GRECIA Operativo titoli di stato | Pagina 15316

Discussione in 'Obbligazioni, Bond e Titoli di Stato' iniziata da Imark, 24 Gennaio 2009.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
    3 Luglio 2015
  1. samantaao

    samantaao carlo

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    2.855
    thanks
     
  2. 3 Luglio 2015
  3. gianni76

    gianni76 New Member

    Registrato:
    2 Gennaio 2010
    Messaggi:
    446
    Interessante testimonianza sulla realtà dei fatti in Grecia dal direttore della camera di commercio, che conferma che le società greche sono già state escluse da TARGET 2...
    A chi spera che la Grecia sopravviva ad un eventuale 'no' nel referendum, dico: attenzione che qui si rischia grosso il Grexit anche accidentale...


    Constantine Michalos, head of the Hellenic Chambers of Commerce, said lenders are simply running out of money. "We are reliably informed that the cash reserves of the banks are down to €500m. Anybody who thinks they are going to open again on Tuesday is day-dreaming. The cash would not last an hour," he said.
    "We are in an extremely dangerous situation. Greek companies have been excluded from the electronic transfers of Europe's Target2 system. The entire Greek business community is unable to import anything, and without raw materials they can't produce anything," he said.
     
  4. 3 Luglio 2015
  5. ZioJimmy

    ZioJimmy New Member

    Registrato:
    27 Gennaio 2013
    Messaggi:
    2.720
    L unica cosa che possiamo fare noi è incrociare le dita delle mani e dei piedi... Aggiungiamoci pure tre Ave Maria ed un Padre Nostro.
    Dentro di me ci sono sentimenti contrastanti: a volte mi dico "speriamo che arrivi subito domenica", altre volte invece dico l opposto.

    Notte a tutti
     
  6. 3 Luglio 2015
  7. C.Bonacieux

    C.Bonacieux New Member

    Registrato:
    28 Gennaio 2010
    Messaggi:
    836
    ma bastano 2/3 milioni di euro per un conto alle cayman? pensavo ce ne volessero di più
     
  8. 3 Luglio 2015
  9. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795
    "La crisi greca attende altri partner della NATO"

    Buongiorno a tutti.



    "Gli Stati Uniti quali maggiore esportatore di armi nel mondo ci guadagnano decisamente da bilanci e mercati europei ampliati, con la vendita di sistemi missilistici, carri armati, navi da guerra e aerei da combattimento. Il vantaggio per il Fondo monetario internazionale (FMI) dominato da Washington è che l’indebitamento dei Paesi spendaccioni verso i militari è la conseguente futura coercizione economica, che permetterà l’esproprio via austerity delle economie a vantaggio del capitale finanziario occidentale. Il processo non è dissimile da ciò che è già accaduto in Grecia. Nel diluvio dei reportage occidentali sulla crisi del debito greco, un aspetto chiave rimane stranamente occultato. Il fatto che l’onere del debito da 320 miliardi di dollari della Grecia sia in gran parte dovuto a decenni di militarismo esorbitante. Secondo alcune stime, almeno la metà del debito totale greco, oltre 150 miliardi di dollari, è dovuto alle spese militari. Prima dell’inizio della crisi del debito nel 2010, la Grecia spendeva circa il 7 per cento del PIL per la difesa quando molti altri Paesi europei spendevano circa il 2 per cento. Anche ora, cinque anni dopo il collasso economico, la Grecia ha ancora la più alta spesa militare dell’Unione europea, il 2,2 per cento del PIL. Nell’alleanza militare della NATO, la Grecia ha la seconda più alta spesa di questo tipo dopo gli Stati Uniti, che assegnano circa il 3,8 per cento del loro PIL ai militari. Il governo greco di Alexis Tsipras e i creditori istituzionali come Unione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale hanno diligentemente ignorato un’opzione lampante per cercare di porre le finanze nazionali della Grecia su basi più solide, la contrazione massiccia militare del Paese. Se la Grecia dovesse ridurre la spesa militare della metà, a circa l’1 per cento del PIL, come Italia, Belgio, Spagna e Germania, potrebbe assegnare 2 miliardi per soddisfare le esigenze immediate del FMI e contribuire ad evitare le misure di austerità drastiche richieste dalla troika UE/BCE/FMI. Ma c’è una buona ragione per cui la troika dei creditori rifiuta questa opzione. La stravaganza militare della Grecia per molti anni è stata un miniera d’oro per le industrie belliche tedesche, francesi e statunitensi. Di 150 miliardi di dollari di spese militari dalla Grecia fino al 2010, il 25 per cento degli acquisti riguardava la Germania, il 13 per cento la Francia e il 42 per cento gli Stati Uniti, secondo i dati SIPRI. Non è un caso che i grandi creditori istituzionali della Grecia sono i governi tedesco e francese, che raccolgono 100 miliardi di dollari. Gran parte del capitale prestato alla Grecia è stato speso per sistemi d’arma tedeschi e francesi come carri armati Leopard e aerei da combattimento Mirage, oltre che per gli statunitensi F-16. In un’intervista al Guardian nell’aprile 2012, il parlamentare greco Dimitris Papadimoulis accusava Berlino e Parigi di “ipocrisia” perché, come spiegò: “Beh, dopo l’inizio della crisi economica (nel 2010), Germania e Francia cercavano di siglare lucrosi accordi sulle armi anche quando ci spingevano a tagliare in settori come la salute“. Così Berlino e Parigi consapevolmente gonfiarono il debito della Grecia per dare un grosso mercato alle loro industrie della difesa. Quella porta girevole della finanza girava anche con la corruzione. Nell’ottobre 2013 l’ex-ministro della Difesa della Grecia Akis Tsochatsopoulous, del governo PASOK, fu imprigionato per 20 anni per corruzione riguardante 75 milioni di dollari e decine di funzionari di Atene. L’azienda tedesca Ferrostaal fu costretta a pagare 150 milioni di dollari per il suo ruolo nel racket delle armi, assicurandosi la vendita di quattro sottomarini Tipo 214 alla Grecia per circa 3 miliardi dollari. Il comodo spauracchio nello scenario greco era la Turchia che invase Cipro nel 1974, dipinta quale perenne minaccia alla sicurezza alla Grecia. Washington, Berlino e Parigi assieme ai politici corrotti di Atene, sfruttarono la minaccia turca per far girare la porta dei prestiti e spese militari. La triste fine di tale scenario è la crisi del debito greco, rilanciata dallo stupro economico del Paese da parte di FMI e potenze europee, soprattutto Berlino e Parigi. Un’altra ironia di tale moderna tragedia greca è che la presunta minaccia turca accentuata da Washington e alleati europei, suscitando la massiccia militarizzazione della Grecia, fu attribuita a un altro membro della NATO, la Turchia. Che fine ha fatto l’articolo 5 della NATO sulla sicurezza collettiva in questi anni d’insicurezza? Quanto è più facile per Washington ed alleati della NATIO presentare la Russia con i vecchi stereotipi della Guerra Fredda quale minaccia alla sicurezza di Europa orientale e Scandinavia?
    L’aumento della spesa militare dei Paesi di Europa orientale e Scandinavia sembra uno stratagemma riuscito. Il complesso militare-industriale degli Stati Uniti e dei suoi omologhi tedeschi, francesi e inglesi rastrellerà miliardi di dollari nei prossimi anni dai membri minori della NATO, opportunamente spaventati dallo stupido “spettro russo”. Ma se la storia del militarismo in Grecia è da seguire, una crisi del debito ‘greco’ è in serbo per Stati baltici, Polonia e scandinavi. La protezione della NATO guidata dagli Stati Uniti? Più che altro il racket della protezione NATO a guida USA."


    https://aurorasito.wordpress.com/20...ato/?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews
     
  10. 3 Luglio 2015
  11. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795
    "Eastring vs Balkan Stream: la battaglia per la Grecia"

    "Davanti al bivio (greco)
    Anche se la crisi del debito è un problema da ben prima che il Balkan stream fosse concepito, ora è intimamente intrecciata al dramma della nuova Guerra Fredda energetica nei Balcani. La Troika vuole costringere Tsipras a capitolare sull’accordo del debito impopolare che sicuramente comporterebbe la rapida fine della sua premiership. In questo momento, il principale fattore che lega il Balkan stream alla Grecia è il governo Tsipras, ed è interesse di Russia e mondo multipolare vederlo rimanere al potere fin quando il gasdotto sarà fisicamente costruito. Qualsiasi cambiamento improvviso o inatteso della leadership in Grecia potrebbe facilmente mettere in pericolo la sostenibilità politica del Balkan stream e costringere la Russia a fare affidamento sull’Eastring, ed è per queste ragioni che la Troika vuole imporre a Tsipras un dilemma inestricabile. Se accetta le condizioni attuali del debito, allora perderà l’appoggio della base e probabilmente inaugurerà elezioni anticipate o cadrà vittima di una rivolta nel suo stesso partito. Dall’altra parte, se rifiuta la proposta e permette il default della Grecia, allora la catastrofe economica risultante potrebbe por termine al supporto della base e por fine prematuramente alla sua carriera politica. Perciò la decisione del referendum nazionale sull’accordo del debito è una mossa geniale, perché assicura a Tsipras la possibilità di sopravvivere all’imminente tempesta politica-economica con risultati democraticamente ottenuti (che sembrano predire il rifiuto del debito e imminente default). Con il popolo dalla sua parte (non importa quanto ristretto), Tsipras potrà continuare a presiede la Grecia attraversando il prossimo preoccupante periodo d’incertezza. Inoltre, la continua gestione del Paese e i rapporti personali con i leader dei BRICS (soprattutto Vladimir Putin) potrebbe portare ad estendere una qualche forma di assistenza economica (probabilmente dalla Nuova Banca per lo Sviluppo dei BRICS da 100 miliardi di dollari o un’altrettanto grande riserva valutaria) alla Grecia dopo il prossimo vertice di Ufa ai primi di luglio, a condizione che possa continuare la leadership fino ad allora. Pertanto, il futuro della geopolitica energetica dei Balcani attualmente si riduce a ciò che accade in Grecia nel prossimo futuro. Mentre è possibile che un primo ministro greco diverso da Tsipras possa far progredire il Balkan Stream, la probabilità è significativamente inferiore a un Tsipras che rimane in carica. Creare le condizioni per la sua rimozione è il modo indiretto con cui Stati Uniti e UE preferiscono influenzare le rotte energetiche del futuro della Russia attraverso i Balcani, quindi ecco perché tale pressione su Tsipras in questo momento. La sua proposta di referendum chiaramente li ha colti di sorpresa, dato che la vera democrazia è praticamente sconosciuta nell’Europa di oggi, e nessuno si aspettava che si rivolgesse direttamente ai suoi elettori prima di prendere una delle decisioni più cruciali del Paese degli ultimi decenni. Attraverso questi mezzi, può sfuggire alla trappola da Comma-22 che la Troika gli ha teso e così salvare anche il futuro del Balkan Stream.
    Conclusioni
    C’è di più nella proposta del gasdotto Eastring di quanto appaia, da qui la necessità di svelarne le motivazioni strategiche per comprenderne meglio l’impatto asimmetrico. E’ chiaro che Stati Uniti ed UE vogliono neutralizzare l’aspetto geopolitico che il Balkan Stream avrebbe ampliando la multipolarità nella regione, il che spiega il loro mutuo approccio nel tentativo di fermarlo. Gli Stati Uniti alimentano le fiamme della violenza nazionalista albanese in Macedonia ostacolando la prevista rotta del Balkan Stream, mentre l’UE comodamente propone una rotta alternativa attraverso i Balcani orientali unipolaristi quale predeterminata ‘via d’uscita’ alla Russia. Le forze euro-atlantiche cospirano nel tentativo di rovesciare indirettamente il governo greco attraverso un’elezione programmata o colpo di Stato per rimuovere Tsipras, sapendo che tale mossa infliggerebbe un colpo grave e immediato al Balkan stream. Anche se non è chiaro cosa alla fine accadrà a Tsipras o ai piani dei gasdotti della Russia, in generale è inconfutabile che i Balcani siano diventati uno dei principali e reiterati focolai della nuova guerra fredda, e la concorrenza tra mondo unipolare e multipolare in questo teatro geostrategico è solo agli inizi."


    https://aurorasito.wordpress.com/2015/07/01/eastring-vs-balkan-stream-la-battaglia-per-la-grecia/
     
  12. 3 Luglio 2015
  13. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795
    Ripropongo quest'articolo:

    "US allarmati da alleanza energetica greca con la Russia
    Americano spinge per un oleodotto alternativo gas dall'Azerbaijan che avrebbe aiutato rompere la morsa che la Russia ha sui mercati europei"


    US alarmed by Greek energy alliance with Russia - Telegraph


    In base anche ai precedenti articoli, ognuno tragga le sue conclusioni ( per adesso )...
     
  14. 3 Luglio 2015
  15. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795
  16. 3 Luglio 2015
  17. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795
    Crisi dell'euro: analisi del FMI mostra disastro di proporzioni storiche
    Alemanno economico | Pubblicato: 19:16 orologio 02:07:15 | 16 Commenti
    Ora è chiaro il motivo per cui la caduta del FMI in modalità di panico: Anche senza la Grecia referendum ulteriormente 50000000000 € necessari - solo per ottenere un livello di debito sostenibile. In effetti, la domanda è verso € 100.000.000.000. Queste cifre sono un fiasco per la reputazione della Troika. Tutti i funzionari governativi greci negli ultimi anni, ora sarebbe in realtà stare in giudizio."


    Euro-Krise: IWF-Analyse zeigt Desaster von historischem Ausmaß | DEUTSCHE WIRTSCHAFTS NACHRICHTEN
     
  18. 3 Luglio 2015
  19. camaleonte

    camaleonte New Member

    Registrato:
    9 Settembre 2010
    Messaggi:
    17.795

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina