GRECIA Operativo titoli di stato / 2 | Pagina 4213

Discussione in 'Obbligazioni, Bond e Titoli di Stato' iniziata da MARMAF, 4 Agosto 2015.

Tags:
    14 Giugno 2019
  1. Abulico

    Abulico Greece is not Italy

    Registrato:
    29 Luglio 2009
    Messaggi:
    5.184
    ANSA Reporting That Italy Has Approx. 1 Week To Reply To The EU Regarding Public Finances
     
  2. 14 Giugno 2019
  3. Portovenere71

    Portovenere71 New Member

    Registrato:
    7 Giugno 2019
    Messaggi:
    282
    Buon week end a tutti i "grecisti"
     
  4. 15 Giugno 2019
  5. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Ritornare nei mercati entro la fine di luglio

    Di G. Angelis




    "Nelle attuali circostanze, la Grecia dovrebbe approfittare della finestra di uscita sui mercati nella seconda metà di luglio. E, perché no, devia un po 'dal suo programma e torna a settembre ... "Questa valutazione è fatta da ESM, in quanto vi è una costante tendenza a compromettere le prestazioni e ridurre gli spread.

    Già prima di chiudere la settimana nel mercato delle obbligazioni secondarie, la "domanda" di obbligazioni greche ha portato i rendimenti dei titoli decennali al 2,75% al 2,85%, riducendo la distanza dai corrispondenti titoli italiani a 30 punti base.

    Lo scontro tra Italia e Bruxelles ha portato ad un aumento dei rendimenti dei titoli italiani e una contrazione del greco. La svolta per il deterioramento del bilancio oltre il budget è la decisione del Parlamento italiano di approvare lo "studio" di una bozza per l'emissione di buoni del tesoro di piccolo valore che potrebbero essere utilizzati all'interno del paese per le transazioni come seconda valuta domestica.

    Questa decisione è stata respinta pubblicamente da Mario Draghi, che ha chiarito che questi sono "titoli di debito e influenzano la dimensione del debito, o" valuta ", quindi è illegale ..."

    La cosa notevole qui è che mentre nel passato relativamente recente qualsiasi deterioramento dei titoli italiani è stato immediatamente "tradotto" in deterioramento analogo o addirittura peggiore in greco, l'ultimo cordone ombelicale è stato tagliato e il miglioramento del greco è accelerato dal peggioramento dell'italiano almeno relativamente .

    Questa congiuntura, unita all'offerta "a basso rendimento" di nuovi titoli da parte del Ministero delle Finanze - e sempre a prezzi che non "intrappolano" gli investitori - è migliorata rapidamente per una ragione in più, l'ambiente politico e le aspettative dei mercati per il cambio di governo.

    Uno sguardo più attento distinguerà un altro fattore che ha a che fare anche con la congiuntura internazionale, l'afflusso di capitale verticalmente aumentato dal mercato estero principalmente ai titoli governativi.

    L'aumento di capitale di 5 miliardi di euro nei primi cinque mesi, principalmente guidato da banche e fondi statunitensi, nonché da francesi, ha toccato il 300% in quel periodo.Naturalmente, gli importi sono relativamente piccoli, poiché il mercato dei titoli greci rimane estremamente "superficiale".


    Ma ecco perché - meno di 30 miliardi di obbligazioni nominali sono libere di negoziare - e poiché la domanda rimane più forte della "fornitura", i prezzi continuano a essere schiacciati, creando le condizioni per un emissione obbligazionaria di sette anni di successo, o nella seconda metà di luglio , all'inizio di settembre o in entrambi i periodi.

    Per quanto riguarda i prezzi settennali, l'ODIHR intende mantenere l'attrattiva del problema, poiché il servizio di indebitamento medio estremamente basso a medio-lungo termine è poco interessato.
    Stime nelle attuali condizioni indicano che l'emissione a sette anni dovrebbe generare un rendimento del 2,5% - 2,6% nonostante gli attuali rendimenti a cinque anni siano già significativamente inferiori al 2%.
    Inoltre, tutte le pubblicazioni più recenti che mantengono la loro "attrattiva" sono state spostate in questa logica, abbracciando la convinzione degli investitori che il MINISTERO DELLE FINANZE e il CDMA non mirano a "intrappolarli" a rendimenti molto inferiori ...

    (capital.gr)
     
    A Portovenere71 piace questo elemento.
  6. 15 Giugno 2019
  7. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Ankara insiste sulla tensione: oltre al diritto internazionale, le dichiarazioni di MED7





    La reazione della Turchia è stata innescata dalla dichiarazione congiunta di sostegno e solidarietà espressa dal Vertice dei sette paesi del Sud europeo a Cipro per sfruttare le sue risorse naturali all'interno della ZEE, come le trasmissioni di Anadolu.

    "Per noi non ha valore, forza o impatto", ha affermato il ministero degli esteri turco.

    Descrive la comunicazione congiunta come un ulteriore esempio di come la Grecia e i greco-ciprioti abusino dello status di uno Stato membro dell'UE e che alcuni paesi ne siano diventati lo strumento.

    Aggiunge che dimostra ancora una volta che l'UE e gli Stati membri non possono essere imparziali e degni di fiducia nella soluzione del problema di Cipro.

    Si ricorda che nella loro dichiarazione congiunta Med7 ha espresso il loro pieno sostegno e solidarietà alla Repubblica di Cipro nell'esercizio dei suoi diritti sovrani di esplorare, sfruttare e sviluppare le sue risorse naturali all'interno della propria ZEE, secondo la Carta europea e internazionale
    Secondo le precedenti conclusioni del Consiglio e del Consiglio europeo, "7" ricorda l'obbligo della Turchia di rispettare il diritto internazionale e le relazioni di buon vicinato.

    Allo stesso tempo, deplorano profondamente il fallimento della Turchia nel rispondere alle ripetute richieste dell'Unione europea di condannare le continue attività illegali della Turchia nel Mediterraneo orientale e nel Mar Egeo e hanno sottolineato la loro profonda preoccupazione per le attività di perforazione esistenti o potenziali all'interno della ZEE di Cipro. .

    Hanno invitato l'UE "a continuare a partecipare a questo problema e, se la Turchia non interrompe le sue attività illegali, a prendere in considerazione l'adozione di misure appropriate in piena solidarietà con Cipro".

    "Med7" ha chiesto alla Turchia di rispettare gli obblighi previsti dal quadro negoziale, compresa l'attuazione integrale e non discriminatoria del protocollo aggiuntivo all'accordo di associazione in relazione a tutti gli Stati membri.

    Hanno anche ribadito che "è necessario il riconoscimento di tutti gli Stati membri". A tale riguardo, ribadiscono il loro appello alla Turchia per normalizzare le sue relazioni con Cipro.

    (capital.gr)
     
  8. 15 Giugno 2019
  9. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Dove e come le decisioni dell'Eurogruppo riguardano la Grecia

    Di G. Angelis






    La tattica delle decisioni dell'Eurogruppo , quando un accordo deve andare avanti, ma che non è fattibile, è di formulare e concordare un quadro di orientamenti e un calendario di attuazione, che viene lentamente ma costantemente promosso dal meccanismo comunitario e rientra nelle singole passi nei Consigli e nei vertici.

    Con questa "tecnica", dopo un incontro di maratona dell'Eurogruppo, un certo numero di paesi - come i Paesi Bassi - sono stati espulsi per istituire un bilancio speciale per l' Eurozona .

    Le misure adottate nell'Eurogruppo sono relativamente piccole ma decisive nel promuovere una maggiore convergenza fiscale tra i paesi della zona euro e, su base volontaria, quelli dei paesi dell'UE non appartenenti all'area dell'euro.

    Questo bilancio è stato concordato sul fatto che dovrebbe far parte del bilancio dell'UE e questo è un guadagno significativo per coloro che l'hanno sostenuto, come la Francia.

    Sarà, ovviamente, "piccolo" - a soli 17 miliardi in prima istanza -
    e il dibattito su come finanziarlo sarà lanciato, in quanto parte del bilancio generale si aggiungerà ad esso.

    In ogni caso, la sua "logica" è quella di collegare la più grande convergenza delle riforme nell'Eurozona al finanziamento di programmi di investimenti pubblici con un coinvolgimento nazionale relativamente ridotto.

    La decisione è quella di presentare le proposte concordate al prossimo vertice dai ministri delle finanze al prossimo Vertice e iniziare la loro attuazione nel 2019. Alla luce dell'equilibrio che sarà ricercato nella selezione delle persone per le posizioni chiave nel FSE, la Commissione europea,

    Il "sì" pulito e relativamente rapido all'Eurogruppo riguardava l' ESM e le banche. Conferma dell'accordo per l'avvio di procedimenti legali che estendono i limiti di azione dell'ESM come ultimo "prestatore", se il Fondo unico bancario e di ristrutturazione non riesce a soddisfare le esigenze di un episodio unico o generalizzato di crisi nel sistema bancario.

    Per questa "garanzia" non vi sono stati ritardi e rinvii, poiché la recessione economica in Europa conduce con una precisione matematica nel deterioramento della situazione del debito privato e del sistema bancario.

    L'ESM è ora legalmente autorizzato ad agire fianco a fianco e in collaborazione con la BCE in caso di emergenza ...

    Laddove il "no" si nascondeva dietro un rinvio per decisione, era la promozione della proposta per il sistema europeo di garanzia dei depositi (EDIS). La maggior parte dei paesi del Nord Europa ritiene che i prestiti rossi nei paesi del Sud europeo - e non solo - siano a livelli che non favoriscono un sistema di garanzia dei depositi europeo comune come richiesto dalla BCE e dalla Commissione ...

    La proposta del comitato di lavoro è stata discussa, il lavoro svolto è stato riconosciuto, i leader dell'UE ne saranno informati al vertice, ma sembra che non rimarranno finché i livelli degli NPL rimarranno ai livelli attuali ...


    Le conseguenze per la Grecia


    In tale quadro decisionale, è chiaro che per la Grecia la sua partecipazione alla "velocità" dell'Eurogruppo, con i nuovi strumenti finanziari da includere nel bilancio speciale, è qualcosa che lo favorisce. Ma pone anche nuove condizioni per lei. A condizione che sarà in grado di "gestire" il programma di riforma che accompagnerà la sua partecipazione al bilancio speciale come condizione preliminare.

    Inoltre, questo è lo scopo alla base della diversificazione del nuovo budget speciale che Emmanuel Makron, la più grande convergenza nella "prima marcia", l'Eurozona e l'euro, sta promuovendo con difficoltà.

    Rinviare le decisioni sull'EDIS non è certo una buona notizia per la Grecia, in quanto rimuove il miglioramento delle condizioni per migliorare il senso di sicurezza nel sistema di deposito interno.

    Fino a quando non saranno ridotti gli ingenti volumi di NPL, la Grecia non ha alcuna possibilità di aggiornare il proprio sistema di garanzia dei depositi domestico attraverso un ombrello europeo.

    Per quanto riguarda le modifiche del MES, estendendo il suo ruolo di garante ultimo del sistema bancario attraverso il Fondo unico per la ristrutturazione e la compensazione bancaria, a complemento della BCE, è chiaro che mira, da un lato, a creare uno strumento di difesa contro la possibilità di un nuovo crisi. E dall'altra parte, l'ESM ha acquisito un nuovo ruolo, poiché, dopo aver lasciato la Grecia, il terzo programma aveva poco a che fare con "l'oggetto" fino alla prossima crisi ...

    (capital.gr)
     
  10. 16 Giugno 2019
  11. Fabrib

    Fabrib New Member

    Registrato:
    5 Ottobre 2013
    Messaggi:
    10.275
    A Unterlander piace questo elemento.
  12. 17 Giugno 2019
  13. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Situazione Eurospread:



    Grecia 299 pb. (294)
    Italia 259 pb. (261)
    Cipro 108 pb. (110)
    Portogallo 87 pb. (88)
    Spagna 75 pb. (79)
    Irlanda 55 pb. (55)
    Francia 34 pb. (35)

    Bund Vs Bond -234 (-235)
     
  14. 17 Giugno 2019
  15. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Reuters: Grecia e Cipro chiederanno all'UE di fare pressione sulla Turchia

    Domenica 16 giugno 2013 - 23:10

    La Grecia è uno stretto alleato con il governo di Nicosia e ha anche le proprie controversie pluriennali con la vicina Turchia, Reuters






    Grecia e Cipro chiederanno ai loro partner nell'UE di fare pressioni sulla Turchia con sanzioni se verrà confermato che Ankara ha avviato una perforazione di gas naturale a ovest di Cipro, riferisce Reuters sugli ultimi sviluppi nella ZEE di Cipro.
    La scoperta di riserve di energia redditizie nel Mediterraneo orientale ha provocato focolai più intensi di tensioni di vecchia data tra la Turchia e il governo greco-cipriota.
    Una nave turca ha ancorato a ovest di Cipro da maggio.

    Cipro e la Grecia sostengono che la nave attraversa la zona economica esclusiva (ZEE) di Cipro, un'area che Cipro può utilizzare per lo sfruttamento commerciale.
    La Turchia sostiene che la regione si trova sulla sua piattaforma continentale.

    "Abbiamo concordato ... di preparare il terreno la prossima settimana affinché il vertice (UE) prenda le decisioni pertinenti e persino le sanzioni contro la Turchia se viene verificato che ci fosse un pozzo nella ZEE cipriota", ha detto Tsipras dopo un governo incontro, rapporti Reuters.
    La Grecia è uno stretto alleato con il governo di Nicosia e ha anche il suo conflitto pluriennale con la vicina Turchia su questioni relative allo spazio aereo nell'Egeo e ai diritti minerari nella stessa regione.

    Cipro per la prima volta ha scoperto riserve di gas offshore nel 2011, che hanno portato ad altre scoperte.
    La Turchia dice che le risorse naturali che circondano l'isola divisa etnicamente appartengono ai turco-ciprioti.
    Proclamarono il loro "stato indipendente" nel 1983, ma furono soci fondatori della Repubblica di Cipro in seguito alla sua indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960.

    L'isola del Mediterraneo orientale fu divisa con un'invasione turca nel 1974, innescata da un breve colpo di stato orchestrato dalla giunta militare che governava la Grecia, citando la Reuters.
    Le relazioni tra la comunità greco-turca e cipriota sono in pericolo dal 1963, quando un accordo sull'amministrazione dell'isola crollò in mezzo alla violenza.


    www.bankingnews.gr
     
  16. 17 Giugno 2019
  17. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Il rally speculativo nei titoli greci è stato coordinato da 3 fondi: solo il 5% del debito nel libero scambio

    Lunedì 17/06/2019 - 01:44

    Ci sono alcune indicazioni che il governo greco prevede di fare un'asta obbligazionaria dopo le elezioni, ma non sarà di durata a medio termine, ma piuttosto di 15 anni






    È davvero sorprendente che con pochissime transazioni, ci sia stato un rally storico nei titoli greci.
    Già a 10 anni è al 2,74% con uno spread rispetto ai 43 punti base italiani (2,31%) e soprattutto contro il Portogallo 214 punti base (0,60%).
    Sulla base di fonti ben informate, il rally delle obbligazioni è stato causato da 2-3 fondi, che sembrano detenere 5-6 miliardi del debito greco, nonché i movimenti delle banche greche che, con qualche alchimia contabile, hanno acquistato obbligazioni greche.

    Il fatto molto interessante è che in un debito totale di 359 miliardi, solo 31 miliardi sono in circolazione reale, di cui le posizioni delle banche greche dovranno essere ridotte di circa 8 miliardi, che non vendono ad altri investitori internazionali.
    Delle obbligazioni greche, solo il 5% o 18-20 miliardi sono in libera circolazione, così che i titoli greci con un'estrema speculazione sui prezzi sono attribuiti al mercato superficiale.

    Recentemente è stato osservato che tre fondi internazionali con esposizione a titoli greci - tra cui Pimco e Blackrock - si sono aggressivamente spostati verso le obbligazioni greche.
    Allo stesso tempo, Fairfax, importante investitore in obbligazioni greche, ha ridotto le posizioni dirette, ma indirettamente - attraverso Eurolife e l'assicurazione Eurobank - continua a detenere il debito greco.


    La superficialità del mercato consente agli investitori di impegnarsi in aggressivi movimenti speculativi, fissando quindi i prezzi a 110 punti base e rendimenti storicamente bassi.
    La domanda chiave è fino a quando i rendimenti delle obbligazioni in Grecia possono ricadere?

    Già i prezzi a questi livelli non sono giustificati, ma a causa dell'intensità della speculazione potrebbero chiudere lo spread tra Grecia e Portogallo a 150-180 punti base o 10 anni greco al 2,20% con il primo punto tecnico 2,5%.
    Ci sono alcune indicazioni che il governo greco prevede di fare un'asta obbligazionaria dopo le elezioni, ma non sarà di durata a medio termine, ma piuttosto di 15 anni.
    Sulla base dei prezzi correnti, il rendimento delle obbligazioni a 15 anni potrebbe essere vicino al 3%.

    L'edizione di 15 anni ha una semantica speciale.
    Si concluderà nel 2034, superando il limite del 2032 in cui le misure a lungo termine per il debito greco sono state istituzionalizzate.
    Una versione di 15 anni sarebbe una prova di fiducia nel debito greco, che rappresenta il 70% del settore ufficiale, vale a dire il MES, il EFSF, i prestiti totali di meccanismi di sostegno e non gli investitori privati.

    www.bankingnews.gr
     
  18. 17 Giugno 2019
  19. tommy271

    tommy271 New Member

    Registrato:
    16 Gennaio 2009
    Messaggi:
    149.978
    Località:
    Milanese
    Piani per emettere un'obbligazione di 15 anni dopo le elezioni - Aggiornamento a BB in Grecia il 2 agosto o il 25 ottobre 2019

    Lunedì 17/06/2019 - 01:47

    Quando arriverà il primo aggiornamento dell'economia greca con il governo ND?






    I piani per emettere un'obbligazione di 15 anni dopo le elezioni nazionali entro la fine di luglio o al più tardi nel settembre 2019 sembrano lavorare su dirigenti che svolgeranno un ruolo ... nella gestione del debito pubblico nel prossimo governo.
    Sulla base delle informazioni, mentre il prestito obbligazionario a 3 anni, a 5 anni o a 7 anni è considerato una soluzione "facile", il nuovo governo prevede di compiere un passo ancora più importante.

    L'emissione obbligazionaria da 3 a 7 anni sarà una ripetizione di precedenti emissioni a tassi di interesse inferiori ma non molto importanti.
    L'emissione di un'obbligazione di 15 anni prossima al 3% sarebbe stata particolarmente grave, poiché si sarebbe conclusa nel 2034, vale a dire che sarebbe stata oltre 2032, la data in cui gli interventi sul debito pubblico greco arriveranno a lungo termine.

    L'emissione di un'obbligazione di 15 anni sarà un segnale che gli investitori internazionali considerano il debito greco sostenibile oltre le misure a lungo termine concordate entro il 2032.

    In termini di prezzi, è di grande interesse che il debito greco a 25 anni abbia un tasso di interesse del 3,5% è il più basso tasso di interesse che la Grecia abbia mai ottenuto a causa non tanto del cambiamento politico in arrivo, ma principalmente a causa dell'estrema speculazione manifestata nei titoli greci ma e titoli di debito dell'Europa meridionale.


    Quando arriverà il primo aggiornamento dell'economia greca con il governo ND?


    Sulla base delle prove, il primo upgrade della Grecia da parte del governo ND arriverà o il 2 agosto da Fitch a BB da BB - cioè da 1 scala - scenario non molto probabile - o il 25 ottobre da Standard and Poor's da B + a BB .

    Il 23 agosto, Moody's non aggiornerà la Grecia poiché ha annunciato che non farà una nuova stretta creditizia entro la fine del 2019.

    Già Moody's segna la Grecia in B1.

    www.bankingnews.gr
     

Utenti che stanno leggendo questo thread ora (Utenti: 1, Ospiti: 19)

  1. Arnolfo

Condividi questa Pagina