisa dal TAR: al politecnico di Milano (Ingegneria) sarà vietato tenere corsi in lingua inglese.

Si poteva copiare quello che si fa all'estero...
Si poteva aumentare l'internazionalizzazione del Politecnico, consentendo l'accoglienza di studenti di tutto il mondo...
Si poteva far sì che i nostri studenti imparassero l'inglese tecnico in modo che, subito dopo la laurea, potessero lavorare in tutte le nazioni...
Si poteva evitare un'ennesima sperequazione sociale, anziché consentire solo ai figli di genitori ricchi di imparare (studiando all'estero o con costosi corsi ad hoc) la lingua più importante a livello professionale...



Dicono i vincitori che non si è trattato di salvare poltrone su cui insiste una folta schiera di chiappe di docenti che non erano al passo coi tempi: parlano di una "vittoria della ragione e della cultura". :rolleyes:

Ma allora io mi chiedo: se l'intento è la promozione della ragione e della cultura, cosa aspettano a proporre di tenere metà delle lezioni in dialetto (differenziate per regioni, anzi per città) e metà in latino?

Il secondo articolo parla di "primato della lingua italiana sancito dalla Costituzione".

Non lo trovo. :mumble: http://www.governo.it/Governo/Costituzione/CostituzioneRepubblicaItaliana.pdf
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
50.801
Località
Il mondo dei sogni
Igno, io sono favorevolissima ad insegnare al politecnico, nelle lauree specialistiche, in lingua inglese, ma PRIMA bisogna fare in modo che tutti lo sappiano più o meno allo stesso livello e quel "lo imparino, finché sono in tempo" è proprio brutto da sentire.
"La scuola pubblica lo insegni (bene)!" si doveva dire.
Altrimenti è vero che è discriminatorio.

Che poi la casta dei baronetti universitari si senta minacciata, non lo metto in dubbio.
 

timurlang

Etsi omnes , Ego non
Registrato
25 Febbraio 2009
Messaggi
4.641
Il secondo articolo parla di "primato della lingua italiana sancito dalla Costituzione".

Non lo trovo. :mumble: http://www.governo.it/Governo/Costituzione/CostituzioneRepubblicaItaliana.pdf
sta qui
Consiglio PAT - Decreto del presidente della repubblica 31 agosto 1972, n. 670

Art. 99
Nella regione la lingua tedesca è parificata a quella italiana che è la lingua ufficiale dello Stato.

Comunque parla di ufficialità , non di primato.
Non ho idea se guiridicamente siano equivalenti
 

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
Igno, io sono favorevolissima ad insegnare al politecnico, nelle lauree specialistiche, in lingua inglese, ma PRIMA bisogna fare in modo che tutti lo sappiano più o meno allo stesso livello e quel "lo imparino, finché sono in tempo" è proprio brutto da sentire.
"La scuola pubblica lo insegni (bene)!" si doveva dire.
Altrimenti è vero che è discriminatorio.

Che poi la casta dei baronetti universitari si senta minacciata, non lo metto in dubbio.
Non esiste possibilita' di imparare l'inglese bene a scqkuola. L'inglese si impara guardando la BBC.
 

Giovakkino indentity

eremita dei rospi
Registrato
6 Giugno 2012
Messaggi
2.561
Località
Turin
molti docenti non sono in grado di tenere un korso kompleto in inglese.

Molti studenti usciti dal liceo hanno un livello di inglese ke viene già definito intermediate kome pratika del Toefl; mi fratello quando si laureà alla Bokkoni in economia politika nel '94 prevedevano per gli scambi con università partners il toefl kome prerequisito e si sapeva già da allora ke molti studenti erano avanti anni luce kome espressione, komprensione ed estensione di konoscenza dei vokaboli maggiore rispetto a tanti tanti docenti

Certo ke se fanno entrare studenti da quattro soldi a cui interessa solo depilarsi le sopracciglia la vedo duretta

Off Topic io avevo un francese che su scala Toefl era da konsiderare lower, mi sono laureato kon il massimo in economia a ginevra e DEA/M.Phil alla HEI tanto per dire...stessa kosa kon l' Msc alla LSE con l' inglese, e kon il Toefl ho litigato abbastanza ma ce l' ho fatta!

è la solita manfrina all' italiana, tuteliamo gli ultimi a discapito dei primi volenterosi
 
Ultima modifica:

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
26.449
Località
Via Lattea
Igno, io sono favorevolissima ad insegnare al politecnico, nelle lauree specialistiche, in lingua inglese, ma PRIMA bisogna fare in modo che tutti lo sappiano più o meno allo stesso livello e quel "lo imparino, finché sono in tempo" è proprio brutto da sentire.
"La scuola pubblica lo insegni (bene)!" si doveva dire.
Prima l'Inglese alle superiori, poi (forse) all'Università. :mumble:
Questa argomentazione ha una sua logica, ma solo all'apparenza.
La realtà è che quando la società multinazionale XYZ farà le selezioni in tutt'Europa per assumere neo-ingegneri da spedire in giro per il mondo, e potrà scegliere tra un polacco, uno svedese e un olandese che sanno l'inglese, e l'italiano che non lo sa, si potrà dire selezionatore "Alle superiori non me l'avevano insegnato bene, per cui non potevo fare inglese all'università", ma egli (o ella) risponderà "Brao, continua così: superiori e università senza inglese, quindi cèrcati un lavoro senza inglese. Foera di ball, terùn!"

sta qui
Consiglio PAT - Decreto del presidente della repubblica 31 agosto 1972, n. 670
Art. 99
Nella regione la lingua tedesca è parificata a quella italiana che è la lingua ufficiale dello Stato.

Comunque parla di ufficialità , non di primato.
Non ho idea se guiridicamente siano equivalenti
Ah.

molti docenti non sono in grado di tenere un korso kompleto in inglese.

...

Off Topic io avevo un francese che su scala Toefl era da konsiderare lower, mi sono laureato kon il massimo in economia a ginevra e DEA/M.Phil alla HEI tanto per dire...stessa kosa kon l' Msc alla LSE con l' inglese, e kon il Toefl ho litigato abbastanza ma ce l' ho fatta!

è la solita manfrina all' italiana, tuteliamo gli ultimi a discapito dei primi volenterosi
Ma è un problema degli studenti? Quando introdussero i trapianti d'organo, i chirurghi italiani potevano dire "noi non lo sappiamo fare, non possiamo essere obbligati ad impararlo, per cui è giusto che a) i pazienti italiani salvabili crèpino b) noi rimaniamo al nostro inamovibile posto.
Posso solo rispondere con un inevitabile "Wiwa la Thatcher, wiwa i licenziamenti!". E wiwano i pazienti salvati da chirurghi capaci di fare un trapianto.


Ecco, così si fa: sei indietro rispetto agli altri? Anziché frignare "alle superiori non me l'hanno insegnato bene, all'università non si poteva", chi è svantaggiato si deve dare da fare.
E' una lezione che i giovanotti d'oggi devono imparare: l'impegno rende più del frigno.
O lo capiscono, o lo vivranno sulla loro pelle.
 

big_boom

Forumer storico
Registrato
28 Febbraio 2009
Messaggi
10.540
Località
ora nell'inferno delle tasse italico
penso che se uno si laurea in italia deve sapere prima l`italiano e poi altro..

personale opinione l'Inglese e' una schifezza come alfabeto per le lingue latine ma anche il resto

provate a fare lo spelling in inglese e' sempre un casino! in lingua latina e' semplicissimo!!

in america fanno perfino i campionati di spelling :wall:

National Spelling Bee Champion 2011 - FINAL MOMENTS BEST! - YouTube
 

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
penso che se uno si laurea in italia deve sapere prima l`italiano e poi altro..

personale opinione l'Inglese e' una schifezza come alfabeto per le lingue latine ma anche il resto

provate a fare lo spelling in inglese e' sempre un casino! in lingua latina e' semplicissimo!!

in america fanno perfino i campionati di spelling :wall:

National Spelling Bee Champion 2011 - FINAL MOMENTS BEST! - YouTube
Infatti......se uno dice : tu come ti chiami . Merdini. Tutti scriveranno merdini. Punto e basta......in inglese invece se uno dice come ti chiami: börd ....e come czzzz si scrive börd ??? Bird ...byrd ....berd o burd ??? ....minkia che confusione !!!
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto