Il Komunismo nasce dall'ignoranza (2 lettori)

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.489
Località
Via Lattea
Per iniziare mi compiaccio di me stesso: mi sembra un bel titolo, della serie "La tocco piano". :)
Naturalmente ciò riguarda anche il Fascismo e le altre ideologie perverse che, di fatto, pare molto difficile se non impossibile estirpare dalla Storia.

IQT io, per chi sa lèggere, fornisco alcune informazioni che portano conoscenza. E la conoscenza è nemica del Komunismo e delle altre visioni distorte che impestano la Storia.
[Per chi non sa lèggere non posso fare miracoli, anche se lo sputo fa parte della terapia contro la cecità, in base ai miei ricordi del Vangelo].


Per iniziare: alcune delle informazioni che non sono affatto chiare ai cittadini medi e che, se diffuse, comporterebbero un riorientamento dal komunismo - fascismo - dirigismo - statalismo al liberalismo, riguardano le retribuzioni dei lavoratori.

Facendo qualche semplificazione sulle percentuali e trascurando le detrazioni, ad esempio, possiamo dire che un lavoratore medio con uno stipendio da 1.310 euro al mese (incompatibile con la vita in una grande città, ma questo è un altro tema), guardando la sua busta paga, può osservare che il suo datore di lavoro ritiene che lui valga non 1.310 euro al mese, bensì 1.923. La differenza (31,8%) se ne va in contributi e tasse. E magari il tizio lo trova accettabile.
[Dato il nostro sistema previdenziale stile "Schema Ponzi", i contributi sono di fatto a fondo perso: sono assolutamente uguali alle imposte]


Un lavoratore che può vivere più o meno decorosamente a Milano, con uno stipendio lordo doppio rispetto al primo esempio, porta a casa 2.429 euro al mese e giosce nel vedere che la percentuale di soldi suoi devoluti allo Stato è del 36,84%.

Un supermanager da 200mila euro lordi annui, invece, guadagna 8.418 euro al mese e vede sparire ben il 45,29% della sua retribuzione lorda.
Apparentemente.

1620033826570.png



Questi dati non sono sufficienti.
Quello che molti non sanno è che i lavoratori dipendenti, in realtà, sono spremuti molto di più.
Basti considerare che l'azienda versa un 30% (percentuale "semplificata" perché non è possibile gestire tutte le casistiche italiane) della retribuzione allo Stato.

Aggiungendo un paio di righe alla tabella, il turbomanager da 200mila euro l'anno potrebbe accorgersi che lo Stato si appropria del 61,7% del costo aziendale.

Ma la cosa decisamente più scandalosa è che il modesto dipendente da 1.310 euro al mese si accorgerebbe che lui fatica ad arrivare a fine mese grazie soprattutto allo Stato che, rispetto a quanto l'azienda ritiene che lui valga, sottrae il 52,33%.


1620048557658.png



La mia proposta liberale è la seguente: nelle buste paga i lavoratori dipendenti dovrebbero vedere non solo il reddito lordo, contributi a carico loro, IRPEF e stipendio netto, bensì il costo aziendale, contributi complessivi e IRPEF, e una percentuale che rappresenti in modo evidente il peso dello Stato.

In una Repubblica fondata sul Lavoro avrebbe senso, secondo me.

Chissà che allora, quando un politico proporrà "diamo un bonus di qua, un sostegno di là, uno sgravio di su, un sussidio di giù" l'elettore medio pensi "Delinquente, vuoi portare il mio carico fiscale dal 55 al 60%? Non lo farai certo con il mio voto!".
 
Ultima modifica:

patatina 77

Creatore di UGC
Registrato
8 Ottobre 2009
Messaggi
9.605
In una precedente esperienza lavorativa quando ero più giovane e agli inizi, i lavoratori più anziani ci avevano fatto subito presente che le spese aziendali a carico erano ben superiori a quanto riportato in busta paga.
Tuttavia neanche i più anziani furono in grado di quantificarlo, e la somma pro lavoratore fu sempre ipotetica e per 2 milioni di lire netti si parlava di 4,5 -5 milioni di costi.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.489
Località
Via Lattea
In una precedente esperienza lavorativa quando ero più giovane e agli inizi, i lavoratori più anziani ci avevano fatto subito presente che le spese aziendali a carico erano ben superiori a quanto riportato in busta paga.
Tuttavia neanche i più anziani furono in grado di quantificarlo, e la somma pro lavoratore fu sempre ipotetica e per 2 milioni di lire netti si parlava di 4,5 -5 milioni di costi.
Mi sembra ragionevole: nei miei conteggi non ho considerato altre voci che il dipendente non vede in busta paga ma che influenzano il costo a carico dell'azienda: accantonamenti al Fondo TFR e/o al Fondo Pensione, ticket restaurant, fringe benefits dove previsti ecc.

Non ho considerato tali voci perché non sono soldi incamerati dallo Stato bensì - al netto di altre eventuali imposte, ovviamente - vanno presto o tardi al lavoratore.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.489
Località
Via Lattea
Cattura.PNG



Secessione, Liberismo, Anarchia. Qualunque cosa. Basta Stato parassita!

[Non che centinaia di migliaia di percettori di soldi statali forniti - per dire un eufemismo - con troppa generosità siano meno scandalosi di pochi megastipendi, neh].
 

NoToc

Quis contra nos?
Registrato
16 Dicembre 2017
Messaggi
3.004
ma i cinesi ? ti sembrano ignoranti ? siamo nel 3° millennio eppure loro restano kommunisti
e a quanto pare diventeranno a breve la prima economia del pianeta (!!)
, indi per cui c'è qualcosa che non torna in questo tuo modo di ragionare....:cool:

(detto senza spirito di polemica eh):)


P.S io non sono comunista , sono un seguace di Leo Longanesi
 

marknik

Nuovo forumer
Registrato
27 Aprile 2020
Messaggi
122
I have read the writings of Ukranians who fought in the East, then return to the West and see how ignorant the rest of the country were. I wonder how is it in America. I suppose a lot of Americans just don't care, because if they know how many wars their government is involved with and for why, why haven't they try to stop it?











192.168.100.1 192.168.1.1
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.489
Località
Via Lattea
Screenshot_20210916-091052_Twitter.jpg



In un Paese dove la pressione fiscale è a livello scandinavo, i servizi pubblici sono da paese arretrato e lo Stato spende in bonus e sovvenzioni a membro di segugio, probabilmente il problema è il liberismo.

Anzi: il teribbbile Turbo-Libbberismo.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.489
Località
Via Lattea
Per i Komunisti, nei paesi komunisti non si è mai verificato un episodio di violenza contro una donna.

E probabilmente neanche contro un bambino, nè contro un uomo.

Screenshot_20211019-112828_Twitter.jpg




Posso solo commentare: Wiwa Confindustria!
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto