Figa budget by Ciulo Arrapao detto "Er Canna" (1 Viewer)

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
Si avvisano i gentili lettori che il testo in questione è assai poco politically correct :smile:



Risposta ad "Asso di cuori" di Ciulo Arrapao detto "er canna"

Figa Budget.

Un concetto da tenere sempre presente è che la figa ciuccia danaro: le lunghe (e spesso inutili) telefonate al cellulare, le cene offerte, il teatro, il cinema, gli aperitivi, i km percorsi, i regalini, ecc, ecc…

Quando si devono gestire molte gnocche, il problema è proprio la gestione delle risorse monetarie, cosa che risulta assai complicata soprattutto quando si ha la “Figa” in testa.

Pertanto la prima cosa da fare, quando si conosce una nuova gnocca è budgettarla.

Dopo qualche minuto di conversazione, quando tra te e te pensi "questa forse me la faccio!", é necessario attribuire immediatamente un budget all'intera operazione: "Questa vale 90 euro", "...quest'altra vale 160 euro...", e così via...

Attenzione: in ambiente multifiga, un budget non deve influenzare l'altro, ossia nella formulazione di un nuovo budget si deve sempre ragionare in ipotesi di capacità di spesa complessiva illimitata.

Il budget deve essere parametrizzato sulla singola figa in oggetto. Quando poi nel corso dell'operazione le spese occorse raggiungono l'importo allocato a budget, si deve subitaneamente abbandonare il progetto.

L'aspetto fondamentale del Figa-budget è che si deve abbandonare il progetto sia che lei non te l'abbia ancora data, sia che tu abbia già infilato il biscotto ‘n’ volte. Nel primo caso la giustificazione é evidente: é inutile gettar via ulteriori danari in un progetto che si è rivelato troppo impegnativo.

E' tuttavia soprattutto nel secondo caso che il Figa-budget si rivela di estrema utilità… E' nel secondo caso infatti che la figa diventa economicamente pericolosa: le spese diventano incontrollabili (telefonate in fascia alta per fissare appuntamenti, corse in macchina e pedaggi autostradali per trapanarla il prima possibile, biglietti del cinema sprecati poiché si esce a metà film con la verga in tiro, ecc.).

Per la gestione del multifiga è di notevole aiuto l'utilizzo di un foglio elettronico (ad es.: Excel).

Sulle colonne si inseriscono i nomi delle varie tipe e nella prima riga l'importo allocato a budget.

Sulle righe successive si registrano tutte le spese sostenute: cene, cinema, regalini, telefonate, benzina, ecc.

Per avere la certezza di evitare di sforare erroneamente il budget, il foglio elettronico deve essere arricchito di una semplice funzionalità macro che elimina l'intera colonna quando la sommatoria sulle righe raggiunge il budget inserito nella seconda riga.

Interessanti sono le applicazioni offerte dalle nuove tecnologie: con i nuovi cellulari dotati di porta ad infrarossi è possibile programmare la macro in modo tale che, oltre ad eliminare la colonna, si cancelli anche il numero di telefono della figa dalla rubrica del proprio cellulare.

Va da sé che l'abilità consiste nel bollare la tipa di turno prima di sforare il budget…

M.R.P (mestruo respect planning)

Premessa: questo strumento gestionale è utilizzabile solo con le fighe già "conosciute".

Quando si opera in ambiente multifiga, l'attivita più complessa è la schedulazione degli appuntamenti, essendo purtroppo solo 7 le sere che la settimana ci concede. Solitamente, per evitare di rendere troppo evidente che una tipa la frequenti solo per ‘La Figa’, si deve progettare un "plan" di appuntamenti, onde raggiungere l'obiettivo finale, ossia scopare, con gradualità…

La procedura standard di approvvigionamento sesso prevede:

step1 - la chiami al cellulare e fai un po' lo splendido

step2 - la inviti a cena fuori per discorre di cose interessanti (?)

step3 - la volta dopo la porti a teatro

step4 - la terza volta la inviti a cena a casa tua così te la passi e ripassi per benino.

La procedura appena descritta è la versione standard, in quanto nella variegata realtà si affronta, ad esempio, la tipa che prima di mollartela necessita di 3 step cena-cena-cinema, c'è invece quella che necessita di 5 step cena-cinema-cena-sabatoavetrine-cena. E questo avviene ciclicamente con una periodicità quasi certa ed oggettiva. E' possibile pertanto affermare che ogni gnocca ha un suo specifico "lead-time to fuck", determinato dalle volte che esce con te prima di fartela riannusare. Il rischio concreto è di avviare tutta la procedura sopra descritta per poi arrivare al punto della cena a casa tua che lei ha il marchese: epporcozzio..!!..

Il danno causato dal dispendio di tempo e danaro per tutti gli appuntamenti intermedi è di notevole entità, soprattutto in ambiente di multifiga, ove il tempo e la risorsa più critica.

Si pensi infatti all'indubbio vantaggio di aver oculatamente avviato la procedura di approvvigionamento con una tipa che alla fine non presenti l’inconveniente ‘Mestruo’.

E' dunque assolutamente necessario conoscere i giorni del Mestruo di tutto il parco fighe di riferimento, nonché i loro specifici "lead-time to fuck".

In tal maniera è possibile definire l’M.R.P. (Mestruo Respect Planning) di ogni tipa, del tutto simile a quello utilizzato per la schedulazione della produzione.

Il risultato finale in forma grafica si presenta come un unico Gantt che indichi chiaramente con quale tempistica rifarsi vivi con ogni singola figa, al fine di evitare di concludere il ciclo di appuntamenti trovandosi una bella bustina da thé, quando le infili la mano nelle mutandine.

L' M.R.P. consente di operare in ambiente multifiga in un'ottica di ottimizzazione dei tempi di intervento ed eliminazione di fermi, garantendo cosi la massimizzazione delle trombate.
 

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
continua l'epopea di CiuloArrapao, qui la farfalla della RAI diventerebbe rossa molto rossa :smile: , ergo lettura consigliata solo ad adulti e donne dotate della giusta dose di autoironia sessista. :love:



LA DIVERSIFICAZIONE DEL PORTAFOGLIO-FIGHE
Per ottenere ‘La Figa’, ogni tipa deve essere coltivata, devi andarla a trovare, non deve essere mai trascurata, ci devi ogni tanto parlare affinché il rapporto cresca: proprio come si fa con le piante... Come ho già avuto modo di evidenziare, operando in ambiente di multifiga la risorsa più critica è il tempo, tempo da dedicare alla implementazione del rapporto nonché al successivo mantenimento. Implementazione e mantenimento richiedono entrambi una continua e ininterrotta somministrazione di piccole dosi di se stessi (es: se è una barista, ogni tanto vai a prendere il caffè da lei; se è una che le piace il cinema, ogni tanto la porti a vedere un bel film, eccetera).

E' evidente che, trovandosi in una situazione di multifiga, non ci si può esimere dall'utilizzare tutto il proprio tempo libero e talvolta anche parte di quello lavorativo.

I rischi da evitare sono sostanzialmente due.

Il primo rischio è la mancata saturazione delle proprie ore: non deve mai accadere di trovarsi ‘al palo’, sprecando tempo prezioso che si dovrebbe invece dedicare a qualche tipa. In situazione di multifiga capita che passino molti giorni prima che tu riesca a trovare il tempo per andare a ritrovare/riuscire con una figa. Pertanto è inammissibile sprecare il proprio tempo inapplicati su nessun progetto.

Il secondo rischio è la cannibalizzazione delle fighe: non deve mai accadere di aprire due progetti con le stesse caratteristiche che andrebbero sicuramente a sovrapporsi.

Si consideri l'esempio di due commesse di due negozi diversi di abbigliamento: in questo caso, infatti, ci si trova nella situazione che sono, ad esempio, le 19.00 e sei indeciso a quale negozio volgere la prora. In ogni caso, andando in un negozio si trascura la commessa dell'altro negozio.

Il rischio è quello di dimezzare la frequenza di dosaggio della propria persona, con il concreto pericolo di perdere il controllo del progetto.

Ne segue che l'approccio vincente va ricercato nella diversificazione del Portafoglio-Fighe.

La diversificazione deve essere accuratamente studiata in modo tale da evitare la cannibalizzazione delle fighe e la non saturazione delle proprie ore. Si deve diversificare tenendo presente la tipologia di figa (barista, commessa, ...), la sua territorialita (Bologna, San Lazzaro, Budrio...) e la fascia oraria di godimento (mezzogiorno, sera, notte inoltrata...).

Il procedimento da seguire per la formulazione ottima del proprio Portafoglio-Fighe deve partire da un’attenta analisi della propria settimana. Si deve stilare la lista delle proprie attività settimanali e successivamente per ogni attività si colloca il nominativo di una tipa. In tal maniera si ha la certezza di avere una ed una sola figa per ogni occasione.

Esempi: la figa del bar per la colazione quando vai nella parte est della provincia, la figa del bar per la colazione quando vai nella parte ovest della provincia, la figa della trattoria del tal paese (per quando ci si trova in tal paese), la figa per l'aperitivo serale, la figa che stacca alle 19.30, la figa che stacca alle 20.00, la figa ancora studentessa che quando hai un pomeriggio libero dal lavoro chiami sicuramente lei, la figa che fa la cassiera al supermercato, la figa che quando ha la casa libera ti fa la torta la domenica pomeriggio, la figa per il cinema, la figa per l'aperitivo, la figa per andare allo Stadio o al Palazzo, la figa commessa per quando fai la vasca in Galleria Cavour, la figa per la Festa dell'Unita, la figa per la sagra del risotto, la figa per fare il giro delle librerie quando devi regalare un libro, la figa per uscire a cena in trattoria, la figa per quando hai voglia di cenare a casa, la figa da videocassetta sul divano, la figa per andare a prendere il sole due orette a Milano Marittima la figa per andare a sciare, la figa per fare un giro in vespa, eccetera,eccetera.

LA FIGA-PIVOT
Il concetto di figa-pivot si applica come risolutivo nel caso in cui non si riesca a saturare la propria capacità oraria giornaliera su progetti di Figa.

La mancata saturazione può avvenire nel caso in cui non si riesca a mantenere, nel tempo, una corretta diversificazione del Portafoglio-Fighe, oppure nel caso in cui una figa inaspettatamente si renda indisponibile per una attività che tu avevi gia dato come certa e schedulata, e quindi rischi di rimanere ‘al palo’ per tutta la sera.

Questo secondo caso, si avvera frequentemente proprio quando la diversificazione del portafoglio-fighe è stata ottimizzata all'estremo, rendendo l'intero sistema rischiosamente fragile.

Per contrastare tale rischio è necessario mantenere nel proprio parco fighe una figa-pivot.

La figa-pivot è quella tipa che ha talmente voglia di "membro" che si rende disponibile in qualsiasi momento tu la chiami, per qualsiasi profilo di serata, anche se è da secoli che non ti fai più vivo.

L'utilizzo della figa-pivot si rivela essere di grande utilità soprattutto in situazioni estreme, ad esempio: a) quando sono le 20.45 e non hai ancora pianificato la serata perché hai aperitivizzato a lungo con gli amici; b) quando alle 21.05 inaspettatamente ti telefona la figa titolare della serata dicendo che suo fratello ha preso la macchina e pertanto non può uscire; c) quando hai intenzione di andare a teatro a vedere una cosa che sai a priori che fa schifo e ti dispiace costringere una poveretta ad assistere alla rappresentazione, anche perché se ne può avere a male con il rischio che poi non te la dia, ritenendoti un deficiente che l'hai portata a teatro anziché al cinema a vedere "Vacanze di Natale 2003".

In questi casi la figa-pivot, denominata anche figa interstiziale, si inserisce nei buchi lasciati liberi dalle altre fighe, garantendoti la saturazione delle ore e il proseguo della settimana senza soluzione di continuità sessuale.

Per operare in regime di certezza assoluta, è fondamentale essere sempre dotati di non meno di due o tre fighe-pivot: nel caso accidentale che una non si renda disponibile entro i 10 minuti dalla chiamata, ci si rivolge alla seconda o alla terza.

Proprio perché la figa-pivot é investita di un ruolo strategico che trova la sua funzionalità nel tempismo della chiamata/disponibilità, la scelta della figa da adibire a tal ruolo deve essere condotta oggettivamente, sulla base della capacita di ricezione di campo del suo cellulare.

Nota: l'aspetto piacevole della figa-pivot risiede nel fatto, constatato nella pratica, che spesso la tipa, essendo solitamente una ninfomane che ci sta sempre, é specializzata in una personale pratica che le dà particolare piacere, ad esempio: la pompa con ingoio, la masturbazione con vegetale (carota, cetriolo, zucchina…) il sesso anale, l'amplesso culinario, ecc...).

Pertanto oltre che risolverti una serata che altrimenti andrebbe perduta, la serata stessa si confeziona spesso in maniera molto simpatica.

INDICATORI DI PERFORMANCE: PAYBACK, ROI, ROE
Quando ci si trova di fronte a un parco fighe eccessivamente numeroso, è bene dotarsi di strumenti oggettivi di valutazione, in modo da potere operare in condizioni di soggettività limitata.

Gli strumenti più semplici sono il Payback, il ROI e il ROE, ognuno dei quali evidenzia uno specifico aspetto della figa in oggetto.

Tali parametri sono di fatto degli indicatori di tipo consuntivo, ossia sono rilevabili solo dopo aver castigato la passera.

Tuttavia, la loro costante misurazione consente di sviluppare delle personali doti di tipo previsionale, che possono rivelarsi utili qualora ci si trovi costretti ad operare delle drastiche scelte di aborto progetto in caso di sovrasaturazione del Parco Fighe.

Il Payback
Il Payback indica il periodo di tempo che intercorre dal momento t1 in cui hai deciso di farti la figa al momento t2 in cui lei ti molla la prugna.

Attenzione: come unità di misura è preferibile utilizzare le ore e non i giorni, in quanto la realtà - che supera di molto la fantasia - ci pone di fronte a fighe con Payback anche di sole 3 ore.

Il Payback è certamente lo strumento più grezzo in quanto non considera la qualità della trombata, né gli sforzi condotti per l'ottenimento della passera in questione.

Tuttavia è di grandissima utilità come parametro previsionale, quando si deve decidere se avviare un progetto.

Per quanto detto sopra è possibile, quando si conosce una nuova figa, stimare il suo Payback.

Tale capacita previsionale è nel maschio più diffusa di quanto non si pensi.

Generalmente, operando in ambiente multifiga, sono decisamente da preferire le fighe con payback minore.

Il ROI
Il ROI (Return On Investiment) tende a misurare la qualità della prestazione sessuale offerta a fronte degli investimenti di tempo o danaro fatti.

Ad esempio: se porti fuori a cena una tipa pagando il conto, e durante la cena le fai un regalino (es. un libro di cui la volta prima si era accennato), prima di cena hai comprato in una farmacia aperta per turno i preservativi pagando il sovraprezzo per l'apertura post-orario, e inoltre, per ottenere l'appuntamento, hai passato precedentemente due ore al cellulare, e quella sera che era l'unica per lei libera davano a teatro una cosa imperdibile a cui ha dovuto tuo malgrado rinunciare... dopo tutto questo non ci si può certo accontentare di una semplice sega “...perché, sai, non ci conosciamo ancora bene...!” Sarebbe una profonda ed esecrabile ingiustizia… Questa brutta figa ha un ROI decisamente basso.

Viceversa c'è quella figa che già la prima sera, dopo che l'hai portata a vedere il film che volevi tu, facendole pagare pure il biglietto, questa ti dà il culetto e poi te lo succhia che ti trovi le palle sotto vuoto.

Questa seconda tipa invece ha un buon ROI, migliorabile, ma senz’altro elevato.

Il ROE
Il ROE (Return On Equity) misura il ritorno del capitale proprio, inteso come capitale sentimentale.

Il ROE è molto simile al ROI, tuttavia è di più rara applicazione, in quanto la differenza tra i due indicatori risiede nell'applicabilità in relazione alla tipa di riferimento.

Il ROE si applica alle fighe su cui si fanno progetti "seri", ossia a quelle fighe di cui ci si sta per innamorare.

Al numeratore anziché computare la qualità del rapporto meramente sessuale, si deve porre il feeling-back che la figa ti ritorna a fronte di investimenti sentimentali condotti.

Ad esempio una notte passata a pensarla, trombare un'altra ma pensare a lei e cose di questo genere, indicano che la figa in oggetto tende ad avere un ROE elevato.

E' interessante notare come nella realtà capiti di conoscere nuove fighe e a priori stimare su di esse un ROE alto e contemporaneamente un ROI basso.

Per non fare confusione tra i due indicatori si può prendere a riferimento la seguente legge di natura empirica: se quando pensi alla tipa la prima cosa che ti viene in mente è quella di portarla venerdì sera a pattinare a Rastignano, allora significa che ha un ROE elevato ed un ROI basso, se invece ti capita spesso di pensare di eiacularle in faccia, allora significa che ha un ROI elevato ed un ROE basso.

LA LEVA FINANZIARIA
Talvolta capita di rendersi conto che il progetto su cui si sta lavorando non viene portato a casa, cioè la tipa fa la difficile, se la tira più del previsto ma soprattutto più del dovuto e probabilmente la prossima volta che la chiamerai non vorrà uscire, tirando fuori una delle sue scuse a magazzino.

In questi casi è opportuno vincolare la tipa, ossia obbligarla ad uscire ancora una volta con te, in modo da avere un'ulteriore chance, che verrà vissuta con un approccio del tipo "o-la-và-o-la-spacca".

Il metodo più sicuro per far sentire una tipa in obbligo ad uscire con te è la Leva Finanziaria, che consiste nel far pagare a lei qualsiasi cosa si stia facendo o si abbia intenzione di fare.

Qualche semplice esempio: farsi pagare il cinema mostrando che hai solo una banconota da 100 euro; farsi pagare la pizza dicendo che hai lasciato il portafoglio in macchina, tanto sai che poi in macchina non le darai i soldi perché la tiritera patetica del "tieni / no dai me li darai / no guarda tieni / lascia ho detto lascia" verrà abilmente conclusa al punto che tocca a te dire "tieni" e invece dirai "ok, la prossima volta offro io".

In questa maniera la poveretta, che già è orgogliosa al punto da tirarsela, si trova in una situazione di credito e vorrà certamente uscire nuovamente per pareggiare i conti.

La volta successiva che si esce, sapendo ormai che è una brutta suora che se la tira, la serata dovrà essere pianificata in modo da trovarsi nella condizioni di provarci prima di spendere danari di tasca propria (es.: passeggiata serale sui colli), trattandosi oggettivamente di investimenti ad alto rischio di non redditività.

Questo strumento gestionale, se sapientemente utilizzato, è di notevole interesse in quanto conduce la situazione a proprio vantaggio in ogni caso: se lei ci sta, avete ottenuto ciò a cui ambivate; se lei non ci sta, ci avete guadagnato il cinema o la pizza della volta precedente.

Nota 1: Qualora vi risulti eticamente difficile il non tirar fuori il portafoglio alla cassa, la Leva Finanziaria può essere attuata anche con oggetti di natura non monetaria ma affettiva, ad esempio: una cassetta difficile da reperire che lei ha e gliela chiedi a prestito per poterla duplicare (anche se in realtà non te ne frega niente); un suo libro (meglio se di quelli sottolineati) a cui fai finta di essere interessato, ecc.

Funziona anche con cose molto più banali, tipo un ombrello o oggetti similari.

Per recuperare l'oggetto, la poveretta è costretta ad accettare un tuo nuovo invito.

Nota 2: Attenzione a non commettere il grave errore di trovarsi nella situazione di figa-che-se-la-tira e, invece di attuare la potente Leva Finanziaria, si utilizza un altro strumento gestionale quale l'Indebitamento Produttivo, che si è ormai rivelato altamente obsoleto e inefficace.

L'Indebitamento Produttivo trovava larga applicazione soprattutto negli anni ‘60 e, nella nostra epoca, trova una qualche applicazione efficace solo tra i diciannovenni che ci provano con le fighette sedicenni.

L'Indebitamento Produttivo è in pratica l'opposto della Leva Finanziaria e consiste nel fatto di elevare il tasso della propria spesa qualora si rilevi che la figa non molli la prugna, ad esempio offrendole la cena in un ristorantino molto carino ma molto costoso; invitandola a trascorrere una giornata a Venezia, prestandole il proprio cellulare per telefonare alle sue amiche, eccetera…

Il ragionamento erroneo sottostante è del tipo: io le faccio vedere quanto generoso sono e poi lei fa la generosa e me la dà… Questo ragionamento poteva funzionare solo negli anni ‘60 o appunto tra tardo adolescenziali neopatentati.

Oggigiorno infatti per quanto ci si dimostri generosi e capaci di spesa, la figa in questione è già stata sicuramente oggetto di generosità ben superiori delle vostre, da parte di qualche altro povero imbecille prima di voi, e pertanto se ha deciso di non mollarvela non sarà certo il conto del ristorante a farle cambiare idea.

( dall'angolo del ribaldo, borsari.it)
 

Lupo Alberto

Nuovo forumer
Registrato
4 Gennaio 2001
Messaggi
47
Località
Roma, Italia
Uno dei migliori post di questo forum....Complimenti! :D
Posso copiarlo e incollarlo sul mio pc? Dai tuoi eminenti studi, a quanto ammonta il valore massimo di multifiga gestibile?
 

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
per parcondicio è spuntato fuori un angolo della ribalda, ma non c'è partita :D date anche le difficoltà di comprensione linguistica :-? :p

MEDICAMENTO PELIGROSO (Sunay Montero de Cuba)


El Ministerio de Salud, preocupado por el uso inadecuado de algunos medicamentos, emite este comunicado al público para aclarar los siguientes puntos a las mujeres:

Producto: HOMBRE


Indicaciones: Hombre es recomendado para mujeres portadoras de SMS (Síndrome de Mujer Sola). Hombre es eficaz en el control del desánimo, la ansiedad, irritabilidad, mal humor, insomnio, etc...
Posología y Modo de empleo: Hombre debe ser usado dos veces por semana.
No desapareciendo los síntomas, aumente la dosis o... consiga otro.
Hombre también es apropiado para uso externo.
Precauciones: Manténgalo lejos del alcance de las amigas. (OjO) Manipule con cuidado, porque Hombre explota Bajo presión, principalmente cuando se asocia con alcohol etílico. Es desaconsejado el uso inmediatamente después de las comidas. Conducta en caso de Sobredosis: El uso excesivo de Hombre puede producir, torcimientos, contracturas lumbares, etc.Se recomienda reposo.
Efectos Colaterales: El uso inadecuado de Hombre, puede acarrear gravidez y accesos de vómito. El uso concomitante de productos de la misma especie puede causar aburrimiento, fatiga crónica y en casos extremos lesbianismo.
Plazo de Validez: El número del lote y la fecha de fabricación, se encuentran en la cédula de Identidad. Y en la tarjeta de crédito. No use Hombre si está vencido.
Composición: Agua, tejidos orgánicos, hierro y vitaminas del complejo P.
Atención: No contiene repelente de mujeres.
Cuidado: Existen en el mercado algunas marcas piratas, el embalaje es de excelente calidad, pero luego de abierto se verifica que el producto no hará efecto ninguno. Por el contrario, además de no ser eficaz en el tratamiento de las mujeres que sufren SMS, puede agravar los síntomas y hasta inhibir el efecto del medicamento correcto.

INSTRUCCIONES PARA EL PERFECTO FUNCIONAMIENTO DE HOMBRE
a.. Al abrir el paquete, ponga una cara neutra: no se muestre muy complacida con el producto. Si se siente muy seguro de sí, Hombre no funciona correctamente.

b.. Consérvelo en lugar fresco (que no sude demasiado)y seguro (no se olvide que es el sexo débil). Déjelo fuera del alcance de esa vecina conversadora y sonriente. Puede hacer estragos en su producto.

c.. Para motivarlo, bastan unos besitos en el cuello por la mañana.

d.. Para desmotivar, provea una noche de sexo. Él dormirá hecho una piedra y no dirá ni buenas noches (la falta de educación es un defecto de fábrica).

e.. Prográmelo para firmar los cheques sin hacer muchas preguntas.

f.. Cargue las baterías tres veces por día: café de mañana, almuerzo y cena. Mas que eso provoca gordura indeseable.

En caso de defecto, algunas tácticas acostumbran dar resultado:
Comience escondiendo el control remoto.
Si la falla persiste, cancele el fútbol de fin de semana y las reuniones con los amigos.
Las cosas que sabe hacer bien (cambiar lámparas, abrir latas en general, cambiar ruedas, cargar bolsas, colgar cuadros de la pared, cambiar canillas, duchas y lustrar zapatos) deben ser estimuladas.
Atención:
Hombre no tiene garantía y todos los especimenes están sujetos a defectos de fábrica, como dejar la toalla mojada en la cama, orinar la tapa del inodoro,hacer vagancia, desordenar las cosas, criticar, reclamar, autoexaltarse, beber demasiado, comer cebolla, olvidar fechas de aniversario, roncar, etc....

La solución es ir cambiando hasta que se halle el modelo ideal, y según informan recientes pesquisas, aún no fue INVENTADO; pero nada cuesta intentar. A veces es necesario besar 400 ranas antes de encontrar al príncipe encantado.

Mucha suerte y prueben con los Genéricos!!.
Sin envase deslumbrante ni marca conocida.
Quizá por su simpleza sean la mejor opción!!!
 

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
Lupo Alberto ha scritto:
Uno dei migliori post di questo forum....Complimenti! :D
Posso copiarlo e incollarlo sul mio pc? Dai tuoi eminenti studi, a quanto ammonta il valore massimo di multifiga gestibile?
il valore massimo è stato raggiunto negli anni '60 da tale Fonzarello
la cifra nuda e cruda non la posto per non far impallidire nessuno al confronto :-o :rolleyes: :cool:
 

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
Estratto dal libro Asso di cuori
Capitolo 8: Le tre qualità vincenti in azione
Vediamo una tipica scena: andate al primo appuntamento, determinati a fare del vostro meglio per sedurla (tanto per parlarci chiaro, volete portarvela a letto).

Lei arriva con trenta minuti di ritardo e voi l’accogliete prostrati ai suoi piedi, come fosse la Madonna delle Grazie.

Pessimo inizio: vi state comportando come uno che non si rispetta e quindi non si fa rispettare; in pratica, avete cominciato a svendervi subito.


Appena arriva dovete dirle: “Stavo per andare via, pensavo non venissi più.” Quindi state zitti ed aspettate che sia lei a giustificarsi: vi racconterà una cazzata qualsiasi, ma avrà capito che la prossima volta ve ne andrete davvero.

Quindi, magari balbettando, le chiedete: “Dove andiamo?”

Non ci siamo, giovinotti: siete voi a dirigere il gioco e dunque avrete già stabilito il programma della serata; la portate in uno dei migliori ristoranti della zona, come fosse una delle cose più normali del mondo.

Per favore evitate domande tipo: “Preferisci mangiare carne o pesce? Preferisci un posto al mare o in collina? Preferisci una trattoria alla buona o un ristorante di lusso?”

Voi siete padroni della situazione e lei non deve pensare assolutamente a niente, deve solo affidarsi a voi: siete o non siete l’uomo sicuro di sé che lei si attende?

Durante la cena cominciate a parlarle di voi: di quanta marmellata avete rubato quando eravate piccoli, di come giocavate bene a pallone, di quanto siete bravi a suonare la chitarra e di tutte le peggiori nefandezze, tragicamente noiose, che vi passano per la testa.

Alla fine lei saprà tutto di voi e… non le interesserete più.

Capito perché?

Primo perché non siete così interessanti come pensavate e secondo perché vi siete tolti quell’alone di mistero che vi circondava prima che vi lanciaste in quella sciagurata serie di cazzate a go-go.

Le donne adorano gli uomini misteriosi e, quindi, mai e poi mai dovrete parlare di voi se non per mezze parole, allusioni, piccoli accenni, in modo da aumentare la sua curiosità.

Durante la cena, invece, parlate di lei, fatele domande, ascoltatela (le donne impazziscono quando qualcuno ascolta le stronzate che raccontano) e dimostratevi interessati a tutto ciò che esce da quella deliziosa boccuccia di rosa. Otterrete il doppio risultato di farla sentire bene (perché finalmente ha trovato qualcuno che l’ascolta con attenzione) e di aumentare il mistero che vi circonda (continuerà a non sapere niente di voi).

Quando lei penserà a quella cena con voi, sarà pervasa da un senso di grande benessere e da un forte desiderio di rincontrarvi: vorrà scoprire di più su di voi e, sotto sotto, le piacerebbe continuare a parlarvi di sé.

Oltre ad ascoltare ciò che dice, siate simpatici, allegri e positivi: fatela sentire bene e a suo completo agio.

Non parlate male di nessuno (se lo fate penserà che, prima o poi, parlerete male anche di lei) e sprizzate gioia e simpatia da tutti i pori.

Non fate alcun accenno al sesso, non guardatela con occhi traboccanti di sperma e non toccatela con malizia.

Alla fine della serata accompagnatela a casa, promettete di richiamarla e lasciatela andare a dormire senza alcuna richiesta aggiuntiva.

Quindi fate passare qualche giorno (non volete che pensi che sia l’unica cosa importante della vostra vita) e richiamatela.

Vedrete che a quel punto sarà pronta a tutto.

Capito come sono state gestite le tre qualità più importanti (sicurezza, mistero e simpatia)? Capito perché, molto spesso, i primi appuntamenti sono trappole senza scampo?

Se invece di mostrarvi sicuri di voi esitate, darete l’impressione di uno che ha bisogno di essere “sostenuto” e le donne, molto francamente, non amano questi tipi di bacchettoni.

Se le fracassate il sistema nervoso con tutte le storie (vere o inventate) della vostra vita, la deluderete profondamente, perché scoprirà che siete un pirla ai sensi di legge e non avrà più bisogno di andare oltre nella ricerca su di voi.

Se, infine, comincerete a parlarle dei massimi sistemi, dell’arte della guerra e dei papiri del mar Morto, la farete annoiare talmente tanto che, appena vedrà il vostro numero sul display del suo cellulare, preferirà suicidarsi piuttosto che rispondervi.

Sembra così semplice e, invece, sono pochi quelli che sanno condurre il gioco in questo modo: la stragrande maggioranza commette quasi tutti gli errori insieme e, difatti, raramente consegue un risultato apprezzabile.

Estratto dal libro Asso di cuori

Barone di Scarpello


Capitolo 7: Cosa vogliono le donne?
Le donne sono bravissime a raccontarsi grandiose… palle!
Chiedetegli cosa preferiscono negli uomini e vi diranno: i sentimenti che hanno dentro al cuore, la capacità di capire ed ascoltare la loro donna, la tenerezza, e via con altre stronzate dello stesso calibro.

Presentategli un tipo che abbia quelle caratteristiche e vedrete che… manco lo cagano!

Ma allora cosa cercano le donne in un uomo?

Fondamentalmente tre cose:

1. sicurezza;

2. mistero;

3. simpatia (capacità di farle divertire).

Se avete queste tre qualità, le donne non sono un problema per voi; se non le avete, dovrete acquisirle (diversamente continuerete a fare “sesso solitario” per il resto della vostra vita).

Dopo queste “qualità” primarie ci sono, in ordine di importanza, le altre:

· bellezza fisica;

· igiene;

· soldi;

· potere;

· notorietà;

· senso dell’umorismo;

· virilità;

· carisma;

· stile;

· intelligenza;

· romanticismo.

Se pensavate ad altro, ricredetevi: tutte le altre qualità che pensate di avere, per loro (le donne) contano come il due di coppe quando briscola è a denari.

A questo punto, attribuitevi onestamente un punteggio da 1 a 10 per ognuna delle 14 “qualità” prima elencate: se otterrete complessivamente meno di 80, avrete la giustificazione più matematica possibile del perché non riuscite ad “acchiappare” le più belle donne che incontrate lungo il cammino della vostra vita. In altri termini: le probabilità vi sono nettamente contrarie.

Non disperatevi però: a tutto c’è rimedio.

.

Estratto dal libro Asso di cuori
 

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
PRINCIPI MATEMATICO-FISICI DELLA DONNA

Primo Teorema:
La probabilità che una donna sia consenziente quando un uomo tenta di baciarla è uguale a quella che lei dica di si nel caso in cui lui si dichiari a parole.
Corollario: Quando si ritiene necessario parlare, chiarire, indagare, significa che in realtà lei non ci sta (e non ci starà mai, neanche dopo un sermone).

Secondo Teorema:
Preso l'insieme delle donne ed ordinato in modo crescente secondo malignità e fatto altrettanto con quello degli uomini, risulterà sempre che la n-esima donna è piu stronza dell'n-esimo uomo.
Corollario: Almeno di un ordine di grandezza.



Terzo Teorema:
La capacità di reazione delle donne alla luce verde di un semaforo è trascurabile.

Quarto Teorema:
Con la fede si raggiungono obiettivi inimmaginabili. Provate a vedere quante donne riuscite a rimorchiare con l'anello nuziale al dito!

Quinto Teorema:
Le ex sono come i peperoni: dopo un po' si riaffacciano.

Sesto Teorema:
La capacità decisionale delle donne è casuale.

SettimoTeorema:
Condizione necessaria e sufficiente affinchè un discorso con una ragazza porti nell'uomo un eccesso di produzione di bile ed acido lattico è che lei usi l'incipit "Ti devo parlare...".

Ottavo Teorema:
Ipotesi: Un ragazzo R si innamori di una ragazza S e riesca a conoscerla.
Tesi: Date n amiche di S e classificate in ordine di bellezza, la probabilità che un'amica di S si innamori di R è inversamente proporzionale all'ordine in cui compare nella classifica.

Teorema fondamentale sull'amicizia tra ragazzo e ragazza:
Non esiste.
Appendice: L'amicizia tra ragazzo e ragazza esiste allorquando lui continui a frequentarla dopo averci provato ed aver fallito, nella speranza che almeno lei gli presenti le sue amiche.
Appendice all'appendice: Oppure nella speranza che almeno una sera si ubriachi.

Secondo principio della termodinamica:
Il disordine nell'Universo tende ad un valore massimo.
Appendice - Se nella vita di un uomo entra una donna, lo supera.


Barone di Scarpello
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto