Enel (ENEL) enel la gallina dalle uova d'oro e regina del mib30 (1 Viewer)

nipotino nonno nasdaq

Nuovo forumer
Registrato
27 Aprile 2002
Messaggi
35
e' cosi' e' ingabbiata anche se si va a 18000 questa i 4 euro non li perde nenche morti e intanto si intasca il dividendo aspettando tempi migliori , e' una banca al 7% annuo :cool:
 

rainman

ero timido
Registrato
6 Gennaio 2000
Messaggi
1.953
Località
Italia
nipotino nonno nasdaq ha scritto:
e' cosi' e' ingabbiata anche se si va a 18000 questa i 4 euro non li perde nenche morti e intanto si intasca il dividendo aspettando tempi migliori , e' una banca al 7% annuo :cool:
Perchè non li perde? illuminaci.
Magari andasse a 4 sarebbe il miglior investimento sicuro futuro.
Ciao
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.189
è un titolo difensivo che non difende che crede in lei.

quando il mkto sale le non lo fa
quando il mercato scende le lo fa!

ergo è un titolo difensivo che difende il ribasso

avrà pure un buon dividendo però lo paghi con perdite in conto capitale :sad:
 

rainman

ero timido
Registrato
6 Gennaio 2000
Messaggi
1.953
Località
Italia
tontolina ha scritto:
è un titolo difensivo che non difende che crede in lei.

quando il mkto sale le non lo fa
quando il mercato scende le lo fa!

ergo è un titolo difensivo che difende il ribasso

avrà pure un buon dividendo però lo paghi con perdite in conto capitale :sad:
Premessa: come titolo è veramente una schifezza.
Ma poniamo il caso di averlo dal collocamento, e aver mediato varie volte in occasione di pesanti ribassi ( ora in media a 5,92) in alternativa a un investimento es. piano pensione, oppure dei BPT, o quello che si vuole. Avendo a questo punto scontato una buona parte di trend al ribasso, perchè Enel ha comunque seguito il trend in atto, da questo momento o comunque in un tempo ragionevole che permetterà di incrementare a prezzi ancora più bassi, mi chiedo se sarà veramente stato un pessimo investimento. Io credo di no!
Naturalmente potrei sbagliare, ma sicuramente non sbaglerebbe chi iniziasse ad accumulare fin da ora. L'ultima parte del grafico è accumulazione o distribuzione? Mah! voi che ne pensate?
Ciao
 

Giovanni Solinas

Nuovo forumer
Registrato
1 Gennaio 2001
Messaggi
185
Località
Sassari
Copio ed incollo dai miei appunti.




L'evolvente parabolica di supporto dell'indicatore RSI è stata violata. Si è formato anche un Pull Back ribassista che potrebbe risucchiare verso il basso il titolo verso i 4 euro.



Ridisegnata l'evolvente parabolica di resistenza che ora sembra più armonica adattandosi meglio all'andamento del grafico. L'indicatore RSI è ancora negativo.



La conformazione ribassista assunta dal grafico di ENEL è chiara: violazione del triangolo; violazione al ribasso del canale parabolico acuto con relativo Pull Back; indicatore RSI conferma la violazione al ribasso e il successivo Pull Back.

Io sono investito put. Per chi non opera con i derivati tenere questo titolo in portafoglio è un suicidio.
Saluti.
Giovanni Solinas
 

generali1984

Forumer storico
Registrato
21 Febbraio 2002
Messaggi
3.388
Località
Campagna Marchigiana
nipotino nonno nasdaq ha scritto:
penso che sia l'investimento sicuro per i prossimi due anni di turbolenze dei mercati finanziari

Se i prossimi due anni saranno di turbolenza ,
(non so per il 2004 , ma il 2003 non lo vedo bene)
l'investimento sicuro è essere liquidi .


Cordiali saluti
 

nipotino nonno nasdaq

Nuovo forumer
Registrato
27 Aprile 2002
Messaggi
35
sigr generali stia tranquillo che enel dara' delle soddisfazioni enormi , io incamero il rendimento che e' piu' alto sicuramente dei bot e a sti prezzi sicuramente enel tra qualche anno non ci sara' sicuramente anche se andra' giu' sono sicuro che tra qualche anno questi prezzi li rivedremo sicuro il rischio e' molto basso , poi se uno li vuole mettere sotto il materasso allora e' un'altro discorso :-D :cool:
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.189
nipotino nonno nasdaq ha scritto:
sigr generali stia tranquillo che enel dara' delle soddisfazioni enormi , io incamero il rendimento che e' piu' alto sicuramente dei bot e a sti prezzi sicuramente enel tra qualche anno non ci sara' sicuramente anche se andra' giu' sono sicuro che tra qualche anno questi prezzi li rivedremo sicuro il rischio e' molto basso , poi se uno li vuole mettere sotto il materasso allora e' un'altro discorso :-D :cool:
caro nonno sono stupita :-o
anch'io ragionavo così qualche tempo fa
poi un suo nipotino mi ha chiarito i concetti :p

non si può comparare i BOT con le azioni, in quanto i con i BOT non vi sono perdite in conto capitale (è per questo che si accettano rendimenti così bassi) mentre con le azioni abbiamo imparato che questa è una dura realtà.
ENEL è stata una vera delusione; è un titolo difensivo che difende gli short e niente altro
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.189
adesso le faccio un copia-incolla

L’oro nella seconda fase del mercato bull

(18/12/02) Nel panorama italiano siamo stati tra i primi, o forse i primi in assoluto, a segnalare la nascita del mercato bull dell’oro. Il nostro articolo del cinque febbraio 2002 (il sesto in ordine cronologico sugli oltre 140 da noi pubblicati) rimane ancora sulla home page. Nel corso dei mesi abbiamo trattato l’argomento con altri articoli che adesso abbiamo deciso di raccogliere, per facilità di consultazione, sotto una nuova sezione del menù di sinistra intitolata Commodities.

Siamo dell’idea che i mercati finanziari, azionari e obbligazioni, abbiano di fronte anni molto difficili. Mentre da oltre due anni quasi tutti gli esperti continuano a urlare e a sprecare fiato e parole sulla fine del mercato bear, il mercato delle commodities è in rialzo, da inizio 2002, di oltre il 25%, e sta dando agli operatori un segnale importante che ancora molti investitori stanno invece trascurando o sottovalutando.

Oltre l’oro ci sono altre commodities che meritano attenzione come petrolio, argento e natural gas, e non mancheremo di parlarne. Finora ci siamo dedicati solo al metallo giallo per il semplice motivo che per millenni esso ha rappresentato la moneta migliore di ogni sistema economico e ancora attualmente si contraddistingue come l’unica vera riserva di valore a fronte della quale non esiste debito.

Dopo la bubble e gli eccessi degli anni novanta, le economie abbondano oggi di debiti di ogni sorta, che in certi casi vengono confusi addirittura come fonte di ricchezza reale. Persino la moneta cartacea rappresenta un debito e, per quanto l’emittente (la banca centrale) non abbia alcun problema a metterne in circolazione quantità illimitate, le iniezioni di liquidità e gli sforzi massicci sostenuti per cercare di rilanciare le economie ne diminuiscono inevitabilmente il valore.

A nostro avviso l’aumento del prezzo dell’oro è riconducibile in gran parte a questa componente, per quanto le tensioni sulla situazione geopolitica internazionale stanno contribuendo a spingerlo con maggiore forza verso nuovi massimi. La debolezza del dollaro sembrerebbe spiegare la totalità del movimento rialzista dell’ultimo periodo, ed è attraverso questa chiave di lettura che vengono montate con un certo imbarazzo tutte le spiegazioni mirate a liquidare il rialzo dell’oro come cosa di poca importanza, piuttosto che come anomalia quasi stravagante, o infine come un rialzo destinato a esaurirsi entro breve. Ad esempio, ieri, Cramer di realmoney.com parlava di un possibile crash del prezzo dell’oro con la stessa esuberanza con la quale l’anno scorso recitava il suo ritornello “Don’t Fight the FED”, ritornello smentito clamorosamente dai fatti e dai numeri degli ultimi due anni.

A nostro avviso, quindi, tensioni geopolitiche e debolezza del dollaro rappresentano solo gli elementi catalizzatori di un mercato bull che in realtà trova radici e spiegazioni molto più realistiche come quelle che abbiamo citato.

Se prendiamo i grafici dell’oro in termini delle tre principali valute mondiali possiamo notare infatti che in tutti e tre i casi ci troviamo di fronte a un mercato bull con potenzialità che potremmo definire esplosive.

Molti avranno presente solo il grafico in termini di dollari, una tazza con manico che tecnicamente si presenta come un pattern estremamente bullish. Il manico è stato completato con il ritracciamento iniziato a maggio e la settimana scorsa si è avuta la rottura che lo ha spinto sui massimi degli ultimi 5 anni:


Fonte: Bloomberg

Se prendiamo il grafico dell’oro in termini di Euro, notiamo invece che il mercato bull è cominciato molto prima di quello presente sul grafico in dollari (settembre 1999 contro aprile 2001), ovvero il giorno dell’accordo quinquennale di Washington in cui le banche centrali europee si impegnarono a limitare le vendite delle proprie riserve in oro.


Fonte: Bloomberg

Infine in termini di Yen, il mercato bull è cominciato a fine 2000 e di recente si è riportato sulla resistenza rappresentata dai massimi di inizio anno, in una sorta di consolidamento simile al manico disegnato sul chart in dollari.


Fonte: Bloomberg

Riteniamo che anche qualora la discesa del dollaro verso le altre valute dovesse interrompersi, l’oro sarà in grado di mantenere la propria forza verso ogni moneta cartacea, continuando in tutti e tre i grafici il proprio movimento rialzista. Considerandolo di fatto una moneta come le altre, non c’è ragione per cui dovrebbe continuare ad apprezzarsi solo in termini di dollari e non anche di euro e di yen. Sicuramente il dollaro è la valuta che in questo periodo mostra maggiori difficoltà, tuttavia anche le altre due divise presentano una serie di problemi legati sia alle economie nelle quali circolano sia alla gestione stessa da parte delle banche centrali, che di fatto le rendono molto deboli verso l’unica vera riserva di valore disponibile universalmente.

I tre grafici mostrano e spiegano in modo eloquente questa chiave di lettura. In senso stretto l’oro non è un investimento in quanto non produce niente. Di fatto però è l’unica moneta che, dopo oltre 20 anni di mercato bear, si sta rivelando da quasi due anni quella vincente e che, meglio delle altre, rappresenta uno strumento a difesa del valore, del capitale e del risparmio. Chi compra oro in questo momento, quindi, lo fa principalmente:

- come protezione contro l’inefficacia degli sforzi delle banche centrali che alla fine dei conti si risolve in una diluizione di valore della valuta cartacea in circolazione;
- come assicurazione contro il mercato bear attuale, di probabile estensione pluriennale, avvicendatosi in maniera del tutto naturale al mercato bull (azionario ma anche obbligazionario) più lungo ed eccessivo della storia;
- come investimento in senso improprio. Abbracciando l’opinione che l’oro sia sottovalutato rispetto alle altre valute o agli assets finanziari, è naturale ritenere che esso possa continuare ad apprezzarsi nel prossimo futuro.

Il mercato bull degli ultimi venti anni ha portato a uno squilibrio tra la domanda e l’offerta sia tra gli asset finanziari che tra le commodities. Tra i primi prevale oggi un eccesso di offerta. Tra le seconde prevale invece, in molti casi, una scarsità di offerta.

In termini di domanda e offerta la fine di un mercato bull si concretizza nella presenza di una domanda inferiore all’offerta. I prezzi pertanto scendono. Contrariamente, l’inizio di un mercato bull si concretizza come una domanda che ha cominciato a superare l’offerta. E’ esattamente quello che è successo rispettivamente sui mercati azionari e su quelli delle commodities. I mercati obbligazionari sono ancora in una situazione di limbo o stallo per cui domanda e offerta sembrano avere raggiunto, dopo un lungo mercato bull simile a quello azionario, il proprio equilibrio, nonostante l’offerta continui a crescere in maniera esponenziale.

Adesso potremmo entrare in una fase nella quale sia sulle borse che sui mercati obbligazionari l’eccessiva offerta potrebbe trovare sempre meno domanda, provocando quindi una discesa drammatica dei prezzi, mentre tra le commodities l’aumento della domanda potrebbe trovare un’offerta insufficiente ma soprattutto impossibile da creare nel breve periodo, in quanto gli asset reali, a differenza di quelli cartacei, non si possono produrre stampandoli durante la notte o digitando elettronicamente delle cifre su un computer.

Alla fine i mercati non rappresentano altro che la formazione di prezzi come risultato dell’incrocio tra domanda e offerta. Con una ottica di medio lungo periodo domanda e offerta spingono verso un rialzo delle commodities come forse non si vede dagli anni settanta e verso un ribasso degli asset cartacei come forse non si è mai visto. Al di là delle tensioni geopolitiche e della debolezza del dollaro, i mercati globali ci stanno comunicando questa informazione. La maggior parte degli amplificatori purtroppo fa girare sempre la stessa musica: è la fine del mercato bear… è la fine del mercato bear… è la fine del mercato bear…
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto