de castitate una fava (1 Viewer)

doncraudio

intellettuale stronzissimo
Registrato
18 Febbraio 2007
Messaggi
7.333
Una quarantenne catanese, accusata di avere abusato sessualmente del figlio di 10 anni travestita da suora, è stata arrestata dalla polizia postale di Catania nell'ambito di un'operazione antipedofilia e antisatanismo. Il provvedimento è stato eseguito il mese scorso, ma la notizia è trapelata soltanto martedì.
INCHIESTA IN RETE - Nei confronti dell'indagata è stata emessa dal Gip un'ordinanza di custodia cautelare, su richiesta della procura della Repubblica, che ipotizza il reato di abusi sessuali su minorenni e produzione di materiale pedopornografico. A consentire di scoprire la donna, che utilizzava croci per seviziare il figlio, è stato l'accesso, da parte di agenti sotto copertura della polizia postale di Catania, a un database pedopornografico con cinque milioni di file, trovato in una zona di Internet chiamata Deep web. Gli investigatori l'hanno identificata presentando una relazione alla magistratura. La notizia dell'arresto non è stata diffusa subito per non compromettere le indagini.
 

doncraudio

intellettuale stronzissimo
Registrato
18 Febbraio 2007
Messaggi
7.333
Le porno star sono più felici delle altre donne e provano più piacere nel sesso. É quanto rivela uno studio condotto da un'equipe di psicologi dell'Università di Shippensburg e della Texas Woman 's University e la Adult Industry Medical Healthcare Foundation, e pubblicato sul Sun.
In media le donne che intraprendono questa professione hanno iniziato la loro attività sessuale tra i 15 e i 17 anni e in media, escludendo i partner lavorativi, hanno avuto oltre i 70 uomini.
Il campione di porno star preso in esame ha in media 3 anni e mezzo di carriera alle spalle e più di un terzo ha dichiarato di avere una vita sentimentale serena e una relazione stabile. La differena rispetto alle altre donne è che le attrici hard sono più disinibite, hanno più energia e riescono a riposare meglio.
Altro che "donne interrotte" o persone con disagi, sembra che le attrici hard abbiano trovato l'elisir della felicità.
 

doncraudio

intellettuale stronzissimo
Registrato
18 Febbraio 2007
Messaggi
7.333
A scendere in campo contro l'abrogazione della legge che permette il sesso con gli animali Michael Kiok, (in foto) presidente dell'unica federazione ufficiale di zoofilia al mondo. Bibliotecario dell'Università, 52 anni, l'uomo è da sempre attratto sessualmente dagli animali. E ha giurato che impugnerà la decisione del governo davanti alla Corte Costituzionale per "difendere il diritto a fare l'amore con gli animali".

Nella Germania di oggi la zoofilia erotica non è dunque vietata ed è punibile solo se l'animale che subisce l'atto sessuale resta ferito o muore. La depenalizzazione fu decisa nel 1969, annullando il comma relativo presente all'interno della normativa sulla tutela degli animali. È rimasto in piedi solo il divieto nella rappresentazione dei film pornografici. Ma ora il presidente della Commissione, l’animalista Hans-Michael Goldmann, ha sottolineato che è necessario estendere il divieto a ogni tipo di rapporto, perché costringe gli animali a un comportamento contro natura.

Anche perchè "è palese quanto sia difficile, se non impossibile, dimostrare un danno psicologico e persino un danno fisico, considerando che questi orribili abusi avvengono all’interno di abitazioni private", scrive l’Oipa in una lettera di protesta per chiedere a Germania e Danimarca di vietare la zooerastia.

Ma le proteste degli amanti degli animali sono fortissime,
in particolare appunto da parte di Zeta, l'associazione che sostiene i diritti dei circa 100 mila zoofili tedeschi capitanata da Michael Kiosk, fidanzato con un pastore tedesco di otto anni. In realtà non solo in Germania e Danimarca la zooerastia non è sanzionata. Anche in Italia, nonostante il fenomeno sia in crescita, non è prevista una legge che lo proibisca.

Il caso più eclatante nel nostro Paese è avvenuto nel 2008, quando i controlli in un allevamento e pensione per cani in provincia di Bolzano si erano conclusi con la condanna del titolare per maltrattamento di animali, anche per l'impiego di alcuni esemplari nella pornografia. Anche l'Italia dovrebbe quindi, come hanno già fatto molti Paesi europei e come sta per fare la Germania, intervenire con una legge ad hoc per vietare la zooerastia e la zoopornografia.
 
Ultima modifica:

doncraudio

intellettuale stronzissimo
Registrato
18 Febbraio 2007
Messaggi
7.333
Per contrastare l'ondata di violenze sessuali che ha colpito tutta l'India, il governo dell'ex territorio francese di Pondicherry ha deciso di introdurre, fra varie misure, anche l'uso obbligatorio per le studentesse di un soprabito. ''Siamo impegnati al massimo a proteggere la sicurezza delle nostre ragazze - ha dichiarato il ministro dell'Istruzione, T. Thiagarajan - e per questo abbiamo deciso che esse dovranno portare un soprabito e muoversi in autobus di loro esclusivo uso. Inoltre nelle scuole sara' proibito utilizzare i telefoni cellulari''.
La stampa, ricordando che la temperatura media di Pondicherry e' superiore ai 30 gradi per la maggior parte dell'anno, sottolinea che aggiungere un ulteriore capo di abbigliamento alla divisa scolastica, che prevede anche una giacca ''e' una misura assurda''. Contro di essa si e' espressa apertamente la segretaria della All India Democratic Women's Association, Sudha Sundararaman, secondo cui ''e' scioccante notare come apparentemente il governo di Pondicherry non si renda conto che l'abbigliamento non a nulla a che vedere con i reati commessi. E' un modo di banalizzare il problema senza affrontarlo seriamente''.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto