Grillo al 24% di media, circa

Mila

Mila
Registrato
22 Aprile 2008
Messaggi
60.784
Per un 3d che si chiude un altro si può sempre aprire.
 

Jedd

GORDON GEKKO
Registrato
26 Agosto 2008
Messaggi
13.886
E' stato spostato e non chiuso.
Poi meglio così, sono stato perfino bannato per quanto mi ero infoiato contro certi personaggi!
Ciao
 

MATLEY

Forumer storico
Registrato
8 Ottobre 2009
Messaggi
13.336
ero rimasto qui:


Citazione:
Originalmente inviato da shybrazen
Breve riflessione che può sembrare ot ma che invece va al cuore dei problemi visto che è la madre di tutti i problemi: ma di chi è l'euro, chi ne detiene la proprietà?
Riporto l'articolo 123 del trattato di maastrickt:

""è vietata la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia da parte della BCE o da parte delle banche centrali nazionali, a istituzioni, organi o organismi dell'Unione, alle amministrazioni statali, agli enti regionali, locali o altri enti pubblici, ad altri organismi di settore pubblico o ad imprese pubbliche degli Stati membri, così come l'acquisto diretto presso di essi di titoli di debito da parte della BCE o delle banche centrali nazionali.""


E' normale tutto ciò? E' possibile parlare di qualsiasi cosa senza prima affrontare questo aspetto?
Sarebbe interessante che qualcuno più preparato di me, e qua dentro ce ne sono parecchi, spiegasse per bene questo paradosso.







Le regole di bilancio dell’UE impongono agli Stati membri di ridurre il loro debito pubblico ogni anno di un ventesimo della somma che supera il 60 per cento del prodotto interno lordo. Propongo che gli Stati membri congiuntamente premino l’acquisizione di tale obbligo. Essi hanno trasferito alla BCE i propri diritti di signoraggio, per un valore che, secondo Willem Buiter di Citibank e la Huw Pill di Goldman Sachs, ammonta a circa 2000-3000 miliardi di euro. La BCE potrebbe utilizzare una società veicolo (Special Purpose Vehicle), proprietaria di tali diritti di signoraggio, per finanziare il costo dell’acquisto delle obbligazioni, senza violare l’articolo 123 del Trattato di Lisbona.
Se un paese invece viola il patto fiscale, sarebbe obbligato a pagare gli interessi su tutto o parte del debito di proprietà della SPV. Questo sarebbe sicuramente riuscirebbe a imporre la difficile disciplina fiscale.


http://www.investireoggi.it/forum/un-dos-tres-un-pasito-bailante-mototopo-vt74077-107.html#post3363257


grazie andrea
 
Alto