Dati macro, eventi, notizie per mercoledì 7 novembre (1 Viewer)

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
Spagna
Ore 09.00
Produzione industriale nel mese di settembre. Attesa: ---

Europa
Ore 11.00
Vendite al dettaglio nel mese di settembre. Attesa: 0.1% m/m; -1.3% m/m

GERMANIA
Ore 12.00
Produzione industriale nel mese di settembre. Attesa: previsione: -0.5% m/m; -1.4% m/m


Usa
Ore 13.00
Indice settimanale richieste mutui . Attesa: --
Ore 16.30
Scorte petrolifere


EVENTI
USA Risultati elezioni presidenziali Usa

Europa
Grecia
Votazione Parlamento greco del pacchetto dimisure di austerità per 13.5 miliardi di euro


Discorso di Angela Merkel al Parlamento Eu

Pubblicazione delle raccomandazioni dell'Unione Europea alla Spagna nell'ambito della procedura per i disavanzi eccessivi


Ore 11.00
Commissione europea pubblica le previsioni macroeconomiche semestrali
Ore 13.10
Atteso il discorso del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi
Cena di lavoro tra il cancelliere tedesco, Angela Merkel, e il primo ministro britannico, David Cameron


EVENTI SOCIETARI
Italia
Cda
Beni Stabili, Cementir, Diasorin, Fondiaria-Sai, Isagro, Italcementi, Interpump, Lottomatica, Tenaris, Yoox
Conference Call
Diasorin, Lottomatica

EUROPA
Trimestrali
Alstom ,BNP, Fresenius, ING, Munich Re, Telefonica

USA
Trimestrali
Time Warner


COLLOCAMENTI
Germania
Collocamento di bond scadenza 2017 per importo pari a 4 miliardi di euro


Domani giornata piena di dati, eventi che faranno muovere i mercati.....vietata ai trader deboli di nervi!!! :D

:ciao:
 

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
MERCATO USA
Borsa Usa: Dow Jones e Nasdaq positivi in chiusura, brilla Aol

Chiusura positiva per i principali indici statunitensi. Il Dow Jones evidenzia un progresso dell'1,02% e Nasdaq Composite dello 0,41%. In assenza di dati macroeconomici rilevanti l'attenzione degli investitori si è concentrata sulle elezioni presidenziali. Secondo le ultime indagini Barack Obama ha buone probabilità di essere rieletto.

Sul fronte societario forte rialzo per Aol (+22,03%). La internet company statunitense ha chiuso il terzo trimestre del 2012 con ricavi invariati rispetto al dato di un anno fa a quota 531,7 milioni di dollari (al di sopra del consensus). L'utile operativo, che si avvantaggia del venir meno di alcuni costi di ristrutturazione, cresce del 401% a 43,1 milioni di dollari.

Bene l'utile netto per la capogruppo pari a 20,8 milioni contro la perdita da 2,6 milioni di dollari del corrispondente periodo 2011. Il trimestre si chiude con un utile per azione da 22 centesimi contro la perdita da 2 centesimi a titolo di un anno fa e oltre le attese ferma a 0,17 dollari. Da evidenziare una crescita del 27% del free cash flow a quota 71,5 milioni di dollari. Il bilancio di Aol si è avvantaggiato di una crescita dei ricavi pubblicitari globali.

In progresso Yahoo (+0,53%). Il motore di ricerca e il gruppo sudcoreano Samsung hanno annunciato l'estensione della partnership pluriennale siglata per integrare le attività broadcast di Yahoo! con le smart-TV di Samsung.

In calo Abbott (-0,34%). Il gruppo ha lanciato un bond da 14,7 miliardi di dollari. Il prestito obbligazionario verrà emesso dalla controllata AbbVie, di cui è in corso la scissione, e sarà suddiviso in sei tranche per un importo complessivo compreso tra i 500 milioni ed i 4 miliardi, con scadenza dai 3 ai trent'anni.

In ribasso Intel (-0,5%) che potrebbe perdere il cliente Apple (-0,3%). Secondo indiscrezioni infatti il gruppo di Cupertino potrebbe decidere di sviluppare internamente processori basati su architettura Arm Holdings.


MERCATI ASIATICI

Tokyo: Nikkei poco mosso

Borsa nipponica attorno alla parita' in chiusura di seduta. Il Nikkei ha archiviato le contrattazioni in lieve calo (-0,03%) a quota 8972,89 mentre il Topix e' salito dello 0,11% a 745,71 punti. Il mercato ha reagito con freddezza alla riconferma di Obama alla presidenza degli Stati Uniti ed e' apparso preoccupato dal rafforzamento dello yen nei confronti delle altre principali valute, circostanza che penalizza i titoli delle societa' esportatrici.

Le trimestrali restano al centro dell'attenzione degli addetti ai lavori ed i titoli si muovono in base ai risultati presentati o alle indiscrezioni, come nel caso di Nissan che ha chiuso in rialzo del 4,14% dopo che gli analisti hanno detto di attendersi una ripresa delle vendite grazie soprattutto al ritorno agli acquisti da parte dei cinesi.

In rialzo anche Inpex dopo che la societa' ha innalzato le stime sugli utili di fine anno. Sul titolo ha influito anche il rialzo del prezzo del greggio. Ben comprati anche Mitsumi Electric e Chubu Electric Power. Negativo invece Taiyo Yuden che ha ceduto il 2,8% circa dopo la comunicazione del taglio sulle stime degli utili. Tra i peggiori del listino Yokogawa Electric (-10,6%) e Chiyoda (-4,76%).

In rialzo tra le altre principali piazze azionarie asiatiche Hong Kong (+0,55%) e Seul (+0,49%) mentre Shanghai si muove attorno alla parita'.


MERCATI EUROPEI
Borse europee positive in avvio

Apertura in rialzo per le principali Borse europee. Il Dax30 di Francoforte guadagna lo 0,6%, il Cac40 di Parigi lo 0,7%, il Ftse100 di Londra lo 0,22% e l’Ibex35 di Madrid lo 0,68%. I mercati festeggiano la rielezione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama e alcuni brillanti risultati societari. Acquisti su Bnp Paribas (+3%). La banca francese ha raddoppiato l’utile netto nel terzo trimestre.

Forte rialzo per Veolia Envirnment (+5,21%). La società francese ha aumentato i propri obiettivi di riduzione dei costi. Denaro su Telefonica (+1,6%). Il gruppo spagnolo ha archiviato il terzo trimestre in utile contro la perdita dello stesso periodo dell’anno precedente e ha confermato gli obiettivi per l’intero esercizio 2012. Bene Munich Re (+2,6% ). Il riassicuratore tedesco ha alzato le previsioni per l’intero esercizio e ha annunciato che potrebbe aumentare il dividendo. Sale Ing Group (+0,7%).

L’utile netto della banca olandese nel terzo trimestre è sceso oltre le attese. Il gruppo ha però annunciato un piano di risparmi per circa 500 milioni di euro attraverso la riduzione di 2600 posti di lavoro.

In ribasso L’Oreal (-1,3%). La società dei prodotti cosmetici ha registrato nel terzo trimestre un rallentamento della crescita organica.

APERTURA MERCATO ITALIANO
Piazza Affari in territorio positivo

Il Ftse Mib segna +0,2%, il Ftse Italia All-Share +0,2%, il Ftse Italia Mid Cap +0,3%, il Ftse Italia Star +0,3%. Borse europee in verde. Ieri sera l'S&P 500 ha terminato a +0,79%, il Nasdaq a +0,41%. Attualmente i future sui principali indici USA sono in leggero rialzo. A Tokyo il Nikkei 225 ha chiuso a -0,03%, mentre a Hong Kong l'Hang Seng ha fatto segnare +0,71%. Avvio positivo per i mercati europei dopo la vittoria di Obama alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

A Milano si mette in evidenza Lottomatica (+1,3%) che supera una resi stenza e riattiva il rimbalzo originato dal minimo della scorsa settimana in direzione del primo obiettivo a 17,20 euro circa. Ieri la Consob ha comunicato che la partecipazione di Mediobanca in Lottomatica è passata al 2,189% del 29 ottobre 2012 dal precedente 12,742% dello scorso 16 febbraio 2012.

In rialzo i bancari grazie alla flessione dello spread Btp-Bund, sceso a ridosso di area 340 bp. Tra le migliori troviamo Banca MPS (+1%), BP Emilia Romagna (+0,7%) e Intesa Sanpaolo (+0,7). Bene Safilo Group (+1,9%) in scia ai dati trimestrali pubblicati ieri a mercato chiuso e alla decisione di Equita di alzare il target sul titolo da 7,4 a 8,7 euro, contro i 6,75 circa attuali, con raccomandazione "buy" confermata. In rosso Fiat (-1,8%), penalizzata da Deutsche Bank che ha peggiorato la raccomandazione sul titolo da "hold" a "sell".

TITOLI DEL GIORNO
Salvatore Ferragamo si muove dai massimi di fine aprile a quota 19,07 all'interno di una fase sostanzialmente laterale, compresa tra due linee moderatamente convergenti. La base si colloca attualmente in area 14,90, il limite superiore a 17,90. Questa figura di tipo triangolare potrebbe rivelarsi una pausa dell'uptrend disegnato dai prezzi tra ottobre 2011 ed aprile 2012, tendenza destinata a riprendere in caso di superamento di area 17,90. Obiettivi in quel caso a 22,30, resistenze intermedie a 19,50 e 20,60 euro. La violazione di 14,90 farebbe invece temere l'avvio di una correzione estesa di tutta la precedente salita con obiettivi a 13,60 e 12,30. Nel breve segnale favorevole al test di 17,90 al superamento di 16,88, lato superiore del gap ribassista del 18 ottobre.
Per chi volesse comprare il titolo incrementare oltre 16,90 per il test di 17,90, stop loss a 16,50.
Per chi volesse comprare il titolo mantenere uno stop l oss a 14,90, incrementare oltre 16,90 per 17,90.

Quadro grafico interessante quello di Prysmian. Il titolo ha toccato di recente nuovi massimi annuali rafforzando la bella tendenza rialzista in atto da giugno. Discese fino a 14,40 euro, dove i prezzi hanno lasciato aperto un gap in chiusura dello scorso mese, resteranno compatibili con l'ipotesi di un nuovo spunto rialzista che proietti i corsi sulle ostiche resistenze in area 16,20, massimi allineati di febbraio ed aprile 2011, riferimenti strategici nello scenario grafico di lungo periodo. Tali prospettive verrebbero compromesse solo a seguito di ribassi sotto 14,30, preludio alla realizzazione di una correzione piu' estesa potenzialmente in grado di ricondurre i corsi nei dintorni di 13,00 euro, area di transito della media a 200 sedute e 50% di ritracciamento del suddetto rialzo.
Per chi volesse acquistare il titolo: intervenire sui livelli attuali protetti da stop sotto 14,30 per il target a 16,20 e uro.
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere aperte le posizioni sopra 14,30 per il target a 16,20 euro.

Prosegue la fase di consolidamento per Ubi Banca dopo il rally che tra la fine di luglio e metà settembre ha permesso ai prezzi di risalire dai bottom a 1,8210 fino a 3,36 euro. Per non compromettere i buoni risultati ottenuti, le quotazioni dovranno mantenersi al di sopra di 2,86 circa, media mobile a 200 giorni e livello coincidente con il minimo del 1 ottobre. Miglioramento in caso di rottura a 3,19/3,20 della linea di tendenza che scende dai top del 2011: tale circostanza potrebbe infatti creare i presupposti per una reazione in prima battuta a 3,36 e successivamente verso i più ambiziosi target a 3,70 euro e 4,11 euro, sui massimi di febbraio. Al contrario, il cedimento del supporto a 2,86 rischierebbe di estendere la correzione fino a 2,70, sulla media mobile a 100 giorni, ed eventualmente fino a 2,50, pari al 50% di ritrac ciamento del rialzo da luglio.
Per chi volesse acquistare il titolo: intervenire al superamento di 3,19 con stop loss sotto 3,13 euro per i target a 3,36 euro e 3,70 euro.
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere le posizioni sopra 2,86 euro. Incrementare oltre 3,36 euro per i target a 3,70 euro e 4,11 euro.


HEADLINES


Obama rieletto Presidente degli Stati Uniti
Obama è stato rieletto Presidente degli Stati Uniti e ha battuto il candidato repubblicano Mitt Romney, aggiudicandosi, secondo gli ultimi dati, almeno 303 grandi elettori contro i 206 dello sfidante. Per la vittoria ne servivano 270. Per quanto riguarda il voto popolare Obama sarebbe in vantaggio con il 50% del consensi contro il 48,4% di Romney. Il Presidente ha ringraziato su Twitter tutti i suoi sostenitori: "Altri quattro anni. Farò tutto il possibile per concludere quello che ho iniziato. Al Congresso americano si conferma la stessa situazione di prima del voto: i democratici mantengono il controllo del Senato, i repubblicani quello della Camera". Molti osservatori hanno sottolineato che la prima sfida sarà nel cosiddetto "fiscal cliff", una serie di tagli automatici che rischiano di riportare in recessione gli Stati Uniti, se prima in Congresso non si trover à un accordo su misure alternative.

Fiat: Deutsche Bank peggiora raccomandazione
Deutsche Bank ha peggiorato la raccomandazione su Fiat da "hold" a "sell".

Snam: emissione obbligazionaria in due tranches per totali 1,5 miliardi di euro
Snam SpA (rating A- per Standard & Poor's, Baa1 per Moody's) ha concluso con successo il lancio di un'emissione obbligazionaria in due tranches a 3 anni e 7 anni a tasso fisso, per un ammontare complessivo di 1,5 miliardi di euro, in attuazione del Piano di EMTN (Euro Medium Term Notes) deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 4 giugno scorso. L'operazione rappresenta il passo conclusivo per il rimborso del finanziamento bancario ponte messo in atto nell'ambito del processo di raccolta di capitali avviato a inizio anno per raggiungere la piena indipendenza finanziaria. L'operazione ha fatto registrare una domanda pari a circa 8 miliardi di euro con un'ottima qualità ed u n'ampia diversificazione geografica degli investitori.
Le obbligazioni saranno quotate presso la Borsa del Lussemburgo

Safilo: ricavi in crescita nel trimestre, il gruppo riduce le perdite
Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group ha esaminato e approvato oggi i risultati del terzo trimestre e dei primi nove mesi 2012. I risultati raggiunti nel terzo trimestre sono coerenti con i principali trend e le dinamiche di business che hanno caratterizzato il secondo trimestre. Safilo ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con una crescita organica della top-line, una sostanziale tenuta della marginalità e un profilo finanziario solido. Le vendite nette del terzo trimestre 2012, in progressione dell'8,2%, hanno beneficiato della crescita del business organico, del consolidamento di Polaroid Eyewear e dell'apprezzamento del dollaro. Coerentemente con le previsioni aziendali, fatturato e redditività operativa hanno risentito della contrazione del business legato ai marchi in phase-out, che non ha comunque impedito a Safilo di registrare un significativo miglioramento del risultato netto di Gruppo. A fine settembre l'indebitamento finanziario netto è risultato in ulteriore riduzione rispetto a fine giugno, attestandosi a 223,8 milioni di euro e confermando una leva finanziaria di 2,0x.

Telefonica, utile netto dei primi nove mesi dell'anno a 3,45 miliardi
La spagnola Telefonica chiude i primi nove mesi dell'anno con un utile netto a 3,45 miliardi di euro, in linea con le attese degli analisti. Ricavi a 46,5 miliardi ed Ebitda pari a 15,78. La compagnia ha confermato i target per il 2012 ed il dividendo, di 0,75 euro nel 2013. Prevista anche una flessione del debito, che passerà a 3,18 miliardi dai 56 di fine settembre, grazie alla cessione di alcuni asset tra cui la divisione tedesca O2. In questi primi scambi alla Borsa di Madrid il titolo guadagna l'1,36%.

IN G: risultati sotto le attese, annunciati nuovi tagli
Il gruppo ING ha chiuso il terzo trimestre con ricavi operativi in calo da 11,76 a 9,58 miliardi di euro. In crescita i premi lordi, il margine d’interesse sulle operazioni bancarie e le commissioni mentre passano da 3,50 a 1,06 miliardi di euro gli introiti derivanti dagli investimenti. L’utile ante-imposte passa da 1,34 a 1,06 miliardi di euro e l’utile netto si contrae da 1,69 miliardi a 609 milioni di euro, pari a 0,16 euro per azione. Si tratta di un risultato inferiore alle attese. Il core tier 1 ratio della banca sale al 12,1% il solvency ratio dell’assicurazione IGD al 249 per cento. Il gruppo, salvato durante la crisi da un intervento diretto dello Stato olandese, ha dovuto avviare una serie di cessioni imposte dall’Unione Europea e ha annunciato anche nel ramo assicurativo del Vecchio Continente nuovi interventi che ridurranno le risorse complessive di 1.350 posizioni con risparmi da 200 milioni di euro entro la fine del 2014. Previsto anche il taglio di mille posti nel ramo della banca commerciale con spese ridotte di 260 milioni di euro dal 2015 in poi.


Fonte ADVFN Newsdesk
 

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
Una notizia che sta girando sulla CNN (riportata anche in un nostro telegiornale oggi a pranzo). Secondo indiscrezioni di dipendenti della NASA e scienziati, un corpo estraneo (dicono asteroide) soprannominato ‘Nibiru’ si sta muovendo in un percorso diretto verso terra, con un massimo di 30% di probabilità di collisione.
È comprensibile che la NASA tace per il momento, come per incitare ad evitare il panico e per ottenere tutti i fatti prima di fare un comunicato stampa ufficiale. Anche se alcune voci non confermate parlano di un asteroide delle dimensioni del Texas, e la data prevista di collisione dovrebbe essere tra un po ‘ di tempo nei mesi di novembre-dicembre 2012. La NASA non ha né confermato o negato qualsiasi di queste affermazioni. Ovviamente prendiamo con le pinze questa notizia, ma ci giunge nuovo il fatto che Nibiru sia grande come il Texas. Attendiamo news.

Questo è il link della notizia: http://ireport.cnn.com/docs/DOC-872812

.......speriamo sia l'ennesima bufala di qualche imbecille celebroleso.....alla faccia dei maya.

:specchio:
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto