Ftse Mib index: 02 ottobre 2017_Canali

Discussione in 'Piazza Affari - Indici, futures, ETF, ETC' iniziata da Mila, 2 Ottobre 2017.

    2 Ottobre 2017
  1. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
  2. 2 Ottobre 2017
  3. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    Dedichiamo questa settimana ai canali.
    Intendiamoci subito: erroneamente io li definisco di "volatilità".
    La volatilità è la misurazione della variazione dei prezzi. O dal massimo al minimo. O dall'apertura alla chiusura. O un incrocio di questi valori.
    Su di essa si applicano dei calcoli con cui si cerca di prevedere la distribuzione "media" dei valori. Altri calcoli cercano di intivare la distribuzione massima\minima dei valori.
    Dal passato verso il futuro.
    Entrano in campi concetti quali deviazione e\o varianza. Ed altri quali rendimento, rischio sistemico, coefficiente beta. Insomma, un intero mondo.
    Sulle piattaforme esistono vari modi di calcolare\interpretare la volatilità. Lo strumento più conosciuto sono le "bande di Bollinger" o il Chiaikin o il canale di Keltber
     
  4. 2 Ottobre 2017
  5. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    Ebbene, questi strumenti proposti (ma non li conosco tutti ovviamente) non mi aggradano.
    Perché?
    Perché seguono i prezzi.
    E' una curva su e giù che nel passato è perfetta. Poiché "viene fatta" coincidere con i massimi e i minimi.
    Ma nel presente futuro?
     
  6. 2 Ottobre 2017
  7. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    Noi abbiamo bisogno di qualcosa di meno veloce\sui prezzi.
    Di meno dinamico.
    Utilizziamo già le medie cicliche come strumento dinamico.
    No. Abbiamo bisogno anche di qualcosa di più statico.
    Qualcosa che stia "sempre li". E che quando viene rotto ci dia, approssimativamente, una indicazione di direzionalità.
    Se è rotto, è rotto (salvo falsi segnali).
    Non una curva che prima viene rotta e poi "magicamente" la troviamo a coincidere con i prezzi nel suo range di espressione (no mediane).
    Cosa possiamo utlilzzare a questo scopo?
     
  8. 2 Ottobre 2017
  9. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    A me sono venuti in mente i canali.
    I classici sono quelli in diagonale (mirabili i libri di De Lorenzo in materia). Definiti sostanzialmente "canali di trend", sono al contempo dei metodi naif di misurazione "statica" della variazione dei prezzi in futuro.
    A partire da un movimento passato, controllati al presente, ci si aspetta che i prezzi corrano dentro detto canale.
    E non è un modo di misurare la volatililtà futura?
    Ecco, su questo punto ho ricevuto moltissime critiche.
    A cui non posso che rispondere così: hanno ragione.
    Definire questi canali come canali di misurazione di volatilità in senso specifico è sbagliato.
    Ma in senso lato, generico e generalista,
    in modo semplicistico e senza pretese,
    non lo è.
     
  10. 2 Ottobre 2017
  11. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    Per cui da quelli in diagonale sono passato a quelli orizzontali.
    Per cui
    - chiarito che chiamarli canali di volatilità è un errore
    - io li chiamerò proprio così
     
  12. 2 Ottobre 2017
  13. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    E partiamo.
    Al solito individuiamo un minimo:
    ad esempio quello del 14 settembre
    e velocemente tracciamo alcuni canali

    Image 1.png
    Dimensioni reali 1822 x 895 - Clicca sull'immagine per ingrandire
     
  14. 2 Ottobre 2017
  15. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    Image 2.png
    Dimensioni reali 1027 x 891 - Clicca sull'immagine per ingrandire
    Image 3.png
    Dimensioni reali 1822 x 897 - Clicca sull'immagine per ingrandire
     
  16. 2 Ottobre 2017
  17. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    calcoliamo la mediana

    Image 4.png
    Dimensioni reali 1822 x 859 - Clicca sull'immagine per ingrandire
     
  18. 2 Ottobre 2017
  19. Mila

    Mila Mila

    Registrato:
    22 Aprile 2008
    Messaggi:
    59.794
    Località:
    Reggio Emilia - Padova
    calcoliamo i target.
    Essi sono sempre sia a rialzo che a ribasso. Perché?
    Lo abbiamo detto prima, sono un tentativo di determinazione dell'evoluzione dei prezzi basata sulla misurazione grafica (ma non solo) dello scostamento dei prezzi massimo\minimo in un determinato arco temporale fatto in modo "statico" (grafico).
    Al contempo sono un indicatore di trend (canali diagonali).
    L'assunto è che i target sono da considerarsi in "direzione di rottura":
    - rompiamo il bordo superiore: prendiamo quelli rialzisti
    - rompiamo il bordo inferiore: consideriamo quelli ribassisti
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina