Teoria trading systems I cicli e il Forex by Player987 (1 Viewer)

Player987

Nuovo forumer
Registrato
7 Aprile 2013
Messaggi
11
i cicli e il forex


Cosa sono questi "benedetti" cicli di borsa?
Questi cicli sono la chiave per creare un reddito costante dalle speculazioni valutarie.
Tutto l'universo è ciclico: nascere, crescere e morire.
Anche andare a letto la sera, dormire e svegliarsi ha molto a che fare con questi "cicli"...
A mio avviso tutto è ciclico... cioè tutto si ripete in una maniera a volte terribilmente
prevedibile.
Per i lettori veterani del trading la ciclicità dei mercati non è un qualcosa di nuovo...
Anzi a dire il vero è vecchio come le montagne, infatti i primi grandi traders tra cui i più
conosciuti Gann, Elliot e altri avevano creato delle teorie per prevedere l'andamento
dei principali indici e azioni proprio in base questi fenomeni ciclici e ripetibili in maniera
a volte così regolare da poter tirare fuori dal mercato una decorosa "pagnotta".
Molti testi famosi di trading (alcuni anche molto costosi)... affermano che l'interpretazione
ciclica del mercato sia una delle chiavi fondamentali per raggiungere il successo in
maniera costante e duratura... io mi rispecchio molto in questo modo
di pensare, infatti ho creato il mio stile di trading proprio cercando d'interpretare e di
riconoscere le varie fasi di mercato.
Sono arrivato alla conclusione che i cicli siano formati principalmente da 2 fasi, ma prima
di descrivere queste 2 fasi devo fare alcune precisazioni importanti:

Questi cicli non sono un qualcosa di "perfetto", si è vero che il Forex è uno dei
mercati più "tecnici" dell'Universo e quindi altamente prevedibile... questo è dovuto
alla massiccia speculazione fatta dai traders di tutto il mondo che hanno trovato
nel mercato del Forex alcuni dei più fantastici rapporti rischio\rendimento e quindi continuano
costantemente giorno dopo giorno ad entrare ed uscire da questi mercati per soli fini
speculativi rendendolo appunto il mercato "+ caldo"...
ma questo però non significa che ogni trade che piazza un trader sia destinato a produrre
profitto... tradare seguendo i cicli può essere un qualcosa di molto "emozionante"...
trovarsi a comprare un minimo e cavalcare un trend può dare all'aspirante
trader una scarica d'adrenalina tale che può addirittura diventare un vizio... quindi un qualcosa
di negativo... Ci vuole molto autocontrollo per gestire correttamente il trading e non è
un qualcosa che si può impare dall'oggi al domani senza l'aiuto di un'esperto che ti segue per
diversi giorni o addirittura mesi....
La mia esperienza personale è stata molto "solitaria" cioè a parte molti libri non ho mai
avuto contatti con traders professionisti.. a parte qualche post scambiato con qualche
bravo e raro traders che si può trovare sbirciando nei vari forums di finanza... infatti posso
garantirvi che il mio trading è stato perdente per molti anni... non c'è niente da vergognarsi.
La curva d'apprendimento del trading può durare anche decenni se non si hanno dei buoni
punti di riferimento... pensate un'attimino ai dottori quanti anni impiegano
prima di fare un'intervento reale sù un paziente... servono anni di studio, applicazione e
pazienza... il trading non è molto diverso dall'essere un dottore che opera accuratamente
il proprio paziente... ma questo purtroppo si capisce dopo anni, se ci si arriva.

Torniamo ai cicli, la matrioska è la classica bambola russa che ne contiene un'altra al suo interno
la quale a sua volta ne contiene un'altra e così via...
i cicli hanno molto in comune con queste bambole perchè ogni ciclo è scomponibile
almeno in 2 fasi che a loro volta possono essere scomposte... in altre fasi sempre più piccole
e così all'infinito.. di conseguenza esiste questa relazione di contenitori e contenuti...
Analogicamante sembra la stessa cosa quando osserviamo per esempio il nostro piccolo paese
contenuto nella regione che è contenuta nella Stato che a sua volta è contenuto nel continente
che è contenuto nella Terra... la quale è contenuta nel sistema solare che si trova dentro
la via Lattea... Spero d'aver reso l'idea, da piccolo a grande... da grande a piccolo come
è sempre stato e sempre sarà....

per concludere: La storia si ripete ma con qualche imprecisione.​
 

Player987

Nuovo forumer
Registrato
7 Aprile 2013
Messaggi
11
Price Action e cicli in armonia

Price Action e cicli in armonia


I pattern di price action sono un buon esempio di ciclicità.. Per esempio puoi notare su un frame che il mercato batte un minimo di breve termine... Un hammer sarebbe un buon esempio... Se scendiamo di frame ad osservare la rottura del max di tale minimo ( magari ad 1/4.. Es. H4 frame superiore ed h1 inferiore) il mercato romperà in sincronia la resistenza del classico 123 low ( pattern che fa' parte della cassetta degli attrezzi dei seguaci di Joe Ross)... Se scendi sul 5 vedrai le 5 onde di Mr. Elliot... come puoi notare stiamo solamente osservando lo stesso fenomeno da prospettive diverse...

Per ciclico io intendo come descritto nel mio post un fenomeno ripetitivo... La rottura dei limiti delle barra precedente di qualsiasi frame a mio avviso e' uno dei fenomeni ciclici piu' rilevanti che si può osservare nel mercato... Io sono un minimalista per indole
 

Allegati

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto