Ho visto Blade Runner 2049 e ne ho tratto alcuni spunti di dibattito pubblico (1 Viewer)

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
19.846
Località
Via Lattea
Il giorno prima avevo rivisto Blade Runner (quello del 1982).
[Entrambe le visioni sono avvenute in inglese sottotitolato, e in entrambe avevo meco il mio figlio maschio preferito].


Spunti:
- TDK
- Joi
- Robot
- Sequels

Per saperne di più, fate un bonifico da 500.000 Euro sul mio conto alle Cayman cointestato con la Regina, Bono e Madonna: ne verrà fuori un thread che farà guadagnare ad Argema almeno dieci volte tanto grazie al traffico generato sul forum.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
19.846
Località
Via Lattea
Ci deve essere stato un disguido perché stamattina, consultando il mio estratto conto, ho visto che l'Admin del forum mi aveva fatto, per errore, 2 (due/00) bonifici da Euro 500.000,00 (cinquecentomila/00).

Poco male: spenderò il secondo pagamento in droga, alcol e prostitute. Così come il primo.


Partiamo quindi dagli spunti suscitàti dai 2 (due/00) film Blade Runner.



TDK

Nella tetra Los Angeles del futuro, i palazzi sono illuminati anche da cartelloni pubblicitari luminosi.
Nella Los Angeles del 2019 (descritta nel 1982) le pubblicità sono neon bidimensionali, mentre nel 2049 (descritta nel 2017) ci sono anche ologrammi 3D.

Ciò che incuriosisce vedendo il Blade Runner originale è che, tra le pubblicità al neon, compare anche quella della TDK.
Ho verificato: la TDK nel 2017 esiste ancòra, ma ha una notorietà credo prossima allo zero per chi ha meno di trent'anni.
Noi Matusalemme ricordiamo TDK per le audiocassette (R.I.P.) di qualità.
Quindi, nel 1982 è stato fatto un errore nelle previsioni sul futuro: nel 2019, presumo, in nessuna città occidentale ci sarà una gigantesca pubblicità luminosa della TDK.
Beh, in effetti ci potrebbero essere anche errori più gravi nel film: oggi non ci sono nemmeno colonie extraterrestri e replicanti, ma:
- da qui al 2019, qualcosa potrebbe cambiare
- magari le colonie extraterrestri e i replicanti ci sono già, ma non ce lo dicono.

Spoiler: la pubblicità Atari c'è sia nel 2019 che (sorprendentemente) nel 2049. A me sembra un marchio da nostalgici adesso, figuriamoci tra trent'anni!



Ora non ricordo se il compenso di 500.000 euro era dovuto per ogni singolo spunto, o se copriva tutti i possibili sviluppi.
Mi consulto con il mio legale e vi faccio sapere.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
19.846
Località
Via Lattea
Robot

Ci sono vari film (e libri!) nei quali i robot assumono dapprima sembianze, e poi caratteristiche psicologiche, sempre più umane.

Robot che, anziché eseguire un compito meccanico ripetitivo, possono imparare dagli eventi senza che qualcuno aggiunga righe di programma.
Che possono sviluppare pensieri creativi.
Che arrivano alla coscienza di sé.
Che, in alcune storie (la più famosa è Terminator?), finiscono per ribellarsi all'umanità fino a volerla distruggere, in quanto inutile.

Il tutto nasce dall'interazione: non occorre crea un robot umanizzato, se il suo scopo è la catena di montaggio.
In effetti, se uno pensa a sostituire una badante (o una baby-sitter) umana, deve realizzare non solo un robot che cambi i pannolini e che prepari da mangiare, ma che possa chiacchierare, che riesca a capire messaggi non verbali e/o ambigui, che abbia anche un senso dell'umorismo (meglio se regolabile, come in Interstellar).

Un'idea che trovo creativa è che un siffatto robot possa, a sua volta, sentire il bisogno di compagnia, e che quindi l'umanità realizzi delle ulteriori macchine a beneficio di questi robot "umanizzati"; macchine, a loro volta, meno complesse dei primi robot, ma comunque capaci di pensare, ipotizzare, fare battute, e magari anche coscienti di sé.
Bell'idea, Blade Runner 2049!



Un dubbio laico-attuariale-bilancistico.
Ma siamo sicuri che occorrano veramente dei robot umani per assistere vecchi e bambini?
Non sarebbe decisamente meglio uccidere i vecchi, e dirottare le risorse liberate (minori spese pensionistiche e mediche, minori abitazioni) a favore delle famiglie giovani, le quali potranno così permettersi di accudire i figli (o dotarli di baby-sitter umane)?

P.S. Anche stamattina mi è arrivato un bonifico da 500.000,00 (cinquecentomila/00) Euro. Forse è un canone di abbonamento? Dove posso trovare abbastanza alcol, droga e prostitute per spenderli tutti?
 

timurlang

Etsi omnes , Ego non
Registrato
25 Febbraio 2009
Messaggi
3.642
Il problema è già stato posto
Mathematik in Dienst der nationalpolitischen Erziehung.JPG

e se c'è il quesito, sicuramente si può trovare la soluzione ... da qualche parte
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
19.846
Località
Via Lattea
Il problema è già stato posto
Vedi l'allegato 451533
e se c'è il quesito, sicuramente si può trovare la soluzione ... da qualche parte
Ma questo è un documento osceno per almeno due motivi!

1) L'utilizzo nel titolo del font Comic Sans, frutto della aberrazione mentale di qualche disgraziato.

2) L'immonda mescolanza tra Costi (sostentamento del pazzo, dell'epilettico, del criminale) e Attività di bilancio (i prestiti): i primi vengono registrati nel Conto Economico, le seconde nello Stato Patrimoniale.

L'unica cosa positiva è che non si parla di giovani coppie di sposi eterosessuali, per cui ho la certezza che il documento è (sia) stato redatto da un pazzo incompetente, ma per lo meno privo di pregiudizj.

Comunque sono disgustato, e per ora non posso far altro che andare a vomitare.

Alla prossima.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
19.846
Località
Via Lattea
Sequel
Va osservato che, sebbene Blade Runner sia un cult-movie, dal punto di vista commerciale è stato una delusione, quindi forse realizzarne un sequel ha comportato un po' di coraggio.

E' innovativa anche l'idea di realizzare un sequel non "alla Disney-Pixar-Marvel-Harry Potter-Hunger Games-LOTR", ovvero in serie pianificata e prevedibile sin dall'inizio, bensì disseppellendo un classico che dormiva da 35 anni.
Mi sembra che sia stato fatto con uno spirito ben più illuminato rispetto al disgustosissimo settimo episodio di Star Wars (quanto Disney-Pixar-Marvel-StarWars sia in putrefazione meriterebbe un thread ad hoc, si sappia. Quivi scriverò solo che ho deciso di boicottare la multinazionale dello spettacolo da quando ho sentito dire che stavano pensando ad una quarta puntata di Toy Story: aggiungere un quarto capitolo ad una trilogia assolutamente perfetta, e soprattutto perfettamente conclusa, è un'eresia imperdonabile, a prescindere dall'esito).

Tutti i critici cinematografici che ho sentito / letto hanno detto che Blade Runner 2049 è un sequel che rispetta il primo episodio, che ne è coerente, ma che non ne è un discendente troppo vincolato. Condivido.
Insomma: un film che avrebbe potuto esistere anche senza il primo: sarebbe bastato fare una premessa - che in alcuni altri film c'è - del tipo "trent'anni fa è successo A, B, C".

Un'altra cosa che ho sentito è che, visto come finisce Blade Runner 2049, lascia pensare che forse si stia pensando ad un ulteriore sviluppo.
Se ne sente il bisogno?
Personalmente non so: Blade Runner 2049 è un ottimo film di fantascienza, ma gli manca la poesia del suo genitore. Del resto, mica tutti i film possono avere un finale con lo storico monologo di un Rutger Hauer / Replicante sulla Vita, la Morte, le Lacrime e la Pioggia.

...E poi ho un'altra considerazione ma, siccome implicherebbe uno spoiler sulla trama, la terrò per me, a costo di rinunziare ad un altro bonifico da 500.000 euro.



Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire.​

I've seen things you people wouldn't believe. Attack ships on fire off the shoulder of Orion. I watched C-beams glitter in the dark near the Tannhäuser Gate. All those moments will be lost in time, like tears in rain. Time to die.​
When Hauer performed the scene, the film crew applauded and some even cried.

Tears in rain monologue - Wikipedia
Ho visto cose che voi umani - Wikipedia

 

Saunders

Member
Registrato
11 Luglio 2008
Messaggi
4.514
Versione nostrana comprendente l'altra cosa più bella del film, ovvero la sigla finale :up:

...brutalmente tagliata, bastardiiiiii :cry:

 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto