Il giorno piu' bello della mia vita (1 Viewer)

Josè Arcadio Buèndia

Forumer storico
Registrato
31 Dicembre 2001
Messaggi
2.604
Località
All'ombra della Ghirlandina ( Granducato Estense )
Ho sempre pensato a quale sarebbe stato il giorno + bello della mia vita.
E, i miei pensieri, ricadevano sempre in giornate importanti e nello stesso tempo scontate.Il giorno in cui avrei incontrato la persona giusta.Il giorno del mio matrimonio.Il giorno in cui sarebbero nati i miei figli.
Non avevo mai pensato di dover toccare il fondo x viverlo.D'altronde non puo' piovere x sempre.Prima o poi un raggio di sole sarebbe venuto a riscaldare anche me.

La mia famiglia:
Io sono una persona fortunata.Perche' ho una bella famiglia.Una famiglia semplice ed unita.Affettuosa e, volendo, banale.La classica famiglia che trovi sui depliant pubblicitari.O, come dico io, del Mulino Bianco.
Un papà e una mamma.Un tato grande e una sorellina.Un cane ed un gatto.Una casetta e un giardino.E due arzilli vecchietti che abitano a pochi passi da noi.Siamo come le dita di una mano.Diversi ma complementari.E uniti come un pugno, quando vi sono da affrontare gli ostacoli.

Il resto e' contorno.Un contorno a volte insipido, altre pepato.Gli amici giusti e le ragazze sbagliate.La passione x la Borsa e un lavoro che non mi piace.Il Bologna F.C. e le mie troppe sigarette fumate.Cioe' tutto cio' che riempie la mia vita nel tran-tran quotidiano.
Ma il centro della mia vita.Il cuore.E' la mia famiglia.

Silvia:
E' difficile descrivere le persone a cui vuoi bene.L'affetto non e' un sentimento istintivo come l'amore.Si nutre di tanti piccoli grandi episodi.Un sorriso, una carezza, una lacrima, un bacio.
Ci siamo conosciuti che avevo ormai undici anni.Ero un'ometto.Ricordo che accompagnavo gia' a casa, da scuola, la mia prima ragazza.E giocavo titolare nella squadra del mio paese.Cosa potevo farmene di una sorella, pensavo.
Ma sono proprio le persone che sottovaluti, quelle che ti fregano.
Mia sorella.Mia sorella e' il + bel regalo che mi potessero fare i miei genitori.E soprattutto, la persona + importante della mia vita.

Verso il fondo:
Silvia non sta' bene.Ha un'influenza strana che la consuma come una fiammella di una candela.Le spunta un gonfiore sulla guancia.Le mani le diventano gialle e scheletriche.Anche gli occhi si ingialliscono.
In tre giorni la portiamo dal medico, dal dentista, al Pronto Soccorso.E' tutto nella norma di ua banale influenza, dicono.
Cambiamo Pronto Soccorso.Le fanno un prelievo del sangue.Il risultato e' agghiacciante.Trecentomila globuli bianchi.Una persona normale ne' ha cinquemila.Come e' possibile.Il medico e gli infermieri non pronunciano parola.Ma ci guardano con occhi spenti e privi di speranza.La ricoverano d'urgenza in Policlinico, reparto Ematologia.

Oggi e' il venerdi' Santo.Questa notte hanno ricoverato mia sorella.Sono in chiesa a pregare.Io + ateo di Lenin, in chiesa a pregare.Non ricordo neanche le preghiere.Le smozzico.Ho il deserto dentro di me.Mi sento impotente.
Stringo la mano di mia madre.E lei stringe la mia.Camminiamo lentamente nel giardino dell'ospedale.Ma le nostre menti sono disperse in qualche parte del mondo, ad inseguire ricordi di una vita dolce e felice.
Silvia non arrivera' a Pasqua.Non si puo' morire a sedici anni.Che mondo infame.

Il primario ci chiama nel suo studio.E pronuncia la parola che mai in vita mia avrei voluto sentire.Leucemia.
Svengo.Mi riprendo sperando che sia solo un brutto sogno.Il primario mi tiene sollevato le gambe.Sono colto da un'altro malore.
Piango come non avevo mai pianto.E' un pianto lento e continuo.Incessante.
Mio padre sta' tornando da Milano e non sa bene cosa sia successo.Mio padre ha perso i genitori che era un bambino.Mio padre e' la miglior persona che ho conosciuto nella mia vita.
Ho visto la vecchiaia abbracciare mio padre mentre il volto gli si rigava di lacrime.

"Saltano addosso" a mia sorella.Le condizioni sono poco meno che disperate.Le fanno la plasmaferesi, la leucoferesi, la TAC, flebo di sangue....Praticamente le cambiano 5-6 volte il suo sangue corporeo.
Iniziano con una pesante terapia che la destabilizza.Ma non vi sono alternative.Vi e' un mese di tempo x salvarla.Altrimenti.....
I miei genitori sono sempre con lei.E anche io, nonostante debba lavorare, cerco di starle il + vicino possibile.Respiro ogni secondo in sua compagnia come se fosse l'ultimo.

Ho paura.La paura mi avvolge come la nebbia di novembre e mi entra nelle ossa.Mi soffoca, mi toglie il respiro.
Il mio midollo non e' compatibile con quello di mia sorella.Ho speso sedici anni della mia vita con lei.Ed ora, nel momento + importante della sua vita, non posso aiutarla.Mi sento inutile.Un fallito.

Ognuno ha i suoi miti.Io da adolescente avevo Bob Marley e Jim Morrison.Scopro con piacere di essere il mito di Silvia.Le sue amiche, le sue insegnanti mi dicono, che quando parla di me, le si illumina il volto.Ha una vera e propria venerazione nei miei confronti.Non me lo sarei mai aspettato.Sono sempre stato semplicemente me stesso.Che bello avere una sorella.

Il raggio di sole:
Non riesco a dormire stanotte.Mi agito nel letto_Ogni tanto guardo tra le fessure degli scuri x vedere se e' giorno.Mi sento come un bambino la notte di Natale.Deve stare a letto, ma ha le voglia che arrivi giorno x correre ad aprire i regali.
Basta mi alzo.Sigaretta e caffe'.Una bella doccia.Un'altra sigaretta.
Esco a sedermi sul divano estivo.E mi metto a guardare l'infinito e a ripensare a questi tre mesi.Coccolato dal dolce tepore di una mattina di giugno.
Arriva la macchina dei miei genitori e scende mia sorella.Entriamo in casa.
Ci guardiamo negli occhi tutti quanti.E nei nostri occhi fioriscono i nevai.Lacrime di gioia, finalmente.Siamo ancora una famiglia.
Oggi e' il giorno + bello della mia vita.


P.S.Questo post e' dedicato a mia sorella, Silvia, e a tutte le persone del forum che mi sono state vicine in questo difficile momento della mia vita.Un grazie particolare al mio "fratello virtuale", Bogdan.
Grazie di cuore.
 

GiordyF

Nuovo forumer
Registrato
11 Luglio 2001
Messaggi
75
Ciao Josè
le cose che hai scritto sono tra le piu belle ed emozionanti che io abbia mai letto o sentito.
mi sei entrato dentro
non so cosa dire .. le parole sono un mezzo così imperfetto
oggi è un giorno bellissimo anche per me, bellissimo
un bacio immenso a Silvia
un abbraccio immenso a tutti e due
 

Josè Arcadio Buèndia

Forumer storico
Registrato
31 Dicembre 2001
Messaggi
2.604
Località
All'ombra della Ghirlandina ( Granducato Estense )
Mia sorella e sulla strada della guarigione.Quest' autunno verra' sottoposta a trapianto di midollo.Io purtroppo non sono compatibile, ma sono donatore.Come lei vi sono altre persone, spesso bambini, bisognose.
Molti miei amici sono donatori e qui, su questo forum, lo sono Bogdan e 600.
Diventare donatore di midollo e' molto semplice.E' sufficiente un prelievo di sangue e firmare l'adesione al Registro Italiano Donatori Midolo Osseo.
In ogni ospedale si possono richiedere le informazioni sufficienti.
Nel caso si registri una compatibilita' con un paziente e quindi si venga chiamati a donare, si e' sottoposti ad un prelievo di midollo, tramite un paio di punture.Queste punture vengono fatte in anestesia parziale o totale, a seconda della scelta del donatore, nella zona delle ossa illiache.
Cioe' quelle ossa che sono ai fianchi della pancia.Sulle maniglie dell'amore.Dopo l'intervento, il volontario non ha alcun tipo di conseguenza.Solo un leggero formicolio alle gambe che durera' x circa mezz'ora.Dopo 2 soli giorni il midollo prelevato si e' gia' riprodotto nel proprio organismo.
Con questo semplice gesto avrete la possibilita' di salvare una vita umana.Penso che sia il gesto + bello e importante che una persona possa fare nella vita.
Se qualcuno avesse dubbi o domande, chiedete pure.

ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo)
Via Aldini, 72 -20157 Milano - Tel. 02.39.000.855 - Fax 02.39.001.170

Sito internet: www.admo.it - E-mail: [email protected]
 

Josè Arcadio Buèndia

Forumer storico
Registrato
31 Dicembre 2001
Messaggi
2.604
Località
All'ombra della Ghirlandina ( Granducato Estense )
Bogdan ha scritto:
Ciao Josè
le cose che hai scritto sono tra le piu belle ed emozionanti che io abbia mai letto o sentito.
mi sei entrato dentro
non so cosa dire .. le parole sono un mezzo così imperfetto
oggi è un giorno bellissimo anche per me, bellissimo
un bacio immenso a Silvia
un abbraccio immenso a tutti e due
Hola hermano, ;)
todo bien. :-D :-D :-D
Ciao Bogdan.Ti mando un fortissimo abbraccio virtuale, in attesa di dartene uno reale.
Veramente molto bello questo nuovo forum.Comlimenti a te e a chi ti ha aiutato a realizzarlo.

P.s.Purtroppo ho fatto un po' di confusione.Potresti cancellare il secondo intervento (mio) del post e sostituirlo con quello che ho fatto successivamente (qua sopra) con il sito internet dell'ADMO.Grazie.

P.S.2 Prima pagina.WWWWWWWooooooooooWWWWWWWW :love:
 

Xela

Nuovo forumer
Registrato
1 Agosto 2001
Messaggi
65
Località
Bergamo
Jose' Arcadio ha scritto:
Ho sempre pensato a quale sarebbe stato il giorno + bello della mia vita.E, i miei pensieri, ricadevano sempre in giornate importanti e nello stesso tempo scontate.Il giorno in cui avrei incontrato la persona giusta.Il giorno del mio matrimonio.Il giorno in cui sarebbero nati i miei figli.
Non avevo mai pensato di dover toccare il fondo x viverlo.D'altronde non puo' piovere x sempre.Prima o poi un raggio di sole sarebbe venuto a riscaldare anche la mia vita.

La mia famiglia:
Io sono una persona fortunata.Perche' ho una bella famiglia.Una famiglia semplice ed unita.Affettuosa e, volendo, banale.La classica famiglia che trovi sui depliant pubblicitari.O, come dico io, del Mulino Bianco.
Un papà e una mamma.Un tato grande e una sorellina.Un cane ed un gatto.Una casetta e un giardino.E due arzilli vecchietti che abitano a pochi passi da noi.Siamo come le dita di una mano.Diversi ma complementari.E uniti come un pugno, quando vi sono da affrontare gli ostacoli.
Il resto e' contorno.Un contorno a volte insipido, altre pepato.Gli amici giusti e le ragazze sbagliate.La passione x la Borsa e un lavoro che non mi piace.Il Bologna F.C. e le mie troppe sigarette fumate.Cioe' tutto cio' che riempie la mia vita nel tran-tran quotidiano.
Ma il centro della mia vita.Il cuore.E' la mia famiglia.

Silvia:
E' difficile descrivere le persone a cui vuoi bene.L'affetto non e' un sentimento istintivo come l'amore.Si nutre di tanti piccoli grandi episodi.Un sorriso, una carezza, una lacrima, un bacio.
Ci siamo conosciuti che avevo ormai undici anni.Ero un'ometto.Ricordo che accompagnavo gia' a casa, da scuola, la mia prima ragazza.E giocavo titolare nella squadra del mio paese.Cosa potevo farmene di una sorella, pensavo.
Ma sono proprio le persone che sottovaluti, quelle he ti fregano.
Mia sorella.Mia sorella e' il + bel regalo che mi potessero fare i miei genitori.E soprattutto, la persona + importante della mia vita.

Verso il fondo:
Silvia non sta' bene.Ha un'influenza strana che la consuma come una fiammella di una candela.Le spunta un gonfiore sulla guancia.Le mani le diventano gialle e scheletriche.Anche gli occhi si ingialliscono.
In tre giorni la portiamo dal medico, dal dentista, al Pronto Soccorso.E' tutto nella norma di ua banale influenza, dicono.
Cambiamo Pronto Soccorso.Le fanno un prelievo del sangue.Il risultato e' agghiacciante.Trecentomila globuli bianchi.Una persona normale ne' ha cinquemila.Come e' possibile.Il medico e gli infermieri non pronunciano parola.Ma ci guardano con occhi spenti e privi di speranza.La ricoverano d'urgenza in Policlinico, reparto Ematologia.

Oggi e' il venerdi' Santo.Questa notte hanno ricoverato mia sorella.Sono in chiesa a pregare.Io + ateo di Lenin, in chiesa a pregare.Non ricordo neanche le preghiere.Le smozzico.Ho il deserto dentro di me.Mi sento impotente.
Stringo la mano di mia madre.E lei stringe la mia.Camminiamo lentamente nel giardino dell'ospedale.Ma le nostre menti sono disperse in qualche parte del mondo, ad inseguire ricordi di una vita dolce e felice.
Silvia non arrivera' a Pasqua.Non si puo' morire a sedici anni.Che mondo infame.

Il primario ci chiama nel suo studio.E pronuncia la parola che mai in vita mia avrei voluto sentire.Leucemia.
Svengo.Mi riprendo sperando che sia solo un brutto sogno.Il primario mi tiene sollevato le gambe.Sono colto da un'altro malore.
Piango come non avevo mai pianto in vita mia.E' un pianto lento e continuo.Incessante.
Mio padre sta' tornando da Milano e non sa bene cosa sia successo.Mio padre ha perso i genitori che era un bambino.Mio padre e' la miglior persona che ho conosciuto nella mia vita.
Ho visto la vecchiaia abbracciare mio padre mentre il volto gli si rigava di lacrime.

"Saltano addosso" a mia sorella.Le condizioni sono poco meno che disperate.Le fanno la plasmaferesi, la leucoferesi, la TAC, flebo di sangue....Praticamente le cambiano 5-6 volte il suo sangue corporeo.
Iniziano con una pesante terapia che la destabilizza.Ma non vi sono alternative.Vi e' un mese di tempo x salvarla.Altrimenti.....
I miei genitori sono sempre con lei.E anche io, nonostante debba lavorare, cerco di starle il + vicino possibile.Respiro ogni secondo in sua compagnia come se fosse l'ultimo.
Ho paura.La paura mi avvolge come la nebbia di novembre e mi entra nelle ossa.Mi soffoca, mi toglie il respiro.Il mio midollo non e' compatibile con quello di mia sorella.Ho speso sedici anni della mia vita con lei.Ed ora, nel momento + importante della sua vita, non posso aiutarla.Mi sento inutile.Un fallito.

Ognuno ha i suoi miti.Io da adolescente avevo Bob Marley e Jim Morrison.Scopro con piacere di essere il mito di Silvia.Le sue amiche, le sue insegnanti mi dicono, che quando parla di me, le si illumina il volto.Ha una vera e propria venerazine nei miei confronti.Non me lo sarei mai aspettato.Sono sempre stato semplicemente me stesso.Che bello avere una sorella.

Il raggio di sole:
Non riesco a dormire stanotte.Mi agito nel letto_Ogni tanto guardo tra le fessure degli scuri x vedere se e' giorno.Mi sento come un bambino la notte di Natale.Deve stare a letto, ma ha le voglia che arrivi giorno x correre ad aprire i regali.
Basta mi alzo.Sigaretta e caffe'.Una bella doccia.Un'altra sigaretta.
Esco a sedermi sul divano estivo.E mi metto a guardare l'infinito e a ripensare a questi tre mesi.Coccolato dal dolce tepore di una mattina di giugno.
Arriva la macchina dei miei genitori e scende mia sorella.Entriamo in casa.
Ci guardiamo negli occhi tutti quanti.E nei nostri occhi fioriscono i nevai.Lacrime di gioa, finalmente.Siamo ancora una famiglia.
Oggi e' il giorno + bello della mia vita.


P.S.Questo post e' dedicato a mia sorella, Silvia, e a tutte le persone del forum che mi sono state vicine in questo difficile momento della mia vita.Un grazie particolare al mio "fratello virtuale", Bogdan.
Grazie di cuore.


........................... :) :)
Un Abbraccio
aleX
 

Max Breakeven

Forumer attivo
Registrato
22 Agosto 2001
Messaggi
249
Località
Roma
HP

Ho aggiunto anche il tuo secondo post nell'articolo in Home Page.

Un caro ed affettuoso saluto

Max
 

Bipop

Forumer attivo
Registrato
6 Gennaio 2000
Messaggi
429
Ciao Josè,non sapevo niente e quando ho iniziato a leggere mi è presa di un male enorme,ma mentre leggevo pensavo al titolo e mi dicevo è andato tutto bene e sono felicissimo che sia cosi.
Ti mando un abbraccio forte a te e soprattutto a Silvia,è un abbraccio virtuale ma sono sicuro che lo sentirete ugualmente.
Ciao Fratellino e a presto
Antonio
 

Josè Arcadio Buèndia

Forumer storico
Registrato
31 Dicembre 2001
Messaggi
2.604
Località
All'ombra della Ghirlandina ( Granducato Estense )
Bipop ha scritto:
Ciao Josè,non sapevo niente e quando ho iniziato a leggere mi è presa di un male enorme,ma mentre leggevo pensavo al titolo e mi dicevo è andato tutto bene e sono felicissimo che sia cosi.
Ti mando un abbraccio forte a te e soprattutto a Silvia,è un abbraccio virtuale ma sono sicuro che lo sentirete ugualmente.
Ciao Fratellino e a presto
Antonio
Certo che lo sentiamo Antonio,
ti mando il nostro abbraccio fraterno, fratellone. :)

P.s.Noto con piacere che sei + presente adesso che te ne sei andato, di prima che c'eri!!! :-D :-D :-D
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto