Titoli di Stato area Euro GRECIA Operativo titoli di stato (16 lettori)

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

MARMAF

nick latente e prudente
Registrato
4 Maggio 2010
Messaggi
142
Io non mi spiego cosa sia intervenuto a cambiare il tutto.

. La settimana scorsa Tsipras ha fatto ferro e fuoco (con incluso referendum) per rifiutare un piano di sacrifici (definiti insostenibili e spinti da criminali e terroristi) da 8 mld. Oggi lo stesso Tsipras prepara un piano da 12 mld con maggiori sacrifici.
. La settimana scorsa la Germania (e molti altri falchi) definivano il governo greco non credibile, impossibile lavorarci assieme, impossibile darci soldi. Ora a fronte di richieste per 50 mld preparano prestiti per 80 mld.

Ma cosa è successo in mezzo a questa rivoluzione copernicana nei rapporti fra i due paesi. Io non riesco a credere a tutte queste indiscrezioni e numeri...
Evidentemente i politici sono uguali in tutta Europa. Spesso e a ragione ci lamentiamo dei politici italici; ebbene ora scopriamo che dappertutto la coerenza si sacrifica volentieri sull altare della convenienza. .
Da scarso( 50000 di nominale a 70 sulla 2019) investitore in ggb ne sono però contento.
 

Giak71

Forumer storico
Registrato
18 Giugno 2015
Messaggi
1.042
Forse l'atteggiamento di Tsipras si comprende considerando che nel possibile nuovo accordo vi sarà l'alleggerimento del debito: ossia riforme anche più pesanti in cambio della riduzione reale del debito.
Una volta che il debito diventa sostenibile i sacrifici chiesti saranno solo temporanei con una prospettiva di crescita economica.
Conosci nel dettaglio dell' ultimo accordo proposto cosa si intende per alleggerimento del debito ,
 

FNAIOS

Registrato
28 Gennaio 2012
Messaggi
8.510
Località
Dentro il Raccordo Anulare. Sopra le righe.
Secondo me rimane ancora una questione : l'agevolazione fiscale dell'IVA alle isole. Tale punto potrebbe creare un irrigidimento da parte dei creditori con il rischio di una rottura definitiva del negoziato e l'uscita inevitabile della Grecia dall'euro. La questione credo verrà giocata soprattutto dai falchi teutonici e vichinghi. Ma in sede di trattativa il governo greco dovrebbe su tale punto cedere se dalla parte dei creditori v'è la disponibilità ad alleggerire il debito greco applicando finalmente la delibera dell'eurogruppo del novembre 2012.
L'accordo, comprendendo l'alleggerimento del debito, potrebbe essere presentato all'elettorato come una vittoria da parte di Tsipras ed una giustificazione del NO al referendum.
Secodo me l'IVA sulle isole non può costituire una pietra dello scandalo...Credo che incidano poco.
 

FNAIOS

Registrato
28 Gennaio 2012
Messaggi
8.510
Località
Dentro il Raccordo Anulare. Sopra le righe.
Parla anche di Qe alla fine o sbaglio... :D ... Dai che si vola !!!
No in realtà intende di girare gli utili già in pancia, non del loro acquisto, è la traduzione.
Credo che si intendano i famosi 9 miliardi che servirebbero per l'FMI e FORSE lo swap debito BCE con debito ESM ha basso interesse, ma chissà che si inventano.
 
Ultima modifica:

mv62

Forumer attivo
Registrato
25 Agosto 2011
Messaggi
229
Greece: The constraints on debt relief



This afternoon, German Finance Minister Schauble has been quoted stating that European Treaties make the granting of face value haircuts impossible, while the scope for further reductions in interest rates on Greek debt and maturity extensions is “limited”. The first statement depends on how one interprets European Treaties, but in our view, is broadly correct. The second statement is far more questionable and, in our view, lies more in the politics of the situation than any clear legal constraint.

Article 125 of the European Treaty (reproduced below) may appear innocuous on first read, but this “no-bail-out clause” remains in the Treaty even as the ESM was created. The European Court of Justice argued that the ESM was consistent with the no-bail-out clause on a number of grounds, but a key section from their judgement on the issue runs as follows
“The ESM Treaty in no way implies that the ESM will assume the debts of the recipient Member State. On the contrary, such assistance amounts to the creation of a new debt, owed to the ESM by that recipient Member State, which remains responsible for its commitments to its creditors in respect of its existing debts. It should be observed in that regard that, under Article 13(6) of the ESM Treaty, any financial assistance granted on the basis of Articles 14 to 16 thereof must be repaid to the ESM by the recipient Member State and that, under Article 20(1) thereof, the amount to be repaid is to include an appropriate margin”.
So any financial assistance from the ESM “must be repaid to the ESM by the recipient Member State”. It is hard to square that statement with any face value reductions in loans from the ESM. By extension, it is difficult to argue that loans from the EFSF or the Greek Loan Facility (the forerunners to the ESM) could be given a face value reduction, as the existence of those mechanisms can only be claimed to be consistent with the TFEU as on the same grounds as the ESM.
But this says nothing about when the debt has to be repaid, or exactly what constitutes “an appropriate margin”. In the presence of other measures to mitigate moral hazard and ensure budgetary stability, and enormous budgetary difficulties in the member state concerned, one could probably argue that there are circumstances when an interest rate of zero would constitute “an appropriate margin”. And as we have seen already, there is nothing to stop the region extending the maturities on the loans to Greece (and others) into the future, as has already occurred.
When Schauble states that the room for further restructuring of debt is limited, he probably has in mind that the interest cost on the majority (but not all) of Greece’s debt to its European creditors has been reduced to near its funding cost, while maturities have already been extended. But it is not clear to us that there is a legal, as opposed to political, bar to reducing interest rates to below funding cost. To the extent that some countries balk at the implied transfer to Greece, we note the region has plenty of mechanisms to offer a political side-deal. And if the maturity of a loan can be extended once, there is nothing to suggest it cannot be extended again.
The bottom line in our view is that even if face value haircuts are barred at this point, Greek debt sustainability can be assured by repeated maturity extension and interest rate reductions if there is a political will to do so. Moreover, the fact that the Treaty current disbars face value reduction does not mean that it will necessary do so after the next set of Treaty revisions (whenever they occur). This point appears to be somewhat lost on those who insist that their debt sustainability spreadsheet should show the debt GDP ratio falling to some arbitrary level given the current configuration of the debt and whatever assumptions they make about growth and fiscal variables extending a long way into the future.
The European approach to debt sustainability can be best summarised not in a spreadsheet, but in the following statement: “trust us, and we will work it out through time”. For those who argue that such an approach is not enough to allow Greece to retain market access, we would remind them that Greece was able to issue €3bn in 5-year bonds in April 2014, when the IMF’s debt sustainability analysis was frankly only a little more convincing than it is now. And we would pose a final question. Let’s imagine that rather than facing significant amortizations to the IMF and ECB this year, that debt had been purchased by the ESM and maturities extended well into the future. Freed of any constraint to repay official sector creditors in the near term, and hence the need to negotiate with them, what sorts of policies would the Syriza-led administration have pursued? One may reply that is Greece’s democratic right to choose its own path. But in a monetary union, everyone’s actions have plenty of potential to impact the others, and the region is struggling to develop a governance regime that accommodates that. Hence, the loans from the region come with significant strings attached.
Article 125, TFEU
1. The Union shall not be liable for or assume the commitments of central governments, regional, local or other public authorities, other bodies governed by public law, or public undertakings of any Member State, without prejudice to mutual financial guarantees for the joint execution of a specific project. A Member State shall not be liable for or assume the commitments of central governments, regional, local or other public authorities, other bodies governed by public law, or public undertakings of another Member State, without prejudice to mutual financial guarantees for the joint execution of a specific project.
Qualcuno spieghi ad ironman che si può attaccare a tutti i trattati, ma se i soldi non ci sono, non sarà un trattato a crearli.

O, in altre parole, 'tojeteje er boccale'.:cool::cool:
 

ficodindia

Forumer storico
Registrato
6 Novembre 2010
Messaggi
2.865
Conosci nel dettaglio dell' ultimo accordo proposto cosa si intende per alleggerimento del debito ,
In base alle aperture della Merkel, credo che l'alleggerimento del debito sarà formulato applicando la delibera in proposito dell'eurogruppo di novembre 2012: allungamento delle scadenze ed abbassamento dei tassi lasciando invariato il valore nominale del debito. Ciò si traduce in un taglio reale del debito e quindi in un alleggerimento.
 

logan79

Forumer attivo
Registrato
30 Marzo 2015
Messaggi
253
a prescindere delle news di oggi....

vi allego il discorso di Farange di ieri sera all euro parlamento.... ed è il seguente...

------------------
Cari amici, vi propongo la traduzione del discorso di Farangedel 8/7 davanti all’europarlamento sulla crisi greca… Non sono un traduttore professionista, quindi… scusate eventuali misunderstandig.

Signor Tsipras, riprendete il controllo della vostra nazione!

“Quello che vediamo in questa Camera oggi, e quindi in tutta Europa, è una differenza culturale inconciliabile fra Grecia e Germania, una divisione fra il Nord ed il Sud dell’Europa. Il progetto europeo ha iniziato in questo momento a morire, nessuno in questa sala lo riconoscerà, ma ora i popoli europei dicono che non avrebbero mai chiesto e voluto questa situazione, e che questa gli è stato dato con l’inganno. Io capisco perchè la EMU (l’unione monetaria europea ndt) non funziona: perchè quel mostro chiamato Mitterand, ha supportato questo piano intelligente, ma pericoloso e creduto da tutti, per cui se si fosse creata un’Unione economica e monetaria, in modo naturale ci sarebbe stata una Unione politica , che ci sarebbe stata l’accettazione di questo progetto, che vi sarebbe stata una convergenza fra Nord e Sud Europa , che tutti avremmo iniziato ad amarci l’un l’altro, che avremmo iniziato a creare una identità europea e che avremmo mostrato rispetto alla bandiera ed all’inno europei.

A quelli che osavano criticare tutto questo veniva detto che erano estremisti, che mancavano di una visione.Una visione che non ci manca è che abbiamo capito che le nazioni europee sono diverse e che se voi provate a forzare assieme diversi popoli o diverse economie, senza prima ricercare l’approvazione di questi popoli, è improbabile che funzionerà, e che questo piano è fallito. Oggi non stiamo parlando solo della Grecia, è tutta l’area mediterranea che si trova nella valuta sbagliata, e nessuno nell’arena politica ha avuto il coraggio di alzarsi e dirlo. Per cui io sento che ora il continente è diviso fra nord e sud, che c’è un nuovo Muro di Berlino, e si chiama Euro. Le vecchie inimicizie sono state risvegliate. Ascoltate il modo in cui il leader tedesco dei democristiani qui questa mattina ha attaccato il signor Tsipras! Io penso che sia stato assolutamente disgustoso, ma mostri il modo in cui adesso il Nord ed il Sud percepiscono l’un l’altro. (Rivolto a Tsipras ndt) La sua nazione non avrebbe mai dovuto unirsi all’euro, io penso che lei lo abbia capito, ma le grandi banche, i grandi affaristi, la grande politica vi hanno forzato ad entrare. Goldman Sachs, i produttori tedeschi di armi, sono stati tutti molto felici del vostro ingresso, ma quando sono cominciati i “Bail-out” questi sono stati fatti per le persone importanti, questi “Bail-out” sono stati fatti per le banche tedesche, francesi ed italiane, non vi hanno aiutato per nulla. In questi anni di austerità, questi anni di disoccupazione, di povertà crescente, nulla di tutto questo ha funzionato, infatti il vostro rapporto debito/PIL è passato dal 100% all’inizio della crisi al 180% ora. Sarebbe follia proseguire su questa strada. Voi siete stato molto coraggioso, voi avete chiesto quel referendum che, quando fu chiesto da un vostro predecessore, lo vide cacciato dai bulli di Bruxelles. Hanno fatto del loro meglio: hanno detto che se uscivate dall’euro uscivate dall’unione europea, persino il presidente Schulz, che pensavamo avrebbe dovuto essere neutrale, ha detto che se i greci avessero votato No gli avrebbero tagliato l’elettricità. Contro queste minacce e questi atteggiamenti da bullo i greci sono rimasti coraggiosamente fermi, ma, Signore, voi non potete avere la botte piena e la moglie ubriaca. Non potete avere di più, non possono permettersi di darvelo,perchè se vi dessero di più, dovrebbero darlo anche agli altri membri della UE. Per cui signor Tsipras è giunto francamente il momento, se ne ha il coraggio, di guidare i greci fuori dalla zona euro con la testa alta , di tornare alla vostra Democrazia, di riprendere il controllo sulla sua nazione. Date alla vostra gente la guida e speranza di cui hanno bisogno. Si, sarà difficile per i primi mesi, ma con una valuta svalutata e con gli amici che avete da tutto il mondo, vi riprenderete.

DISCORSO DI FARANGE DAVANTI AL PARLAMENTO EUROPEO SULLA CRISI GRECA (8/7/15) | iodubito
 

Fred_EL

Nuovo forumer
Registrato
13 Gennaio 2015
Messaggi
186
No in realtà intende di girare gli utili già in pancia, non del loro acquisto, è la traduzione.
Credo che si intendano i famosi 9 miliardi che servirebbero per l'FMI e FORSE lo swap debito BCE con debito ESM ha basso interesse, ma chissà che si inventano.
credo sia proprio questo, il QE è a parte (non c'entra)
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 16)

Alto