Elezioni politiche viste dall'estero: la stampa tifa per Monti (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.499
Crisi economica Goldman Sachs dice: l’europa ha bisogno di austerità!


Scritto il 22 febbraio 2013 alle 11:36 da [email protected]
GOLDMAN SACHS: (se ne sentiva il bisogno) detta la sua ricetta sul debito PIIGS


L’Europa ha bisogno di più austerità, ma d’altro canto c’era da aspettarselo, dopo tutto chi proviene dalla Golman? Monti! che tutelerà gli interessi di chi l’ha voluto al governo di uno stato, ovvero le banche d’affari e le multinazionali. È un dato di fatto ed è inutile prenderci in giro o far finta di non vedere. Monti è l’uomo delle banche, membro della Trilaterale, del gruppo Bildeberg, appunto proviene dalla Goldman Sachs .

Ma ora vediamo cosa suggeriscono:
Il Chief European Economist Huw Pill di Goldman Sachs e il suo team, sono usciti con un nuovo rapporto sulla situazione fiscale della zona euro, e si son parecchio focalizzati sul debito della medesima.
In particolare, la relazione prende di mira alcuni delle più grandi economie della zona euro.
Mentre le economie più piccole come la Grecia, Portogallo e Irlanda, si sono sottoposte a programmi di salvataggio di stato, per placare i timori sui carichi del debito fuori misura, le altre, per così dire, rimangono
“troppo grandi per essere salvate”.

Nella relazione si legge: ” la sostenibilità del debito del governo è realizzabile nelle più grandi economie della zona euro, ma un ulteriore consolidamento sarà necessario per garantire questo risultato in Italia, in Francia e Spagna.
Gli economisti di Goldman vedono in Europa delle fonti centrali di tensione nella crisi dell’euro e dell’incapacità nei governi della zona euro, nel soddisfare i preventivati obiettivi di bilancio.

Gli economisti di Goldman, inoltre sottolineano:
Mentre la crescita debole può portare nel breve termine il rischio di accumulazione del debito, i rischi a medio termine si concentrano sulla capacità dei governi di mantenere elevati gli avanzi primari di bilancio, in modo da evitare la “pressione fiscale”. Semplicemente raggiungendo il nostro caso di scenario base della dinamica del debito, è plausibile che dopo la metà di un decennio di austerità, come inizia la crescita ed una normalizzazione della pressione del mercato, nessun alleggerimento fiscale successiva si dovrebbe verificare.
Ma i governi, in passato, hanno avuto non poche difficoltà nell’impedire l’aumento della spesa pubblica, quando i “bei tempi” lo permettevano.
Detto questo, mentre il requisito primario è grande, i nostri dati principali di bilancio sulle proiezioni in Italia, Francia e Spagna specialmente, rimane in deficit per la maggior parte per i prossimi 20 anni.
Con l’attenzione del pubblico concentrata sulle cifre principali, il deficit in corso può aiutare a contenere le pressioni di spesa fiscale.
Le regole di bilancio e le istituzioni, dovranno assicurare che gli avanzi primari saranno mantenuti, divenendo la questione più importante.
Obiettivo di bilancio recenti e potenziali, mancano di credibilità nelle regole fiscali europee e sono ancora in discussione.
Le regole di bilancio a saldo strutturale sono state attuate, ma loro efficacia è ancora da testare.
E obiettivi più ambiziosi potranno essere necessari per garantire una riduzione sufficientemente veloce del debito. source
La sostenibilità del debito in alcuni paesi dell’area euro, sulla capacità dei governi nell’evitare eccedenze future, dovrà essere compatibile con l’erosione da pressioni di spesa.
Garantire la credibilità delle istituzioni europee nel far rispettare a medio termine, il surplus di bilancio, sarebbe, a nostro avviso, andare incontro a un lungo cammino nel ridurre l’attuale rischio di bilancio nell’area euro.
In pratica, che cosa ha in mente Goldman?
La tabella sottostante mostra le proiezioni della banca per quanto l’austerità di ciascuna delle quattro maggiori economie della zona euro, che dovranno impegnarsi per arrivare al pareggio di bilancio entro il 2016.

Gli economisti della Banca d’Affari Americana, riconoscono che nel breve periodo, ci potranno essere rischi per la stretta fiscale.
Nel corso di un periodo di tempo più a medio termine, tuttavia, suggeriscono due soluzioni per la riduzione del debito pubblico:
Proteggere sufficientemente elevati avanzi primari attraverso bilanci austeri, riducendo la spesa pubblica e/o aumentare le entrate statali.
Implementazione di riforme strutturali, consentendo la ristrutturazione economica che pone la crescita nominale, sia tramite una maggiore crescita della produttività reale seguendo miglioramenti, o via meno deflazione a seguito di una riduzione esterna del requisito riequilibrio.
Indipendentemente da ciò che sceglieranno, le più grandi economie d’Europa sono in una posizione molto difficile.
Sembra una sentenza già scritta..!!
Non illudiamoci!! L’austerità (secondo GOLDMAN SACHS) sarà la nostra compagna negli anni a venire.
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.754
il tifo della STAMPA ESTERA PER MONTI è solo un MOTIVO IN PIU' PER NON VOTARLO
Nn posso che darti ragione visti i "brillanti" risultati - aumento della disoccupazione stratosferico, aziende che chiudono al ritmo di circa 300 -trecento- al giorno e la previsione di crca un milione di disoccupati in + alla fine dell' anno, che pora ben oltre il limite di sicurezza, circa la tenuta dei conti.

Una cura che ha messo in sicurezza i conti degli altri (per un pokino) e che sta uccidendo il paziente -noi-
 
Ultima modifica:
Registrato
25 Febbraio 2013
Messaggi
1
La stampa tifa per monti, noi per grillo. quarto e vincente incomodo. ciò che appare più probabile è il ripetersi di elezioni a maggio.
 

EUGE

Senior Utente
Registrato
5 Gennaio 2004
Messaggi
949
Località
a SudOvest di Sonora
La stampa tifa per monti, noi per grillo. quarto e vincente incomodo. ciò che appare più probabile è il ripetersi di elezioni a maggio.
solo due mesi per capire che non c'è una maggioranza possibile?

troppo pochi in Italia ... si rivota in autunno

e non temiamo di rimanere senza governo

quando l'Italia si ritrovava senza guida, nella prima repubblica, l'economia girava molto meglio
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto