IDEA - ESAOTE: proviamo a vedere cosa accade? (1 Viewer)

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.465
L'opa annunciata venerdì scorso a 5.165 su Esaote da parte della controllante Bracco Biomed offre un'altra possibilità di investire su di un titolo senza correre rischi sino al termine dell'opa, se si compra ad un prezzo pari od inferiore al prezzo di opa stessa.

L'opa, finalizzata al raggiungimento di una quantità tale di azioni da richiedere la cancellazione del titolo Esaote dal listino, non è soggetta a condizione alcuna, pertanto l'uscita in opa a 5.165 è certa.

Bracco possiede il 60.076% del capitale, poi (dati Consob) c'è JPMorgan col 2.044%, mentre il resto delle azioni è posseduto dal mercato, o comunque è in partecipazioni inferiori al 2%.

Per ritirare il titolo dal listino si deve raggiungere una partecipazione quanto più possibile vicina al 100% del capitale: ricordo che per lanciare l'opa residuale si deve raggiungere almeno il 90% del capitale.

Cosa accadrebbe, quindi, se il mercato "decidesse" che Esaote vale più del prezzo di 5.165 offerto da Bracco Biomed? Il settore biomedicale, ad esempio, è ben considerato dal mercato, anche se in prospettiva non brevissima.

Bracco rinuncerebbe all'offerta? Potrebbe anche accadere, ma cosa accadrebbe se, invece, Bracco desiderasse Esaote comunque, considerando il ritiro del titolo dal listino strategicamente importante per i piani futuri? Un rilancio del prezzo, pertanto, non sarebbe improbabile.

Una delle possibilità indicate è la fusione di Esaote in Bracco Biomed, con conseguente quotazione in borsa di quest'ultima: in teoria basta il 66.67% del capitale per decidere in assemblea, ma decisioni del genere, se penalizzanti per le minoranze, sarebbero comunque fortemente osteggiate. La cosa ricorda l'opa Snia, se ci fate caso.

Esaote è un titolo C1, apertura fino alle 10.45, continua dalle 11.00 alle 16.25, asta di chiusura dalle 16.25 alle 16.35.

Ricapitolando: comprando Esaote ad un prezzo pari o inferiore a 5.165 ed attendendo l'opa si punta sul titolo senza correre alcun rischio, dato che l'uscita in opa è certa, non essendo l'offerta condizionata. Se sia cquista, invece, ad un prezzo superiore a 5.165, si corre un rischio pari alla differenza tra il prezzo pagato ed il prezzo di opa (5.165, appunto).

Aggiorneremo la strategia da attuare in prossimità dell'opa e successivamente (se necessario) mano a mano che la situazione evolverà.
 

Red Erik

Forumer attivo
Registrato
4 Gennaio 2001
Messaggi
345
Località
Vicenza
Ottima idea: appena mi danno i soldi delle IIL li giro qui... coi tempi che corrono non riesco a trovare nulla di migliore :)

Grazie della segnalazione :cool:
 

jobgil

Nuovo forumer
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
48
Località
Ventimiglia
Io non ho alcuna intenzione di dare le mie 2000 azioni all'opa per una serie di motivi:
1) se volevano ritirare la Esaote e quotare la Bracco tantovaleva fare un OPS dopo la quotazione di questa;
2) secondo me, e l'ho gia' detto, il management sa il vero valore dell'azienda e ritiene giusto ricomprarsela a un prezzo magari inferiore a quello di un'opa lanciata da un gruppo "amico".
Per queste ragioni aspetto la residuale; se aderisce meno del 90% possono fare la fusione ma devono dare il diritto di recesso.
Staremo a vedere.
A 5,10 si puo' incrementare: e un 1% mensile e non e' male.
Ciao
 

jobgil

Nuovo forumer
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
48
Località
Ventimiglia
Per me posso farla fino a Natale 2005: non cedero' le azioni all'opa.
Tanto le ho in carico a 2,45 euro, quindi posso aspettare nuovi sviluppi della situazione (residuale...).
Ciao
 

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.465
Quanto all'eventuale opa residuale, ricordo che da alcune settimane è in vigore una modifica ai regolamenti.



"Laddove l'obbligo di offerta sia sorto a seguito di una precedente opa totalitaria alla quale sia stato conferito almeno il 70% delle azioni che ne costituivano oggetto, la Consob determina il prezzo in misura pari al corrispettivo di tale precedente offerta."


Pertanto, in caso di raggiungimento del 90% del capitale e di adesione all'opa pari al 70% delle azioni oggetto dell'opa stessa (preciso: non in caso di raggiungimento del 70% del capitale tramite l'opa), il prezzo di opa residuale sarà pari al prezzo di opa totalitaria.
 

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.465
Dovremo, quindi, verificare costantemente il numero di adesioni all'offerta, per comprendere l'eventuale apporto delo 70% dei titoli sotto opa.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto