fusione Banco Pop e BPM (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.369
Banco Bpm: Consob, detiene quota 14,672% di Anima H.


MILANO (MF-DJ)--A seguito della fusione tra B.P.Milano e B.Popolare che è diventata effettiva dallo scorso 1* gennaio, Banco Bpm ha fornito al mercato un aggiornamento relativo ad alcune partecipazioni rilevanti su titoli quotati a piazza Affari.

In particolare, si legge negli aggiornamenti odierni della Consob,
la quota detenuta dal nuovo conglomerato nel capitale di Anima Holding è ora del 14,672%,
mentre la partecipazione in Gabetti Property risulta al 9,113%
e l'esposizione su Risanamento è al 10,069%.

(END) Dow Jones Newswires

January 09, 2017 09:49 ET (14:49 GMT)
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.369
CREDITO E CRISI
Banco Bpm in rosso per 1,6 miliardi - Sul nuovo gruppo pesano le svalutazioni
11 febbraio 2017
VERONA Banco Bpm, partenza ad handicap con una perdita di 1,6 miliardi di euro. Tra cui si segnala la svalutazione della partecipazione in Atlante per 60 milioni. Il primo tagliando del terzo polo bancario, a quaranta giorni dall’avvio, è arrivato ieri, con l’approvazione in cda del bilancio 2016. «Ci aspettano mesi di partenza complicati», aveva messo le mani avanti a Natale il presidente Carlo Fratta Pasini. Previsione rispettata sui conti 2016, già chiusi come realtà unica. Partenza ad handicap, perché ad un anno difficile per tutte le banche si sono aggiunti i sacrifici per la fusione, visibili soprattutto sull’ex Banco Popolare. Risultato: un bilancio combinato in perdita per 1,6 miliardi, dopo rettifiche sui crediti per 3.

Dati negativi portati in dote in gran parte da Verona, a cui si devono 1.681 milioni di perdite, ridotte da un utile di 72 milioni di Bpm. Solo le rettifiche sui crediti sono per oltre 2,5 miliardi, 1,6 dei quali straordinarie indicate da Bce per la fusione. Ma anche senza Francoforte ci sono rettifiche per oltre 900 milioni, più degli 800 del 2015. E tuttavia i risultati sono meno severi, se depurati delle componenti straordinarie: oltre agli 1,6 miliardi di rettifiche in più, i 200 milioni del piano esuberi, i 147 di costi d’integrazione e i 280 di taglio dell’avviamento di Banca Aletti. E tra i fatti straordinari vanno messe anche le svalutazioni per 60 milioni, il 40% delle partecipazioni nel fondo Atlante servito a salvare Bpvi e Veneto Banca, sul totale dei 150 investiti(40 sui 100 di Bpm, 19,7 sui 50 del Banco). Senza gli oneri straordinari, si diceva, l’ex Banco Popolare avrebbe chiuso il 2016 in utile per 12 milioni. Comunque ben inferiori ai 430 del 2015. Frutto anche qui di una riduzione di ricavi e margini operativi molto più severa di Bpm: il margine d’interesse cala del 14%, a 1,3 miliardi (- 2,3% a Milano), le commissioni nette del 7,5%, a 1,3 miliardi (-3,4%), i proventi operativi del 16,5%, a 3 miliardi, (-3,8% in Bpm). Sul fronte operativo di Verona vanno segnalati altri due dati. La riduzione degli impieghi di oltre 2 miliardi, da 78,4 a 75,8 miliardi.

E la progressione sui depositi, 5,8 miliardi in più in un anno, +14% da 40,6 a 46,3 miliardi, sul quale devono aver pesato anche le fughe dalle due ex venete in crisi (sul fronte Bpm la crescita è dell’11%). Ma adesso si volta pagina. Il corso del terzo polo inizia da un utile netto di 207 milioni che si avrebbe avuto senza oneri straordinari, 110 miliardi di impieghi, 116,8 di raccolta diretta e 101,8 di indiretta. «Il punto di partenza sono gli 1,6 miliardi di risultato operativo - ha detto ieri sera l’amministratore delegato, Giuseppe Castagna -. Sui risultati del Banco ha pesato nel 2016 anche l’impegno per l’aumento di capitale. Quest’anno, senza distrazioni, le previsioni di budget sono positive sul recupero di margine d’interesse e commissioni.
E i segnali di inizio anno sono incoraggianti anche sui flussi di deteriorati, in discesa del 20%. In più abbiamo quote di mercato all’11% al nord, vicine a quelle di Intesa e Unicredit, Cet1 all’ 11,42% e 21 miliardi di liquidità a disposizione». Banco Bpm può accelerare proprio grazie ai sacrifici del 2016. Il taglio di 2.500 addetti, con l’intesa sindacale, aumenta le sinergie sui costi da 460 a 490 milioni. E 170 filiali saranno chiuse già entro aprile, metà del lavoro previsto entro il 2019. E avanza anche il piano per smaltire 8 miliardi di sofferenze entro il 2019, di cui 1,7 già vendute: «Altri 900 milioni sono pronti da vendere», ha aggiunto Castagna.
Che però ha mostrato di puntare molto sui risultati della nuova divisione che gestirà i deteriorati, con 350 operatori e asset per 20 miliardi.
«Può diventare un’opportunità enorme di creare valore. Vendere non è sempre la scelta più conveniente », ha sostenuto l’Ad, ricordando che tra 2006 e 2015 Banco e Bpm hanno realizzato recuperi del 53,5%, sopra la media italiana. Poi due ultime indicazioni. Come la volontà di confermare il contratto di bancassicurazione con Unipol: «Con Cimbri (Ad Unipol, ndr) ci siamo visti e ci siamo dati sei mesi: abbiamo molta voglia di fare business insieme», ha sostenuto Castagna. Che ha escluso altri aumenti di capitale: «Non ne abbiamo necessità. Ma se dovesse servire, abbiamo tante società che possono contribuire al capitale della banca ». Da lì può arrivare un miliardo di euro.
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.369
Banco BPM: il 27 febbraio parte offerta in borsa delle azioni inoptate
Banco Bpm
Luca Fiore
23 febbraio 2017 - 18:38


MILANO (Finanza.com)

L’offerta in Borsa delle azioni Banco BPM oggetto di recesso e rimaste inoptate riguarderà 65.289.263 titoli che saranno offerti sul MTA dal 27 febbraio al 3 marzo (salvo chiusura anticipata). Delle azioni offerte, 37.578.990 derivano concambio delle azioni BP e 27.710.273 da quello BPM.
Tutte le notizie su: banco bpm, banche italia, Italia
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.369
Banco BPM corre in Borsa: requisiti patrimoniali oltre target BCE

(Teleborsa) - Ottima giornata per Banco BPM che oggi sale del 4,26% in Borsa, risultando uno dei migliori titoli del FTSE MIB, il paniere delle società a grande capitalizzazione. Venerdì sera la banca ha comunicato che i test Srep (Supervisory Review and Evaluation Process) condotti dalla BCE in qualità di organo di vigilanza, hanno indicato che la banca nata dalla fusione di Banco Popolare e BPM rispetta ampiamente i requisiti patrimoniali: l'Eurotower per il 2017 ha indicato un target prudenziale per il CET1 pari all'8,15% ed un Total Capital ratio all'11,65%. La banca "supera ampiamente tali requisiti prudenzial" in quanto vantava al 31 dicembre 2016 un Common Equity Tier 1 ratio proforma pari al 12,30% in termini phase-in (11,42% in ottica fully phased) e un Total Capital ratio pari al 14,94% in termini phase-in (13,84% in ottica fully phased). Ciò senza considerare l'effetto positivo di alcune poste, fra cui i dividendi dlele partecipate. Frattanto, prende il via oggi per concludersi il 3 marzo 2017, salvo chiusura anticipata, l'offerta in Borsa delle azioni di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano che sono state oggetto di recesso dopo la fusione che ha portato alla creazioni di Banco BPM. L'offerta in Borsa avrà ad oggetto complessivamente 65.289.263 azioni Banco BPM. Tornando alla performance borsistica, a livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all'insegna del toro con resistenza vista a quota 2,283 e successiva a 2,359. Supporto a 2,207. Le indicazioni non costituiscono invito al trading. (A cura dell'Ufficio Studi Teleborsa)
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto